Tremonti vs. Santalmassi

Lo spin doctor di FI ha speso un'allegra ora a Viva Voce, ospite recalcitrante del direttore di Radio24, Giancarlo Santalmassi

Prima parte: http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/vivavoce050406.rm

Seconda parte (5 minuti): http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/salvadanaio050406.rm

Brevemente:

1. Tremonti ha visto la Luce (almeno parzialmente): con spese locali in aumento di 38 miliardi di euro all'anno, la sua proposta e' di stabilire un patto fra stato e amministrazioni locali responsabilizzando queste ultime sulle uscite (e, uno si immagina, dando loro piu' liberta' sugli introiti: ma di questo, non si e' parlato)

2. Quanto sopra fa parte di una misteriosa "grande operazione sul debito", cioe' capriole di ingegneria finanziaria

3. Come potra' tutto cio' essere fatto da un governo, qualunque esso sia, che avra' sicuramente una maggioranza piu' debole, non e' dato sapere

4. Sulla stessa lunghezza d'onda, il ministro continua ad usare complicati giri di parole per "spiegarsi"…io penso di aver capito che vuole privatizzare qualcosa, ma nonostante un doppio ascolto dello stesso brano non ci metterei la mano sul fuoco

5. Il problema dell'ICI rimane: assomiglia troppo a un asso nella manica, ad un "soundbite". Perche' non ne hanno parlato prima? Se non e' necessaria, ci rimborseranno gli ultimi anni?

6. Se Tremonti e' cosi' bravo come economista e come spin doctor, perche' si e' fatto trovare in campagna elettorale con un deficit in aumento? (si vedano le cifre di ieri)

7. In ultimo, il Nostro gioca troppo a fare il paranoide. Prima non ha risposto ad un ascoltatore accusandolo di essere un "compagno". Poi ci ha riprovato alla prima occasione (causando una dura reazione dal Santalmassi). Ha avuto anche il coraggio di accusare il cronista economico di Radio24 (!) di essere ignorante, stupido, analfabeta e chissa' quant'altro

Sentite almeno gli ultimi cinque minuti della prima parte, e i primi cinque della seconda, per un po' di intrattenimento mentre S mette in un angolo T e lo picchia sodo (metaforicamente parlando)