Crisi Finanziaria…Speriamo Non Un Remake Della Cura di Re Carlo II

C’e’ da incrociare le dita…dopo gli interventi senza criterio da parte di politici europei senza ragione, speriamo che la “crisi finanziaria” non somigli alle “cure” somministrate al povero Re Carlo II d’Inghilterra, Scozia e Irlanda, sottoposto fra il 2 e il 6 febbraio 1685 a una quantita’ spropositata di dissanguamenti, diuretici, emetici e clisteri, piu’ una medicina per starnutire a piu’ non posso.

Purtroppo per lui, a un certo punto si risveglio’ pure, e questo fu preso dai suoi medici come segno che occorrevano ulteriori dissanguamenti…

Mutatis mutandis, potrebbe essere un buon segno se i mercati continuano a scendere: altrimenti a qualcuno verra’ pure in mente l’idea che comprare titoli spazzatura senza poterli valutare come si deve, e garantire centinaia e centinaia di miliardi di depositi, possano essere delle buone idee.