Category Archives: Radicali

Indignarsi Perennemente, Un Segno Di Indegnita’

Spero che un giorno l’attuale opposizione la finira’ con questa politica della indignazione perenne, anche perche’ non puo’ funzionare se a senso unico (vedi vicenda Vaccarella). La politica dell’indignazione finisce solo con il riempire le bocche e scaldare i cuori. E a me (come, spero, a tanti) delle bocche piene e dei cuori caldi non potrebbe importare meno.

Cosa mi importa invece? Mi importa che dopo decenni di indignazione contro la CEI, nei giorni scorsi per la prima volta un Governo italiano ha detto ai Vescovi di stare zitti. Senza indignarsi, senza promettere sterile guerriglia di posizione. Magari fossimo stati capaci di tanto quando Prodi poteva far passare i DICO, e le potenti forze anticlericali della sinistra non sono riuscite a fare niente (a parte indignarsi delle ingerenze dei Vescovi).

ps questa non e’ una critica all’operato di alcun Senatore. Darei sette ottavi del mio sangue per averne dieci se non cento come la Poretti e il Perduca. E sono sicuro che se i Radicali avessero i voti che ha il PD (non dico, il PDL) i Vescovi starebbero anche piu’ zitti di adesso. Ma se sei piccolino, allora importa sapere con chi stai, per sapere cosa vuoi davvero fare a parte che passare il tuo tempo a indignarti.

Voglia Il Governo Smetterla Con Questo Continuo Inseguimento Delle Ultime Notizie

Il troppo e’ troppo. Ci deve essere nel Governo qualcosa di piu’ che la reazione senza fine a quanto appare nelle prime pagine dei giornali. Vabbe’ che l’opposizione si limita a nove indefessi e 43 un po’ meno inde, ma perche’ permettere alla pochezza dell’avversario principale di rovinare un po’ tutto?

I Radicali Ci Riprovano

A Chianciano dal 27 febbraio all’1 marzo, perche’ “Come dopo 20 anni di fascismo è stato possibile e necessario porre fine a quel regime, ora, dopo 60 anni, è necessario chiudere con questo regime partitocratico“.

Insomma un tentativo di catturare l’attenzione almeno di quelli nel Partito Democratico che potrebbero averne abbastanza di quel progetto politico con la vitalita’ di un ectoplasma.

Dubito che succedera’ niente di particolare, anche perche’ se il PD e’ allo sfascio non e’ certo solo per colpa di Veltroni (o di Franceschini). Ma come si dice, tentar non nuoce.

Io, non vedo l’ora che i Radicali in Parlamento si rendano conto che nel PD non c’e’ rimasto proprio niente. Meglio il gruppo misto insomma che il misto stanco e penoso di Franceschini e soci.

Purtroppo non si tratta di una questione di bonta’ dell’idea pannelliana di fondare un partito democratico nella sinistra italiana in alternativa alla partitocrazia moderna (di cui peraltro il PD e’ uno dei massimi artefici). Come dimostrato al tempo della Rosa nel Pugno, affondata consapevolmente per bislacca iniziativa di Enrico Boselli, c’e’ il vuoto totale nelle idee dei dirigenti politici a sinistra, e perche’ no, anche un intruppamento sostanziale dei loro quadri ed elettorato, che voteranno PD comunque, manco fosse la loro squadra di calcio.

Il Futuro del PD E’ Segnato

Sia quello che il PD dovrebbe essere se ci fosse un granello di sale nella zucca di uno solo dei suoi “leader”

iscrizione accolta senza possibilità che possa essere rifiutata; esplicita rivendicazione della positività della doppia e plurima tessera; nessuna possibilità di poter essere escluso dal partito, perché non ci sono i probiviri e altri meccanismi di espulsione; congresso a data fissa, aperto agli iscritti, che hanno, tutti, indistintamente, possibilità di candidarsi alla guida del partito, proporre e votare documenti; autonomia dei gruppi parlamentari e degli eletti

sia quello che sara': il solito bello schifo comandato dai soliti quattro comunistacci politicamente imbelli, tutti educati alle Botteghe Oscure.

E’ questo un grosso segnale della pochezza della vita politica italiana attuale, e non certo l’egemonia di Berlusconi. Con un avversario cosi’, anche io sarei Presidente del Consiglio alla grande…

La Luce e lo Scontro – Lettera Aperta al Partito Radicale Transnazionale

Carissimi Cappato / Pannella / Perduca / Mecacci / Bonino / D’Elia / Stango / Mellano / Vecellio e compagni radicali tutti

Noto con dispiacere che ci sono vari punti in maniera di politica a livello globale, sui quali non vado assolutamente d’accordo con quanto espresso da vari esponenti Radicali.

Non essendomi possibile, per esigenze di lavoro, la partecipazione a Bruxelles al Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento Transpartito Transnazionale (11-13 dicembre), mando quindi alcuni spunti su quanto avrei detto in quella occasione.

La mia preoccupazione principale e’ nel non capire ne’ il senso ne’ le motivazioni, da Radicali, di un certo generale irrigidimento su piu’ fronti, contro chi ci appare come “nemico”: un irrigidimento di cui non vedo lo scopo, anche perche’ non capisco in base a quale strategia si pensi che questo modo di atteggiarsi potrebbe portare ad alcun risultato, se non rendere i “nemici” ancora piu’ “nemici”.

Ci ritroviamo cosi’ ad avere cuori caldi e a portare teste alte, ma a coloro per i quali diciamo di lottare, che cosa potra’ mai loro importare del nostro stato d’animo se non otteniamo niente di concreto per loro?

Peggio: sembra che anche per i Radicali come un po’ per tutti, ci siano popoli oppressi di Serie A e altri popoli oppressi di Serie B, di cui non ci importa un classico fico secco. Che senso ha tutto questo?

Per chiarezza, nel seguito trattero’ di due esempi: la Russia e l’Iran. Comincio con una premessa ispirata dall’intervento di Matteo Mecacci alla Camera, nel Novembre scorso, in un dibattito sulla politica estera e la crisi in Georgia:

“È evidente che il Presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi, ha scelto un certo tipo di politica estera sicuramente diversa da quella degli anni precedenti nella scorsa legislatura”

A me sembra invece evidente che Berlusconi stia continuando la politica estera che fu di De Gasperi, di Andreotti, di Craxi, e anche di Prodi. Con uno stile fra il giullare e lo spregiudicato, ma “ovviamente” lungo le stesse linee guida.

Perche’? Perche’ l’Italia, chiunque sia al Governo, e’ e rimane una “Potenza di serie B” (sempreche’ il termine “Potenza” abbia ancora validita’). Cosa venga deciso a Roma e’ in generale di nessun interesse per la vasta maggioranza delle Nazioni e dei Popoli del Pianeta Terra.

Per tenere contenti gli Italiani e il loro Amor Patrio, a parte qualche insipido summit UE e un vacuo voto nelle decisioni NATO, l’unico modo per far finta che l’Italia abbia un considerevole peso internazionale sta nel dimostrare ogni tanto indipendenza e spregiudicatezza, rifuggendo dalla previdibilita’ almeno nelle decisioni non eccessivamente importanti.

C’e’ nessuno che ricordi quanto fece Craxi lasciando libero Abu Abbas a Sigonella nel 1985, o la capacita’ di Andreotti, nel 1991, di essere l’unico e solo Capo di Governo al mondo che ricevette telegrammi di ringraziamento sia da parte di Gorbachov, sia da parte dei “Dodici” golpisti sovietici?

Inutile quindi notare “una politica estera molto spericolata che cerca rapporti…anche con la Libia di Gheddafi”. I quali fra l’altro sono una scelta obbligata, visto che persino gli USA si avviano alla normalizzazione e non c’e’ vantaggio alcuno a tenersi a distanza.

Continua Mecacci:

“(in Russia) si è scelta la via militare anche per fare i conti con la Georgia, che è solo l’esempio di un Paese che vuole integrarsi nell’Unione europea, che ha una cultura profondamente europea, così come l’Ucraina”

Il consenso fra gli specialisti invece e’ che “Misha” Saakashvili abbia attaccato per primo, lo scorso agosto.

In generale, il comportamento della Georgia post-URSS non e’ mai stato ne’ democratico, ne’ conciliatorio, ne’ liberale nei confronti delle minoranze, a cominciare da Zviad Gamsakhurdia, che dopo aver proclamato l’indipendenza georgiana nel 1991 decise di eliminare ogni autonomia a Osseti e Abkhazi.

Ricordiamoci che Saakashvili stesso ha non troppo tempo fa organizzato la solenne traslazione della bara di Gamsakhurdia (giusto per sottolineare le prospettive di liberta’ di Osseti e Abkhazi sotto il nuovo Governo…). E dopo aver bastonato gli oppositori, si e’ preso tutte le stazioni televisive. Come scrivono in occasioni separate Robert English e George Friedman sulla New York Review of Books, la Georgia lungi dal dimostrare una “cultura profondamente europea”, si comporta nel Caucaso come una “Piccola Russia”.

O in alternativa: se e’ europea la Georgia, perche’ non e’ europea anche la Russia?

Riguardo l’Ucraina, e’ ormai democraticamente e ripetutamente appurato che meta’ del Paese e’ russo e si sente russo. Non sono parte dello Stato Ucraino pure essi? Che messaggio abbiamo da dir loro, se la nostra politica e’ caricare a testa bassa contro qualunque cosa faccia o dica la Russia? E’ questo un punto forse ancora piu’ importante da chiarire. Perche’ non dimostriamo alcun interesse nel destino di certi popoli, per esempio se hanno la buona o cattica sorte di essere appoggiati dalla Russia?

E infatti, sentiamo Mecacci di nuovo:

“Il Presidente del Consiglio ha dichiarato in questi giorni che occorre evitare il ritorno alla guerra fredda. Credo che occorra che qualcuno in quest’aula ricordi che la guerra fredda va rivendicata dal momento che è ciò che ha consentito all’europa decenni di pace”

Ma non e’ stata la Guerra Fredda a consentire la “pace”. E’ stata l’adesione di Stalin agli accordi di Yalta. Nessuna (neanche una) democrazia liberale e occidentale e’ stata fatta sviluppare se non laddove gia’ stabilito da Roosevelt, Churchill e Stalin, e nessuna rivoluzione comunista ha avuto successo se non dove gia’ deciso a priori.

Il destino di ogni Paese, Italia inclusa, e’ stato scritto nel 1945 e non e’ cambiato di una virgola, neanche laddove dopo la guerra l’insurrezione comunista fosse fu piu’ forte (Grecia), o la societa’ non-comunista piu’ solida (Ungheria).

La Guerra Fredda non ha impedito ai Sovietici di conquistare l’Europa (come se gli USA e il Regno Unito sarebbero rimasti a guardare) ma ha impedito ai polacchi, ai cecoslovacchi, ai rumeni, ai bulgari etc etc di sviluppare le loro democrazie liberali e occidentali. Anche il destino delle repubbliche baltiche (e in misura minore, della Finlandia a liberta’ limitata, vittoriosa contro l’URSS ma abbandonata a Stato satellite) lo dimostra chiaro e tondo.

Andiamo a chiedere a loro quanto c’e’ da rivendicare, della guerra fredda.

E sulla minaccia che si ritorni ai vecchi confronti a muso duro con i russi: non dimentichiamoci che la Russia contemporanea, anche quella di Yeltsin, e’ sempre stata trattata dai “nostri” come una minaccia, e l’allargamento della NATO e’ stato sempre sottinteso come una difesa contro la Russia, da quegli Stati dimenticati sessanta e piu’ anni fa oltre la cortina di ferro.

Non meravigliamoci quindi se si comporti come se si senta minacciata (diciamocelo chiaro e tondo: lo e’), e quindi ritenga opportuno cercare di aumentare la propria sfera d’influenza. E’ di dialogo e rispetto che c’e’ bisogno, non di minacce o indignazione. Dice Nicholas Kristof poche settimane fa sul New York Times: stuzzicare un orso irritabile non e’ un sostituto per della seria diplomazia.

Ci sono altri argomenti che mi vedono fuori dalla linea politica internazionale di parecchi dirigenti radicali.

Il piu’ eclatante e’ l’Iran, che alcuni fra noi vedono come la reincarnazione del male assoluto. Di nuovo, scegliendo il conflitto aperto (se non addirittura, auspicando quello armato, rendendo in tal modo inevitabili sia un ulteriore inasprimento della gia’ dura repressione interna, sia il completamento della costruzione di una o piu’ bombe atomiche), laddove niente e’ comprensibile se non si esplorano seriamente le ragioni di tutti.

C’e’ un unico motivo infatti per cui l’Iran cerca di costruire la bomba atomica: per garantire la sicurezza nazionale. Questa e’ un’opinione diffusa fra tutti gli esperti di strategia internazionale. Prova anche ne sia il fatto che il programma atomico e’ stato cominciato da ben prima della Rivoluzione Islamica di Khomeini, ai tempi dello Shah Reza Pahlavi.

L’Iran non e’ certo il solo o il primo Stato a proseguire su quella strada. Gia’ India e Pakistan hanno sviluppato la Bomba per difendersi l’una dall’altro. Non e’ poi un caso che le guerre convenzionali contro Israele siano cessate allorquando e’ stata resa nota l’esistenza di ordigni atomici sotto controllo del Governo di Tel Aviv/Gerusalemme.

Il fatto poi che la Corea del Nord, con la sua micro-atomica, non sia stata ne’ invasa ne’ attaccata dagli USA, sorte invece toccata al nuclearmente disarmato Iraq di Saddam Hussein, non puo’ che spronare le autorita’ di Teheran a premere l’acceleratore affinche’ anche una sola Bomba sia disponibile al piu’ presto: per salvare la propria vita, piu’ che per attaccare chicchessia.

E invece: cosa proponiamo noi? Antonio Stango su Notizie Radicali del 18 giugno 2008 invita a

“[non] concedere tempo agli ayatollah al potere [e pretendere] entro pochi mesi, un governo iraniano che tuteli le libertà e i diritti umani, fermi la corsa all’arma nucleare e rinunci alle manovre terroristiche all’estero“

A parte che mi sembra avessimo smesso di sognare di esportare la democrazia…possibile che non ci rendiamo conto che non c’e’ bisogno di essere amici degli Ayatollah per capire che una volta messi all’angolo con il rischio di essere eliminati da un momento all’altro, faranno quanto di piu’ logico e metteranno davvero insieme una bomba nucleare, magari rudimentale, magari “sporca” ma ovviamente pronta all’uso?

Dov’e’ la Noviolenza in tutto questo? Non e’ quasi banale dire che per uscire fuori da questo circolo vizioso, ed evitare un conflitto di qualsivoglia genere, bisogna andare alle radici del problema, che rimane la questione della sicurezza per l’Iran stesso, islamico o democratico che sia?

Chi lo dice? Lo dice il famoso Hans Blix. Lo dicono George Perkovich, Direttore del Programma di Nonproliferazione al Carnegie Endowment for International Peace, e Pierre Goldschmidt, gia’ vice Direttore della International Atomic Energy Agency. Lo dice Zbigniew Brzezinski, gia’ consigliere di Carter. Lo dice lo scrittore e giornalista Christopher de Bellaigue. Lo dice il New York Times, in un editoriale senza firma del 28 Maggio 2008.

L’unico modo per evitare la tragedia di una guerra e’ condurre dei negoziati seri con l’Iran: e l’unico modo per essere seri e’ garantire all’Iran che l’Europa, e gli USA smettano di appoggiare tentivi piu’ o meno segreti di colpo di Stato violento in Iran.

Ogni altro atteggiamento portera’ a morti e distruzione. Ovviamente, e logicamente. In barba alla nonviolenza.

E infine, riguardo la Cina. Non e’ stato possibile convincere nessun Radicale della necessita’ di non far finta di niente dopo il terribile terremoto del Maggio scorso.

Mi e’ stato detto che un terremoto e’ una tragedia non politica: al che rispondo che prima di tutto a uccidere le persone in caso di terremoto sono gli edifici che crollano, e non il tremore della terra. E cosa c’e’ di piu’ politico, e di piu’ colossale esempio di assenza dei piu’ minimi controlli democratici, che l’incuria da parte di Governi un po’ in tutto il mondo (Cina, e Italia incluse, ovviamente)? I quali Governi permettono l’edificazione fuori norma, magari proprio di quelle scuole dove ci sono i bambini e quindi il futuro di innumerevoli famiglie.

Se ne e’ accorto nessuno, fra una bandiera tibetana e l’altra, che il Primo Ministro cinese Wen Jiabao si e’ fatto fotografare piu’ volte seriamente impegnato a lavorare per aiutare i terremotati? Davvero tutto cio’ e’ stato fatto senza che avesse valenza politica?

Mentre di noi che impressione sara’ rimasta, se non di cinici, barbari e cattivi, tutti presi a difendere i tibetani calpestando i morti altrui (e adesso, impegnati a viso aperto nel fomentare movimenti nazionali di resistenza dentro lo Stato cinese, manco fossimo a un remake delle lotte russo-giapponesi riguardo la Manciuria).

Cosa vogliamo ottenere, dalla Cina? Una capitolazione ignominiosa? Tante scuse e il ritiro immediato dal Tibet? Chissa': se cosi’ fosse, cio’ spiegherebbe il deserto assoluto nei nostri cuori, incapaci di manifestare alcuna solidarieta’ di fronte a migliaia di morti.

Ma se cosi’ fosse, qualcuno mi puo’ spiegare di che strategia si tratti? Qual’e’ l’idea di fondo, come vogliamo ottenere quanto vogliamo ottenere, dalla Cina, presentandoci noi stessi a muso duro, indifferenti, miopi e agitatori pronti a tirare nel mucchio?

In ultilma analisi, anche l’indignazione, come dice in risposta a una lettera il gia’ citato George Friedman riprendendo il noto giornalista e politico statunitense Strobe Talbott scrivendo su Time Magazine del 1979 non a caso dell’Iran, non e’ una politica estera.

Questo e’ il tema di fondo. E allora con l’essere Radicali cosa c’entra l’agire da nemici “giurati a prescindere” della Russia, il manifestare noncuranza contro Abkhazi e Osseti meridionali, il considerare l’Iran come il Male, lo sputare metaforicamente negli occhi di centinaia di milioni di cinesi di etnia Han, per non parlare del disprezzo palese contro la Serbia (e di nuovo l’assenza di considerazione per i serbi del Kosovo)?

Anche sul Libano, cosa abbiamo da dire se non le solite generiche accuse contro Hezbollah, come se quelli fossero alieni venuti dallo spazio e non una parte molto consistente della popolazione locale?

A chi giova lo scontro frontale e senza possibilita’ di compromesso? Cosa c’entra, con la Nonviolenza, con Gandhi, con il carattere Transnazionale di un Partito che aspirerebbe anche ad avere in se’ persone provenienti da Paesi in grave e perdurante conflitto fra loro, e tuttavia capaci di rimanere all’interno dello stesso gruppo politico, e di gestire gli inevitabili conflitti senza la evitabile violenza?

Ecco, e’ questo che non capisco. Continuero’ a sforzarmi. Speriamo pero’ che qualcuno mi dia una mano a chiarire cosa vogliamo per il nostro futuro.

Omosessualita’, ONU e Vaticano

Notizie non molto edificanti, ovviamente, dal fronte omosessualita’-ONU-Vaticano, dopo l’intervista a Mons. Celestino Migliore, Osservatore Permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite (disponibile qui in italiano e nell’originale francese), che ha detto che il Vaticano non firmera’ la proposta francese/UE di dichiarazione ONU contro la discriminazione degli omosessuali (qui nella versione “originale” in inglese).

Intanto inviterei Mons. Migliore a essere un portavoce migliore, che eviti pronunciamenti straordinariamente sibillini come il seguente

Dans une déclaration ayant une valeur politique et signée par un groupe de pays, il est demandé aux Etats et aux mécanismes internationaux d’application et de contrôle des droits de l’homme d’ajouter de nouvelles catégories devant être protégées contre la discrimination, sans tenir compte que, en cas d’adoption, elles créeront de nouvelles et terribles discriminations

Certe dichiarazioni e certe prese di posizione andrebbero spiegate MOLTO BENE e PRIMA e non lasciate a un affannoso gioco di contropiede come si vede in questi giorni. Ha seminato vento, povero Monsignore, che cosa si poteva aspettare, se non la cagnara che e’ scoppiata in Italia?

E pur tuttavia, neanche fra i vociferi antivaticanisti mi sembra di vedere granche’ di buono. Notiamo come il casino sia stato quasi tutto italiano, e notiamo anche quanti siano saltati immediatamente sulle quattro parole di Mons. Migliore…come se ci fosse un nervo scoperto (*). O come se ci fossero avvoltoi sempre in agguato, al minimo sentore di qualcosa che puzzi.

E perche’, viste come sono andate le cose ultimamente (Sapienza inclusa) gli antivaticanisti devono ri-cascarci e, buttandosi a capofitto contro il Vaticano, rimettersi in condizione di essere dipinto come “laicisti d’attacco”? Come si dice, se siedi al tavolo del poker e non sai chi e’ lo stupido…

Infine non puo’ il Vaticano dire come la pensa? Quando lavoravano per far passare la mozione sulla pena di morte, hanno forse i Radicali concentrato i loro sforzi nel denunciare chi non era d’accordo?

Che si trovino i voti per far passare la mozione francese, e del resto chi se ne importa…

L’impressione finale, che magari e’ sbagliata, e’ che tutto questo seguire cosa si dice in fondo a via della Conciliazione sia una forma di omaggio dei Radicali (e non solo) all’autorita’ del Papa e dei Vescovi.

(*) Niente links per Repubblica.it, che a quanto dice news.google.it ne sarebbe piena, visto che continua il mio sciopero della lettura

Vota e Fai Votare GIULIA INNOCENZI Alle Primarie dei Giovani Democratici

Ricevo e rimando

From: Giulia Innocenzi, Associazione Coscioni
Sent: Monday, November 17, 2008 6:51 PM
Subject: Poche ore al voto

venerdì 21 novembre si terranno le primarie dei Giovani Democratici. Nonostante aver chiesto da due mesi a questa parte regole certe, trasparenza e conoscibilità dei candidati e dei loro programmi, queste primarie sono rimaste clandestine e sostanzialmente avranno risultati prestabiliti e imposti dall’apparato di partito.

Un’occasione mancata per la possibilità di rinnovamento e partecipazione, e per l’adozione di un nuovo metodo di fare politica: quello dal basso, quello mosso dalla passione e dalla voglia di portare avanti iniziative concrete.

Tuttavia, come per la presentazione della candidatura a Segretario, per la quale siamo riusciti a raccogliere 1915 firme, a fronte delle 600 necessarie, superando quelle raccolte dagli altri candidati, così possiamo farcela anche per le elezioni del 21 novembre, se uniamo le forze e mobilitiamo le nostre conoscenze e gli individui singoli.

Le elezioni si terranno questo venerdì in tutta Italia, dalle 8 alle 23. Nel momento in cui ti scrivo non si sa ancora dove saranno posizionati i seggi – nonostante più di un mese fa abbia fatto richiesta per il rinvio delle elezioni, che fu accettato, proprio per sopperire alle disfunzioni organizzative e comuinicative! – ma la loro ubicazione in tutte le città sarà pubblicata in tempo reale su www.giovanidemocratici.org (seggi elettorali).

Ti chiedo di fare l’ultimo sforzo per la conclusione di questa avventura, che si è tramutata in una vera e propria campagna per la democrazia interna dei partiti, anche a fronte dell’ultima iniziativa sulla libertà di associazione  e la doppia tessera Radicali – Pd.

Ecco cosa puoi fare:

  1. inoltrare questa mail a tutti i tuoi contatti, per chiedere a chi abbia dai 14 ai 29 anni di andare a votare. Può votare chiunque, basta pagare 1 euro;
  2. fare volantinaggio fuori dalle scuole, dalle università e in tutti i luoghi di aggregazione dei ragazzi, per invitarli al voto (puoi scaricare qui il volantino);
  3. organizzare un tavolo di raccolta firme per chiedere al Parlamento leggi antiproibizioniste sui temi della ricerca, della Ru486, della pillola del giorno dopo, dell’eutanasia e volantinaggio vicino ai seggi dove si voterà. Coglieremo la giornata del 21 novembre per far sì che le battaglie per la laicità, l’autodeterminazion e e i diritti civili ad oggi silenziate, possano finalmente riemergere nel dibattito all’interno del Partito Democratico, magari anche con la mia elezione a Segretario dei Giovani Pd! (scarica il modulo online)
  4. sostenere la candidatura dei delegati all’Assemblea Nazionale e all’Assemblea Regionale di riferimento dela tua provincia.

Ogni elettore potrà votare il Segretario, un uomo e una donna all’Assemblea Nazionale e un uomo e una donna a quella Regionale. Vai sul mio sito a vedere chi sono i candidati della tua provincia!

Perché le battaglie radicali di Piergiorgio Welby e di Luca Coscioni per la libertà di scelta, per la libertà di ricerca e per l’antiproibizionism o possano essere le battaglie dei Giovani del Partito Democratico. Perché l’università si liberi dei baroni attarverso l’abolizione dei cavilli corporativi del valore legale del titolo di studio e l’obbligatorietà dei concorsi universitari. Perché Marco Gentili possa portare avanti le politiche sulla disabilità coinvolgendo  giovani e studenti. Perché il Pd possa essere veramente democratico e la Sinistra italiana possa essere liberale e laica. Perché anche in Italia uno esterno, uno che ha deciso di candidarsi per la voglia di portare avanti battaglie per la democrazia e per lo stato di diritto possa farcela. Perché anche noi abbiamo voglia di cambiare.

Sicurezza Aereoportuale e Nuove Possibilita’ di Business

Grande spazio alla BBC per il “nostro” Parlamentare Europeo per i Radicali, Marco Cappato, menzionato come “Italian Liberal” (ahia che male!) sia in un articolo sulle nuove macchine a “raggi denudanti” che la UE vuole far installare negli aereoporti (con tanto di “box” solo per lui), sia nei notiziari radiofonici (la sua voce e’ stata trasmessa al Regno nel notiziario della mezzanotte, su BBC Radio4).

Cosa fare di fronte al fatto che in nome della “sicurezza” ormai tutto viene presentato come “giustificato” ?

Approfittiamone, ecco cosa fare! Cosa succedera’ infatti quando tutti sapranno di arrivare “nudi alla meta”, volevo dire “al gate”?

Insomma, gli uomini ovviamente vorranno mostrare il meglio di se’ (giu’ tutti a trangugiare Viagra); mentre le donne pure (grandi affari per chi vende bustini, corsetti e reggiseni riempitori e di sostegno).

Aspettiamoci quindi qualcuno che ci dica che la sicurezza totale fa bene all’economia.

ps un minuto di silenzio per la vita grama di chi dovra’ lavorare osservando tutte quelle pance e ciccie nude transitare sullo schermo

Nudita Aereoportuali
Nudita' Aereoportuali

La Crisi Finanziaria Come Scusa Antiebraica e Antiaraba

Confesso la mia sgradevolissima sensazione di sorpresa nel leggere l’articolo di Daniele Carcea e Paolo Musumeci su NR del 7 ottobre “Economia: Punto e a Capo(ne)“.

Quali che siano le opinioni sulle cause dell’attuale crisi finanziaria internazionale, ritengo il loro intervento da cestinare assolutamente per il solo fatto di accomunare “ebrei” e “arabi” al Vaticano e alla mafia, fra i “centri finanziari di potere” e le “cricche di loschi figuri” che si sono avvantaggiati negli ultimi anni.

Gli Arabi, e gli Ebrei, Carcea e Musumeci li chiameranno “loschi figuri” senza di me.

Giulia Innocenzi: Ultime Ore Per Le Firme Per La Candidatura A Segretario PD Giovani

Un nuovo messaggio da Giulia Innocenzi, (forse) candidata radicale a Segretario dei Giovani del Partito (forse) Democratico:

In queste ore mi sono candidata da radicale, coordinatrice degli Studenti Luca Coscioni e iscritta a Radicali Italiani, alla segreteria dei Giovani del PD. È un’impresa difficile, ma non impossibile, per tentare ancora una volta di fare del Partito Democratico, un partito democratico. Dopo le lettere aperte che ho scritto a Walter Veltroni, e dopo il presidio davanti alla sede del PD insieme ad altri compagni radicali, siamo riusciti ad ottenere il primo risultato: la pubblicazione del regolamento e la proroga dei termini per presentare la candidatura alle primarie del PD Giovani.

Per riuscire in questa impresa, però, c’è bisogno del tuo aiuto:
occorre raccogliere 600 firme entro la mezzanotte del 2 ottobre per presentare la mia candidatura. Di queste firme, in 5 regioni è richiesto un minimo di 50. Possono firmare tutti coloro che hanno dai 14 ai 29 anni. Ma l’impegno può essere di tutti.

Puoi scaricare e stampare questo modulo dove raccogliere le firme:
modulo_giovani_pd_innocenzi_firma.pdf
e inviarlo immediatamente al numero di fax:
0668805396 o scannerizzato all’email
pergiuliasegretario@gmail.com

In questi giorni sto ricevendo incoraggiamenti e adesioni alla battaglia per la legalità e la democraticità delle primarie non solo da Radicali e simpatizzanti, ma anche dai Piddì, da quelli stanchi della spartizione di poltrone e di decisioni prese dall’alto.

C’è ora bisogno del tuo aiuto, per affermare i principi di legalità e di libera associazione e anche per poter mettere al centro dei temi dei giovani (ma non solo) del Partito Democratico le lotte di Luca Coscioni e Piergiorgio Welby.

Fammi sapere cosa puoi fare. Il tuo aiuto, anche con la raccolta di poche firme, può essere straordinariamente prezioso.

Giulia Innocenzi
Coordinatrice Studenti Luca Coscioni
Candidata alla Segreteria Giovani PD

Cosa Puoi Fare:

 

Audiovideo Mio Intervento Convegno Porta Pia

Ebbene si’, ho parlato anche io al Convegno sull’anniversario di Porta Pia, ieri a Londra. Sono tre minuti e diciassette secondi di fondamentale importanza naturalmente. Fare clic qui per vedermi e ascoltarmi (link all’intera conferenza).

Porta Pia: Considerazioni Finali

Si e’ appena concluso il convegno “Roma 20 settembre 1870, data epocale del mondo contemporaneo? Eredità e attualità”, organizzato a Londra e con la partecipazione di Emma Bonino e Marco Pannella, piu’ uno stuolo di studiosi di varia nazionalita’ (italiani, francesi, un olandese, due ungheresi, due inglesi, etc etc).

E’ stato un incontro molto interessante che speriamo si traduca presto in un nuovo convegno allargato a personalita’ anche non esattamente laiche. Ho avuto l’opportunita’ di presentare e commentare alcune parti della lettera di Vittorio Emanuele II a Pio IX, datata 8 settembre 1870, missiva curiosamente assente dal web in Italiano finche’ non l’ho tradotta personalmente secondo quanto riportato all’epoca dal New York Times.

Quali conclusioni? Il particolare piu’ interessante e’ stato scoprire che la fine del Potere Temporale il 20 settembre 1870 ha portato alla disfatta del clericalismo…in Francia! Le ramificazioni nella politica transalpina sono durate per vari decenni, infatti, e a un’improvvida propaganda filoborbonica che voleva addirittura una guerra fra la Francia e l’appena unita Italia si oppose con successo un movimento anticlericale che poi con Gambetta portera’ alla disistituzionalizzazione quasi completa della Chiesa Cattolica in suolo francese.

Per l’Italia invece c’e’ poco da celebrare, e la possibilita’ che per esempio il movimento liberale di ispirazione mazziniana possa aver vinto qualcosa, e’ un grosso punto interrogativo. Addirittura, due dei relatori, la Professoressa Riall esperta di Garibaldi, e il Professor Viaene che ha parlato della risposta vaticana al XX settembre, hanno praticamente detto quanto ho scritto ieri, a proposito della prima giornata: e cioe’ che in fondo in fondo e’ stato Pio IX a “vincere”, trasformando il Papato nella forma moderna e universale che conosciamo adesso, ben al di la’ del semplice Capo di Stato che era stato fino a quel momento.

Cosa rimane da fare? Molto, anzi moltissimo. Anche per il bene della Chiesa, e dei Cattolici, come ha sottolineato Pannella dimostrando che esiste anche la possibilita’ di essere laici senza per questo disprezzare chi non lo sia.

Porta Pia: Considerazioni al Termine della Prima Giornata

Il convegno “Roma 20 settembre 1870, data epocale del mondo contemporaneo? Eredità e attualità” a Londra oggi venerdi’ 19 e domani sabato 20 settembre in occasione dell’anniversario della fine del Potere Temporale, e’ partito con il piede giusto, una serie di interventi interessanti sul contesto politico della “breccia” a livello europeo, inclusa la situazione in Francia e in Ungheria, e un’analisi della situazione riguardo la firma del Concordato nel 1929.

Il clou e’ stato l’intervento finale di oggi, di Emma Bonino, quando e’ stato letto un contributo di Adriano Sofri riguardo la storia dietro al quasi sconosciuto quadro “Gli ultimi momenti di Giuseppe Mazzini” di Silvestro Lega.

Gli ultimi momenti di Giuseppe Mazzini
Gli ultimi momenti di Giuseppe Mazzini

Vediamo come evolveranno le cose domani ma finora non ho sentito niente che possa smentire la mia sensazione diffusa che, centotrentotto anni dopo, ad aver vinto sia stato Pio IX, e ad aver perso sia stato proprio Mazzini (il quale, rinchiuso il 13 agosto 1870 nella fortezza di Gaeta, fu molto rattristato a vedere Roma cadere nelle mani del Regno d’Italia, come riferito dalla Bonino).

Pio IX, infatti, all’epoca si era appena fatto dichiarare infallibile, aprendo la strada all'”Imperatore Spirituale” che e’ il Papa moderno. Avendo poi gia’ tutte le garanzie riguardo il mantenimento della Citta’ del Vaticano, come suggerito nella lettera dell’8 settembre 1870 di Vittorio Emanuele II, Pio IX decise di non far arrendere le truppe pontificie nonostante l’ovvia superiorita’ di quelle italiane, chiedendo invece al Comandante del suo esercito, il Generale tedesco Conte d’Armin, di opporre una minima resistenza…quanto bastasse insomma perche’ nessuno potesse dire che Roma fosse stata consegnata dal Papa all’Italia, gettando le basi di decenni di negoziati intorno alla “Questione Romana”.

Vittorio Emanuele II, dal canto suo, nella lettera dice esplicitamente di voler occupare Roma per evitare un ritorno delle “forze cosmopolite”: cioe’, di quelle forze liberali/repubblicane che evidentemente all’epoca si rifacevano a Mazzini stesso.

Con il Concordato firmato 59 anni dopo la “Breccia” e lo Stato mussoliniano trasformato praticamente in un ibrido clerical-fascista; con l’avvento della Repubblica nel 1948 ma sotto il controllo costante delle Democrazia Cristiana; con le ingerenze post-1992 senza ormai piu’ freno da parte dei Vescovi italiani nella politica…insomma, sembrerebbe proprio che se tornassero oggi redivivi, a sorridere sarebbe Pio IX e non certo Giuseppe Mazzini.

Programma Convegno XX Settembre a Londra

ORDINE DEI LAVORI DEL CONVEGNO SU

“Roma, 20 Settembre 1870: data epocale del mondo contemporaneo? Eredità e attualità dello stato laico”

19-20 Settembre 2008
Londra

19 Settembre – presso la sede del Parlamento Europeo
2 Queen Anne’s Gate
SW1H 9AA Londra

Presiederanno: Emma Bonino, Eugenio Biagini e Marco Pannella
Ore 15.00
• Graham Watson, Eurodeputato e Presidente del Gruppo ALDE del PE, saluto ed introduzione

I. Sessione – ore 15.30 – 17.00

Luca Tedesco
“Anticlericalismi europei e rapporto Stato-Chiesa nella ricostruzione e valutazione del Congresso romano del 1904 della Federazione internazionale del Libero Pensiero”

Lucy Riall
“Vittime ed eroi: l´Italia, il Papa e la questione di Roma”

Serge Berstein
“Le conseguenze dell´avvenimento sulle relazioni tra la chiesa e lo Stato francese dal 1870 e la definizione di laicità francese”

Pausa caffe’

Antonello Biagini
“Il pensiero mazziniano e le costituzioni di ispirazione liberale nell´Europa Orientale”

Andras Gerö
“Libertà ungherese e l´influenza del Risorgimento”

Maurizio Isabella
“La questione romana e gli esuli italiani a Londra”

20 Settembre – Presso l’Istituto italiano di cultura
39 Belgrave Square, SW1X 8NX Londra

II sessione. 9.00 – 12.30

John Pollard
“Mussolini and the abolition of the Twentieth of September as a national holiday”

Giuseppe Galasso
“Gli avvenimenti del 1870 non costituiscono forse una svolta epocale? Eredità e attualità di quell´evento”

Eugenio Biagini
“Libertà religiosa e processo costituzionale nel Risorgimento”

Rocco Pezzimenti
“Lord Acton, Newman, Rosmini Manzoni e la questione romana”

Pausa caffe’

III sessione

Robert Tombs
“Ecco il nemico!: Clericalismo, anti-clericalismo e la Questione Romana in Francia, 1870-1877”

Vincent Viaene
“Mazzinismo a modo nostro. La risposta vaticana al XX settembre”

Jean-Yves Frétigné
“Il dibattito tra gli esuli politici a Londra negli anni 1840 e 1850″

Pausa pranzo

IV Sessione. Ore 14.00

Laszlo Csorba
“Il pensiero e l’opera Lajos Kossuth nel contesto (Austro) Ungarico, Londinese, italiano”

Nadia Ciani
“Ernesto Nathan londinese e romano: gli anni della formazione a Londra delineano un percorso di vita”

David Howarth MP

Pausa caffe’

V Sessione. Ore 17.00 – 19.00

Tavola rotonda e dibattito finale (con brevi conclusioni di)
Emma Bonino
Marco Pannella

Porta Pia, 20 Settembre: Appuntamento a Londra

Ricevo e rimando, da parte di Emma Bonino e Marco Pannella:

Caro, cara,

siamo lieti di invitarla ad assistere (partecipare ?) al Convegno sul tema: “Roma 20 settembre 1870, data epocale del mondo contemporaneo? Eredità e attualità” che si terrà VENERDÌ 19 DALLE 15 ALLE 19 nella sede di rappresentanza del Parlamento Europeo a Londra, 2 Queen Anne’s Gate London SW1H 9AA, proseguendo SABATO 20 SETTEMBRE, DALLE 9 ALLE 19, in quella dell’Istituto Italiano di Cultura, 39 Belgrave Square London SW1X 8NX, entrambe gentilmente concesseci. La preghiamo di risponderci per poter prevedere la sua presenza, il suo arrivo e assegnarLe il suo posto alla riunione.

Celebreremo così con i lavori che svolgeranno venti storici e accademici di sicuro prestigio (britannici, italiani, francesi, ungheresi, belga), il 138esimo anniversario della conquista di Roma all’Unità Italiana, la scomparsa degli Stati Pontifici, la nuova Europa ispirata a grandi valori laici, democratici, liberali, moderni.

Ma perché qui, a Londra?
Perché non più solamente alla breccia di Porta Pia, a Roma?

Già sappiamo che, per le generazioni che hanno vissuto lo scorso secolo, “la Voce di Londra” è stata la voce della libertà e delle liberazioni per i popoli oppressi e quelli minacciati dalle feroci dittature nazifasciste, comuniste, militariste.

Ma già nell’800 si erano verificati importanti eventi, oggi meno conosciuti; qualcosa di simile, almeno di altrettanto straordinario. Celebreremo quindi anche la splendida Londra di allora, quella che accolse, protesse, unì per decenni cruciali, molti degli eroi e degli autori dei Risorgimenti liberali continentali. La Londra che impresse, fra l’altro, con la politica laica dei Gladstone, le religiosità forti dei Lord Acton, del Cardinale Newman in forte consonanza con i cattolici liberali e/o Rosminiani italiani, specie con Manzoni, la difesa della libertà di ricerca, morale, civile, scientifica, religiosa.

Ricorderemo la sua accoglienza per Kossuth, per Mazzini, ospite della famiglia Nathan, per tanti altri. Ernesto Nathan, l’ancor oggi ritenuto il più grande Sindaco della Roma del 900, il grande radicale d’ispirazione fabiana che fu anche Gran Maestro della Massoneria post-risorgimentale italiana nei difficili anni di convivenza con pontefici che combattevano come “usurpatori” governo e popolo democratici italiani.

La celebreremo anche ricordando la straordinaria manifestazione di popolo con cui fu accolto e onorato Giuseppe Garibaldi, a Trafalgar Square e nei dintorni: vi furono un milione di londinesi, secondo le stime di quei giorni.

Il Convegno sarà aperto dal saluto di Graham Watson, Presidente del Gruppo ALDE (Liberale Democratico) del parlamento Europeo e fra i relatori ci sarà anche il deputato di Cambridge David Howarth. Abbiamo invitato e attendiamo la presenza di altri autorevoli colleghi parlamentari delle principali famiglie politiche. Purtroppo i nostri inviti sono stati inviati solamente in questi ultimi giorni per il poco tempo del quale abbiamo potuto disporre e ce ne scusiamo. Speriamo vivamente che siano ugualmente accolti.

Attendiamo le loro risposte, così come quella del Sindaco di Londra Boris Johnson, al cui saluto terremmo davvero molto.

Grazie per l’attenzione. Cogliamo l’occasione per inviarvi i nostri migliori saluti, sperando di avere il piacere di conoscervi e salutarvi di persona.

Vostri
Emma Bonino – Vice Presidente del Senato italiano
Marco Pannella – Deputato Europeo

P.S.
Essendo la capienza di entrambe le sale, specie quella del P.E. limitata, vi chiediamo di comunicarci tempestivamente l’intenzione di essere presenti, a una delle date (il 19/09 e il 20/09) o ad entrambe.

I posti saranno assegnati rispettando l’ordine cronologico di arrivo delle adesioni pervenute.

Le adesioni possono essere comunicate rispondendo a questa stessa email e per ulteriori informazioni si può chiamare nelle ore d’ufficio il numero
+44 (0) 2073964430

Sarò presente solo venerdì _____
Sarò presente solo sabato _____
Sarò presente ad entrambe le date _____

Bambini Rom: Quali Alternative Alle Impronte?

Un intervento di Valerio Vagnoli, gia’ insegnante al carcere minorile e al riformatorio di Firenze, pubblicato oggi su “Notizie Radicali”: “Bambini Rom: Quali Alternative Alle Impronte?

[…] non so bene cosa si possa fare per cambiare la vita a queste creature; so solo che in questi decenni non è stato fatto nulla e tutti noi siamo stati costretti a convivere con situazioni di vera e  propria promiscuità con i lager senza scandalizzarci e senza tante campagne in favore dei diritti dei bambini (rom). Oggi c’è chi sostiene, invece, che un trattamento da  lager lo si abbia costringendo i bambini ad offrire le loro impronte digitali agli organi di polizia. Di sicuro la decisione del governo ha avuto il merito di mettere l’opinione pubblica finalmente di fronte alla realtà e di offrire, se non altro, all’opposizione la possibilità di fare delle proposte concrete e mirate a far sì che questi bambini abbiano una loro identità e da lì si possa finalmente partire per garantirgli dignità di esseri umani. Aspetto fiducioso che una proposta alternativa e seria finalmente arrivi

Assemblea Associazione Radicale Antiproibizionisti

ASSEMBLEA DELL’ASSOCIAZIONE RADICALE ANTIPROIBIZIONISTI

@.r.a. ( antiproibizionistiradicali@gmail.com )

Il 19 luglio 2008, a Roma, in Via di Torre Argentina 76, dalle 10 alle 17 è indetta l’Assemblea della Associazione radicale antiproibizionisti

Dopo una prima riunione di insediamento a Chianciano, il 4 maggio, a margine dell’Assemblea dei Mille, l’associazione si riunisce in Assemblea degli iscritti.

All’ ordine del giorno:

Presentazione e votazione dello Statuto

Relazioni introduttive sul presente stato della battaglia antiproibizionista radicale nelle sue varie articolazioni: referendum, proposte di legge, disobbedienze civili, associazioni; convergenze e divergenze con le altre forze politiche.

Dibattito generale

Presentazione e votazione di mozioni generali e particolari

Elezioni di Segretario e Tesoriere

L’Assemblea degli iscritti è aperta alla partecipazione e agli interventi di tutti

Vi aspettiamo

Claudia Sterzi, responsabile dell’Associazione radicale antiproibizionisti
Rita Bernardini, Deputata radicale
Donatella Poretti, Senatrice radicale
Giulia Simi, Vicesegretaria dell’Associazione Luca Coscioni
Jolanda Casigliani, segretaria dell’Associazione radicale Satyagraha

Corte Suprema USA: Doppio Colpo contro la Pena di Morte

Con una decisione 5-contro-4, la Corte Suprema americana ha stabilito ieri 25 Giugno 2008 che non e’ possibile applicare la pena capitale a chi ha violentato uno o piu’ minori.

Naturalmente i violentatori si devono passare i loro decenni in galera, ma insomma e’ passato il principio secondo il quale la pena di morte non si applica ai delitti che non comportino la morte delle vittime.

Questo potrebbe suggerire ulteriori argomenti di discussione: vuol forse dire, la Corte Suprema, che la pena di morte e’ “solo” una vendetta di Stato, una morte per compensare un’altra morte? Ma non e’, probabilmente, il momento giusto.

E’ il momento giusto invece di sottolineare quanto scritto nell’opinione di maggioranza dal Giudice Anthony Kennedy:

“When the law punishes by death, it risks its own sudden descent into brutality, transgressing the constitutional commitment to decency and restraint”

Quando la Legge punisce con la morte, rischia di far precipitare se stessa verso la brutalita’, trasgredendo al dettato costituzionale della decenza e della moderazione”

Insomma, il Giudice Kennedy ha confermato quanto ripetuto da anni da chi lotta per l’abolizione della pena di morte: l’applicazione di questa significa (rischiare fortemente di) brutalizzare tutto il sistema legale di una nazione, dai carnefici di professione ai procuratori che discutono del perche’ terminare la vita di un imputato ai giudici e alle giurie che a quella vita decidono di porre fine.

Tre “hooray” per il Giudice Kennedy.

Esplosiva Ipotesi Sulla Sessualita’

Adam Phillips fa la recensione sull’ultima London Review of Books del libro “Sexual Fluidity: Understanding Women’s Love and Desire” (“Fludita’ Sessuale: Comprendere Desiderio e Amore nelle Donne”) di Lisa Diamond: un libro frutto di una pluriennale ricerca personale dell’autrice nel campo dell’omosessualita’ femminile.

Ci sarebbero da fare un po’ di critiche all’approccio della Diamond, e quindi anche a quello di Phillips: per esempio c’e’ un po’ troppa insistenza nelle presunte differenze fra la sessualita’ (e l’omosessualita’) maschile e le loro corrispondenti femminili. A parte il fatto che alla fine siamo tutti della stessa specie, non viene in mente alla Diamond, e a Phillips, che se la nuova ricerca sovverte pregiudizi sulla sessulita’ femminile, forse anche una nuova ricerca sulla sessualita’ maschile potrebbe portare a delle sorprese?

In ogni caso, questi sono i risultati principali della ricerca: (a) le donne intervistate lungo un arco di 10 anni hanno cambiato continuamente il loro orientamento sessuale; (b) c’e’ stato un aumento della consapevolezza della possibilita’ di cambiamento; (c) le prime esperienze sessuali non danno alcuna indicazione su quali saranno gli orientamenti futuri.

Il punto fondamentale del libro, e della recensione, e’ quindi questo (mia traduzione):

La Diamond crede che finora c’e’ stato “un modello troppo rigido della omosessualita'” e della sessualita’ femminile in generale. Questo modello – il quale, dice, e’ alla base di quanto riportato sia nei libri di testo, sia nei mass media – ipotizza che l’orientamento sessuale femminile si sviluppi presto, e che sia piu’ o meno fisso poi per sempre. La sua ricerca ha invece rivelato che tale orientamento “puo’ emergere piu’ tardi in eta’ adulta” e che le “sensazioni sessuali” possono cambiare “sia improvvisamente, sia gradualmente nel tempo”.

Si tratta di una visione davvero rivoluzionaria: da un lato permette di andare oltre i soliti discorsi sull’omosessualita’ come malattia o diversita'; dall’altro puo’ addirittura riconciliare il pensiero di chi considera la scelta sessuale come qualcosa di personale, con il fatto che alcuni dicano di aver appreso come ritornare ad essere eterosessuali.

Semplicemente, c’e’ tutta una serie di fattori da considerare, e il risultato e’ una “sessualita’ fluida” che si puo’ solo accettare, cosi’ come si puo’ solo accettare il modo in cui una persona si vesta, o l’auto che abbia acquistato. L’aspetto “religioso” e’ praticamente irrilevante.

L’unica cosa che importa, e’ non farsi etichettare.

Sui Giudici, Berlusconi Non Ha Torto…

…perche’ sono oggi, 25 anni dall’arresto di Enzo Tortora

• Dichiarazione di Rita Bernardini, Segretaria Nazionale di Radicali Italiani, deputata radicale-PD e membro della Commissione Giustizia alla Camera

Roma, 17 giugno 2008

Oggi 17 giugno ricorre il 25° anniversario del clamoroso arresto di Enzo Tortora, all’interno della maxi-operazione della Procura di Napoli contro la NCO, la Nuova Camorra Organizzata. In quella notte furono arrestate oltre 850 persone, 200 delle quali furono del tutto prosciolte, 90 risultarono coinvolte per “pura omonimia” e del tutto estranee ai fatti contestati. Il polverone che fu alzato dall’impresa di “macelleria giudiziaria” fu tale da “obnubilare” (per usare le parole di Enzo) l’opinione pubblica italiana e distrarre l’attenzione dagli scandali della gestione del terremoto.

Un anno dopo, sempre il 17 giugno 1984, Tortora veniva eletto al parlamento Europeo con oltre 400.000 voti di preferenza personale nelle liste del Partito Radicale, di cui poi divenne Presidente.

Ma la macchina infernale, messa in moto da alcuni magistrati, alcuni giornalisti e un manipolo di pregiudicati “pentiti”, era ormai avviata ed il Tribunale di Napoli nel settembre 1985 emetteva la sua vergognosa sentenza di primo grado, in cui si dichiarava Enzo Tortora colpevole, con esemplare condanna ad oltre 10 anni.

Esattamente a quattro anni dall’infamante arresto, ancora il 17 giugno 1987, la Corte di Cassazione assolverà in via definitiva Tortora da ogni accusa, confermando la sentenza dell’Appello.

A distanza di anni, come radicali, vogliamo ricordare questi coincidenti anniversari, affinché, come disse Leonardo Sciascia e come fu scritto sulla tomba di Tortora al cimitero monumentale di Milano: “non sia un’illusione”. Affinché non sia stata una speranza illusoria la battaglia per la Giustizia Giusta che Enzo ha combattuto, da radicale e che portò alla grande vittoria dei referendum “Tortora” per la responsabilità civile dei magistrati.

A vent’anni dalla prematura morte, nell’anniversario dell’incredibile arresto, accogliamo con soddisfazione la decisione del Sindaco Marta Vincenzi e della sua Giunta di onorare il genovese Enzo Tortora con l’intitolazione della galleria che collega la centralissima “via Roma” con la storica “galleria Mazzini”, all’altezza del Ristorante Europa. Giunge così a conclusione un lungo iter politico e burocratico. Ne siamo felici: la sua Genova, sana ora una colpevole dimenticanza e dà un contributo a ricordare. Ma il “caso Tortora” è stato per noi radicali il “caso Italia”, un episodio eclatante di malagiustizia che, grazie all’impegno ed al sacrificio di Tortora, ha segnato una tappa importante della lotta, quanto mai necessaria ed urgente, per la Giustizia Giusta. Oggi come 25 anni fa.

Tortora, l’odissea di un uomo in un Paese smemorato • dal Secolo XIX del 17 giugno 2008, pag. 16 di Massimiliano Lenzi

Venticinque anni fa, alle quattro e un quarto del mattino del 17 giugno, bussano alla porta di una camera dell’Hotel Plaza di Roma. Spalancato l’armadio, aperta una valigia, sequestrata un’agenda telefonica, guardato dentro ai calzini e spaccato un salvadanaio di ceramica a forma di porcellino (non si sa mai) si portano via un uomo stralunato, che ha appena avuto il tempo di vestirsi e di raccogliere pochi effetti personali in una sacca di tela rossa. (…) All’uomo vengono prese le impronte digitali e scattate le foto di rito: faccia e profilo. La faccia e il profilo di Enzo Tortora”. Leggendo l’incipit del libro di Vittorio Pezzuto (genovese, ex radicale, giornalista sapido e, da alcune settimane, portavoce del ministro “antifannulloni” Renato Brunetta) “Applausi e sputi. Le due vite di Enzo Tortora” (Sperling & Kupfer, 521 pagine, 15 euro), si entra dritti negli incubi del Belpaese attraverso l’odissea giudiziaria di un uomo famoso, buttato giù dal ietto con poche parole: “Lei è in stato di arresto”. “Come?”. “C’è un ordine di arresto della Procura di Napoli”. Era innocente.

E siccome gli incubi non vengono mai da soli, anche i giornali, la carta stampata, con le solite rispettabili eccezioni, inzuppò l’inchiostro nella notizia da prima pagina. Lo fotografarono con le manette ai polsi e scrissero di Tortora Enzo, brillante giornalista ed uomo colto, genio della televisione (tra i suoi programmi il più ricordato è Portobello, una galleria su un popolo di santi, poeti ed inventori ma fu anche un superbo giornalista sportivo) che era “un ligure spendaccione” , “che aveva occhi abilmente lucidi” e chissà “quali debolezze”, aggettivando come in un romanzo di Liala una delle più grandi ingiustizie italiane degli ultimi 30 anni. Nella lingua, nell’uso delle parole, spesso si ritrova l’indole di un popolo. Gli aggettivi non erano veri ma anche se lo fossero stati, ci chiediamo, che colpa è “essere spendaccioni” ?

Leggendo nel libro di Pezzuto le cronache, i dettagli, i corsi del processo, le immagini si accavallano e, a tratti, sembra di essere finiti dentro un film di Dino Risi, una pellicola eterna sui pregiudizi nazionali. Perché “Applausi e sputi”, in un Paese smemorato come l’Italia, ha tanti meriti ma uno su tutti gli altri: ricordare i fatti, le vite di un uomo; il prima (successo, programmi tv, onori) e il dopo (la galera ingiusta, poi l’assoluzione) che si concluderà con la sua morte. Pezzuto, da buon genovese, dopo aver presentato il libro in giro per l’Italia, non ha potuto fare a meno di prendersela con la sua città, la Superba, che per anni si è rifiutata di dedicare una via a Enzo Tortora ed oggi, che si è decisa, “gli ha dedicato un marciapiede, e talmente piccolo che la targa sarà lunga un decimo di tutto il tratto”.

«Gli avrebbero dovuto intitolare» spiega al Secolo XIX «lo spiazzo antistante il carcere di Marassi, che non dà neppure problemi di cambio di numeri civici, con la targa: “Vittima della giustizia”». Forse Pezzuto ha ragione ma a noi la questione della toponomastica appare consolatoria.

Troppe ingiustizie, in Italia, si riparano con l’intitolazione del “Largo tal dei tali..”, magari in periferia, lontano lontano, vicino ai viadotti. No, quello che conta è la memoria, la storia raccontata nel libro e quella telefonata alla figlia Silvia nel maledetto giorno di 25 anni fa: “Ricordati che papà è quello di sempre”. E l’Italia? Chissà se è cambiata l’Italia…

Proposta riguardo la MANIFESTAZIONE PRO TIBET A ROMA 15 GIUGNO

Lettera inviata ad alcuni Parlamentari e Dirigenti Radicali riguardo la manifestazione pro-Tibet del 15 Giugno a Roma, al Colosseo dalle 17 in poi “convocata dalla Comunita’ tibetana in Italia e aperta a tutte le forze politiche per non dimenticare la repressione ancora in corso in Tibet”. Nella lettera riprendo argomenti recentissimamente trattati in questo blog.

Carissimi

Permettetemi di inviare una proposta riguardo la manifestazione pro-Tibet di dopodomani.

Matteo sa gia’ qualcosa al riguardo, in parte, che ho scritto sulla mailing list toscana.

==========

Abbiamo una grande occasione, dopodomani, per portare avanti l’idea di Marco [Pannella] per un “Tibet libero” e una “Cina libera”, se riusciamo ad uscire dagli antichi confini della nostra giustificatissima lotta politica a favore del popolo tibetano.

Se e’ vero infatti che la solidarieta’ al Governo cinese per il terremoto non puo’ essere un alibi per chiudere gli occhi sulla repressione in Tibet, e’ anche vero che i manifestanti pro-Tibet possono aprire un’opportunita’ di dialogo e comprensione reciproca con la Cina stessa, ricordando il disastro del terremoto nello Sichuan giusto un mese fa.

Non sto suggerendo di organizzare veglie funebri. E non sto dicendo di organizzare un atto di solidarieta’ morale “di buona coscienza a buon mercato”.

Quello che propongo e’ il riconoscimento degli effetti del terremoto, inclusi i cambiamenti nella societa’ cinese, con la dirigenza improvvisamente fotogenica, la grande partecipazione alla raccolta di aiuti (sia a livello personale, sia con una vera competizione fra le citta’ tutte a cercare il prestigio di essere quella che ha donato di piu’), le proteste molto pubbliche sulla qualita’ degli edifici, etc etc.

Quanto e’ piu’ libera la Cina di oggi, in base a quello che si e’ visto dopo il terremoto, rispetto a quella di sei mesi fa? Se ci interessa un Tibet libero, e se ci interessa una Cina libera in cui si sviluppi la democrazia si sviluppi, di fronte a una tragedia colossale occorre allora manifestare la nostra capacita’ di capire il loro dolore, cosi’ grande.

I disastri “naturali” (che poi tanto “naturali” non sono, visto che sono crollate soprattutto le scuole) hanno sempre avuto un profondo significato politico. In Italia non esisterebbe la Protezione Civile se non ci fosse stato il terremoto del 1908 a Messina. Il disastro del ciclone Nargis e’ stato usato da tanti per forzare cambiamenti nel regime birmano. Il comportamento del Presidente George W Bush e dei suoi “collaboratori” al tempo dell’uragano Katrina rimarra’ probabilmente come esempio piu’ calzante del fallimento di 8 anni di amministrazione neo-cons.

E l’effetto potenziale della nostra scelta, sui Cinesi che devono e sono nostri interlocutori, e’ davvero grande: perche’ se alla grande tragedia appena passata dimostriamo di non voler dedicare il nostro tempo, analogamente si potra’ dire che altri possano non voler dedicare il loro tempo alla grande tragedia della storia recente del Tibet.

E questo se permettete vale ancor di piu’ per noi Italiani, e per tutti i nostri morti a causa degli innumerevoli terremoti che colpiscono il nostro Paese. 

====

Non occorrono gesti eclatanti per fare un grosso gesto simbolico. Per esempio, si potrebbero accendere 70 candele, una per ogni mille morti del terremoto.

Ci possono essere altre forme: come il manifestare con bandiere tibetane e cinesi insieme, per ricordare a tutti come le politiche recenti abbiano messo in prigione il Tibet, e ucciso decine di migliaia di cinesi stessi, grazie all’assenza, fino ad oggi, di strumenti di controllo e protesta legale da parte delle popolazioni di ogni etnia.

Questi “strumenti di controllo” stanno venendo fuori, grazie alla nascita di una societa’ civile che non dipende dal Partito Comunista, e questa nascita andrebbe sottolineata assieme a tutto il resto: perche’ la Cina non sara’ mai libera, e il Tibet non sara’ mai libero, “grazie” a forzature che vengano dall’esterno.

E’ un momento di possibile cambiamento questo, in Cina.

====

Il mio non e’ un invito a “manifestazioni di solidarieta’ a seguito di disastri naturali“: il fatto e’ che il terremoto e’ capitato proprio mentre ci occupavamo di Cina. Parlare di Cina significa quindi parlare (o tacere) del terremoto.

Snobbandolo invece, e con quello tutte le sue conseguenze e cambiamenti umani, sociali e politici, non ci facciamo certo del bene. Anzi, diventiamo irrilevanti: anche quei Cinesi che desiderino cambiare il sistema despotico del loro Paese, non potranno che trovare la nostra compagnia quantomai imbarazzante.

Ma come, si chiederanno, questi (noi) parlano di “pace, liberta’ e giustizia” e non possono neanche degnarsi di un solo pensiero riguardo 70mila morti?

E infatti, l’unico risultato pratico delle proteste (pre-terremoto) contro la Torcia Olimpica, e’ stato una generale sensazione fra i Cinesi, di essere vittime di un insulto collettivo (la qual cosa non e’ tanto lontana dal vero, nel caso delle proteste piu’ violente).

====

Quando parliamo di Tibet e Cina, oggi, nel giugno 2008, dedichiamo quindi un angolino della manifestazione ai morti del terremoto.

Cerchiamo di andare oltre le solite contrapposizioni. Non e’ il karma negativo ad aver ucciso tutti quegli scolaretti, ma la combinazione della tettonica a zolle, dell’imperizia umana, e dell’incapacita’ politica di prendersi cura dei propri concittadini di ogni etnia.

Chi puo’ chiudere gli occhi su 70mila morti, 370mila feriti e 17mila dispersi, puo’ chiudere gli occhi su tutto. E allora invece di esporre bandiere tibetane, forse sarebbe piu’ onesto bruciare bandiere cinesi!

saluti
maurizio – londra

L’Illusione dell’Apoliticita’ dei Disastri Naturali

In seguito alla mia richiesta di inserire nelle manifestazioni pro-Tibet un momento riguardo le vittime del terremoto in Cina, mi e’ stato risposto che “mettere candele per le vittime di un terremoto a una manifestazione sul tibet, sembrerebbe un atto di solidarieta’ morale di “buona coscienza a buon mercato” che non aggiungerebbe niente“.

Ma come scrivevo, appunto, questo vuol dire illuderci che i disastri “naturali” (che poi tanto “naturali” non sono, visto che sono crollate soprattutto le scuole) non abbiano significato politico.

Potrei rispondere dicendo che in Italia non esisterebbe la Protezione Civile se non ci fosse stato il terremoto del 1908 a Messina, ma forse andiamo troppo alla lontana.

Potrei anche dire di vedere come il disastro del ciclone Nargis sia stato usato da tanti per forzare cambiamenti nel regime birmano, ma qualcuno potrebbe dire che tutto cio’ e’ fuori tema.

Oppure potrei ricordare come il comportamento di Dubya e seguaci al tempo di Katrina rimarra’ probabilmente come esempio piu’ calzante del fallimento di 8 anni di neo-cons. Ma forse quello e’ troppo generico.

Invito allora invece a riflettere sui cambiamenti nella societa’ cinese dopo quest’ultimo terremoto, con la dirigenza improvvisamente fotogenica, la grande partecipazione alla raccolta di aiuti (sia a livello personale, sia con una vera competizione fra le citta’ tutte a cercare il prestigio di essere quella che ha donato di piu’), le proteste molto pubbliche sulla qualita’ degli edifici, etc etc.

Pannella per esempio dice che vuole un “Tibet libero” per una “Cina libera”. Quanto e’ piu’ libera la Cina di oggi, in base a quello che si e’ visto dopo il terremoto, rispetto a quella di sei mesi fa? E non abbiamo niente da dire, o niente da fare al riguardo? Siamo davvero interessati a che la democrazia si sviluppi, in Cina?

Se si’, come facciamo a stabilire un dialogo se di fronte a una tragedia colossale diciamo “ciccia” e procediamo come se nulla fosse? Altrimenti, il sospetto e’ che il nostro obiettivo non sia aiutare i Tibetani, o i Cinesi, ma semplicemente forzare il Governo di Pechino nella direzione da noi preferita.

L’idea della “candela” rimane solo un suggerimento. E’ un gesto simbolico.

Ci possono essere altre forme: per esempio manifestare con bandiere tibetane e cinesi insieme, per ricordare a tutti come le politiche recenti abbiano messo in prigione il Tibet, e ucciso decine di migliaia di cinesi stessi, grazie all’assenza, fino ad oggi, di strumenti di controllo e protesta legale da parte delle popolazioni di ogni etnia.

Questi “strumenti di controllo” stanno venendo fuori, grazie alla nascita di una societa’ civile che non dipende dal Partito Comunista, e questa nascita andrebbe sottolineata con tutto il resto: perche’ la Cina non sara’ mai libera, e il Tibet non sara’ mai libero, per forzature che vengono dall’esterno.

E’ un momento di possibile cambiamento questo, in Cina. Il mio non e’ un invito a “manifestazioni di solidarieta’ a seguito di disastri naturali“: il fatto e’ che il terremoto, con tutte le sue conseguenze e cambiamenti umani, sociali e politici, e’ capitato proprio mentre ci occupavamo di Cina.

Snobbando tali conseguenze, e tali cambiamenti, non ci facciamo certo del bene. Anzi, diventiamo irrilevanti: anche quei Cinesi che desiderino cambiare il sistema despotico del loro Paese, non potranno che trovare la nostra compagnia quantomai imbarazzante.

Ma come, si chiederanno, questi (noi) parlano di “pace, liberta’ e giustizia” e non possono neanche degnarsi di un solo pensiero riguardo 70mila morti?

E infatti, l’unico risultato pratico delle proteste (pre-terremoto) contro la Torcia Olimpica, e’ stato una generale sensazione fra i Cinesi, di essere vittime di un insulto collettivo (la qual cosa non e’ tanto lontana dal vero, nel caso delle proteste piu’ violente).

Segnalo a completamento questa opinione di Daniel A Bell, in inglese, apparsa sul New York Times poche settimane fa: “China’s Class Divide – Xenophobic nationalists?

Pro-Tibet o Anti-Cina? Manifestazioni Un Po’ Sceme

scemo: dal latino “semus”, mezzo […]. Agg. Non completo, non pieno; Mancante di una parte; […]

Se e’ vero che la solidarieta’ al Governo cinese per il terremoto non puo’ essere un alibi per chiudere gli occhi sulla repressione in Tibet, non e’ anche vero che i manifestanti a tutta prima “pro-Tibet” non stiano facendo una gran bella figura, strafregandosene del disastro nello Sichuan?

Oppure vogliamo crogiolarci nell’illusione che i disastri naturali non abbiano conseguenze politiche?

Se non viene fatto il minimo sforzo per capire cosa stia succedendo in Cina, non si rischia di diventare dei dischi rotti? Quanto e’ difficile aggiungere alle manifestazioni “pro-tibet”, una candela a ricordo di tutti quei morti?

E no, non sto suggerendo di organizzare veglie funebri. Vorrei solo che quando si parla di Tibet e Cina, venisse dedicato un angolino della manifestazione ai morti del terremoto. Dimenticati i quali, si perde ogni possibilita’ (e aggiungo io, ogni diritto) di dire ai Cinesi cosa sia giusto, e cosa sia sbagliato.

====

Ho posto le domande qui sopra a varie persone ma di risposte finora ce ne sono state poche. Ho la brutta impressione che alla fine pochi o nessuno se ne importi davvero del Tibet, proprio perche’ a pochi o nessuno interessa sapere quali sono state le conseguenze politiche e sociali del terremoto in Cina. Chi puo’ chiudere gli occhi su 70mila morti, 370mila feriti e 17mila dispersi, puo’ chiudere gli occhi su tutto.

Invece di esporre bandiere tibetane, forse sarebbe piu’ onesto bruciare bandiere cinesi.

Nella Sudditanza del PD, la Speranza Liberale e Libertaria e’ Della Vedova

Buono l’intervento del 7 giugno di Benedetto Della Vedova, l’anima liberale/libertaria del PDL, il quale ha detto al Corriere che “Il Pdl non può diventare il partito del Papa” e che deve invece essere “quello che ha detto Berlusconi in campagna elettorale: un partito anarchico (cioè liberale) sul piano dei valori, un partito che rifugge da un’etica di Stato e quindi da un’etica di partito“.

Anarchico” mi sembra proprio la definizione giusta del PdL, almeno quello definito in campagna elettorale da Berlusconi (quando le dichiarazioni contavano) come “[senza] una posizione ufficiale su molti temi di rilevanza etica” e che quindi “lascia tutto alla libertà di coscienza dei singoli” (e infatti fu rimproverato da Famiglia Cristiana).

Anzi, a rivedere quello che e’ successo negli ultimi giorni, considerando anche il fatto che Berlusconi non dovra’ presentarsi agli elettori, mi sembra chiaro che non sia il PDL ad essersi inchinato alla CEI, ma il contrario. Cosa ha detto infatti il Papa, se non che e’ contento di lasciare tutto in mano al Primo Ministro?

E nel PD? Se ne accorgeranno? E come si muoveranno di fronte al Silvio Pigliatutto? Nel frattempo sono in completa balia dei “cattolici”

I Radicali, chissa’? Dovevano mettere a soqquadro il Parlamento, e invece sono incastrati nella logica degli schieramenti.

A quando lo scioglimento nel PD, cosi’ smettiamo di prenderci il giro?

Riguardo il Sottosegretario Cosentino

O “i Radicali sulla Luna”…

Il gruppo di Radicali Italiani (RI) chiede le dimissioni del Sottosegretario Cosentino, reo di aver avuto rapporti d’affari un po’ troppo intimi con Michele Orsi, l’imprenditore campano ucciso domenica scorsa (comunicato stampa in fondo a questo blog).

Io non sono d’accordo. E non perche’ viva in una Torre D’Avorio a Londra (magari! ma giuro che la farei di avorio finto, per non avere sulla coscienza troppi elefanti).

A parte che sono calabrese di Reggio e quindi un certo modo poco legale di comportarsi lo conosco bene…chiedere le dimissioni del sottosegretario campano che abbia fatto delle raccomandazioni o comunque abbia intrattenuto rapporti stretti con persone dai dubbi affari, mi ricorda la scelleratissima idea di George W Bush di licenziare l’intero esercito iracheno dopo la guerra del 2003.

Chi abita sulla Terra sa che chi vuole fare carriera in certe zone deve fare certe cose. Chi non vuole fare certe cose, non fa carriera. Punto. E non dimentichiamoci del fatto che raccomandazioni, intrusioni della politica negli affari, rapporti politica-criminalita’ organizzata ci sono per Tutta la Penisola Isole Comprese.

Che facciamo adesso, mandiamo a casa tutti coloro che non sono angeli del paradiso? E per ottenere cosa? “Punti” con Beppe Grillo?

A volte mi sembra che anche RI non faccia altro che il “gioco delle parti”: altro che Satyagraha!! !

Anche Giovanni XXIII segui’ buono buono le indicazioni della gerarchia vaticana, per poi fare la sua rivoluzione. Lyndon B Johnson era un losco intrallazzatore, e ha firmato le leggi USA sui diritti civili. Churchill un pomposo e avvinazzato imperialista responsabile di centinaia migliaia e migliaia di morti, e ha salvato l’Europa dal nazismo. Etc etc.

CAMORRA/RADICALI: GRAVI LE DICHIARAZIONI DEL SOTTOSEGRETARIO COSENTINO, GRAVE IL SILENZIO CHE NE E’ SEGUITO.
IN CAMPANIA E’ LO STATO CHE VEDE DARE L’ESEMPIO: BERLUSCONI CHIEDA A COSENTINO DI DIMETTERSI.

Ieri, in un’intervista su “La Stampa”, Nicola Cosentino (sottosegretario all’Economia, coordinatore regionale della Campania di Forza Italia) ha affermato, tra l’altro: “Al massimo, posso aver fatto delle segnalazioni a Orsi (Michele Orsi, imprenditore edile con interessi nel settore dei rifiuti, indagato dal pool anticamorra, ucciso domenica a Casal di Principe dopo che aveva iniziato a fornire agli inquirenti elementi utili all’inchiesta) di nominativi per le assunzioni nel Consorzio Caserta 4, che si occupa di rifiuti. Sui 24 consorzi in Campania, quello di Caserta è uno dei pochi i cui sindaci fanno riferimento al centrodestra …Lo conoscevo …Come gran parte degli imprenditori della zona sono costretti a barcamenarsi tra Stato e Antistato …”.

Rita Bernardini (segretaria di Radicali Italiani, deputato Radicale-PD) e Giulio Manfredi (giunta di segreteria Radicali Italiani) hanno dichiarato:

“Abbiamo atteso un giorno per vedere se le gravi affermazioni del sottosegretario Cosentino provocavano reazioni da parte del mondo politico o della cosiddetta società civile. Silenzio.
Ieri vi è stato l’appello fermo e deciso del Presidente della Repubblica per il ripristino della legalità in Campania; vi sono state le dichiarazioni del ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che auspica una “primavera della legalità”; vi è l’impegno, più volte ribadito, del Presidente del Consiglio ad affrontare alla radice e complessivamente sia l’inquinamento ambientale sia l’inquinamento criminale del territorio campano.
Se le dichiarazioni delle massime cariche dello Stato hanno un senso, il Presidente Berlusconi non può esimersi dal chiedere al sottosegretario Cosentino di dimettersi dalla sua carica, poiché quanto da lui affermato, pur non rivestendo valenza penale, getta un’ombra pesante sui suoi rapporti con Michele Orsi e, in generale, sul sistema di assunzioni nei Consorzi di bonifica.
Per richiedere ai cittadini campani una rivoluzione civile, occorre che gli uomini delle istituzioni, tutti nessuno escluso, abbiano tutte le carte in regola. Altrimenti il pesce campano continuerà a puzzare dalla testa.”.

Roma, 5 giugno 2008

Vittoria per Gian Piero Buscaglia

Il Tribunale di Alessandria ha deciso il reintegro al lavoro e il rimborso delle mensilità arretrate nei confronti di Gian Piero Buscaglia, ingiustamente licenziato il 15 settembre 2002 (e sottoposto per ben 12 volte a ingiustificate perizie psichiatriche, tutto per aver denunciato ). Il Giudice del processo, la Dott.ssa Lippi, ha letto la sentenza alla presenza di Gian Piero Buscaglia e dei suoi avvocati, Avv. Bisacca e Avv. Buzzi.

Igor Boni ha commentato: “Gian Piero Buscaglia vince la causa per il reintegro. Ma chi risarcisce il tempo perduto e il danno all’immagine? E la casta sindacale perché non si è accorta di nulla?

Ai Radicali: Non Ci Vediamo A Chianciano

Carissimi

E’ con profondo senso di rammarico etc etc che annuncio la mia assenza dall’Assemblea dei Mille di dei Radicali a Chianciano (1-4 Maggio).

A parte il fatto che non so ancora se sia saggio farmi vedere in giro con iscritti e simpatizzanti PD prossimi venturi 8-) c’e’ l’International Booktown Festival, dove forse potro’ ottenere l’autografo di Michele Cucuzza e Enrica Bonaccorti (‘nzomma…).

Data l’assenza del considerevole volume di uno sproloquiante rompiscatole, potrete cosi’ essere in 1,001.

saluti
maurizio

ps avendo aumentato il mio contributo annuale al Partito posso dire senza ritegno alcuno che cosi’ come si presenta, “Chianciano 2008” mi sembra come organizzare un meeting di automobilisti per decidere da che parte andare, in una strada a senso unico. Un appuntameno perdibile? Saro’ felicissimo di essere smentito.

Elezioni 2008: Fra Radicali e PDL, Ho Fatto Quasi L’En-Plein

Con i Radicali nelle liste PD tutti eletti in Italia, e l’on. Guglielmo Picchi riconfermato alla Camera per il PDL in Europa, in queste elezioni ho fatto quasi l’en-plein dei “miei” candidati, con unico escluso l’avv. Raffaele Fantetti al Senato per il PDL in Europa (e’ comunque il primo dei non eletti, se non vado errato).

Alle prossime elezioni, mi vendero’ come portafortuna…

Elezioni 2008: Vincitori e Vinti

Berlusconi: Vincitore: Voleva stravincere, e ha stravinto. E’ riuscito a smentire ogni fantasia di rincorsa elettorale del PD, non ha problemi al Senato, e data l’eta’ non deve neanche preoccuparsi di essere rieletto.

PDL: Vincitore: Almeno per ora. Forniti i contentini giusti alla Lega, ogni progetto potra’ essere realizzato. Il problema pero’ e’ che i pidiellini, a differenza del Capo, dovranno affrontare nuove elezioni, prima o poi…quando comincera’, la guerra fra i Colonnelli?

Veltroni e il PD: un po’ Vincitori, un po’ Vinti: Come (segretamente ma non troppo) auspicato, ha evitato di prendersi la patata bollente di governare. Si e’ sbarazzato della truppa della falce e martello. Adesso ha tutto il tempo di fornire contenuti meno putrefatti del solito al suo sepolcro imbiancato. Pero’ ha perso un po’ tanto, contro Silvio, e la nottata del PD deve ancora passare.

Bossi e la Lega Nord: Vincitori fino a un certo punto. Un risultato elettorale schiacciante che sembra aver disorientato una dirigenza dalla parlantina roboante che pero’ deve ora superare “la strizza” di responsabilita’ precise nei confronti dell’elettorato. Il futuro e’ solo nel PDL, e lo capisce anche Bossi quando non perde occasione di manifestare ubbidienza a Berlusconi.

DI Pietro: Vincitore: Anche lui fino a un certo punto, in una situazione in cui i paralleli con la Lega si sprecano. “Obbligato” a confluire nel PD, perdendo un po’ di pezzi fra coloro che vogliono solo protestare. Attenzione a un altro ribaltone come quello di De Gregorio due anni fa, o a qualche passo falso di Di Pietro stesso obnubilato dal suo giustizialismo nell’appoggiare il Governo in qualche occasione contro il volere di Veltroni.

Rifondazione Comunista e affini, Bertinotti, Mussi, Giordano, etc: Vinti: Speriamo solo che in futuro mai piu’ ci sia chi governi la mattina per poi protestare contro il governo al pomeriggio. Invece di rifondare il comunismo, lo hanno sfondato per i secoli a venire.

Pecoraro Scanio e i Verdi: Vinti: Occuparsi di ecologia non e’ appannaggio della sinistra. E spingere l’ecologismo italiano nella sinistra estrema e’ stata una colossale stupidaggine.

Casini; un po’ Vincitore, un po’ Vinto: Puo’ gongolare quanto vuole con 36 deputati e 3 senatori, ma in un Parlamento polarizzato al massimo riuscira’ a “reggere il moccolo”. Se e’ scaltro rientrera’ nel PDL giusto in tempo per sgambettare Fini.

La Destra: Vinti: Si sono contati, e adesso sappiamo che non sono abbastanza.

Boselli e il PSI: Vinti: Tentennare fra il laicismo, i diritti civili e improbabili ritorni di fiamma con Craxi e De Michelis e’ un buon modo per finire nel dimenticatoio

Beppe Grillo e il voto di protesta: Vinti: Tanto rumore per nulla. E’ proprio vero che su Internet, ogni idiota puo’ radunare un esercito (finto).

E per finire:

Radicali Italiani: Vincitori: Per un caso di fortuna colossale, sono stati eletti tutti e 9 i Radicali nelle liste PD. Chi si contenta, gode: gli altri riflettano sul significato di rimaner fuori, a questo punto, dal PD stesso.

Marco Perduca (Candidato Senato) a Prato Domani 5 Aprile (ore 11)

Ricevo e rimando

L’Associazione Radicale Prato invita tutta la cittadinanza sabato 5 aprile in Piazza del Comune presso il Caffè Buonamici via Ricasoli 3/5 Prato alla presentazione del Candidato al Senato nelle prossime Elezioni del 13 e 14 Aprile 2008, Marco Perduca, membro della Direzione di Radicali Italiani e Vicepresidente del ‘Partito Radicale Transanzionale Nonviolento’ (PRT).

A tutti Marco Perduca offrirà le sue risposte su cosa ha spinto lui ed altri esponenti di Radicali Italiani, in primis il ministro Emma Bonino ad accettare ad essere presenti [alle elezioni in liste non loro].

La cittadinanza e la stampa sono invitati.

Marco Perduca, militante da decenni e adesso vicepresidente del PRT, obiettore di coscienza , laureato a Firenze in Letteratura Americana del Nord, e’ membro della Direzione di Radicali Italiani, e profondo conoscitore dell’antiproibizionismo battaglia in cui è stato impegnato come esperto.

Per anni è stato rappresentante del PRT presso l’Onu, ha coordinato la battaglia per la moratoria su la pena di morte. e tuttora e’ impegnato per il rispetto dei diritti civili in molti Paesi dove non sempre i diritti civili vengono rispettati.

Su Youtube le immagini del comizio tenuto la scorsa settimana a Dharamsala dove risiede il Dalai Lama.