Democrazia e Partito Democratico Negli USA

Consiglio caldamente la lettura dell’articolo di Mino Vianello “L’Handicap di Obama” su Notizie Radicali di oggi, nel quale non si parla del colore della pelle del Candidato, ma viene invece fatta una disanima del rapporto fra egualitarismo e concetto della democrazia negli USA, e il sentimento anti-intellettuale diffuso fra gli americani stessi.

Sara’ un bene o un male, questo anti-intellettualismo “fatto di empirismo e di senso pratico“? Personalmente, il dover arrivare comunque a una sintesi fra empirismo e intellettualismo mi sembra un punto ovvio oltre che logico. Non penso sia comunque quella, la domanda da farsi.

C’e’ da chiedersi invece se gli unici a non esserne completamente consapevoli siano gli intellettuali stessi, massicciamente Democratici e che invece di provare a comprendere l’elettorato, vivono ancora nel sogno di Camelot, la Presidenza cioe’ di John F Kennedy.

Un solo l’appunto a Vianello: l’aver dimenticato di nominare il movimento dei Know-Nothings nel XIX secolo (“Non So Niente”) che poche settimane fa il neo Premio Nobel dell’Economia Paul Krugman richiamo’ sul New York Times citando “l’insistenza che ci siano semplici risposte a ogni problema, basate sulla forza bruta e sulla gratificazione istantanea, e che ci sia qualcosa di effeminato e debole in chiunque suggerisca altrimenti“.