Propaganda sul Cambiamento Climatico? No grazie

TCS Daily (Edizione Europea) ha appena pubblicato un mio articolo (in Inglese) sul Lato Oscuro della propaganda sul riscaldamento globale, scritto a commento del nuovo rapporto “Calde Parole: Come stiamo raccontando la storia del cambiamento climatico e come raccontarla meglio?

Tradurro’ presto il testo in Italiano. Eccone alcuni assaggi:

I pessimisti sul riscaldamento globale [… ] vengono ora incoraggiati a costruirsi una loro propria realtà, quasi certamente destinando tutti noi ad un triste futuro. Armati di propaganda invece che razionalita’, stanno sostenendo un’ortodossia che rievoca certi Stati comunisti. […]

[Gli autori del rapporto] arrivano quasi a riconoscere implicitamente che forse il catastrofismo sul cambiamento climatico e’ “un’altra costruzione apocalittica [… ] forse un sottoprodotto delle nostre immaginazioni culturali”. […]

Qualcuno sta forse preparando il terreno perche’ zeloti eco-rivoluzionari rimuovano la maggior parte delle nostre liberta’ e una vasta gamma dei nostri successi tecnologici, imponendoci una vita “ecologica” di dolore, malattia, lavoro manuale, pensando che l’ingegnosita’ umana e’ una malvagita’ che distruggera’ il pianeta invece che migliorare le nostre vite? [… ]

Sto ancora aspettando che un singolo fenomeno metereologico (ad esempio il percorso degli uragani; o i venti prevalenti in una zona) cambi a causa del riscaldamento globale. Se ne venite a conoscenza, fatemelo sapere!