Category Archives: Picchi

Incontro di Franco Frattini con la Comunità Italiana In Europa del 29 Marzo 2012 – live microblogging

Di seguito il resoconto dell’incontro di Franco Frattini (Deputato del Pdl, Presidente della Fondazione A. De Gasperi e della SIOI. Già ministro degli esteri, commissario e vicepresidente della Commissione UE – TwitterFacebook) con la Comunità Italiana in Europa del 29 Marzo 2012 – cosí come scritto dal vivo e riportato da me su Twitter – @mmorabito67: (nota: il mio account Twitter principale rimane @omnologos)

(ogni errore ed omissione nel seguito, colpa del sottoscritto...)

(introduzione del sen. Raffaele Fantetti)

  • Fantetti elogia le iniziative di Carlo Presenti, Direttore Istituto Italiano di Cultura di Londra.
  • presente punta iceberg emigrazione italiana in Europa
  • emigrazione in crescita 70-100mila all’anno fenomeno attuale
  • nuovi emigrati non distaccati dall’Italia.

(intervento dell’On. Franco Frattini)

  • elogia Carlo Presenti, Direttore dell’Istituto di Cultura Italiana a Londra
  • “occasioni come queste sono poche”
  • legge elettorale va cambiata.
  • dovremmo essere in quattro ma uno ha tradito.
  • c’è rete italiani nemici del Paese in odio a un Governo.
  • personaggi sconosciuti dati spazio su giornali prestigiosi per criticare l’Italia.
  • occorre rete persone che amano l’Italia e i cui sforzi positivi vinceranno su quelli negativi.
  • in tutto il mondo professionalità italiane ben radicate.
  • provocatoriamente da non-Ministro…aneddoto riguardo ministro nord europa.
  • italia non solo corruzione.
  • futuro politico. #Berlusconi ha dovuto fare passo indietro. Problema opposizione distruttiva.
  • riforme Monti le avrebbe dovute fare Berlusconi. Lega contraria riforme importanti.
  • parte del PDL ha tradito per votare con Bersani.
  • sorte Italia in mano a deputati sconosciuti.
  • Berlusconi ha cambiato l’Italia in 17 anni.
  • maggioranza parlamentare non politica
  • Monti liberale che conosce il mondo. Considerato degno di rispetto dal 1994
  • nostro sostegno riforme Monti crea problemi a #Bersani.
  • campagna elettorale adesso responsabilità gravissima anche Bersani l’ha capito.
  • giro europa incontrando vecchi amici e conoscenze. Menziona on. @guglielmopicchi .
  • occorre Partito Moderati Italiani fra chi fa riferimento al PPE.
  • Partito Moderati avrebbe due terzi dei voti.
  • Fioroni, Letta nel PD ma cominciano a capire non è il loro spazio.
  • Costituente Popolare Italiana come ha indicato Alfano.
  • isolamento europeo Tories lo sconteranno.
  • politica ha problema credibilità – bisogna lavorare perché classe dirigente abbia onestà e correttezza morale.
  • esponenti locali partito coinvolti in scandali. Dalle politiche in poi chi.ha problemi non va incluso.
  • Berlusconi non tollera chi.è in politica per prendere soldi.
  • altra caratteristica l’aver contribuito alla società – come Forza Italia agli inizi
  • Fantetti e @guglielmopicchi hanno esperienze prima della politica come me.
  • legge elettorale: preferenze, piccoli collegi, liste scelte da elettori, candidato Premier, squadra governo
  • ultima cosa. Vendola e soci vogliono colpire ricchezza non alleviare povertà.
  • dice Vendola vuole bloccare BOT. Provocazione? Nel dubbio…
  • Presidente Associazione De Gasperi dopo Andreotti.
  • De Gasperi: politico pensa prox elezioni. Statista.pensa prox generazioni. Tutti ora diciamo grazie a DG.
  • (continua a nominare Vendola)
  • chi ha il passaporto dovrebbe credere ed essere legato all’Italia. Circoscrizione Europa va rimessa al centro.

(domande dal pubblico)

  • Sviluppo non solo tasse? Manovre fiscali per fermare emorragia. Già partiti liberalizzazioni e semplificazioni.
  • Bertali chiede più organizzazione nel partito per l’estero
  • (il mio intervento) – Ho chiesto che il partito e l’Italia “sfruttino” i milioni di anni-uomo di esperienza disponibili specie in Europa.
  • Dalla Svizzera richiesta di aiutare chi voglia tornare.
  • Da Bruxelles @Simoneceramicol invita a fare delle elezioni all’estero una cosa seria. Compravendita buste mai più.
  • Dalla Germania brontolii contro la disorganizzazione del partito a Roma. Troppe cose fanno vergognare
  • Da Vienna invito simile al mio. Michele Capaccioli dei Riformisti chiede riforme per invogliare giovani rientrare

(risposte dell’On.Frattini)

  • ritorno apprendistato. Meglio dei CoCoCo.
  • legge lavoro prima dell’estate
  • nomine passate per l’estero nel partito sbagliate, sottovalutata importanza.
  • chiederò rivitalizzazione settore.
  • se fosse stata usato il criterio del merito scelta su Fantetti e @guglielmopicchi
  • adesso spinta online
  • dice che farà suo il mio suggerimento…
  • forum+ per l’europa da presentare in Direzione partito.
  • ricerca e innovazione per rientro in Italia tramite defiscalizzazione
  • rete cooperazione internazionale fra centri di.ricerca incluso reingresso in Italia per chi voglia.
  • colpito da riferimento a pochezza conoscenza linguistiche. Anche funzionari non sanno inglese e francese
  • italia rischia perdere competizione qualità in europa
  • italiani spesso non “fanno sistema” all’estero
  • approccio funzionari potrebbe essere aiutato da chi vive all’estero
  • parla di seggio De Gasperi al Parlamento austriaco
  • punto telematico ascolto per elettori e simpatizzanti

L’incontro si è tenuto all’Istituto Italiano di Cultura di Londra, ed è stato organizzato dal sen. Raffaele Fantetti e dall’On. Guglielmo Picchi, entrambi eletti nel PDL per la Circoscrizione Europa e residenti nella capitale britannica.

Comunicato Stampa: Documento fondativo Coordinamento Cittadino per Londra – Popolo della Liberta’

COORDINAMENTO CITTADINO PER LONDRA
COORDINAMENTI PER LA GRAN BRETAGNA
POPOLO DELLA LIBERTA’

COMUNICATO STAMPA

DOCUMENTO FONDATIVO

La nostra Italia e’ davanti alla prima grande sfida politica del terzo millenio, una sfida che vogliamo vincere: e’ nato il piu grande partito moderato che la Storia repubblicana ricordi. Talmente grande da chiamarsi Popolo e non piu’ partito.

Il Popolo della Liberta’ e’ nato dalla liberta’, nella liberta’ e per la liberta’, perche’ l’Italia sia sempre piu’ moderna, libera, giusta, prospera, autenticamente solidale. Un’Italia dove la politica sia al servizio dei cittadini e non i cittadini al servizio della politica. Dove la politica sia fondata piu’ sui valori che sugli interessi. Dove l’attivismo politico sia dedicato alla virtu’, al senso civico, allo Stato di Diritto.

Anche a Londra e nella Gran Bretagna, crocevia della globalizzazione, i rappresentanti del Popolo della Liberta’ hanno deciso di dar vita a una serie di Coordinamenti Cittadini locali. Forti del sostegno istituzionale garantito dalla nomina dell’On. ALDO DI BIAGIO a Responsabile per gli Italiani nel Mondo per il PdL, e forti del contributo quotidiano dell’On. Guglielmo Picchi, eletto per il PdL nella Circoscrizione Europa, abbiamo intrapreso dunque il nostro lavoro stabilendo di intervenire in tutte le espressioni della Comunita’ Italiana .

A tal fine, come rappresentanti locali del Popolo della Liberta’, riuniti in data 28 Aprile 2009 nella prima sessione della Fase Costituente, abbiamo affidato alle seguenti persone i relativi incarichi componenti il Coordinamento Cittadino di Londra:

Cav. Vincenzo Zaccarini – coordinatore;
Dott. Ezio Fabiani – vice-coordinatore;
Ing. Maurizio Morabito – addetto stampa e comunicazioni;
Ing. Lorenzo Casarosa – tesoriere;
Dott. Marzia Carissimo Gibbs – segretario.

E’ stato anche accordato l’affidamento di deleghe tematiche in base alle qualita’ espresse dai membri del nuovo soggetto politico:

Ing. Maurizio Morabito e Mr. John Maddalena: stampa, comunicazione e web;
Comm. Girolamo Cancilla: immigrazione e affari sociali;
Cav. Vincenzo Zaccarini: rapporti istituzionali;
Dott. Ilaria Filippi e Mr. Anselmo Mura: professionisti e business club;
Marchese Lanfranco Lepri: imprenditoria;
Dott. Filippo Gaddo: energia e ambiente;
Dott. Marzia Carissimo Gibbs: scuola, donne e pari opportunita';
Dott. Ezio Fabiani: giovani, cultura e sport.

Il Comitato Cittadino di Londra si occupera’ della zona meridionale dell’Inghilterra, a Sud di una linea ideale che va da Londra a Bristol. Per il resto della Gran Bretagna gli incarichi sono i seguenti:

Birmingham (e Inghilterra centrale, piu’ il Galles):
Comm. Girolamo Cancilla – coordinatore

Manchester (e Inghilterra settentrionale):
Ing. Alberto Bertali – coordinatore

Scozia:
Ing. Alberto Bertali – coordinatore

Come da Statuto, come Coordinamento Cittadino ci affidiamo adesso all’On. ALDO DI BIAGIO per la nomina del Delegato Nazionale per il Regno Unito.

Riconoscendo inoltre il fondamentale ruolo dell’On. Mirko Tremaglia, sia per la sua battaglia decennale per i diritti di voto degli Italiani all’estero, sia per la fondazione di un’importante realta’ per la comunita’ degli Italiani nel Mondo (il Comitato Tricolore Italiani nel Mondo – CTIM), come Coordinamento Cittadino chiediamo altresi’ supporto al CTIM, nella persona del Coordinatore Europeo Cons. Oreste Motta, al fine di dare vita alla la “CONSULTA SOCIALE”, che sappia raccogliere la migliore espressione dell’Associazionismo Italiano a Londra.

Tale Consulta dovra’ includere un rappresentante di ogni associazione italiana presente a Londra che abbia interesse a stabilire un dialogo con il PdL per la formulazione delle iniziative sociali, culturali e di scambio internazionale, ed adottera’ un regolamento indipendente e un coordinamento autonomo dal PdL.

La Consulta (che auspichiamo si riunisca con decorrenza trimestrale) permettera’ al Coordinamento Cittadino di mantenere costante il rapporto con la comunita’, in qualunque sua espressione sociale, culturale e/o professionale: perche’ noi, Popolo della Liberta’, donne ed uomini di Londra, orgogliosi di essere cittadini di uno dei Paesi piu’ avanzati del mondo, contiamo di consolidare, con il nostro personale e libero contributo, il nostro doppio legame: con l’Italia e con gli italiani ovunque essi si trovino.

La Consulta (che auspichiamo si riunisca con decorrenza trimestrale) permettera’ al Coordinamento Cittadino di mantenere costante il rapporto con la comunita’, in qualunque sua espressione sociale, culturale e/o professionale: perche’ noi, Popolo della Liberta’, donne ed uomini di Londra, orgogliosi di essere cittadini di uno dei Paesi piu’ avanzati del mondo, contiamo di consolidare, con il nostro personale e libero contributo, il nostro doppio legame: con l’Italia e con gli italiani ovunque essi si trovino.

Londra, 20 maggio 2009
Coordinamento Cittadino Per Londra
Coordinamenti Per La Gran Bretagna – Popolo Della Liberta’

Per ulteriori informazioni:
Cav. Vincenzo Zaccarini – coordinatore –
vincenzo_zaccarini@hotmail.com

Ing. Maurizio Morabito – addetto stampa e comunicazioni –
maurizio@morabito.name

Italiani Razzisti? No, Ma Con Un Enorme Complesso Di Inferiorita’

I leghisti, per quanto cerchino di fare la figura dei cattivoni tutti impegnati a rinvigorire gli agonizzanti partiti di estrema sinistraa furia di stupidaggini sull’immigrazione, non si comportano da razzisti. E Franceschini che cerca di attaccarsi a quello stesso tram rinsaldando i ranghi del PD fra un’indignazione e un’allusione al Fascismo e alle leggi razziali, dimostra di non aver capito molto di quello che sta succedendo.

Perche’ i leghisti non si comportano da razzisti? Perche’ un razzista non dice “ai bianchi i posti migliori” oppure “agli anziani bianchi la precedenza negli ospedali”. Un razzista dice “ai neri i posti peggiori”, e “agli extracomunitari bassa priorita’ al pronto soccorso”.

La differenza sembra ma non e’ sottile. Il politico leghista medio che appare in televisione o alla radio, ultimamente, non sembra tanto preoccupato a dimostrare la superiorita’ della propria “etnia” quando a difenderla contro quello che viene interpretato come una minaccia (qualunque straniero “extracomunitario”).

Insomma questi paladini della difesa degli Italiani sono in realta’ i primi a pensare che siamo alla frutta e che non siamo capaci di difenderci dalle culture altrui. Cosi’ come gli amministratori di Lucca quando hanno proibito i negozietti dove si serve il kebab, come se la cucina locale avesse smesso di essere buona, e/o comunque fosse troppo debole per andare avanti per conto suo.

Quali siano i motivi che spingano un leghista, o comunque un politico italiano, a pensare alla cultura e alla societa’ italiane in maniera cosi’ negativa, e’ qualcosa che sarebbe davvero da esplorare bene…per intanto, consideriamo il fatto che spiega molto bene il perche’ di questo continuo cercare come fare ad allontanare quanti piu’ immigrati possibili, regolari o meno.

Nella cultura italiana che si sente inferiore all’Europa e vorrebbe diventare come quella, non c’e’ ovviamente spazio per africani ed asiatici che anzi rischiano di presentare dell’Italia un’immagine molto lontana da quella dello stereotipo “Europa”.

Dieci Spunti Dal Congresso del PdL

Grazie all’invito da parte dell’On. Guglielmo Picchi, ho partecipato al Congresso di fondazione del PdL a Roma dal 27 al 29 Marzo in qualita’ di Delegato per gli Italiani all’Estero.

E’ stata un’esperienza molto positiva (no, non mi sono commosso e non ho sventolato nessuna bandiera. La prossima volta ne porto una con la mia foto…). E’ stata un’esperienza  che mi ha fatto anche esperire lo straordinario spessore trasversale dell’intero movimento fondato e ispirato da Silvio Berlusconi.

L’Italia, senza tutte queste persone, non si puo’ governare.

Di note ne ho prese tante, ma per il momento mi voglio limitare a dieci spunti molto veloci:

1. Senza Confini

Il PdL e’ stato costruito in modo che chiunque possa trovarcisi a suo agio. Chiunque. C’e’ spazio per tutti, a patto che si riescano a mettere insieme almeno una trentina di altri iscritti, e formare una Associazione. Non e’ dato ovviamente sapere cosa succederebbe in caso di conflitto con le alte gerarchie: ma da Statuto, un’Associazione puo’ esistere motu proprio, e non solo in dipendenza dell’accettazione da parte del resto del partito. Da questo punto di vista, a parte qualche increspatura (ma che ci fanno i Probiviri in un partito post-ideologico???), il PdL contiene davvero il principio della liberta’ di pensiero e di azione, e ricorda molto piu’ Radicali Italiani e la loro “Galassia” che un partito vecchio stampo.

2. La Vera Sfida E’ Per I Missionari

Dubito che il Delegato medio abbia compreso fino in fondo il significato del messaggio di Berlusconi quando ha parlato di “diventare missionari”. Andarsene in giro a raccontare il Verbo trasformerebbe il PdL in una specie di versione politica dei Testimoni di Geova, raggiungendo punte di ridicolo invece che la maggioranza assoluta dei voti degli Italiani. Quello che i “missionari” dovrebbero fare e’ applicare per esempio la Carta dei Valori, non chiacchierarci sopra.

3. Un Partito Monarchico

Il PdL e’ straordinariamente centrato sul suo vertice. Non si muove (quasi…) foglia che Silvio non voglia, e la struttura ricorda quasi quella del Paradiso di Dante, con tutte le “anime” ugualmente beate ma pur sempre gerarchicamente divise. Con il mio tesserino blu potevo passare il primo e secondo cielo, ma durante i momenti clou mi era impedito ogni accesso al palco e a volte anche alla prima ventina di file. Insomma per cambiare analogia, mi sono sentito un po’ Vassallo e un po’ Valvassore…

4. In Una Kermesse, Niente Riunioni

Non solo non c’era alcuna Commissione e alcun dibattito, non c’era neanche alcuno spazio usufruibile da parte dei Delegati per delle riunioni fra di loro. Per un motivo o per l’altro, e’ stato deciso che questo non e’ il periodo del confronto fra le idee. Non e’ detto che non sia una scelta molto saggia, anche perche’ opposta a quella del PD dove per mantenere l’unita’ si e’ deciso di far addirittura finta di non avere proprio alcuna idea di alcun tipo.

5. Tocca Alle Idee

Piu’ di uno dei relatori e’ ritornato sul problema delle idee. E’ inutile che il PdL continui a lamentarsi dell’egemonia intellettuale della sinistra se non viene dato spazio alla analisi e alla sintesi comune delle idee. Questo lo sanno piu’ o meno tutti, ma qualcuno lassu’ deve avere il coraggio di lasciare le idee libere di misurarsi l’una con l’altra. Se tutto o quasi il mondo delle think-tank si limita pero’ alla Fondazione Magna Carta o giu’ di li’, allora restiamo fermi al punto di partenza.

6. La Consapevolezza Fra I Colonnelli

C’e’ ovviamente un forte stampo conservatore nel PdL. Ma ogni tanto si sentiva qualcuno dei relatori anche esprimere la consapevolezza della necessita’ di atteggiamenti a volte diversi, con richiami al miglior liberalismo. Forse fra una coltellata e un morso l’uno contro l’altro (un’organizzazione monarchica e’ sempre ed ovviamente anche un covo di vipere), anche i Colonnelli si rendono in fondo conto di quello che andrebbe fatto.

7. Il Pericolo Fini

Gianfranco Fini e’ “pericoloso”. Per il PD, che ovviamente non capisce niente e si accanisce nelle solite storie su Berlusconi. Fini fini…ra’ davvero per beccarsi piu’ del 50% dell’elettorato. I “suoi” ex-AN ormai sappiamo che lo seguiranno in capo al mondo, anche quando non sono completamente d’accordo. Gli ex-FI comincia gia’ a lavorarli ai fianchi, finche’ acclameranno pure lui. Basta allora aggiungere un po’ di leghisti, gli UDC e una spolveratina di elettori di sinistra, e la maggioranza e’ sua: mentre Silvio e’ difficile pensare che possa raccogliere piu’ consensi di quelli che gia’ ha.

8. “Faccione” Per Pochi Secondi, Del “Caso Umano” Neanche L’Ombra

Il Sen. De Gregorio si e’ visto per pochi secondi sul palco. Poi e’ scomparso per rimaterializzarsi in Sud America, manco fosse la Strega Cattiva dell’Ovest dal Mago di Oz. E’ stato un bene cosi’ non ho dovuto pensare a quale scarpa far finta di tirare a un tipo come lui, che ha preferito gettare discredito su milioni di italiani all’estero pur di appoggiare il sig. Nicola Di Girolamo, definito finanche da De Gregorio come un “caso umano”. Come si sa Di Girolamo, anche se riceve lo stipendio di senatore, lo e’ come io sono il segretario del Papa. E anche Di Girolamo non si e’ fatto vedere, partito per l’Argentina lui “eletto” in Europa (figuriamoci) e ben consapevole che ogni sua parola sarebbe stata accolta da urla e fischi (e non la scarpa gli avrei tirato, ma il passaporto dove e’ scritto che io davvero sono “italiano all’estero”)

9. L’Unico A Rompere La Coreografia

Magari mi sbaglio, ma ho l’impressione che l’unico intervento al microfono nella sala del Congresso (Padiglione 8 ) che non fosse previsto da alcuna scaletta preventiva, e’ stato quello del sottoscritto, a difesa (applaudita, ma vana)di un emendamento allo Statuto che avrebbe garantito un po’ di risorse e autonomia in piu’ per il PdL all’estero. E c’e’ chi si e’ lamentato del mio “rompere” (giustamente, immagino!).

Il video con il mio intervento (nella serata della seconda giornata) e’ disponibile per qualche settimana scaricando questo file e ascoltando dal minuto 29’57” al minuto 31’20”. Il video e’ anche disponibile in modalita’ streaming.

10. La Politica del Dispetto

In ultimo una considerazione solo all’apparenza umoristica. Per qualche motivo, sia Berlusconi che Fini che tanti relatori hanno fatto l’elenco di quello che dovrebbe fare il Partito Democratico per poter diventare alternativa di Governo al PdL. Se Franceschini e compari fossero politicamente furbi se non politicamente intelligenti (ne dubito) prenderebbero carta e penna e ricopierebbero tutti i suggerimenti per applicarli domani stesso. Ma Silvio sa benissimo che pur di fargli un dispetto, al PD sbatterebbero le proprie teste sul muro fino a sanguinare: per cui dice loro cosa dovrebbero fare sapendo benissimo che quelli faranno il contrario, lasciando quindi il PD nella solita confusione sconclusionata in cui e’ impantanato.

Ricordando l’Arandora Star

Tramite il blog dell’On. Picchi in visita alla comunita’ italiana in Scozia, imparo della tragedia dell’Arandora Star, la nave adibita al trasporto di internati, salpata l’1 Luglio 1940 da Liverpool senza i colori adeguati, povera di scialuppe e stracarica di Tedeschi e Italiani da anni residenti nel Regno Unito, e la cui unica colpa era quella di avere la nazionalita’ sbagliata: un “delitto” che li condannava alla deportazione in Canada.

Alloggiati alla bell’e’ meglio dopo essere stati sottratti alle famiglie in un batter d’occhio da chi paranoicamente li pensava tutti delle potenziali spie, non andarono oltre l’Irlanda, colpiti da un sommergibile tedesco il 2 Luglio 1940.

Morirono 800 persone, fra le quali anche membri dell’equipaggio. Gli Italiani che non tornarono piu’ a casa furono 446, uno dei quali di 16 anni, e due di 68 anni, incluso Silvestro D’Ambrosio emigrato in Inghilterra ben 42 anni prima, nel 1898 (e con due figli in guerra agli ordini di Sua Maesta’ Giorgio VI).

I superstiti, naturalmente, praticamente appena asciugati e rifocillati furono deportati comunque, verso l’Australia (in convogli meglio organizzati, evidentemente, visto che non furono affondati). Alcune famiglie li seppero ancora in vita solo alla fine della guerra.

Il governo britannico non ha ancora riconosciuto le sue colpe, e non ha provveduto ad alcun risarcimento. C’e’ una campagna per l’Arandora Star su Internet, cui invito a partecipare.

Un monumento alle vittime, anche a ricordo dell’immigrazione italiana, ha l’appoggio dell’Arcivescovo Cattolico di Glasgow, Monsignor Mario Conti.

Italiani all’Estero: SuperMantica Proteggici Tu!

Al Senatore AN-PDL Alfredo Mantica, veterano  di Palazzo Madama e Sottosegretario agli Esteri, e’ stato conferita la delega agli “Italiani del Mondo” dal Ministro Franco Frattini, lo scorso 26 Maggio, con i compiti (come riportato su Italia Chiama Italia) di intraprendere “azioni volte alla loro integrazione nei vari aspetti e i loro diritti” e di occuparsi della “valorizzazione degli imprenditori italiani all’estero” e del coordinamento delle “attività volte al rafforzamento e alla razionalizzazione della rete consolare“, provvedendo “alla costituzione di apposite Commissioni e gruppi in materia“.

Auguroni al Senatore Mantica…anche perche’ nello snellimento generale delle cariche governative, ha avuto altre deleghe non trascurabili: “Paesi europei, compreso il Caucaso e i Paesi dell’ex Unione Sovietica; Rapporti con le istituzioni Europee e, infine, l’esercizio della presidenza della commissione nazionale per la promozione della cultura italiana all’estero”

Urka! Ma non sara’ un po’ troppo? Forse Frattini ha in mente di regalare a Mantica mantello rosso e costume blu, adesso che diventera’ veloce ed efficiente come l'”Uomo d’Acciaio“? 

Insomma, sempre meglio della imperscrutabile Barbara Contini, dira’ qualcuno, Ma qual’e’ la probabilita’ che il Sottosegretario Mantica faccia qualcosa di concreto per gli italiani all’estero? Speriamo solo abbia ragione l’On. Picchi (la cui mancata nomina come Viceministro per gli Italiani all’Estero indica un certo pressapochismo e mancanza di coraggio ai piani alti del Popolo della Liberta’):

Gli italiani all’estero sono interessanti alle chiacchiere, o al fatto che la delega agli italiani nel mondo sia stata comunque concessa? E poi, è stata da solo ieri. Se tra un mese, due, tre, non ci sarà nessun provvedimento legislativo a favore degli italiani all’estero, allora vedremo.

Italiani All’Estero: Picchi al posto di Danieli?

Una proposta molto sensata da Sergio Coggiola sul sito PoliticamenteCorretto: nominare l’on. Guglielmo Picchi, appena riconfermato in Europa alla Camera per il PDL, al posto dell’on. Franco Danieli.

Danieli chi, direte voi? Appunto, rispondo io.

Franco Danieli e’ stato “viceministro degli Esteri con una delega particolare per gli italiani nel mondo” nel Governo Prodi dal 18 maggio 2006. Ha sicuramente lavorato tantissimo, o almeno abbastanza da non avere tempo per ottenere granche’ visibilita’.

L’esperienza da Italiano all’Estero del Sen. Danieli non e’ facile da scoprire. Probabilmente ha fatto qualche missione per conto del Ministero degli Esteri ai tempi del Governo Amato. L’esperienza dell’on. Picchi invece, si sa benissimo, visto che ha studiato nell’ambito dell’Erasmus all’Universita’ di Birmingham e ha lavorato a Londra dal 2002 al 2006 per una grande banca di investimento.

E quindi, come scrive Coggiola:

per il ruolo di responsabile politico di noi “esteri” valga l’equazione: “l’uomo giusto al posto giusto”. E chi meglio di un parlamentare eletto all’estero può ricoprire questa carica? Perché? Semplicemente perché quando era un semplice cittadino come noi ha fatto la coda al Consolato, ha assistito, annoiato, a manifestazioni culturali, ma soprattutto conosce la tipologia sociologica dell’italiano che vive all’estero […] Personalmente per la carica di vice ministro, e aggiungo con delega, io candido Guglielmo Picchi,  mi piace il suo programma, mi è piaciuta la sua attività parlamentare

Chissa’, l’Italia potrebbe diventare utile e amica invece che matrigna, lontana e disinteressata. Forse non sentiremmo piu’ parlare dei programmi a basso QI su RAI International, o dei Consolati che pretendono viaggi di duecento chilometri perche’ venga esercitato il diritto al voto, se viene smarrito il plico elettorale. Ci sarebbe un ufficio disponibile per questioni di carattere legale, e modalita’ di deposito delle denunce senza dover viaggiare migliaia di chilometri fino alla prima caserma dei Carabinieri.

Anche le modalita’ di elezione all’estero, potrebbero essere migliorate in modo che non capitino piu’ decine di schede tutte con la stessa calligrafia.

All’inizio di una Legislatura, possiamo sognare. Di una cosa c’e’ comunque certezza: con Picchi, non rischieremmo certo di tornare agli aspetti “pittoreschi” dei tempi di Tremaglia…

Elezioni 2008: Fra Radicali e PDL, Ho Fatto Quasi L’En-Plein

Con i Radicali nelle liste PD tutti eletti in Italia, e l’on. Guglielmo Picchi riconfermato alla Camera per il PDL in Europa, in queste elezioni ho fatto quasi l’en-plein dei “miei” candidati, con unico escluso l’avv. Raffaele Fantetti al Senato per il PDL in Europa (e’ comunque il primo dei non eletti, se non vado errato).

Alle prossime elezioni, mi vendero’ come portafortuna…

Osservatorio sulla Campagna Elettorale

Ricevo e rimando

-OSSERVATORIO SULLA CAMPAGNA ELETTORALE-

Il Centro d’ascolto dell’informazione radiotelevisiva insieme a RadioRadicale.it hanno lanciato il sito “Conoscere X deliberare” all’indirizzo

http://elezioni2008.radioradicale.it/

Grazie alla sinergia tra i servizi di informazione di interesse pubblico offerti dai due soggetti, ogni giorno potranno essere confrontati gli eventi della campagna elettorale, pubblicati in audiovideo nella loro integralità senza alcuna mediazione giornalistica, e la loro rappresentazione sui telegiornali.

Sarà accessibile anche il calendario, che consente di avere uno sguardo sui principali avvenimenti, e di poter ricostruire la campagna giorno per giorno.

Si potranno selezionare eventi in audiovideo e notizie dei telegiornali per ogni candidato premier, coalizione o partito politico candidato alle prossime elezioni.

Sul sito saranno accessibili anche altre risorse, tra cui il blog del Centro d’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva dove vengono pubblicati giornalmente i dati sulle presenze politiche nelle trasmissioni di approfondimento con gli indici di ascolto medio ricavati dall’Auditel.

Possibile anche l’interazione da parte degli utenti, che potranno pubblicare video, interventi e segnalazioni attraverso Fai notizia, il sito di giornalismo partecipativo di Radio Radicale.

Fin dal 1976 Radio Radicale ha documentato la vita politica italiana integralmente e senza filtri. Questa linea editoriale ha consentito di rendere disponibili online su www.radioradicale.it 114.848 audiovideo, 147.066 oratori, 4.276 organizzazioni, 19.336 sedute del Parlamento, 6.501 processi.

Il Centro d’Ascolto dell’Informazione Radiotelevisiva nasce il 20 febbraio del 1981 da un’idea di Marco Pannella. Dagli inizi degli anni ’80 ad oggi, il Centro d’ascolto ha ininterrottamente schedato e archiviato tutti i notiziari e le trasmissioni di informazione delle televisioni nazionali. Dal 2006 pubblica una rassegna video online di tutti i telegiornali delle reti televisive nazionali.

Londra: Champagne Reception con l’On. Guglielmo Picchi

Ricevo e rimando:

Champagne Reception con l’On. Guglielmo Picchi

Incontro centrale della campagna elettorale del PdL a Londra

venerdì 28 Marzo 2008 – ore 19.00
Arts Club – 40 Dover Street, London W1S 4NP
(traversa di Piccadilly, underground: Green Park)

Si prega di confermare la presenza rispondendo per e-mail a segreteria@picchi.info

Champagne & canapés

RSVP

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

To: Donald J Stewart, 90 Ebury Street , Lon d on , SW1W 9QD

* Please send ……… tickets for the Champagne Reception

28th March @ £30 each for which I/we enclose a cheque for £………..

* I/We cannot attend but enclose a donation of £ …..…….

(Please make cheques payable to CLWCA)

Name: _____________________________________________________

(Block capitals please)

Address: _____________________________________________________

_______________________________ Tel. No: _____________________

Email: ________________________________________________________

Delete as appropriate