Palin For President

There are two things going for Sarah Palin. Apart from a following among middle-aged men that is (doesn’t look like the typical grandma, does she).

One, “Sarah Palin” has been portrayed such a mindless idiot, she’ll earn points just by reading the time right, out of a talking clock. There is a great advantage in lowering expectations.

Two, she’ll have a very easy time convincing people that it’s the Press that paints her in a negative light. So during a campaign, if there’ll be a campaign, she will describe all of her faux-pas and gaffes as “don’t listen to that, it’s just the evil Press”. Even the real faux-pas and gaffes, that is.

IOW on all fronts she will be able to say or do anything without fear of losing score with anybody in the electorate (unless she’s photographed kicking a puppy or slapping her mom). Every additional day will be a day with more supporters.

It’s developing in the classical shoo-in…

Obama Vince Il Novel Per La Pace 2009

Oslo, 9 Ottobre (MNN) – L’incessante menzionare del termine “pace” da parte del Presidente USA Barack Obama e’ stato premiato con il Novel per la Pace 2009. “No, non e’ un errore fatto alla tastiera da qualcuno troppo stanco un Venerdi’ sera“, ha detto una fonte anonima. “Il fatto e’ che preferiamo premiare un futuro pieno di speranze piuttosto che un passato pieno di rimorsi“.

In altre notizie: i blogger di tutto il mondo sono contentissimi oggi di sapere che, per intascarsi un milione di dollari e piu’, tutto quello che bisogna fare e’…parlare!

Novel Peace Prize 2009

Oslo, October 9 (MNN) – U.S. President Barack Obama incessant mentioning of the word “peace” has been rewarded with this year’s Novel Peace Prize. “No, it’s not a mistake by a person hitting the wrong key at his laptop on a Friday night,” said an anonymous source. “The Committee simply decided it was time to reward the possible future, as it looks so much better than the actual past“.

In other news: bloggers all around the world are rejoicing. Now they know, all it takes to bag over a million dollars, is to talk about nice things.

Five Recommendations For American Presidents

From Robert B Reich’s review of “The Heart of Power –  Health and Politics in the Oval Office By David Blumenthal and James A. Morone:

  • a new president must move quickly, before opponents have time to stoke public fears
  • a president must set broad health reform goals and allow legislators to fill in the details, but be ready to knock heads together to forge a consensus
  • “The only way to deal with Congress is continuously, incessantly and without interruption” (L. Johnson)
  • disregard or overrule [the] economic advisers
  • there is an art to losing, too — in a way that can tee up the issue for future presidents

Tu Quoque, Barack….Dramma Al Loft!

Roma, 15 Giugno (MNN) – La notte capitolina si preannuncia molto impegnata al Loft, la sede del Partito Democratico scelta vicino alla Chiesa di Santa Anastasia in modo da aiutare anche i piu’ incaponiti peccatori a criticare la vita privata altrui dopo essersi lavata la coscienza.

Barack Obama e Silvio Berlusconi - 15 Giugno 2009

Barack Obama e Silvio Berlusconi - 15 Giugno 2009

Centinaia di attivisti sono stati convocati nella tarda serata di oggi per aiutare a rimuovere fotografie e gigantografie dell’ennesimo Traditore della Causa Persa Del Partito Democratico (che magari fosse partito, perche’ almeno, in quel caso, qualcuno lo avrebbe rimpianto).

Basta con Barack“, ha cominciato a cantare tale Uolter, presentatosi come “fondatore e affondatore del PD“. “Una volta ammiravamo il suo ‘Ies ui can’“, ha continuato l’esagitato rimuovitore di poster prima di minacciare di andare a lavorare in Africa, “Adesso non lo sopportiamo piu’ viste le sue nuove amicizie“.

Il portiere/autista/maggiordomo/segretario del PD, al secolo “Franceschiellinielluccio”, non ha voluto confermare ne’ smentire se gli scantinati del Loft fossero ormai pieni dei ritratti rimossi dell’amico americano di Silvio. Nessuno e’ riuscito comunque a fermare l’irrompente Debora Serracchiani, che ha dichiarato che lei in Berlusconi non ci vede niente di “Bello“.

In altre notizie: “Obama riceve Berlusconi: «Bello vederti, amico mio»

ps ma il traduttore chi era, l’Uomo Invisibile??

Troubled Times At The U.S. Capitol

With President Obama fully back on the campaign trail (will he ever thank his colleague Bill C enough?), shouting out loud “It’s my responsibility” often enough to convince everybody that it is not, it’s those poor Senators and Congressmen that find themselves in uncomfortably hot seats. When oh when will they learn to beware of clever guys?

Dr. Dismal, or Why Obama Is Likely Doing A “Sarkozy”

No, I am not suggesting that President Barack gets rid of Michelle and marries an Italian Supermodel or two, with a wild past and a musical career. What I am referring to, is the tactic of getting ready for re-election by… lowering expectations!

Paris-based Nicholas too, in fact, came to power with enormous hopes by an electorate ready for anything. Everything fizzled out quickly though, with Sarko more interested in reforming his bed companionship than the economy.

The positive thing is that nowadays, when he achieves anything concerning his Presidency, Sarkozy is hailed as the next best thing after the invention of the baguette, with a good chance of getting re-elected. Had he not performed so miserably during the first few months, he would have had instead to forever run after his own Myth, bound to certain political disaster and electoral defeat.

Expect a few more weeks of Dr. Dismal at the White House then. It is just too early to sparkle for 2012…

White Man Given Nation’s Worst Job

Great satyrical point made as usual by The Onion last November.

But perhaps the really worst job of all is not Obama’s, but Joe Biden’s: because a President Biden would mean that Obama had died, likely killed.

And if that wouldn’t take the USA to the brink of another civil war, I don’t know what would.

Barack On Their Minds

My mind is clearer now.
At last all too well
I can see where we all soon will be.
If you strip away The myth from the man,
You will see where we all soon will be. Barack!
You’ve started to believe
The things they say of you.
You really do believe
This talk of Change is true.
And all the good you’ve done
Will soon get swept away.
You’ve begun to matter more
Than the things you say.

Listen Barack I don’t like what I see.
All I ask is that you listen to me…

Well, dear Barack, last time somebody entered the Capital city among hosannas, we all know how it all ended.

Time to “do a Sarkozy” then, and launch into 100 days of serial disappointments in the eyes of everybody, just enough to lower expectations thereby making success a tad easier to claim.

Cumpari Panetta, Sent’ A’ Mmìa

Carissimu Cumpari Leon Panetta

Comu non essiri cuntenti ‘a sintiri chi ‘ddu furbacchiuni ‘i Obama sciglìu comu Capu Spiuni propriu ‘nu figghiu ‘i Sidernu? ‘U giurnali dici puru chi tu canusci propriu bbeni ‘a Calabria, parri ‘u dialettu e tto cugginu Mimmu s’arricorda tuttu ‘i tto vacanzi cinquanta anni fa.

E allura, Calabrisi ppi Calabrisi, sperandu chi ‘dda bona donna ‘i Dianne Feinstein nun faci ‘na camurrìa ppi tta confirmescion, pozzu dirti cacchi cosa puru ieu?

(1) ‘A CIA e’ sicuramenti cchina ‘i surici chi vogghiunu sulamenti vidirti fallire. Statti attentu. ‘U megghiuri metudu e’ cangiari chianu chianu tutti i capi cchiu’ ‘mportanti, e solu dopu fari ‘a rivoluzione (ppi esempiu, pinsandu ‘a nu pocu i moralita’, dopu tutta ‘dda tortura)

(2) ‘Natra cosa chi dovristi cangiari e’ ‘a struttura da’ sicurezza ‘mmericana. FBI, CIA, NSA e adessu puru Homeland Security, chista e’ ‘a ricetta sulamenti ppi ‘nna lutta ‘ntestina sinza fini.

(3) ‘Nun sacciu si ttu voj ristari ‘a CIA moltu tempu. Ma si ttu voj, ricurdati chi si Obama voli leggiri ‘na cosa, ma ‘a CIA scuprìu ‘natra, tu haj ‘a purtargli prima cchiddu ch’iddu voli. Ma poi parra cu iddu ppi spiegari bbeni ‘i cosi comu stannu. Almenu ‘nna vota, circa ‘i mustchari chi almenu unu teni ‘a ‘ntelligence, ‘nta Central Intelligence Agency.

(d) Anfini, quattchu dumandi chi ssi tu rispundi, pozzunu trasfurmarti in Eroe ppi seculi ddi seculi…ccu fu veramente ‘a ‘mmazzari ‘i ‘ddu frati Kennedy? E Martin Luther King? E aund’esti ‘u corpu ‘i Jimmy Hoffa?

Bleak Future for the SEC

President-elect Obama has selected Mary Schapiro as new Chair of the U.S. Securities and Exchange Commission. And that doesn’t appear to be the beginning of the much-indeed shaking of the financial industry.

Trouble is, in fact, that Mary Schapiro became in 2007 the Chair of the Financial Industry Services Authority, the new grandly-named self-regulatory body that…dropped the number of large fines just as the latest financial crisis was starting to brew, in 2006.

How can a 20-year-long-career regulator be trusted in remaking the whole regulatory “oversight playbook” is anybody’s guess. The only positive point is that with expectations very very low, Ms Schapiro can only succeed…

La Luce e lo Scontro – Lettera Aperta al Partito Radicale Transnazionale

Carissimi Cappato / Pannella / Perduca / Mecacci / Bonino / D’Elia / Stango / Mellano / Vecellio e compagni radicali tutti

Noto con dispiacere che ci sono vari punti in maniera di politica a livello globale, sui quali non vado assolutamente d’accordo con quanto espresso da vari esponenti Radicali.

Non essendomi possibile, per esigenze di lavoro, la partecipazione a Bruxelles al Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento Transpartito Transnazionale (11-13 dicembre), mando quindi alcuni spunti su quanto avrei detto in quella occasione.

La mia preoccupazione principale e’ nel non capire ne’ il senso ne’ le motivazioni, da Radicali, di un certo generale irrigidimento su piu’ fronti, contro chi ci appare come “nemico”: un irrigidimento di cui non vedo lo scopo, anche perche’ non capisco in base a quale strategia si pensi che questo modo di atteggiarsi potrebbe portare ad alcun risultato, se non rendere i “nemici” ancora piu’ “nemici”.

Ci ritroviamo cosi’ ad avere cuori caldi e a portare teste alte, ma a coloro per i quali diciamo di lottare, che cosa potra’ mai loro importare del nostro stato d’animo se non otteniamo niente di concreto per loro?

Peggio: sembra che anche per i Radicali come un po’ per tutti, ci siano popoli oppressi di Serie A e altri popoli oppressi di Serie B, di cui non ci importa un classico fico secco. Che senso ha tutto questo?

Per chiarezza, nel seguito trattero’ di due esempi: la Russia e l’Iran. Comincio con una premessa ispirata dall’intervento di Matteo Mecacci alla Camera, nel Novembre scorso, in un dibattito sulla politica estera e la crisi in Georgia:

“È evidente che il Presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi, ha scelto un certo tipo di politica estera sicuramente diversa da quella degli anni precedenti nella scorsa legislatura”

A me sembra invece evidente che Berlusconi stia continuando la politica estera che fu di De Gasperi, di Andreotti, di Craxi, e anche di Prodi. Con uno stile fra il giullare e lo spregiudicato, ma “ovviamente” lungo le stesse linee guida.

Perche’? Perche’ l’Italia, chiunque sia al Governo, e’ e rimane una “Potenza di serie B” (sempreche’ il termine “Potenza” abbia ancora validita’). Cosa venga deciso a Roma e’ in generale di nessun interesse per la vasta maggioranza delle Nazioni e dei Popoli del Pianeta Terra.

Per tenere contenti gli Italiani e il loro Amor Patrio, a parte qualche insipido summit UE e un vacuo voto nelle decisioni NATO, l’unico modo per far finta che l’Italia abbia un considerevole peso internazionale sta nel dimostrare ogni tanto indipendenza e spregiudicatezza, rifuggendo dalla previdibilita’ almeno nelle decisioni non eccessivamente importanti.

C’e’ nessuno che ricordi quanto fece Craxi lasciando libero Abu Abbas a Sigonella nel 1985, o la capacita’ di Andreotti, nel 1991, di essere l’unico e solo Capo di Governo al mondo che ricevette telegrammi di ringraziamento sia da parte di Gorbachov, sia da parte dei “Dodici” golpisti sovietici?

Inutile quindi notare “una politica estera molto spericolata che cerca rapporti…anche con la Libia di Gheddafi”. I quali fra l’altro sono una scelta obbligata, visto che persino gli USA si avviano alla normalizzazione e non c’e’ vantaggio alcuno a tenersi a distanza.

Continua Mecacci:

“(in Russia) si è scelta la via militare anche per fare i conti con la Georgia, che è solo l’esempio di un Paese che vuole integrarsi nell’Unione europea, che ha una cultura profondamente europea, così come l’Ucraina”

Il consenso fra gli specialisti invece e’ che “Misha” Saakashvili abbia attaccato per primo, lo scorso agosto.

In generale, il comportamento della Georgia post-URSS non e’ mai stato ne’ democratico, ne’ conciliatorio, ne’ liberale nei confronti delle minoranze, a cominciare da Zviad Gamsakhurdia, che dopo aver proclamato l’indipendenza georgiana nel 1991 decise di eliminare ogni autonomia a Osseti e Abkhazi.

Ricordiamoci che Saakashvili stesso ha non troppo tempo fa organizzato la solenne traslazione della bara di Gamsakhurdia (giusto per sottolineare le prospettive di liberta’ di Osseti e Abkhazi sotto il nuovo Governo…). E dopo aver bastonato gli oppositori, si e’ preso tutte le stazioni televisive. Come scrivono in occasioni separate Robert English e George Friedman sulla New York Review of Books, la Georgia lungi dal dimostrare una “cultura profondamente europea”, si comporta nel Caucaso come una “Piccola Russia”.

O in alternativa: se e’ europea la Georgia, perche’ non e’ europea anche la Russia?

Riguardo l’Ucraina, e’ ormai democraticamente e ripetutamente appurato che meta’ del Paese e’ russo e si sente russo. Non sono parte dello Stato Ucraino pure essi? Che messaggio abbiamo da dir loro, se la nostra politica e’ caricare a testa bassa contro qualunque cosa faccia o dica la Russia? E’ questo un punto forse ancora piu’ importante da chiarire. Perche’ non dimostriamo alcun interesse nel destino di certi popoli, per esempio se hanno la buona o cattica sorte di essere appoggiati dalla Russia?

E infatti, sentiamo Mecacci di nuovo:

“Il Presidente del Consiglio ha dichiarato in questi giorni che occorre evitare il ritorno alla guerra fredda. Credo che occorra che qualcuno in quest’aula ricordi che la guerra fredda va rivendicata dal momento che è ciò che ha consentito all’europa decenni di pace”

Ma non e’ stata la Guerra Fredda a consentire la “pace”. E’ stata l’adesione di Stalin agli accordi di Yalta. Nessuna (neanche una) democrazia liberale e occidentale e’ stata fatta sviluppare se non laddove gia’ stabilito da Roosevelt, Churchill e Stalin, e nessuna rivoluzione comunista ha avuto successo se non dove gia’ deciso a priori.

Il destino di ogni Paese, Italia inclusa, e’ stato scritto nel 1945 e non e’ cambiato di una virgola, neanche laddove dopo la guerra l’insurrezione comunista fosse fu piu’ forte (Grecia), o la societa’ non-comunista piu’ solida (Ungheria).

La Guerra Fredda non ha impedito ai Sovietici di conquistare l’Europa (come se gli USA e il Regno Unito sarebbero rimasti a guardare) ma ha impedito ai polacchi, ai cecoslovacchi, ai rumeni, ai bulgari etc etc di sviluppare le loro democrazie liberali e occidentali. Anche il destino delle repubbliche baltiche (e in misura minore, della Finlandia a liberta’ limitata, vittoriosa contro l’URSS ma abbandonata a Stato satellite) lo dimostra chiaro e tondo.

Andiamo a chiedere a loro quanto c’e’ da rivendicare, della guerra fredda.

E sulla minaccia che si ritorni ai vecchi confronti a muso duro con i russi: non dimentichiamoci che la Russia contemporanea, anche quella di Yeltsin, e’ sempre stata trattata dai “nostri” come una minaccia, e l’allargamento della NATO e’ stato sempre sottinteso come una difesa contro la Russia, da quegli Stati dimenticati sessanta e piu’ anni fa oltre la cortina di ferro.

Non meravigliamoci quindi se si comporti come se si senta minacciata (diciamocelo chiaro e tondo: lo e’), e quindi ritenga opportuno cercare di aumentare la propria sfera d’influenza. E’ di dialogo e rispetto che c’e’ bisogno, non di minacce o indignazione. Dice Nicholas Kristof poche settimane fa sul New York Times: stuzzicare un orso irritabile non e’ un sostituto per della seria diplomazia.

Ci sono altri argomenti che mi vedono fuori dalla linea politica internazionale di parecchi dirigenti radicali.

Il piu’ eclatante e’ l’Iran, che alcuni fra noi vedono come la reincarnazione del male assoluto. Di nuovo, scegliendo il conflitto aperto (se non addirittura, auspicando quello armato, rendendo in tal modo inevitabili sia un ulteriore inasprimento della gia’ dura repressione interna, sia il completamento della costruzione di una o piu’ bombe atomiche), laddove niente e’ comprensibile se non si esplorano seriamente le ragioni di tutti.

C’e’ un unico motivo infatti per cui l’Iran cerca di costruire la bomba atomica: per garantire la sicurezza nazionale. Questa e’ un’opinione diffusa fra tutti gli esperti di strategia internazionale. Prova anche ne sia il fatto che il programma atomico e’ stato cominciato da ben prima della Rivoluzione Islamica di Khomeini, ai tempi dello Shah Reza Pahlavi.

L’Iran non e’ certo il solo o il primo Stato a proseguire su quella strada. Gia’ India e Pakistan hanno sviluppato la Bomba per difendersi l’una dall’altro. Non e’ poi un caso che le guerre convenzionali contro Israele siano cessate allorquando e’ stata resa nota l’esistenza di ordigni atomici sotto controllo del Governo di Tel Aviv/Gerusalemme.

Il fatto poi che la Corea del Nord, con la sua micro-atomica, non sia stata ne’ invasa ne’ attaccata dagli USA, sorte invece toccata al nuclearmente disarmato Iraq di Saddam Hussein, non puo’ che spronare le autorita’ di Teheran a premere l’acceleratore affinche’ anche una sola Bomba sia disponibile al piu’ presto: per salvare la propria vita, piu’ che per attaccare chicchessia.

E invece: cosa proponiamo noi? Antonio Stango su Notizie Radicali del 18 giugno 2008 invita a

“[non] concedere tempo agli ayatollah al potere [e pretendere] entro pochi mesi, un governo iraniano che tuteli le libertà e i diritti umani, fermi la corsa all’arma nucleare e rinunci alle manovre terroristiche all’estero“

A parte che mi sembra avessimo smesso di sognare di esportare la democrazia…possibile che non ci rendiamo conto che non c’e’ bisogno di essere amici degli Ayatollah per capire che una volta messi all’angolo con il rischio di essere eliminati da un momento all’altro, faranno quanto di piu’ logico e metteranno davvero insieme una bomba nucleare, magari rudimentale, magari “sporca” ma ovviamente pronta all’uso?

Dov’e’ la Noviolenza in tutto questo? Non e’ quasi banale dire che per uscire fuori da questo circolo vizioso, ed evitare un conflitto di qualsivoglia genere, bisogna andare alle radici del problema, che rimane la questione della sicurezza per l’Iran stesso, islamico o democratico che sia?

Chi lo dice? Lo dice il famoso Hans Blix. Lo dicono George Perkovich, Direttore del Programma di Nonproliferazione al Carnegie Endowment for International Peace, e Pierre Goldschmidt, gia’ vice Direttore della International Atomic Energy Agency. Lo dice Zbigniew Brzezinski, gia’ consigliere di Carter. Lo dice lo scrittore e giornalista Christopher de Bellaigue. Lo dice il New York Times, in un editoriale senza firma del 28 Maggio 2008.

L’unico modo per evitare la tragedia di una guerra e’ condurre dei negoziati seri con l’Iran: e l’unico modo per essere seri e’ garantire all’Iran che l’Europa, e gli USA smettano di appoggiare tentivi piu’ o meno segreti di colpo di Stato violento in Iran.

Ogni altro atteggiamento portera’ a morti e distruzione. Ovviamente, e logicamente. In barba alla nonviolenza.

E infine, riguardo la Cina. Non e’ stato possibile convincere nessun Radicale della necessita’ di non far finta di niente dopo il terribile terremoto del Maggio scorso.

Mi e’ stato detto che un terremoto e’ una tragedia non politica: al che rispondo che prima di tutto a uccidere le persone in caso di terremoto sono gli edifici che crollano, e non il tremore della terra. E cosa c’e’ di piu’ politico, e di piu’ colossale esempio di assenza dei piu’ minimi controlli democratici, che l’incuria da parte di Governi un po’ in tutto il mondo (Cina, e Italia incluse, ovviamente)? I quali Governi permettono l’edificazione fuori norma, magari proprio di quelle scuole dove ci sono i bambini e quindi il futuro di innumerevoli famiglie.

Se ne e’ accorto nessuno, fra una bandiera tibetana e l’altra, che il Primo Ministro cinese Wen Jiabao si e’ fatto fotografare piu’ volte seriamente impegnato a lavorare per aiutare i terremotati? Davvero tutto cio’ e’ stato fatto senza che avesse valenza politica?

Mentre di noi che impressione sara’ rimasta, se non di cinici, barbari e cattivi, tutti presi a difendere i tibetani calpestando i morti altrui (e adesso, impegnati a viso aperto nel fomentare movimenti nazionali di resistenza dentro lo Stato cinese, manco fossimo a un remake delle lotte russo-giapponesi riguardo la Manciuria).

Cosa vogliamo ottenere, dalla Cina? Una capitolazione ignominiosa? Tante scuse e il ritiro immediato dal Tibet? Chissa’: se cosi’ fosse, cio’ spiegherebbe il deserto assoluto nei nostri cuori, incapaci di manifestare alcuna solidarieta’ di fronte a migliaia di morti.

Ma se cosi’ fosse, qualcuno mi puo’ spiegare di che strategia si tratti? Qual’e’ l’idea di fondo, come vogliamo ottenere quanto vogliamo ottenere, dalla Cina, presentandoci noi stessi a muso duro, indifferenti, miopi e agitatori pronti a tirare nel mucchio?

In ultilma analisi, anche l’indignazione, come dice in risposta a una lettera il gia’ citato George Friedman riprendendo il noto giornalista e politico statunitense Strobe Talbott scrivendo su Time Magazine del 1979 non a caso dell’Iran, non e’ una politica estera.

Questo e’ il tema di fondo. E allora con l’essere Radicali cosa c’entra l’agire da nemici “giurati a prescindere” della Russia, il manifestare noncuranza contro Abkhazi e Osseti meridionali, il considerare l’Iran come il Male, lo sputare metaforicamente negli occhi di centinaia di milioni di cinesi di etnia Han, per non parlare del disprezzo palese contro la Serbia (e di nuovo l’assenza di considerazione per i serbi del Kosovo)?

Anche sul Libano, cosa abbiamo da dire se non le solite generiche accuse contro Hezbollah, come se quelli fossero alieni venuti dallo spazio e non una parte molto consistente della popolazione locale?

A chi giova lo scontro frontale e senza possibilita’ di compromesso? Cosa c’entra, con la Nonviolenza, con Gandhi, con il carattere Transnazionale di un Partito che aspirerebbe anche ad avere in se’ persone provenienti da Paesi in grave e perdurante conflitto fra loro, e tuttavia capaci di rimanere all’interno dello stesso gruppo politico, e di gestire gli inevitabili conflitti senza la evitabile violenza?

Ecco, e’ questo che non capisco. Continuero’ a sforzarmi. Speriamo pero’ che qualcuno mi dia una mano a chiarire cosa vogliamo per il nostro futuro.

Why Lehman’s Failure Was The Right Move

Millions of gallons of ink must have been consumed in the neverending discussions about the “disaster” represented by the US Government’s decision to let Lehman Brothers fail and disappear. Andrew Ross Sorkin on today’s IHT agrees:

With hindsight, many in the financial industry blame a deepening of the global financial crisis on the government’s decision to let Lehman crumble

I disagree with that analysis, for two very simple reasons. When Lehman was allowed to go bankrupt, a signal was sent to all, saying that not everybody will be rescued. This was in direct contrast with the Japanese Government’s decadal efforts to prop up every financial institution under its watch (that’s why those efforts lasted for a decade or even more).

More importantly, the failure of Lehman Brothers showed everybody what the failure of “just a bank” may mean, with innumerable, overwhelmingly negative consequences propping up even in unlikely places. And this was good: because it is in the human nature to seriously question people advising that something bad may be happening in the near future, and to need a direct experience of that “something bad” before properly reacting.

You can spend every last molecule of your breath explaining a child that eating too many sweets can be painful. But there is nothing like going through a “tummy ache” that will convince the child of changing their way.

And you could transfer yourself back to January 1939 and explain all the reasons for the upcoming Nazi continent-wide monstruosity, but I am sure nobody in the UK or France (or the USA) will agree to go to war until forced to by the pain of circumstance.

And so, had Lehman Brothers been rescued alongside the other relatively large institutions, we would still be discussing the pro’s and con’s of rescue packages. And we would have never known that it takes just a bank to fail, to see a run on money-market funds.

Hindsight will fuel further commentaries on now-defunct Lehman Brothers: and hindsight can be useful to make sense of the world, but only works when there is something to look back at…

How Many People For Obama?

How likely is it going to be, for 1.5million people to gather for President Obama’s inauguration?

Who can say? IMNSHO the crowd will be a bit smaller, but around the same order of magnitude. Check what Clark McPhail, professor emeritus of sociology at the University of Illinois at Urbana-Champaign had to say a few years back to Salon.com:

The counting formula divides the mall into eight panels and measures the square footage of each. For really huge [gatherings], aerial photographs are necessary to determine how much space is occupied [...]  A crowd of 500,000, he says, would [fill] all eight panels, stretching from the Capitol Building to the Lincoln Memorial, or from Third Street to 14th Street [...]

It is therefore not too much of a stretch of one’s imagination to think of a million people in the Mall on January 20, 2009.

Obama – Primo Scivolone Sul Clima – Articolo su Svipop

Terzo mio articolo su Svipop, l’agenzia online del CESPAS, il cui Presidente e’ il giornalista e scrittore Riccardo Cascioli:

OBAMA, PRIMO SCIVOLONE SUL CLIMA

di Maurizio Morabito

Nel primo intervento sulle politiche climatiche da futuro presidente degli Stati Uniti, Barack Obama ha subito inanellato una serie di sciocchezze dal punto di vista scientifico, dando per certi fenomeni (mari che salgono, siccità, uragani sempre più violenti) che sono oggetto di dibattito scientifico. Un inizio poco incoraggiante. E come pensa Obama di conciliare la filosofia del “Yes, we can” con il catastrofismo imperante?

Perche’ Obama Dovrebbe Ringraziare Osama

Al Qaeda in prima pagina oggi e forse anche domani, con la “risposta” alle elezioni presidenziali USA. Buon per loro. E buon per Obama, che viene maltrattato quel tanto che basta, con la ciliegina sulla torta della comparazione con Malcolm X.

Perche’ tutto cio’ sarebbe una buona cosa per Obama? E’ facile capirlo. Proviamo a immaginare il casino che sarebbe successo se Al Qaeda avesse mandato le sue felicitazioni, promettendo di lavorare al fianco del nuovo Presidente…

Obama Should Thank Al Qaeda

Al Qaeda in the news today with a “response” to the American Presidential Elections. Good for them. And good for President-Elect Barack Obama, who gets mistreated just enough, with a top-notch comparison to Malcolm X.

Why is that good for Obama? Well, imagine what would have happened had Al Qaeda sent unqualified congratulations to him…

Not Your Usual Take On Iran

Great article by Ervand Abrahamian (“Who’s In Charge?”, London Review of Books, Nov 6, 2008), showing how false is the caricature of Iran as part of an “axis of evil”. I’ll try to post all interesting quotes: for now these two should suffice:

We need to take a reality check. Iran spends $6 billion a year on its armed forces; Turkey and Israel both spend more than $10 billion, Saudi Arabia $21 billion [...] Meanwhile, the US pours more than $700 billion a year into its war machine. Before the 1979 revolution, Iran allocated as much as 18 per cent of GDP to the military; the figure is now under 3 per cent. During his recent tour of the region, Dick Cheney offered to sell $36 billion worth of arms to Saudi Arabia and the Gulf sheikhdoms to counter the Iranian threat

And

Iran is not a totalitarian state: the Islamic constitution, drafted in the early days of the revolution, is a hybrid, combining democracy with theocracy, vox populi with vox dei, popular sovereignty with clerical authority, modern concepts of government with Ayatollah Khomeini’s notion of velayat-e faqih (jurist’s guardianship).

Yes, Iran does have many issues to solve. But bullying it around surely will not help solve any of those.

A Novel Idea for Obama Against Recalcitrant European Politicians

Some worries on The Economist about what the Europeans will make of the upcoming new relationship with President Obama, admittedly a very open question as the interests of the United States very seldom perfectly coincide with anybody else’s.

There is one big difference with Obama though. I think especially in Europe, he enjoys such a vast popularity, all he’ll have to do is show up on TV and make direct appeals to European public opinion.

Local politicians, each one of them no doubt already praying to be the First One To Be Photographed With Barack, will simply declare their concordance with whatever the White House will propose regarding Iraq, Iran, Israel, Russia, NATO, and the choice of hypoallergenic dogs.

Does Dick Cheney Understand What He Has Helped Unleash?

From “The Battle for a Country’s Soul” by Jane Mayer, New York Review of Books, Volume 55, Number 13 · August 14, 2008

[After 9/11] President Bush, Vice President Cheney, and a small handful of trusted advisers sought and obtained dubious legal opinions enabling them to circumvent American laws and traditions. [...] They turned the Justice Department’s Office of Legal Counsel into a political instrument, which they used to expand their own executive power at the expense of long-standing checks and balances.

From ” Obama inheriting broad covert ops policies“, Associated Press, November 11, 2008

A top aide to Obama said Sunday the new president will use his executive powers to make an immediate impact when he takes office [...] “There’s a lot that the president can do using his executive authority without waiting for congressional action, and I think we’ll see the president do that,” said John Podesta, Obama’s transition chief. “I think that he feels like he has a real mandate for change. We need to get off the course that the Bush administration has set.”

Benjamin Franklin’s words outside the Federal Convention of 1787 in Philadelphia, cited by Jane Mayer, are very topical indeed

A lady asked Dr. [Benjamin] Franklin, “Well Doctor, what have we got, a republic or a monarchy?” “A republic,” replied the Doctor, “if you can keep it.”

Obama come Berlusconi

…dice Ricky Filosa su Italia Chiama Italia. E non ha tutti i torti.
Come dimostra questo articolo da Forbes sulla mania di appiccicarsi “Hussein” come secondo nome, imitando appunto Barack H Obama, questi, come Berlusconi, ispira una tribu’ di seguaci, al di la’ delle vecchie idee di “partito”.
E’ un trend cominciato non saprei se con Silvio nel 1993 o con De Gaulle ai tempi della fondazione della V Repubblica francese. Chissa’ se qualche sociologo c’ha gia’ ragionato sopra.

Obama’s Challenge: What To Do When Unemployed At 56?

Poor Barack Obama…he may find himself unemployed at the tender age of 56, in January 2017. What to do? And how to top the job of President of the United States of America?

Two solutions spring to mind. Obama may move into the entertainment business, as a rock or movie star. I am sure people will scramble to buy tickets no matter how good or bad he would be with a guitar or on a cinema screen.

The other possibility is to become Pope. All he’ll have to do is a “Tony Blair” and convert to Roman Catholicism after leaving office. That’ll make him eligible to be elected as successor of Benedict XVI, most likely by popular acclamation like the Popes of old.

If anybody cannot believe in the above: just imagine telling anybody in 1951 that the main actor in “Bedtime for Bonzo” was bound to become one of the most beloved Presidents in history. Ah, and that a 15-year-old in Kenya was going to be the father of the 44th President.

Dopo Obama, L’Ultima Sfida All’Integrazione Razziale In America

Dopo Obama, perche’ non provare a descrivere quella che sara’ l’ultima sfida all’integrazione razziale (e non solo) in America?

Immaginiamoci allora le elezioni presidenziali del 2016, e come Candidato alla Presidenza una donna, con antenati ex-schiavi da parte di padre e ebrei da parte di madre.

E convertita all’islamismo.

E come suo vice un’altra donna, in sedia a rotelle.

Mezza Native American e mezza messicana.

Con la quale e’ fidanzata.

E con la quale ha un figlio ottenuto con inseminazione artificiale. E il cui padre e’ Asian-American.

Immaginiamo infine che tale Candidata alla Presidenza rappresenti il Partito Repubblicano.

Oltre, la mia immaginazione non riesce ad andare 8-)

ps Dopo che Emiliano Errico ha letto il mio testo qui riportato durante la puntata di “Jefferson Ming” del 5 Novembre su Radio24, il conduttore Stefano Pistolini ha commentato riferendosi a un futuro molto piu’ probabile, per le Elezioni Presidenziali americane del 2016: Bobby Jindal, classe 1971, Governatore della Louisiana per i Repubblicani e figlio di due immigranti indiani del Punjab.

International Relations at the Time of Obama

If Barack Obama wins tomorrow, politicians the world over will want to be pictured next to such a globally-popular celebrity politician. President Obama will have a few months of honeymoon with the World, during which he will be able to ask anything, and everything will be done for him and for the USA. If he’s half as smart as needed, Obama will bring untold advantages to America.

If it’s instead John McCain the one to win, he’ll find a world in shock and disbelief, even more desperate than usual and ready for a few months of outright condenscendence against the USA. Plenty of work and talk will be needed before President McCain will be able to put together some international agreement that will be of any advantage for America.

And the funny thing is, if Obama or McCain will win tomorrow, the international relations of the USA will not change in substance from President Bush’s, apart some minute detail.

Anche Su Google, Obama In Vantaggio Su McCain

Anche su Google, Barack Obama sembra essere (quasi sempre) in vantaggio…

Per esempio: cercando “obama 666” si ottengono 1,380,000 pagine. “mccain 666” riporta solo 848,000 risultati.

Oppure “McCain eats babies” (mangia bambini) = 1,460. “Obama eats babies” = 3,050.

L’unica ricerca dove McCain e’ davanti anche se di poco: “McCain is a nazi” (e’ un nazista)= 5,610. “Obama is a nazi“=5,130.

Obama Ahead…In Google Too!

In Google too, Barack Obama appears ahead of John McCain, most of the time…

For example: searching “obama 666” one gets 1,380,000 pages. “mccain 666” returns only 848,000 results.

Or “McCain eats babies” = 1,460. “Obama eats babies” = 3,050. One wonder how much exercise is needed to avoid getting fat after having eaten all those little children.

The only search where McCain is just a bit in front: “McCain is a nazi” = 5,610. “Obama is a nazi“=5,130.

No page had ever mentioned “McCain and Obama are nazis” as a single sentence until I wrote this very blog ;-)

Una Speranza Fra i Neonazisti

Chi l’avrebbe mai immaginato…fra i neonazisti, c’e’ anche qualcuno straordinariamente consapevole di alcuni, diciamo cosi’, “inconvenienti”…

C’e’ un problema reale,” ha detto [Bill] White [capo del Partito Nazional Socialist Americano dei Lavoratori] in una intervista il mese scorso, “in quello che e’ chiamato il ‘movimento bianco.’ Uno, ci sono tante persone che sono mentalmente malate, e dobbiamo occuparcene spesso. No. 2, ci sono persone che hanno dei seri problemi sessuali.

Signs of Hope Among White Supremacists

who would have guessed…white supremacists (eg Neo-nazis) can be surprisingly self-aware…

There’s a real problem,” [Bill] White [head of the American National Socialist Workers Party] said in the interview last month, “in what’s called the ‘white movement.’ One, there’s a lot of people who are just mentally ill, and we deal with those a lot. No. 2, there are people who have serious sexual problems.