After the Kenyan Mall Attack: against anti-Islamic propaganda

Nothing can hurt Islam like the awful behavior of those who pretend they’re defending it.

That’s quite a general statement. Replace “Islam” with whatever else highly-held concept, and it works just as well. Nothing hurt Communism like Stalin. Nothing hurt Roman Catholicism like Torquemada. Nothing hurt Anthropogenic Climate Change like Michael Mann. Etc etc.

And yet that is a valid point mostly if not only from a propaganda point-of-view. There comes a point when one has to stand and state that the same awful behavior is no indication of there necessarily being anything intrinsically wrong with Islam, Communism, Roman Catholicism or Anthropogenic Climate Change.

The actual flaws, if there are any, must be discovered and argued for what they are. A simple labelling “Some of their supporters are up to no good” cannot demonstrate if Milwall is or isn’t a good team. Likewise the millions killed by Tamerlane have zero logical relationship with the standard of behavior of the average Muslim citizen. And the fact that France and Germany started a war 99 years ago that led to more than 100 million dead, does not necessarily mean there is something very wrong with France and Germany.

There could be, but we cannot know before finding a proper argument above and beyond the behavioral one.

The above is an introduction to a series of comments I have made in another blog, where the diffuse anti-Islam propaganda has unfortunately found some new victims. I’m posting most of the comments unedited or slightly so.

Continue reading

L’Ironia (Senza Confini) Della Sorte

Un po ‘di storia degli attentati suicidi nel mondo islamico, come riportata sulla Suedeutsche Zeitung partendo dal libro di Gilles Kepel “Terreur et martyre”):

  1. Negli anni 1980, durante la straordinariamente lunga guerra Iran-Iraq, la quasi esausta Repubblica Islamica ha da Teheran inizia a inviare bambini per ripulire i campi minati (con i loro corpi, pero’), rifacendosi a una tradizione sciita riguardo l’auto-immolazione
  2. Intorno al 1993, la propaganda iraniana insegna l’uso della tecnica a Hezbollah, i loro alleati libanesi (ancorche’ sunniti), ovviamente solo e soltanto per lottare contro l’occupazione israeliana della Palestina, e spostando quindi la fraseologia da “auto-immolazione” a “operazione di martirio”
  3. Inizialmente, i teologi sunniti non sono stati a favore delle “operazioni di martirio”. Ma cio’ e’ cambiato circa intorno al 1996, con il “bonus aggiunto” di classificare i civili israeliani “obiettivi legittimi” (si sa, la maggior parte di loro sono stati e sono tuttora tenuti a servire nell’esercito a un certo punto della loro vita)
  4. Dopo una serie di sanguinosi attentati suicidi che hanno afflitto Israele per un po ‘di tempo, il top è stato raggiunto, ovviamente, con il 9 / 11 la distruzione delle Twin Towers
  5. Dopo l’invasione dell’Iraq pero’, e’ arrivato il momento della tragedia anche per i piu’ convinti, con terroristi sunniti impegnatissimi in attentati suicidi contro gli sciiti …!

Insomma il cerchio si e’ chiuso, con un supremo senso di ironia da parte del Fato (o di Dio). Ma non dimentichiamo un barlume di speranza per concludere: nonostante le bombe di Madrid e di Londra, più altra in Kenya e altrove, gli organizzatori di attentati suicidi e’ un po’ che vedono le loro opportunita’ in peggioramento.

Deve essere piuttosto difficile sostenere la legittimità dell’uso di di attentati suicidi, una tecnica originariamente sciita, proprio per uccidere altri sciiti. E che tipo di “combattente islamico per la libertà” puo’ mai pensare che il modo migliore per liberare i musulmani sia ucciderli?

Fate’s Unrelenting Twists of Irony

A brief history of suicide bombing in the Muslim world, as reported on the Suedeutsche Zeitung starting from Gilles Kepel’s book “Die Spirale des Terrors” (French original: “Terreur et martyre“):

  1. In the 1980′s, during the extraordinarily long Iran-Iraq war the almost-exhausted Islamic Republic started sending children to clear out minefields (using their bodies that is), following an establish Shiite tradition of self-immolation
  2. Around 1993, Iranian propaganda spread news and use of the technique to Hezbollah, their (Sunni) Lebanese allies, of course only and just to fight the Israeli occupation of Palestine, shifting therefore the phraseology from “self-immolation” to “martyrdom operation”
  3. Initially, Sunni scholars were not in favor of “martyrdom operations”. That all changed around 1996, with the “added bonus” of Israeli civilians being thrown in the lot of “legitimate targets” (you know, most of them were and still are bound to serve in the military at some point in their life)
  4. After a series of bloody suicide bombings afflicting Israel for quite some time, the top was obviously reached with the 9/11 destruction of the Twin Towers
  5. Tragedy (ironic, but still tragedy) struck the  “suicide bombing appreciation society” in the Muslim world after Iraq was invaded in 2003, and Sunni terrorists started to use suicide bombings against…Shiites!

So it has all gone around full circle. Supreme sense of irony from Fate (or God), isn’t it?

One ray of hope to conclude: despite the Madrid and London bombings, plus others in Kenya and elsewhere, suicide bombing organizers have seen things going downhill since.

It must be quite hard to argue for the legitimacy of an originally-Shiite technique to be used to kill Shiites. And what kind of “Islamic freedom fighter” can think in his right mind that the way to free Muslims is by killing them?

For Christmas, A Little Respect

Merry Christmas to everybody.

With the full notion that there’s still a lot to do before Christmas becomes Christian enough to be Christmas…

A little respect by Abubakar N. Kasim Monday, December 22, 2008

If Santa Claus were ever to pay me a visit and grant me a wish, I would reply with one word: respect.

I would wish that society at large would show some respect toward me and my faith.

I am judged negatively whenever someone of my faith is accused of committing a crime.

I am viewed as an enemy within, a home-grown fanatic whom everyone should guard against.

I am harassed at the boarding gate when I leave the country, as if I was going to an Al Qaeda convention.

I am also bullied by the customs and immigration officers when I come back home, as if I don’t belong here.

I am pulled aside for extra inspections, as if I was carrying instructions on making weapons of mass destruction.

I am told repeatedly to tell the real truth about what I am bringing with me that I have not declared.

When a crime occurs where a Muslim is the primary suspect, I am asked to issue a statement in the strongest possible terms against terrorism and to dissociate myself from the crime. Whatever language I use in my denunciation, I am told is not enough and I must do more.

On the day after the crime, the headline reads: “Moderate Muslims Fail To Speak Up,” even though I have spoken and have condemned the crime.

When I try to access my own money, the bank teller reminds me of the seriousness of money laundering.

A bank supervisor recently alleged that my signature did not match the signature they had in my file. I emptied my wallet and showed all my identifications, to no avail.

Although I have lived in Canada for more than a decade and have been working hard to pay taxes and make ends meet, I am still viewed as a foreigner who belongs somewhere else.

A colleague at the airport where I work asked me recently, “Why did you choose Canada, a Christian country, and did not go to your own people instead?”

Another coworker said the other day that she cannot tolerate seeing Muslim women covering up. “I feel the urge to remove the piece of rag by force,” she said. “Why in the world would she hide her beauty?” she added.

Another airline employee suggested that we should stop Muslim women from entering the country if they choose to wear the hijab.

I cried like a child when a friend said that the only way the world can solve the problem of terrorism is to nuke the Muslim world. Only then will the planet live in real peace, he said.

It is deeply troubling to see how Muslims are treated in society. While I was having dinner at work, my colleagues next to me were discussing the shooting death right after the Sept. 11 tragedy of a Sikh man in the United States who was thought to be a Muslim. One of the people involved in the conversation blamed the murderer for not doing his homework in making sure that the person he was targeting was a real Muslim. The people in the cafeteria did not find the statement troubling and they all laughed approvingly.

We are reminded – again and again – that freedom of expression has limits. But when the same freedom involves the dehumanization of Muslims, it has no limit.

I don’t think I am asking too much if I expect some respect from my fellow countrymen.

I might have some lunatics in my midst but who doesn’t? If Christians are not held responsible for the death and destruction their co-religionist George W. Bush caused in Iraq, why should I be held responsible for the acts of a few mad men who might create mayhem in the name of my faith?

Abubakar N. Kasim is a freelance writer based in Toronto, working as a customer service representative for a major airline.

Per Natale. Un Po’ di Rispetto.

Buon Natale a tutti.

Con la piena consapevolezza che c’è ancora molto da fare prima che il Natale diventi abbastanza Cristiano da meritarsi il nome di Natale …

Un po ‘di rispetto” di Abubakar N. Kasim Lunedi, 22 dicembre 2008

Se Babbo Natale mai mi visitera’ e mi concedera’ un desiderio, vorrei rispondere con una sola parola: rispetto.

Mi auguro che la società in generale che mostra alcuni rispetto verso me e la mia fede.

Io sono giudicato negativamente ogni volta che qualcuno della mia fede è accusato di aver commesso un reato.

Io sono considerato come un nemico interno, un fanatico contro cui tutti dovrebbero essere in guardia.

Io sono perseguitato al gate d’imbarco all’aereoporto quando lascio il Paese, come se stessi per andare a un raduno di Al Qaed.

Io sono anche vittima del bullismo da parte dei funzionari della dogana e dell’immigrazione ufficiali quando rientro a casa, come se non appartenessi qui.

Io sono messo da una parte per ispezioni supplementari, come se stessi portando istruzioni per costruire armi di distruzione di massa.

Mi è stato chiesto più volte di raccontare la vera verità riguardo quello che sto trasportando con me e non ho dichiarato.

Quando si verifica un crimine, se un musulmano è il sospettato principale, mi viene chiesto di rilasciare una dichiarazione di condanna del terrorismo con la massima fermezza, e di dissociarmi dal reato. Qualunque sia il linguaggio che uso nella mia denuncia, mi viene detto che non è sufficiente e devo fare di più.

Il giorno dopo il reato, i titoli recitano: “I musulmani moderati non ne parlano, e non condannano”, anche se ho parlato e ho condannato il crimine.

Quando provo ad accedere al mio stesso denaro, allo sportello della banca Bancomat mi viene ricordata la gravità del reato di riciclaggio di denaro sporco.

Un dirigente di banca di recente ha affermato che la mia firma non corrispondeva alla firma che conoscevano. Ho svuotato il mio portafoglio e ho mostrato tutte le mie tessere identificative, ma non e’ bastato.

Anche se ho vissuto in Canada per più di un decennio e ho lavorato sodo per pagare le tasse e far quadrare il bilancio, sono ancora considerato come uno straniero che appartiene da qualche altra parte.

Un collega all’aeroporto a dove lavoro mi ha chiesto di recente, “Perché hai scelto il Canada, un Paese cristiano, e non sei invece andato dal tuo popolo?”

Un altro collega ha detto l’altro giorno che lei non può tollerare vedere donne musulmane con il velo. “Mi viene voglia di rimuovere quel pezzo di straccio con la forza”, ha detto. “Perché mai al mondo dovrebbe lei nascondere la sua bellezza?” ha aggiunto.

Un altro impiegato di compagnia aerea ha suggerito che dovremmo smettere di permettere a donne musulmane di entrare nel Paese se scelgono di indossare l’hijab.

Ho pianto come un bambino quando un amico ha detto che l’unico modo in cui il mondo può risolvere il problema del terrorismo è di usare le bombe atomiche contro il mondo musulmano. Solo allora il Pianeta vivrebbed una pace reale, ha detto.

E ‘profondamente preoccupante vedere come vengono trattati i musulmani nella società. Mentre mangiavo al lavoro, i miei colleghi accanto a me sono state discutendo l’omicidio a colpi di pistola dopo l’11 settembre di un Sikh negli Stati Uniti che era stato scambiato per musulmano. Una delle persone coinvolte nella conversazione ha accusato l’assassino di non aver fatto il suo dovere, per sincerarsi che il target fosse stato un vero musulmano. La gente intorno non ha trovato niente di preoccupante nella dichiarazione, e tutti ridevano in approvazione.

Ci viene ricordato – molto spesso – che la libertà di espressione ha dei limiti. Ma quando la stessa libertà comporta la disumanizzazione dei musulmani, non c’e’ limite.

Non credo che sto chiedendo troppo, se mi aspetto rispetto da parte dei miei connazionali.

Posso avere qualche pazzo dalla mia “parte musulmana”, ma chi non ne ha? Se i cristiani non sono ritenuti responsabili per la morte e la distruzione che il cristiano George W. Bush ha causato in Iraq, perché dovrei essere ritenuto responsabile per gli atti di qualche pazzo che potrebbe [seminare morte e distruzione] in nome della mia fede?

Abubakar N. Kasim è uno scrittore freelance, che risisede a Toronto, e lavora come rappresentante del Servizio Clienti di una grande compagnia aerea.

Senza Dio, Senza Cervello?

In risposta a questo blog “L’ateismo è più diffuso di quanto si creda” su Universi Paralleli:

(nota ai lettori di Universi Paralleli: questo commento e’ stato li’ censurato. Spero che qualcuno sara’ gentile al punto di farmi sapere quando l’autore di UP si svegliera’ dal sonno della ragione e decidera’ di rispondere. grazie)

Chiedete a un cristiano perché i musulmani credono che ogni beato maschio riceverà in paradiso 72 vergini: il cristiano vi dirà che purtroppo i musulmani sono stati educati a crederlo.

Chiedete a un musulmano perché i cristiani sono convinti di essere macchiati dal peccato originale: vi dirà che purtroppo glielo hanno insegnato da bambini.

Tutti sono atei sugli dei degli altri.

Intanto bisognerebbe trovare un cristiano e un musulmano a cui fare davvero quelle domande, invece di inventarsene due cosi’ tanto per dire.

Secondo il cristiano e il musulmano, a meno che non siano incredibilmente ignoranti o con il prosciutto sugli occhi, dovranno riconoscere che il Dio in cui pregano e’ uno solo, quello di Abramo: per cui non avrebbero senso che si dessero dell’”ateo” l’un l’altro.

Magari un cristiano dira’ che un musulmano e’ una specie di eretico, e vice-versa: ma l’eresia non e’ certo l’ateismo.

La faccenda e’ molto piu’ complessa di quanto le cretinate di Dawkins lascino pensare. Per esempio quante volte e’ stato detto che islamismo e induismo sono assolutamente incompatibili? E poi si va invece a scoprire che c’e’ almeno una popolazione indiana che pratica sostanzialmente entrambi (per non parlare dei Sikh, che hanno elementi islamici e induisti nel loro Credo).

Anche se non nutro alcuna speranza che quanto ho appena scritto aiutera’ nessuno a chiarirsi le idee, mi permetto un piccolo suggerimento: non parlate di cose che per definizione non conoscete.

Se non avete una fede religiosa, parlando di fede religiosa non potrete infatti che dire sciocchezze: a meno che non riusciate a immedesimarvi con coloro che a quanto pare disprezzate.

Chi Ha A Cuore La Civilta’ Occidentale, Cominci A Rispettarla

(ringrazio Ricky Filosa per aver pubblicato questa lettera sul portale d’informazione “Italia Chiama Italia” a proposito di un articolo pubblicato recentemente)

=========

Caro Direttore

Certo che per un musulmano vivere non deve essere molto semplice, oggigiorno.

In Pakistan, l’unico Stato al mondo dove basta la fede islamica per ottenere la cittadinanza, i “difensori” di al-Qaeda gli tirano le bombe. Idem in Iraq, in Afghanistan. Allora magari dira’, vado in Europa dove dicono di volere “giustizia, prosperita’ e armonia tra i popoli“. E che gli succede invece?

Trova quelli che lo considerano un “nemico” senza mai averlo visto ne’ conosciuto: come si evince dall’attacco di Susana Luján Crea all’”Islam” in quanto “sistema politico con delle sfumature religiose“, un attacco che fa davvero riflettere (“Il vero nemico: l’Islam“, ItaliaChiamaItalia, 21 Set 2008).

Cominciamo intanto con il correggere alcune imprecisioni. Della storia del “ragazzino cristiano di Rotterdam” e’ difficile trovare conferme.

La vicenda della “ragazzina di Londra” e’ molto diversa da quanto riportato: a Croydon, nel sud della capitale britannica, ci fu in effetti un tentativo da parte di una scuola di proibire la Croce al collo, nel maggio 2007, ma la comunita’ islamica locale si uni’ alle altre Fedi religiose per condannare tale iniziativa (dal Daily Express).

Quindi non mi sembra quello un buon esempio per dimostrare il futuro avvento dell”‘Eurabia”, anzi semmai mostra proprio il contrario.

Anche la storia del poliziotto inglese che si sarebbe rifiutato di montare la guardia davanti all’Ambasciata Israeliana a Londra, non corrisponde a quanto scritto dalla Sig.ra Luján Crea. Si tratto’ di una “semplice richiesta“, come riportato ufficialmente da Scotland Yard, legata al fatto che in quei giorni era in corso l’attacco israeliano in Libano. Quel poliziotto, che aveva dei parenti siriani e libanesi, temeva che potessero subire ritorsioni, qualora egli fosse stato visto di turno proprio davanti all’Ambasciata del Governo di Gerusalemme (dalla BBC).

Se cio’ sia permesso o no dalla legge britannica, e se sia una scelta moralmente corretta o no, sono entrambi giudizi che nulla hanno a che fare con la problematica dell’Islam in Europa.

Insomma con delle premesse cosi’ lontane dal vero e’ difficile concordare con il resto dell’articolo. Ad esempio, la Sig.ra Luján Crea teme che l’Europa rischia addirittura di morire. Nel “riaffermare e rivendicare i nostri valori assoluti” io sottolineo che trovo anzi offensivo della dignita’ nazionale italiana, e culturale europea, il pensare che bastino un po’ di immigrati per far scomparire la nostra civilta’.

Cio’ che ci sentiamo in dovere di difendere, infatti, e’ ovvio che lo consideriamo estremamente debole, al punto da aver bisogno che qualcuno lo difenda. E’ sicura, la Sig.ra Luján Crea, che sia questa l’immagine dell’Europa che vuole trasmettere al mondo? Davvero ritiene che “le basi democratiche, la tradizione cristiana e le libertà individuali” siano cosi’ poco in salute da scomparire al primo assalto?

Non ricordiamo che simili discorsi sono stati fatti ripetutamente nella Storia, come decenni anni fa quando negli USA c’era la paura che le orde di immigrati avrebbero rovinato la societa’? Quegli immigrati da temere erano italiani. E forse si parla italiano, adesso, alla Casa Bianca? Certo che no. Perche’ alla fine la forza della cultura e della societa’ americana e’ stata tale da poter non solo interagire con i nuovi arrivati (i quali, scandalo degli scandali, erano perfino…Cattolici!!!), ma addirittura sono riuscite a diventare ancora piu’ forti.

La Sig.ra Luján Crea cita anche l’Arcivescovo Giuseppe Bernardini che avrebbe riferito delle parole di un “autorevole personaggio musulmano“: “Grazie alle vostre leggi democratiche, vi invaderemo, grazie alle vostre leggi religiose, vi domineremo“. Chissa’ – anche Lenin era convinto che i capitalisti gli avrebbero venduto la corda con cui li avrebbe impiccati. Sappiamo bene com’e’ finita.

Mi chiedo anche io: “dove sta andando l’Europa che vogliamo per i nostri figli?“. La mia risposta e’ che non ho alcuna intenzione di farla andare nella direzione di una lotta senza quartiere con “nemici” costruiti a tavolino per l’unico motivo che sono “diversi”: “nemici” a cui qualcuno vorrebbe dire che addirittura l’intera loro religione sarebbe da buttare via, incompatibile con l’Europa stessa.

Lamentarsi della diversita’ ha poco senso, per un un italiano che vive a Londra come me, cosi’ come non e’ una posizione logica per una italiana che vive in Spagna. E cosa pretendiamo, poi, dalle persone di Fede islamica? Che rinuncino a tutto? Su che basi? Per arrivare a cosa?

La “grinta del passato” auspicata dalla Sig.ra Luján Crea ha portato l’Europa giudaico-cristiana al suicidio nel 1914-18, e poi al genocidio di una parte fondamentale della sua cultura nel 1933-45 (troppi Paesi e troppi popoli europei si unirono volenterosi al massacro, per poter circoscrivere la Shoah a una sola nazione, e a un solo credo politico). Perche’ non proviamo invece per una volta a dimostrare quanto davvero crediamo nella nostra “tradizione cristiana“?

Cominciamo quindi con l’applicare quel Discorso della Montagna dove mi sembra che Qualcuno abbia “suggerito”, fra l’altro, di amare i propri nemici. E di essere “operatori di pace“.

saluti
maurizio morabito

ps sono seriamente preoccupato del fatto che a Callosa d’Ensarria sia considerato un problema avere un bambino a scuola di nome Pavel. Che poi vuol dire…”Paolo”.

Al Qaeda Uccide Musulmani

Quand’anche ci fosse mai stato il minimo dubbio…visti i risultati delle attivita’ di al Qeada in giro per il mondo, lasciando da parte per il momento l’11 settembre 2001, dopo l’attentato al Marriott di Islamabad una cosa e’ ormai chiarissima.

Al Qaeda, che a chiacchiere dovrebbe lavorare per il ritorno di un Impero Islamico, in realta’ quello che fa e’ uccidere musulmani.

La Storia e’ davvero una farsa omicida. E quegli idioti che volevano marciare per Colonia “contro l’islam” dovrebbero seriamente considerare Osama bin Laden come uno dei loro eroi.

Al Qaeda Kills Muslims

Just in case there was any doubt about it…given the history of al-Qaeda-inspired activities around the world, and leaving aside 9/11, it is obvious with the Marriott’s bomb of yesterday in Islamabad that that Osama bin Laden and all the people inspired by him have achieved one and only one goal.

Al Qaeda has become the biggest killer of Muslims worldwide.

History is a murderous farce indeed. And those idiots meeting up in Cologne for an anti-Islam rally, should seriously start considering Osama as one of their heroes.

Muslims vs the West: History Is Not As We Have Been Told

History is never pure chronicles, rather always an interpretation. And so with double skepticism we should confront all “Arguments from History” that elicit hatred and separation: because they are likely to be unmasked as simplistic manipulations.

Excerpts from Peter Brown’s “The Voice of the Stones“, The New York Review of Books, Volume 55, Number 6 · April 17, 2008 – reviewing G.W. Bowersock’s new book “Mosaics as History: The Near East from Late Antiquity to Islam“, Belknap Press/Harvard University Press, 146 pp., $22.95 (article on the web for subscribers only):

[...] The second-to-last chapter of Mosaics as History—entitled “Iconoclasms”—shows that [the] descendants [(Jews, Christians, and pagans in the Middle East] were still [commissioning figurative mosaics] after well over a century of Muslim rule. Only in the year 723 did the local Christians find themselves forced to remove some of the figures from the exuberant mosaics in their churches, at the bidding of the Umayyad Caliph Yazid II. They did so with care. As Bowersock shows, this first premonitory tremor of Muslim iconophobia was limited in its extent, and it was Christians themselves who undertook to respond to it.

Far from showing a Muslim fundamentalist state flexing its muscles against religious minorities, the decree of Yazid II arose from a surprising situation. Up to that time, Muslims had often worshiped in Christian churches. They did not like all that they saw there. Some found themselves increasingly disquieted by the exuberant animal and human life that they saw on the pavements. (Put briefly: to attempt to create living beings through art began to awake fears in them that were like those stirred up, in recent years, by experiments in cloning.)

But they did not descend upon the Christians from outside, to inflict random destruction on all Christian images. Rather, the Muslims who advised Yazid II seem to have acted like partners who had already been taken into a firm. They slowly bought out their colleagues and imposed their own policies, by tweaking the image that the company was supposed to project. Eventually (as we all know) the policy of avoiding images would win out. But it only did so (and only to a certain degree) in Muslim circles, and never among the large Christian populations of the Near East, many of whose images have survived (icons, frescoes, mosaics, and all) up to this day.

[...] Altogether, Mosaics as History offers little support to inert stereotypes. Here is no abrupt end of the ancient world, brought about by Arab invaders from the desert. Here are no Christians trembling under the shadow of an intolerant Muslim empire. It is not as we had been told. But then, we are seldom told as much as we should be told about the non-Western shores of the Mediterranean and even less about the complex strands that linked the world of late antiquity to that of early Islam. We need to listen to Bowersock:

Late antiquity and early Islam are full of challenges to old easy dichotomies, such as Orient oder Rom [East or Rome—with nothing in between], that have so long dominated historical interpretation.

[...] Only the sharp tang of scholarship like Bowersock’s, devoted to a seemingly distant past, can clean our eyes, a little, of the itch of modern pseudohistory, of modern stereotypes, and of modern hatreds, so that we can view the present, if not with comfort, then at least with clarity.

Fitna: Anti-Koranic Freedom of Expression It Ain’t

What to say about Fitna, the anti-Koran movie by far-rightist Dutch MP Gert Wilders who’s enjoying his spot in the limelight in these days?

First of all, the fact that it has had a difficult time getting published is not a serious matter of censorship and/or an attack on freedom of expression. Freedom of expression doesn’t mean playing up polemic for the sake of polemic: I’ll defend Rushdie’s right to write literature that some may find offensive, but I won’t waste a second to defend the author of Fitna or anybody that publishes something with the one and only intent of causing offense.

On the other hand it is simple historical truth that Christians and Jews have been able to prosper in Islamic states: the opposite, unfortunately, is much harder to argue (just think at the Armenian genocide, that follows the de-islamization of the Ottoman State).

The Qu’ran is quite explicit about this:

2,62: Those who believe (in the Qur’an), and those who follow the Jewish (scriptures), and the Christians and the Sabians,- any who believe in Allah and the Last Day, and work righteousness, shall have their reward with their Lord; on them shall be no fear, nor shall they grieve.

5,69: Those who believe (in the Qur’an), those who follow the Jewish (scriptures), and the Sabians and the Christians,- any who believe in Allah and the Last Day, and work righteousness,- on them shall be no fear, nor shall they grieve.

22,17: Those who believe (in the Qur’an), those who follow the Jewish (scriptures), and the Sabians, Christians, Magians, and Polytheists,- Allah will judge between them on the Day of Judgment: for Allah is witness of all things.

One should compare that for example to Roman Catholic exclusivity: at least until the Second Vatican Council, there was no path to Heaven to anyone that was not a RC. All sort of Christians have managed to kill each other (and others) for centuries, on the basis of some sort exclusivity. Compared to that, the Qu’ranic text verges on the ecumenical:

2,135: They say: “Become Jews or Christians if ye would be guided (To salvation).” Say thou: “Nay! (I would rather) the Religion of Abraham the True, and he joined not gods with Allah.”
2,136: Say ye: “We believe in Allah, and the revelation given to us, and to Abraham, Isma’il, Isaac, Jacob, and the Tribes, and that given to Moses and Jesus, and that given to (all) prophets from their Lord: We make no difference between one and another of them: And we bow to Allah (in Islam).”
2,137: So if they believe as ye believe, they are indeed on the right path; but if they turn back, it is they who are in schism; but Allah will suffice thee as against them, and He is the All-Hearing, the All-Knowing.
2,138: (Our religion is) the Baptism of Allah: And who can baptize better than Allah? And it is He Whom we worship.
2,139: Say: Will ye dispute with us about Allah, seeing that He is our Lord and your Lord; that we are responsible for our doings and ye for yours; and that We are sincere (in our faith) in Him?
2,140: Or do ye say that Abraham, Isma’il Isaac, Jacob and the Tribes were Jews or Christians? Say: Do ye know better than Allah? Ah! who is more unjust than those who conceal the testimony they have from Allah? but Allah is not unmindful of what ye do!

To anybody talking about Islam as “intrinsically fascist” I can then only answer that as far as I am concerned they can write that on the surface of the Moon, but all they’ll show is ignorance (and unwillingness to learn).

Film Anti-Corano? La Liberta’ di Parola Non C’Entra Niente

Cosa dire riguardo Fitna, il film “anti-Corano” del deputato olandese di estrema destra Gert Wilders che sta avendo i suoi cinque minuti di fama in questi giorni?

Prima di tutto, la liberta’ di parola non significa andarsele a cercare: anzi, come e’ stato gia’ scritto, la “polemica per la polemica” e’ solo segno di conformismo.

Io difendo Rushdie quindi (il quale scrive letteratura, per poi scoprire di aver offeso), ma del film Fitna (che e’ nato all’unico scopo di offendere) non me ne importa un tubo.

D’altronde e’ storicamente accertato che mentre Cristiani ed Ebrei hanno potuto prosperare in stati islamici, non si puo’ certo dire il contrario (anzi! figuriamoci, lo stesso genocidio degli armeni e’ posteriore alla de-islamizzazione dello stato ottomano). Il Corano parla chiaro:

2,62: In verità coloro che credono, siano essi giudei, nazareni o sabei, tutti coloro che credono in Allah e nell’Ultimo Giorno e compiono il bene riceveran no il compenso presso il loro Signore. Non avranno nulla da temere e non saranno afflitti.

5,69: Coloro che credono, i Giudei, i Sabei o i Nazareni e chiunque creda in Allah e nell’Ultimo Giorno e compia il bene, non avranno niente da temere e non saranno afflitti.

22,17: E certamente, nel Giorno della Resurrezione, Allah giudicherà tra coloro che hanno creduto, i giudei, i sabei, i cristiani, i magi e coloro che attribuiscono associati ad Allah. In verità Allah è testimone di ogni cosa.

Al contrario, per esempio l’assoluta esclusivita’ cattolica (secondo la quale, almeno fino al Concilio Vaticano II, nessuno ma proprio nessuno non-cattolico avrebbe potuto salvarsi) ha portato a una incredibile quantita’ di eccidi. Curioso, a questo proposito, il testo coranico, che oserei dire ecumenico:

2,135: Dicono: “Siate giudei o nazareni, sarete sulla retta via”. Di’: “[Seguiamo] piuttosto la religione di Abramo, che era puro credente e non associatore.
2,136: Dite:”Crediamo in Allah e in quello che è stato fatto scendere su di noi e in quello che è stato fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e sulle Tribù, e in quello che è stato dato a Mosè e a Gesù e in tutto quello che è stato dato ai Profeti da parte del loro Signore, non facciamo differenza alcuna tra di loro e a Lui siamo sottomessi”.
2,137: Se crederanno nelle stesse cose in cui voi avete creduto, saranno sulla retta via; se invece volgeranno le spalle, saranno nell’eresia. Ma Allah ti basterà contro di loro. Egli è Colui che tutto ascolta e conosce.
2,138: Questa è la tintura di Allah! Chi mai può tingere meglio che Allah? Noi Lo adoriamo.
2,139: Di’: “Volete polemizzare con noi a proposito di Allah, Che è il nostro e vostro Signore? A noi le nostre opere e a voi le vostre! Noi ci diamo solo a Lui.
2,140: Vorreste forse sostenere che Abramo e Ismaele e Isacco e Giacobbe e le Tribù erano giudaizzati o nazareni?”. Di’: “Ne sapete forse più di Allah?”. Chi è peggior empio di chi nasconde qualcosa che ha ricevuto da Allah? Ma Allah non è incurante di quello che fate.

A chiunque parli quindi di islam come una forma di “fascismo” posso quindi dire che lo puo’ anche scrivere sulla Luna, ma l’unica cosa che dimostrera’ e’ che non si e’ informato. E magari, che non si vuole informare.

Head Scarves? Islamic Veils? What about Western Trousers…

It is always amusing to see how much debate can be generated by a single piece of cloth (“Much ado about head scarves“, IHT, Feb 19).

But what I find even more amusing, is to hear in those debates opinions expressed by men in the “civilized West“…themselves having been forced to wear trousers every single day of their lives for the past four, five, six or even more decades.

Let’s see if and when anybody will start a Liberation Movement to give male human beings too, the chance of choosing the way they dress.

The Archbishop of Canterbury Is a Christian…

…hence his words are cause of scandal and upheaval among “humans”.

You see, it’s all written in Paul’s 1st Letter to the Corinthians:

1, 23: But we preach Christ crucified, unto the Jews a stumblingblock, and unto the Greeks foolishness;
1, 27: But God hath chosen the foolish things of the world to confound the wise; and God hath chosen the weak things of the world to confound the things which are mighty;
4, 10: We are fools for Christ’s sake, but ye are wise in Christ; we are weak, but ye are strong; ye are honourable, but we are despised.
4, 12: And labour, working with our own hands: being reviled, we bless; being persecuted, we suffer it:
4, 13: Being defamed, we intreat: we are made as the filth of the world, and are the offscouring of all things unto this day.

This means that for once we have solid evidence that a person high up in a Christian denomination’s hierarchy is actually a Christian in the fullest sense of the term.

A bit like with Pope John XXIII, “a real Christian” in the carefully camouflaged words of Hannah Arendt, that went on wondering “How could that be? And how could it happen that a true Christian would sit on St. Peter’s chair?” (“The Christian Pope“, The New York Review of Books, Volume 4, Number 10 · June 17, 1965).

For now: Monday 11 Dr Williams’ own Synod will meet with more than one participant asking for his resignation. Let’s check instead what Paul recommended to the Christians in Corinth:

5, 13: But them that are without God judgeth. Therefore put away from among yourselves that wicked person

Islamic Law: My Comment (and Picture) on the BBC News Website

Maurizio Morabito - BBC News

Dr Rowan Williams, the Archbishop of Canterbury, has written an extremely insightful piece on “Islam and English Law“.

It is a lecture that everybody should read, as it is intelligent, thoughtful, humble, and single-handedly describes the basis for solving the Islamic Question in Western societies, once and for all.

It can also be seen as the inspiration for a re-writing of the UN’s Universal Declaration of Human Rights, making it even more universal than it is at the moment.

Dr Williams goes at great lengths to analyse the possible drawbacks of allowing people to use Islamic (but not just Islamic) Law within the framework of English (secular) Law, and offers challenges and solutions to all circumstances. He even mentions the existing settings of Inuit Law, as an example.

I say, rarely I have seen a document more profoundly Christian, in the best possible sense of the word. And yet (or… of course!) reactions have been overwhelmingly negative!!!.

The number and virulence of the ill-informed attacks against Dr Williams is a clear indication of how much Islamophobia has now become ‘mainstream’.

Mio Commento (con Foto) sul sito della BBC News

Un mio commento e’ apparso oggi (con foto) sul sito della BBC News.

Maurizio Morabito - Commento e foto sul sito della BBC News

E’ stato selezionato fra oltre 17,000 pervenuti alla BBC stessa riguardo la proposta dell’Arcivescovo di Canterbury Dr. Rowan Williams di permettere la legalizzazione di “tribunali islamici” alla stregua degli esistenti “tribunali ebrei-ortodossi” (in UK) e “tribunali tribali Inuit” (in Canada).

E’ una proposta a tutta prima assurda, ma in realta’ molto ragionata e anche sensata, la comprensione della quale pero’ presuppone la lettura attenta di otto fitte pagine scritte dal Dr. Williams stesso (un esercizio mentale che apparentemente supera le capacita’ dei piu’, visto che il 99% delle persone non ci hanno capito niente…).

Il testo dell’Arcivescovo e’ tutto da tradurre. Per ora mi limito, appunto, al mio commento:

Dr. Rowan Williams, Arcivescovo di Canterbury, ha scritto un saggio estremamente penetrante riguardo “L’Islam e la Legge Inglese”.

E’ un pezzo che tutti dovrebbero leggere, perche’ e’ intelligente, pensato, umile e descrive praticamente da solo le basi sulle quali risolvere la Questione Islamica nelle societa’ occidentali, una volta per tutte.

Puo’ inoltre essere visto come l’ispirazione per una riscrittura della Dichiarazione Universale ONU dei Diritti dell’Uomo, per renderla ancora piu’ universale che al momento.

Il Dr. Williams non esita a entrare nei dettagli e ad analizzare i possibili svantaggi del permettere che venga usata la Legge Islamic (ma non solo) nel quadro della legge (secolare) inglese, e offre sfide e soluzioni in tutte le circostanze. Accenna persino alle regole gia’ presenti per le comunita’ Inuit in Canada, come esempio da seguire.

Io dico, raramente ho visto un documento più profondamente Cristiano di questo, nel senso migliore della parola. Eppure (o… Naturalmente!) le reazioni sono state profondamente negative!!!.

Il numero e la virulenza dei malinformati attacchi contro il Dr. Williams sono un’indicazione chiara di quanto la Islamofobia sia ormai diventata “accettabile” e “mainstream”.

Reactions to Archbishop Williams’ Sharia Remarks Reveal Depth of Islamophobia

Dr Rowan Williams, the Archbishop of Canterbury and spiritual Head of the Anglican (“Reformed Catholic”) Christian Community, has written an extremely insightful piece on “Islam and English Law“.

It is a lecture that everybody should read, as it is intelligent, thoughtful, humble, and single-handedly describes the basis for solving the Islamic Question in Western societies, once and for all.

It can also be seen as the inspiration for a re-writing of the UN’s Universal Declaration of Human Rights, making it even more universal than it is at the moment.

Dr Williams goes at great lengths to analyse the possible drawbacks of allowing people to use Islamic (but not just Islamic) Law within the framework of English (secular) Law, and offers challenges and solutions to all circumstances. He even mentions the existing settings of Inuit Law, as an example.

====================

I say, rarely I have seen a document more profoundly Christian, in the best possible sense of the word. And yet (or…of course!) reactions have been overwhelmingly negative!!!.

Having read those 8 pages, I can affirm without any doubt that the Office of the Prime Minister, Home Office Minister Tony McNulty, the Tories’ shadow Community Cohesion Minister Baroness Warsi, Liberal Democrat leader Nick Clegg, Trevor Phillips, Chairman of the Equality and Human Rights Commission and Mark Pritchard, Tory MP for the Wrekin, in Shropshire have not bothered to read Dr Williams’ lecture before opening their mouths to utter banalities.

Not to mention (of course!) the hundreds of people clamoring to repeat the same inanities. How ironic, the champions of the Rule of (Single) Law are behaving like enraged fundamentalists!

====================

The underlying point is that anything that sounds related to Islam is nowadays seen as something to hate. Some will object that that is the consequence of 9/11, 7/7 and al-Qaeda. I do not think so. Jews have been isolated, hated, killed for centuries and then even exterminated, and they had no murderer called Osama on their side.

It’s the “advanced” Western nations that still cannot understand how to relate to the “others”. And so we are sowing again the seeds of hell