Un Plauso alla Ecosofia di Biancardi

E’ davvero molto incoraggiante, l’articolo di Guido Biancardi sulla “Ecosofia” apparso su Notizie Radicali prima il 25 maggio, e adesso il 4 settembre: dove si auspica che sia concesso all’Uomo di essere con-creatore con la Natura, capace di estrarre e fabbricare ricchezza partendo da e non solo nella costrizione dei limiti di cio’ che e’ disponibile.

Con la ecosofia di Biancardi (che Mendizza ci perdoni!) e’ possibile superare le solite contrapposizioni fra “sviluppisti” e “conservazionisti“.

Pensiamo per esempio a una bella spiaggia: per il conservazionista, un posto da mummificare in un deserto proibito e immutabile; per lo sviluppista, un’area da cementificare con il solito casermone per turisti con piscina. Per l’ecosofo, un luogo da valorizzare, rendendolo usufruibile ma senza rovinarlo.

Noto anche con favore che gli amici (e i conoscenti!) di Rientrodolce non sono sordi alle argomentazioni di Biancardi, come dimostra un commento di Guido Ferretti alla “ecosofia”.

Chissa’, magari e’ un segno che Rientrodolce sta evolvendo una proposta completa, radicale e condivisibile, lontano dalle classiche cariche d’ariete decebrato contro chiunque contraddica minimamente il Verbo dei limiti dello sviluppo?