E Se La Fine della Omofobia Passasse Dal Far Cantare Povia?

Puo’ esserci niente di positivo nel lasciare cantare a Sanremo Povia e la sua “Luca era gay”? Ma certamente!

E’ (sarebbe?) una ghiotta occasione per parlare liberamente del tabu’ della sessualita’ della persona. E per liberarsi di tanti preconcetti.

Infatti: se Luca (e Povia) erano gay, e ora non lo sono piu’, che cosa vuol davvero dire?

Se la sessualita’ di una persona puo’ essere determinata dall’ambiente, e diciamo cosi’, dalle “frequentazioni”, allora non dobbiamo forse pensare che l’essere eterosessuale oppure omosessuale e’ una condizione transiente, che puo’ capitare a tutti e anzi ci accomuna tutti, etero e gay appunto?

Non si tratta di una curiosa immaginazione mia di fine anno: la “fluidita’ sessuale” femminile non dico che e’ dimostrata ma quasi

La…ricerca [di Lisa Diamond] ha…rivelato che [l’orientamento sessuale] “puo’ emergere piu’ tardi in eta’ adulta” e che le “sensazioni sessuali” possono cambiare “sia improvvisamente, sia gradualmente nel tempo”

“Cambiare nel tempo”…omosessuali ed eterosessuali, alcuni nascono, altri lo diventano. In tutte le direzioni. Alcuni anzi cambiano in un senso e poi nell’altro piu’ volte nella vita.

Luca era gay. Luca non e’ gay. Luca forse sara’ gay di nuovo.

L’importante e’ capire che e’ sempre Luca. E a meno che non vogliamo averlo come compagno di vita, che ce ne dovrebbe importare, se e’ stato, e’ o sara’ gay?