Category Archives: Genetica

Gli Italiani Sono Europei Geneticamente Atipici

E’ ufficiale: gli Italiani sono geneticamente atipici, fra gli Europei. Queste le interessanti rivelazioni dalla Mappa Genetica Europea, prodotta dall’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, e pubblicata sulla rivista scientifica Current Biology (7 Agosto). Ne parla anche il New York Times in un articolo

Mappa Genetica Europea
Mappa Genetica Europea

Gli Italiani risultano vicini ai Portoghesi e in misura minore ai Catalani a ai Serbi. Con buona pace della Lega Nord, le altre popolazioni europee appaiono molto lontane.

E’ curioso che solo i Finnici sono piu’ lontani degli Italiani dal resto dell’Europa. Chissa’ come mai, questa peculiarita’ italica? Le spiegazioni che ho letto finora (come un eventuale barriera dovuta alle Alpi) non mi soddisfano.

Mirabile Epigenetica

Familiarezzatevi con questa parola: Epigenetica

In pratica dice che non siete solo il prodotto dei vostri geni. E neanche solo dei vostri geni e del vostro ambiente

Le vostre madri forse vi hanno coccolato al punto da evitarvi problemi per il resto della vostra vita (o creandovene di grossi)

Ne parla The Economist [puo’ essere necessario l’abbonamento]

In teoria, una bisnonna (o molto meno facilmente, un bisnonno) puo’ essere stata esposta a qualcosa che ha cambiato un po’ l’ambiente delle sue cellule ed ora uno ne sta pagando le conseguenze… anche se non c’e’ stato alcun cambiamento genetico

Ma quello è niente in confronto alle possibilita’ che possono aprirsi se l’epigenetica e’ ben compresa

Potremmo presto spegnere i tumori con un intervento relativamente semplice a livello cellulare, invece che con difficilissime modifiche del DNA

E semplicemente cambiando alcuni prodotti chimici in un uovo umano appena fecondato, potremo programmare un genio, gemello identico di uno stupido

Matematica Genetica

Date: Wed, 26 Jul 2006 16:42:23 -0700 (PDT)
From: “Maurizio Morabito”
Subject: Questioni di Matematica genetica – riguardo il Fermo Posta “Sardi ed Etruschi” (Guido Barbujani, Domenicale Sole24Ore, 25 Giugno 2006)
To: guido barbujani, fermoposta@ilsole24ore.com
   
Caro Barbujani

Probabilmente non ho capito niente, o i tagli editoriali hanno fatto una nuova vittima, ma trovo difficile da seguire quanto scrive nel Fermo Posta “Sardi ed Etruschi” (Domenicale Sole24Ore, 25 Giugno 2006)

In particolare quando estrapola dal “ciascuno di noi ha meta’ del DNA della mamma e meta’ di quello del papa’” per mostrare che ciascun nostro antenato di 500 anni fa “ci ha trasmesso, in media, un milionesimo del suo…Dna

I problemi sono due: le presunte differenze fra il Dna dei genitori; e l’effetto degli antenati in comune

(1) Se fosse vero che semplicemente prendiamo meta’ Dna da un genitore, e meta’ dall’altro, allora per assurdo, risalendo di 1,000 anni _nessuno_ dei nostri antenati ci avrebbe trasmesso _neanche_ una base (stimando a 3 miliardi le basi nel Dna umano, e a menod di un bilionesimo la frazione di Dna trasmessaci da ciascun antenato dopo 40 generazioni)

Figuriamoci cosa mai possiamo aver ereditato dai nostri antenati, umani come noi, di dieci o ventimila anni fa. Da ciascuno dei toscani di 2,500 anni fa, i discendenti avrebbero ricevuto meno di 1 parte su dieci alla trentesima potenza. Forse, neanche un atomo?

In realta’ papa’ e mamma hanno sempre vasti tratti di Dna in comune, e cosi’ ciascun nostro antenato Homo sapiens, anche di 40mila anni fa, condivide con noi un’enorme percentuale di materiale genetico (speriamo piu’ che il 98.4% che si dice condividiamo con i bonobo…)

E questa condivisione non e’ anche “trasmissione”? Altrimenti, per esempio, come possiamo mai distinguere fra due geni identici in due persone diverse?

(2) L’altro problema e’ che tornando indietro nel tempo il numero di antenati deve per forza diminuire, e non aumentare esponenzialmente.

Anche se i nostri rispettivi 8 bisnonni e 16 trisnonni fanno probabilmente parte di gruppi distinti, risalendo di qualche centinaio di anni saremmo quasi certi di trovare antenati in comune fra me, Lei, e Cristoforo Colombo.

E le specificita’ genetiche di questi antenati in comune saranno state trasmesse a noi tre, per forza di cose, in maniera molto piu’ marcata che una frazione con una potenza di due al denominatore

saluti