Come Imparare il Tedesco

Nella rubrica “Lettere al Direttore” su La Repubblica di oggi il lettore Carlo Bertonotti chiede a Vittorio Zucconi “qualche consiglio per imparare questa ‘maledetta’ lingua [tedesca]”.

Io il modo l’ho trovato (no, niente fidanzatina indigena).

Semplicemente, visto che ha il privilegio di vivere in Germania, Bertonotti si deve incaponire a parlare in tedesco in ogni momento della sua giornata (a parte quando lavora ovviamente almeno finche’ non arriva a un livello sufficiente per comunicare bene e in fretta).

Quando dico “in ogni momento” voglio proprio dire “in ogni momento”: quando si fa la spesa, quando si compra una camicia o un pantalone, quando uno e’ al ristorante (menu’ da leggere rigorosamente in tedesco). Al cinema, solo per vedere film in tedesco. Discussioni con gli amici, tutte in tedesco.

Due dettagli non trascurabili: un dizionario italiano-tedesco in tasca a ogni ora, e poi non dimenticarsi che bisogna imparare un tedesco grammaticalmente corretto, altrimenti i nativi storceranno i nasi e chiuderanno le orecchie a sentire la propria lingua storpiata impunemente (quindi, una buona scuola serale e’ obbligatoria).

Lo sforzo che uno fa di parlare invece sempre e bene in tedesco lo apprezzano molto, e aspettano anzi con pazienza che uno riesca a mettere assieme le frasi: perche’ evidentemente, per i primi sei mesi uno non potra’ che parlare molto, molto lentamente (con grande soddisfazione degli amici, naturalmente…)

Attenzione pero’ quando si parla con i medici. Una volta l’oculista mi ha detto che la mia vista era a posto, ma io ho capito che la cecita’ era incipiente…