L’Ottimismo dell’Antropocene

Febbrile e malcelato piacere fra i pessimismi dell’ambientalismo all’annuncio da parte di una organizzazione di geologhi inglesi di ribattezzare la presente era geologica in “Antropocene” (accento, si presume, sulla penultima ‘e’)…

Prendiamo anche per buona l’idea che sa tanto di ossimoro che le ere geologiche compaiano cosi’, da un millennio all’altro. Siamo sicuri, come sottinteso su Ecoalfabeta e presumibilmente dai proponenti stessi, che l'”Antropocene” sia il riconoscimento dei “disastri” che l’attivita’ umana starebbe arrecando al pianeta?

E se invece si trattasse della naturalissima conseguenza del fatto che siamo evoluti con un cervello ragguardevole, e che sarebbe sprecato se fossimo solo capaci di avere freddo d’inverno e caldo d’estate?

O ancora: e se l’Antropocene fosse il segno che i singolaristi alla Kurzwell possano aver ragione, e siamo quindi sull’orlo non di una catastrofe, ma di un miglioramento repentino e imponente della nostra condizione di persone?

Certo, si tratta di ipotesi, specie quest’ultima: ma comunque e’ importante ricordare che le negativita’ spesso vengono date alle parole come Antropocene da chi e’ pessimista per moda o per natura, e non sono certo intrinseche.