Tag Archives: International Herald Tribune

Next Stop, Pyongyang (The New York Times vs. FOI)

to Letters IHT
date Wed, Jul 14, 2010 at 2:21 PM

Dear Editors,

Is climate change a threat large enough to make you undermine the very foundations of your trade? That’s the most important question upon observing your cavalier attitude to Freedom of Information (FOI) in the editorial titled “A Climate Change Corrective” (printed on the IHT on 14 Jul 2010), regarding the alledgedly “manufactured controversy” also known as Climategate.

Forget science, and forget politics for a moment: Climategate, as established by every official British investigation about it, has shown a deliberate, concerted attempt at circumventing the letter and the spirit of the local FOI Act. In more than one circumstance, the Information Commissioner’s Office has found that FOI requests were not dealt “as they should have been under the legislation“. Lord Oxburgh’s and Sir Muir Russell’s reports say as much too, just like the House of Commons Science and Technology Committee’s.

A wide range of commentators of all scientific and political stances have remarked this, and the general consensus is that from now on science itself will have to change its practice, becoming more transparent and open especially to knowledgeable members of the public. We are talking FOI, after all, an extension to the freedom of speech, a right that people including journalists, and The New York Times, have successfully fought for during the past half-century.

It’s only because of the statute of limitations that there has been no prosecution in the UK regarding the attacks on FOI revealed by Climategate. And what do you have to say about that instead? Absolutely nothing, apart from an absurdly understated remark about “a timid reluctance to share data“.

And so you have sacrificed the right to FOI in an attempt to get “firm action to reduce emissions of greenhouse gases“. Good for you. And good for Governments the world over: they will surely rejoice upon hearing that the most influential and authoritative global and US newspaper does not care about FOI. Why, all they have to do is claim “a timid reluctance” to open up their files: and all you will be able to print, will be regurgitated propaganda and half-truths.

I have heard the hamburgers are good, in Pyongyang.

saluti/regards
maurizio morabito
journalist and blogger, “The Unbearable Nakedness of Climate Change”

The Climate Article The New York Times Editors Did Not Want You To See

As reported here on March 2, there has been a very unique phenomenon at the International Herald Tribune (IHT) / The New York Times (NYT): for the first time ever, an IHT printed-paper article was not immediately available in the NYT website. And a front-page article it was: “Feeling the heat from critics, climate scientists battle back“, by John M Broder.

The article finally appeared online in the early AM GMT hour of 3 March, titled “Scientists Taking Steps to Defend Work on Climate“. Tellingly, the structure has been heavily changed, and the interviewees as well. I have had a series of e-mail exchanges with Mr Broder today and won’t report any of them. The impression remains that some Editor at the NYT panicked (**) after reading the IHT version, and got Mr Broder or some sub-editor to rewrite it almost from scratch to eliminate some inconvenient names and acquire warmist respectability by giving the concluding remarks to Gavin Schmidt (*).

All in all, it has been an episode wholly consistent with an atmosphere of climate bullying at the NYT.

I have scanned the IHT article and here it is in 2 parts:

JMBroder - Feeling the Heat, IHT 2010/3/2 part 1
JMBroder - Feeling the Heat, IHT 2010/3/2 page 1
JMBroder2
JMBroder - Feeling the Heat, IHT 2010/3/2 page 8

For an example of what has been changed, note the mysterious disappearance of Judith Curry from the NYT version (Prof Curry is out there to conclude the IHT article), whilst a Peter C. Frumhoff of the Union of Concerned Scientists, plus Gavin Schmidt, are parachuted in literally out of thin air.

ps Gavin being Gavin, he’s now quotable with a “Good science is the best revenge“, some sort of instinctive plagiarism of Willis’ exhortation a few days earlier: “Do good science, and publicly insist that other climate scientists do good science as well

(*) see also WUWT “Willis makes the NYT, Gavin to stop “persuading the public”” and Willis Eschenbach’s generally positive comment to Broder’s NYT piece

(**) In fact, see what kind of mess they made of the NYT website around the same time… 😎

UPDATE March 7: To be 100% clear, this is how I see things have happened:

1. After weeks of deafening silence on Climategate and derivatives, Mr Broder got commissioned to write finally an article about it, once enough “scientists fighting back” quotes could be summoned

2. Mr Broder wrote his piece (version “A”) on Monday AM EST but felt it necessary to include things at they stand, including Judith Curry’s “fiasco” remarks

3. Version “A” passed all editorial checks and by Monday noon was singled out for importance and relevance as one of the front-page stories for the IHT

4. Somebody above the Editors did not like it, likely because there was no quote from GISS. Monday evening word came down to change the article.

5. It was too late for the IHT and therefore I saw version “A” printed there.

6. But it was early enough for the web so version “A” did not show up there at all

7. Mr Broder was asked on Tuesday AM to talk to Schmidt and the other guy

8. A sub-editor changed version “A” to version “B” eliminating the inconvenient pieces, moving things around and adding what was wanted, including the “good science is the best revenge” dramatic quote at the end

9. Alas, it took a while to do all that, so version “B” appeared on the NYT website only very, very late on Tuesday evening.

Watch Out For Self-Censorship At The New York Times

There is an article by John M Broder in the first page of the International Herald Tribune today, that is mysteriously nowhere to be found on their website (the New York Times’). This is very unusual as the IHT normally prints stuff that has already appeared on the NYT a day or two before, and has already been on the website for several hours.

The article’s printed-version title is “Feeling the heat from critics, climate scientists battle back“.

The situation is consistent with the existence of an internal NYT web “climate censorship” office, that has simply not cleared as yet an article that is highly sincere and open about the IPCC/climategate travails and contains remarks (by non-skeptics) that are highly critical of climate science and climate scientists.

I’ll keep an eye on the developments.

UPDATE March 3 00:18 GMT: Article still MIA, have sent an e-mail to Broder and the IHT.

UPDATE March 3 07:50 GMT:There is now an article by Mr Broder available. I cannot believe what they have done. Here’s my comment to it:

This is a shameful day for the New York Times. Mr Broder’s article is fundamentally different from…Mr Broder’s article on the same topic as it appeared in the printed edition of the International Herald Tribune on March 2, 2010. Gavin Schmidt for example has replaced Judith Curry, and the overall tone has changed to become definitely more ‘friendly’ for the warmists. Now I understand why for the first time ever, an article has been printed long before it appeared on this website.

All’Armi Siam Dipietristi!

(originariamente pubblicato su ItaliaChiamaItalia il 10 luglio)

In che cosa crede Antonio Di Pietro? E’ quanto viene da chiedersi mentre ci guarda dal paginone acquistato sull’International Herald Tribune del 9 luglio (“Appello alla Comunita’ Internazionale – La Democrazia e’ in pericolo in Italia“). E con quale obiettivo ha deciso di “alzare la posta” riguardo il Lodo Alfano rivolgendosi “urbi et orbi”?

Dunque cominciamo. Possiamo essere sicuri che l’on. Di Pietro non crede (niente congiuntivo) nel Governo. Come ripete ormai spesso, lo considera “regime piduista fascista razzista”. Di Pietro non crede neanche nel Parlamento (d’altronde, se pensa che in Italia ci sia un “regime”, che senso avrebbe?), perche’ di indignazioni l’ex-Magistrato se ne riempie la bocca ma poi in materia di proposte di legge concrete e fattibili non brilla certo per iniziativa.

L’on. Di Pietro non crede neanche nei Giudici e nella Giustizia. Ci avesse creduto di piu’, probabilmente non sarebbe passato da uno dei Poteri dello Stato a un altro, fondando addirittura il suo Partito. La sua fiducia nella Magistratura italiana e’ cosi’ bassa, da aver fatto recentemente ricorso alla immunita’ parlamentare europea, invece di provare la sua innocenza che tutti dichiarano palese. E come non notare che anche De Magistris, novello parlamentare europeo dell’IdV, continua a ripetere che come giudice non lo hanno fatto lavorare? Suggerendo, appunto, che la Giustizia in Italia non funziona piu’ (a parte, forse, quando insegue Silvio Berlusconi).

Il fondatore dell’Italia dei Valori non crede neanche piu’ nella Presidenza della Repubblica, dove Giorgio Napolitano, un leader internazionalmente riconosciuto come appena sancito dal Presidente Obama, viene ripetutamente liquidato dall’on. Di Pietro con frasi poco gentili, come “a volte il suo giudizio ci appare poco da arbitro e poco da terzo” (seguito da un famoso “il silenzio e’ mafioso” poi frettolosamente ritrattato); e “[c’e’] un golpe e Napolitano usa la piuma”. Tanto per dirne due.

Quanto sta accadendo in questi giorni rivela anche che l’on. Di Pietro non crede nella Corte Costituzionale. Non e’ solo un problema legato alla “cena galeotta e carbonara” di Manzella e Paolo Maria Napolitano (ma i Carbonari si facevano davvero beccare a cena da estranei?). La Corte Costituzionale, che dovra’ giudicare entro alcuni mesi sul Lodo Alfano, e’ composta da quindici giudici, e si puo’ anche dubitare sul significato e l’efficacia di un eventuale tentativo di influenzare le decisioni di appena due di essi, peraltro gia’ noti esponenti della parte politica del premier Berlusconi.

L’on. Di Pietro non crede neanche negli elettori italiani. E’ stata appena fatta una nuova tornata elettorale, e francamente solo in Italia ottenere il favore dell’ 8% dell’elettorato (una persona su tredici, anzi considerato il numero di votanti una persona su venti) viene considerato un successo. In altre realta’ qualcuno si sarebbe reso conto che non sono certo quelli i numeri per andare al Governo, e quindi il futuro per chi crede davvero nelle proprie idee sarebbe il confluire in una formazione politica piu’ grande. Ma per l’on. Di Pietro queste cose sicuramente sono quisquilie di scarsa importanza, visto che lui sta difendendo la Democrazia (e gli elettori si sono fatti imbonire dal monopolio radiotelevisivo del Primo Ministro). Non aveva annunciato un referendum per abrogare il Lodo Alfano, qualora questo venisse approvato dalla Corte Costituzionale? Perche’ allora cercare di coinvolgere la Comunita’ Internazionale ben prima che possa essere tentato un meccanismo legale e democratico grazie al quale gli elettori italiani possono cancellare leggi ritenute ingiuste o inique?

Non abbiamo finito. L’on. Di Pietro non crede neanche negli elettori italiani all’estero. Se avesse avuto un minimo di senso civico nei loro confronti, non li avrebbe sottoposti all’imbarazzo di vedere un politico di un Paese democratico pagare un’intera pagina per un appello per la Democrazia, per fare un appello poi a chi italiano non e’, come se ogni altra strada fosse ormai preclusa e gli Ayatollah iraniani, il Partito Comunista Cinese o il Governo nordcoreano stessero facendo abbeverare i loro cavalli di fronte a San Pietro. Praticamente, un modo per dire che secondo l’on. Di Pietro, non e’ possibile piu’ credere neanche all’Italia. La quale Italia andrebbe salvata richiamando i Lanzichenecchi, pardon, volevo dire trasformandola magari in un protettorato ONU o mettendola sotto la tutela della Unione Europea (non e’ dato sapere quale sia la preferenza del leader dell’IdV).

Ma siamo sicuri che l’on. Di Pietro creda nella Comunita’ internazionale? Anche li’ i dubbi sono prossimi al livello delle certezze. Per esempio nel 2006 il Consiglio d’Europa ha dichiarato che in Italia “nonostante la concentrazione della proprieta’ [delle televisioni nazionali], c’e’ considerabile varieta’ di contenuti nei giornali nazionali e negli altri mezzi di comunicazione di massa”.

Smentisce le dichiarazioni di Di Pietro anche il recente rapporto di Freedom House che ha declassato l’Italia da “Libera” a “Parzialmente Libera”, rapporto commentato da tanti ma letto praticamente da nessuno (la bozza della relazione sull’Italia e’ gia’ disponibile ma solo su richiesta). Le preoccupazioni di Freedom House non si limitano certo a Mediaset e alla RAI, e includono le leggi italiane sulla diffamazione (che nessun partito sembra interessato a cambiare), la crisi che ha investito La7, le minacce a Saviano da parte della camorra, e gli attacchi a Roma di gruppi di stampo fascista contro i giornalisti che volevano scrivere articoli sulle loro attivita’ soprattutto xenofobe. Tutto cio’ riguardo la liberta’ di stampa (viene anche fatto notare come il blog di Grillo sia uno dei piu’ frequentati al mondo..e questo sarebbe “regime”?): ma se guardiamo a un altro rapporto della stessa Freedom House, l’Italia e’ (ovviamente) indicata come politicamente
libera.

E poi, a chi e’ rivolto l'”appello alla Comunita’ internazionale”? Non certo alle Istituzioni, come l’Unione Europea, la NATO, l’ONU o qualunque altra ci possa mai venire in mente come possibile recipiente di un appello fatto attraverso le pagine di un giornale, invece che tramite i canali appropriati inclusi quelli diplomatici. Chi leggera’ mai un “appello” che puzza molto di bega esoterica di politica interna, rispetto ai morti in Iraq, Afghanistan e Pakistan, in Tibet e Xinjiang in Cina, e rispetto al golpe in Honduras, alle manifestazioni in Iran?

A parte sconcertati emigrati italiani, leggeranno solo persone che gia’ sono interessate all’Italia, e quindi probabilmente si sono gia’ fatte un’idea che non sara’ cambiata da questo o quell’annuncio pubblicitario. Insomma e’ come se il Tonino nazionale avesse detto al mondo: “Fissati antiberlusconiani di tutto il mondo, unitevi”. E avesse poi continuato: “Non credo a niente delle Istituzioni e fondamenta democratiche dell’Italia. Non credo nel Governo, nel Parlamento, nella Magistratura, nella Presidenza della Repubblica, nella Corte Costituzionale, negli elettori in Italia e all’estero. Non credo nell’Italia e non credo nel Consiglio d’Europa. Non credo a Freedom House, e non credo alle Istituzioni internazionali”.

Ma proviamo a riflettere: se per l’on. Di Pietro le istituzioni democratiche e repubblicane non sono importanti, almeno non quanto la sua personale interpretazione della Costituzione; e se verra’ deciso altrimenti da quella, e la Corte Costituzionale lascera’ in vigore il Lodo Alfano; e se mancheranno interventi dall’estero; e se il referendum fallira’: essendo in pericolo a suo dire la Democrazia in Italia, cosa gli restera’ da fare? Di fronte al piu’ classico “a mali estremi”, quale potra’ mai essere la risposta?

E non e’ necessario che sia proprio l’on. Di Pietro a lanciarsi apertamente e consapevolmente per quella strada. Chissa’ quanti sono pronti a completare il proverbio, a esplicitare il sillogismo in sua vece.

Qualcuno controlli i traffici d’armi. Furono quelli i primi segnali della guerra in Jugoslavia