Rivoluzionaria Idea per il Ciclismo Professionista

Tutti questi corridori che nonostante tutto si fanno ancora “beccare” mi ricordano quella vecchia barzelletta del ciclista, intervistato dopo una vittoria, che dice “Sono contento di essere arrivato Uno”.

Ormai ci sono tre sole soluzioni: o il Ciclismo professionista chiude tutto, o diventa il Tour dei Penitenziari, oppure vengono buttate al macero le ipocrisie e si liberalizza l’uso degli stimolanti, a patto che vengano dichiarati pubblicamente.