Ciao Charles. Ti Ho Trovato.

After more than four years of research, I have finally found the resting place of Charles J Morabito (1919-1945), killed during an escape attempt from the Berga extermination camp, around one month before (some of) his fellow prisoners were liberated.

 

This has been quite an emotional event to say the least.

New Details About Charles Morabito

A few step forward in my search for details about Charles Morabito, PoW 25084 at the Berga slave camp in Nazi Germany. Charles was very unfortunate, part of what might have been the very last group of American prisoners of war tortured/neglected and ultimately killed by the Nazis. As reported by the PBS, he was one of the few American victims of “Vernichtung durch Arbeit — the Nazi policy of physical destruction through labor“.

As of now, I believe Charles Morabito was killed while trying to escape, sometimes in March 1945.

=====================

(1) I have now found this article in the New York Times: “CAPTIVE U.S. TROOPS BEATEN WITH PICKS; Survivor of German Camp Tells How He Put In Long Hours as Slave Laborer” from June 13, 1945. It contains the results of an interview with 20-year-old Daniel D .Steckler, survivor of Berga. He speaks of slave labor under appalling conditions, and of a total of around 350 dead between Feb 28 and Apr 18, 1945.

The article says the Americans had belonged to the 28th Division, fighting in Luxembourg.

(2) There is a Wikipedia entry for the U.S. 28th Infantry Division, but no mention of Berga in the World War II section. Also, that entry includes the 109th, 110th, 111th, and 112th Infantry Regiments for the 28th Division, whilst other sources indicate the 106th Regiment.

(3) Via the Jewish Virtual Library one can find the following 1994 book: “Forgotten Victims: Abandonment of Americans in Hitler’s Camps” by Mitchell G. Bard (Author). Interestingly, the Amazon UK site brings up next to that book, a work by Flint Whitlock entitled “Given Up for Dead: American GI’s in the Nazi Concentration Camp at Berga“.

I will try to source both books at my local library.

(4) Whitlock’s book is described with these words, providing more about the background of the whole Berga camp story:

This is the extraordinary and little-known story of American GIs taken prisoners at the Battle of the Bulge and forced into unspeakable slavery in the Nazi concentration camp at Berga. When thousands of American soldiers were captured by the Germans during the Battle of the Bulge in December 1944, most were marched off to prisoner-of-war camps where they were relatively well-treated. A few hundred others, mainly Jewish, were marched off to the Nazi slave-labor camp at Berga-an-der-Elster, where many met an unspeakable fate. This is their story. For over three months, the soldiers worked under brutal, inhuman conditions, building tunnels in a mountainside for the German munitions industry. Many of them died. The others struggled to survive in a living nightmare. Strangely, when the war was over, many of the Americans who had survived Berga were required to sign a ‘security certificate’ which forbade them from ever disclosing the details of their imprisonment at Berga. Until recent years, what had happened to the American soldiers at Berga has been a closely guarded secret.

(5) Via “Look Inside“, it is possible to find references to “Morabido, Charles” for pages 156-159 (it is a misspelling…check out “Morabito” as written on Charles’ tomb’s cross; and his name in the prisoners’ list):

1. on Page 159:
” … escape was tied to Morabido’s “plundering” at the farm, and he explained the predicament to Bokanic. A German noncom “badgered Bokanic about knowing and escaping with Morabido”
2. on Page 158:
” … Bokanic dashed from the storeroom, out the gate, and ran for cover to wait for Morabido. Five minutes passed and then a shot rang out from the direction … ”
3. on Page 157:
“asked Bokanic where Morabido was and he said that Morabido went to milk a cow. Believe it! Soon, we heard the noise of cows mooing, then … ”
4. on Page 156:
” … known of the plan and, once Mark was at work in the tunnel, two GIs, Charles Morabido and another whose last name was Bokanic, approached him and said they … ”
5. from Index:
“xv, 25, 28 Morabido, Charles: 156-159 Moselle River, France: 68 Munk, Honzo: 140,176-177,179-180 Nabburg, Germany : 189 Nachtmandersheid, Luxembourg: 41 … “

(6) Those pages speak of an escape attempt, and Charles is described by fellow prisoner Joe Mark as a “devil-may-care soldier“, together with his friend ??? Bokanic, very much interested in having finally something to eat. For some reason he decided to milk a cow at a nearby farmhouse. At page 158 the book says Charles might have been shot by the farmer.

It was March 1945.

(7) It is very unfortunate that none of the four original documents displayed in the PBS site about Berga contains the entry about Charles Morabito. There is plenty of information in that site though. For now I have extracted the following map:

To Berga

Aggiornamento su Rocco Morabito

Di Rocco Morabito, aka “Rocky Morabito”, un 87nne abitante di Jacksonville in Florida, ne ho parlato brevissimamento nel dicembre scorso.

Quaranta anni fa, Rocco divenne famoso vincendo il Premio Pulitzer per questa foto, piu’ tardi intitolata “The Kiss of Life” (“Il Bacio della Vita”):

La foto con cui Rocco Morabito ha vinto il Pulitzer

La foto con cui Rocco Morabito ha vinto il Pulitzer

Nella foto, l’elettricista J.D. Thompson applica la respirazione bocca-a-bocca al collega Randall G. Champion. La storia dietro la foto puo’ essere letta in inglese in questo articolo del 1997 sul quotidiano “Florida Times – Union”.

La vita di Rocco Morabito e’ stata recentemente raccontata in un documentario della Jacksonville Historical Society. Un estratto di cinque minuti e’ disponibile qui.

=====

Ci sono alcune foto di Rocco su internet, inclusa questa visita del 1988 al capezzale di Champion (che e’ morto nel 2002), insieme a Thompson:

Rocco Morabito e J.D. Thompson visitano Randall Champion nel 1988

Rocco Morabito e J.D. Thompson visitano Randall Champion nel 1988

Questo e’ Rocco nel 2006, con una delle sue vecchie macchine fotografiche:

Rocco Morabito nel 2006

Rocco Morabito nel 2006

E questo e’ Rocco Morabito pochi mesi fa, nell’April 2008, quando la sua foto e’ stata inclusa in un display interattivo al Newseum a Washington:

Rocco Morabito nell'aprile 2008

Rocco Morabito nell

Rocco Morabito, Pulitzer Prize Winner of 1968

Rocco Morabito, aka “Rocky Morabito”, is nowadays a 87-year-old resident of Jacksonville, Fla.

Forty years ago, Rocco gained everlasting notoriety winning the Pulitzer Prize for this picture, later title “The Kiss of Life”:

Rocco Morabitos Pulitzer Prize winning photo

Rocco Morabito's Pulitzer Prize winning photo

It shows lineman J.D. Thompson resuscitating fellow worker Randall G. Champion. The story behind the picture can be found in this 1997 article on the Florida Times – Union.

The life of Rocco Morabito has recently become the subject of a documentary by the Jacksonville Historical Society. A 5-minute extract is available here.

=====

There are several pictures of Rocco available on the web, including this 1988 visit to Champion (who died in 2002), together with Thompson:

Rocco Morabito visiting Randall Champion in 1988

Rocco Morabito and J.D. Thompson visiting Randall Champion in 1988

This is Rocco in 2006, pictured with one of his old cameras:

Rocco Morabito in 2006

Rocco Morabito in 2006

And here’s Rocco Morabito just a few months ago, in April 2008, as his picture was included in an interactive exhibit at the Newseum in Washington, DC:

Rocco Morabito in April 2008

Rocco Morabito in April 2008

Versione Aggiornata del Curriculum

L’Ing. Maurizio Morabito e’ nato a Reggio Calabria nel 1967 e ha vissuto in tre regioni, quattro Stati e due continenti (visitandone finora cinque). Parla correntemente l’Italiano, l’Inglese e il Francese e a un discreto livello il Tedesco, e conosce i rudimenti delle lingue Giapponese ed Araba.

Laureatosi in Ingegneria Elettronica (Telecomunicazioni) all’Universita’ di Pisa nel 1992 dopo aver conseguito la Maturita’ Scientifica a Brindisi, Maurizio ha ottenuto il Diploma Universitario in Relazioni Internazionali presso il Birkbeck College di Londra nel 2002, con una tesi sulla politica estera dell’Uganda, e poi completato presso lo stesso Birkbeck gli studi necessari per il Certificato in Studi dello Sviluppo (2005).

Maurizio ha partecipato con successo anche a corsi di Formazione al Management (presso una nota Banca tedesca), di Monitore di Primo Soccorso e di Diritto Internazionale Umanitario (presso la Croce Rossa Italiana), di giornalismo (al Birkbeck College) e di metereologia (presso l’Aeronautica Militare Italiana).

La sua carriera, dopo una collaborazione da studente con l’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR di Pisa, lo ha portato dapprima per un anno e mezzo presso una Software House di Firenze, e poi in Giappone con due borse di studio per un totale di piu’ di due anni come ricercatore nel campo dei biosegnali, presso un Istituto Nazionale di Ricerca del Governo nipponico.

Maurizio ha poi continuato le sue ricerche all’Universita’ di Ulm in Germania per 18 mesi, e successivamente e’ rientrato nel mondo dell’industria come Tecnico/Addetto alle Vendite per il Regno Unito di una ditta canadese nell’ambito dell’analisi dei segnali. Dal 1998 lavora nel settore dell’Investment Banking nella City di Londra, dapprima per una banca tedesca e negli ultimi quattro anni come per una ditta di consulenza, con vari incarichi presso alcune delle piu’ prestigiose banche di investimento.

Considerato dai colleghi come uno dei massimi esperti nella gestione e implementazione tecnica di un pacchetto software specializzato per il Trading, Maurizio ha lavorato per anni con persone provenienti da tutte le parti del mondo, arrivando a gestire un team di 15 persone distribuite in quattro localita’ in Europa, Giappone e Nord America. Attualmente sta costruendo una buona esperienza nel campo del Knowledge Sharing.

Apprezzato e spesso consultato dai colleghi per la sua prosa chiara e diplomatica sia in Italiano che in Inglese, Maurizio ha una discreta esperienza come giornalista, sia a livello locale (per un periodico pisano) sia divulgativo/globale (come corrispondente dall’estero, prima per una rivista di informatica della Mondadori, e adesso per un mensile di Reggio Calabria).

Durante gli anni universitari ha anche prodotto e condotto trasmissioni radiofoniche di approfondimento presso una radio locale. Piu’ recentemente ha pubblicato anche un articolo su una rivista americana on-line sul tema delle paure legate ai cambiamenti climatici, e gestisce tre blog (due generalisti, un terzo sul clima) in Italiano e in Inglese.

Maurizio, le cui lettere appaiono molto frequentemente nella apposita rubrica sull’International Herald Tribune, e che grazie a un suo commento e’ stato recentissimamente selezionato e ripubblicato con foto sul sito della BBC News, ha inoltre un buon numero di pubblicazioni scientifiche a suo nome, nel campo dell’analisi dei biosegnali e anche dell’esplorazione lunare.

Il suo obiettivo personale e’ di poter comunicare di fisica con i fisici, di medicina con i medici, di filosofia con i filosofi, e di problemi e soluzioni di gente comune con la gente comune.

Di ispirazione e credo Cattolici, iscritto dal 2007 a Radicali Italiani, Maurizio si considera liberale, “nonviolento” e “libertario nella responsabilita’” e mal sopporta il socialismo invidioso, le eccessive semplificazioni e complicazioni, e la politica e la filosofia urlate e vuote di contenuti.

E’ stato Responsabile di Amnesty International per la Toscana nel 1993, e ha tenuto per vari anni corsi divulgativi di Diritto Internazionale Umanitario per la Croce Rossa Italiana. Ultimamente si e’ molto interessato ai difficili rapporti fra scienza e politica, e fra scienza e religione, sia dal lato pratico che dal lato etico.

Rocco Morabito, Vincitore del Premio Pulitzer 1968

Ecco la foto “Il Bacio della Vita”, che mostra un lavoratore dell’elettricita’ che pratica la respirazione bocca-a-bocca a un collega in cima a un palo della luce:

Rocco Morabito del Jacksonville Journal (Florida, USA) ha vinto con quella foto il Premio Pulitzer 1968 per Fotogiornalismo. L’uomo che e’ sfuggito alla morte in maniera cosi’ pubblica era Randall Champion. E’ morto 5 anni fa, all’eta’ di 64 anni.

Rocco forse vive ancora a Jacksonville. Il giornale per cui lavorava ha chiuso anni fa.

Maurizio e…i Cambiamenti Climatici

In una mailing list italiana un noto personaggio televisivo mi ha chiesto “perche’ hai una posizione aggressiva in materia di cambiamenti climatici (peraltro ben esplicitata da quanto scrivi nel tuo blog)?”. Di seguito la mia risposta:

In realta’ scrivo tanto sui Cambiamenti Climatici (CC) ma si tratta di un effetto collaterale del mio atteggiamento scettico un po’ per istinto, un po’ per apprendimento.

Ai miei tempi mi sono formato in campo scientifico anche dietro a Skeptic Magazine, e James Randi e’ lassu’ nel mio Pantheon, assieme a Penn&Teller, Michael Shermer e tanti altri. A suo tempo leggevo anche la mailing list del Cicap.

Di astrologi e veggenti mi sono un po’ rotto, pero’, anche se trovo divertenti le pareidolie periodicamente fatte a pezzi dal Bad Astronomer (BA e’ un blog che consiglio di leggere, anche se sul clima io e Phil Plait la pensiamo molto diversamente)

Comunque, mi piace molto tenermi aggiornato dal punto di vista scientifico, sia da Scientific American, sia da Le Scienze, sia da American Scientist (piu’ una caterva di siti web di riviste varie. Ma New Scientist non lo sopporto, come stile).

Quando c’e’ bisogno mi leggo gli originali, anche se l’accesso da quando ho lasciato l’ambiente accademico e’ molto piu’ ristretto.

Se uniamo le due cose, otteniamo un tizio (me) che legge articoli scientifici con un occhio scettico, in maniera critica cioe’, perche’ quello che pretendiamo dal primo cafone illusionista lo dobbiamo richiedere anche a Lancet e Nature.

——-

Il CC da questo punto di vista e’ la “Tempesta Perfetta” per vari motivi.

Prima di tutto, francamente tanti studi sono campati in aria, tante affermazioni sono senza base scientifica, e tante previsioni sono solo lugubre paure del futuro. Non dico che la climatologia moderna vada buttata al macero, pero’ trovo difficile pensare che siano cose serie piu’ di una minima parte delle 428 e piu’ previsioni di cambiamento dovuto al riscaldamento globale.

Per far luce sulla situazione “vera”, proprio in questi giorni sto spulciando l’AR4-WG2 dell’IPCC pagina per pagina, per cercare finalmente di capire quali conseguenze del CC siano gia’ successe o stiano succedendo proprio adesso.

La prima cosa che salta all’occhio pero’ e’ che dei 26’200 cambiamenti riportati “consistenti con il riscaldamento” , ben 25mila siano relativi a sistemi biologici in Europa. Si tratta del 95.5% tutti da un continentino piccolo piccolo. E chissa’ quanti di quei cambiamenti sono legati fra di loro.

Insomma ci sono quasi tre volte piu’ cambiamenti “INconsistenti con il riscaldamento” in Europa (3’100) che cambiamenti “consistenti con il riscaldamento” nel resto del mondo (1’177)

E poi mi si chiede perche’ resto scettico? Che ci posso fare, se chiedo di “vedere per credere”? E cosa sbaglio?

Dei modelli del clima, non parlo neanche.

——-

Non si tratta comunque di attenzioni che riservo solo al CC. Ecco qui il mio commento in inglese a una fesseria pubblicata su The Lancet, l’ennesima associata alla Food Standards Agency britannica.

Questo poi e’ un mio articolo sempre in inglese sulla diatriba riguardo le linee elettriche e il cancro.

E infine una collezione di errori madornali e non, trovati sulle pagine di Astronomy Magazine.

——-

Ma e’ facile notare che tanti dei miei pezzi parlano di Cambiamento Climatico. Un grosso problema che ho con l’allarmismo climatico e’ infatti dovuto al suo debordare nella politica. Al momento e’ il carrozzone su cui sale chiunque vuole mangiarsi un po’ della nostra liberta’, cercando di pilotarci grazie alle paure (vedi Ban Ki-Moon e le sue stupidaggini sul Darfur).

Queste pero’ naturalmente sono considerazioni politiche per cui ciascuno la pensi come vuole.

Mille e Uno Anni di Morabito

Intorno al 1006 A.D., da qualche parte nel Sud del Marocco nasceva Yūsuf Ibn Tāshfīn, cugino o nipote di Abu-Bakr Ibn-Umar e Yahyā ibn Ibrāhīm, fondatori della dinastia e dello stile di vita Almoravide.

Yūsuf era destinato a vivere cento anni, regnare dalla Spagna al Senegal, e fondare la citta’ di Marrakech in un impero che non gli sopravvisse piu’ di quaranta anni.

I seguaci delle dottrine Almoravide si sarebbero poi dispersi fra il Marocco e la Sicilia orientale, dove probabilmente durante la conversione al cristianesimo fu loro attribuito un cognome: Morabito.

Remembering Charles Morabito, PoW 25084 at the Berga slave camp

It all started for me whilst reading the IHT, with a NARA photo of Charles Morabito’s then-grave at Berga:

Now I know Charles was a very unfortunate Prisoner of War, sent to a deadly slave camp in the last months of the war. The PBS pages about the documentary “BERGA: SOLDIERS oF ANOTHER WAR” list him as prisoner #25084, with rank PFC

He may have been of the 106th Infrantry Division, but it is not a given. I’m still looking for details