Filippo Facci, o Quando In Italia Si Diffama Anche Non Dicendo Una Parola

Straordinaria sentenza contro il giornalismo, quella pubblicata il 14 maggio 2009 sul Corriere della Sera, di quelle da far tremare tutto l’apparato cardiocircolatorio. E il bello e’ che qualcuno ci gongola pure sopra (cosa non si fa per odio in politica!!):

Il giudice Geo Orlandini del Tribunale civile di Brescia ha condannato per diffamazione la Società europea di edizioni (proprietaria del quotidiano Il Giornale) Maurizio Belpietro (all’epoca direttore) e Filippo Facci (autore della diffamazione) a 50 mila euro di risarcimento nei confronti di Alfredo Robledo, Sostituto procuratore al Tribunale di Milano.

Nella sentenza si legge che il giudice “accerta la natura diffamatoria ai danni del dott. Alfredo Robledo, Sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Milano, dell’articolo a firma di Filippo Facci dal titolo “Gli ultimi saranno gli ultimi” pubblicato in data 18/02/2006 sul quotidiano Il giornale”.

Filippo Facci dovrà pagare a titolo di riparazione pecuniaria ex art. 12 legge 47/48 10 mila euro e in solido “con i convenuti a rifondere le spese processuali per 9.500 euro, oltre al rimborso forfettario ex art. 15 ed accessori di legge.

Il giudice obbliga che la sentenza sia pubblicata una volta a caratteri doppi del normale, sulla pagina de “Il giornale” che ospita la cronaca giudiziaria, nonché sui quotidiani “La Repubblica” e “Corriere della sera” entro 60 giorni dalla comunicazione con addebito ai convenuti predetti delle relative spese.

E cosa ha scritto mai, questo Filippo Facci da meritare 50mila euro di risarcimento? L’articolo incriminato e’ disponibile in formato PDF sul sito de Il Giornale, e da li’ l’ho tratto in questa immagine:

Gli ultimi saranno gli ultimi

Gli ultimi saranno gli ultimi

Cosa dice di Robledo il condannato Facci?

  1. Non capisce “per quale ragione al mondo dovrebbe aver fiducia” in lui come magistrato
  2. Sta “formulando l’ennesima richiesta di rinvio a giudizio contro Berlusconi in campagna elettorale, si’
  3. Pensa “tranquillamente che la magistratura, quella in cui aver fiducia eccetera, di” uno come Robledo “potrebbe tranquillamente farne a meno
  4. Conclude su Robledo dicendo che di lui “non voglio dire una parola, perche’ ho il sospetto che ne avrebbe solo piacere

Evidentemente ho vissuto troppi anni in un Paese come l’Inghilterra, perche’ io una diffamazione da 50mila euro (o anche da un centesimo) non riesco a vederla. Specie poi quando uno scrive “non voglio dire una parola“.  E se l’avesse detta che sarebbe successo, una sentenza da milioni di euro?

Comunque preciso che le parole in corsivo sono di Facci, prima che debba sganciare 50 mazzettoni di banconote pure io 8)

Per fortuna mi arriva in soccorso il web. Ecco un’ipotesi su quale sia la frase diffamatoria

credo che l’offesa stia nella parte “i giudici stanno formulando l’ennesima richiesta di rinvio a giudizio di Berlusconi in campagna elettorale

Sedici parole? Da ripagare a un ritmo di 3125€ a parola? Wow!

Certo che uno non pretende mica anche in Italia il Primo Emendamento (troppa grazia!) ma se la diffamazione puo’ essere commessa in forma cosi’ obliqua e comprensibile solo leggendo fra le righe (non si era ancora, all’epoca, in campagna elettorale), tanto vale fare commenti solo sulla musica popolare malese negli anni ’50…

Notevolissimo anche il sottotitolo di un articolo pubblicato sopra quello di Facci: “Toghe misogine“. Chissa’ se quello si sara’ meritato pure lui qualche decina di migliaia di euro per diffamazione?