Category Archives: Berlusconi

Lo Strano Caso delle Candidature Estero per il PDL

Riguardo la Circoscrizione Estero, su La Repubblica si sono dimenticati del PDL. Anche sul Corriere.

La fraseologia dei due suggerisce che abbiano ripreso una notizia d’agenzia dove, appunto, qualcuno ha “dimenticato” il PDL. Infatti per esempio sull’ANSA non c’e’ traccia di “Raffaele Fantetti” (Senato) e di “Guglielmo Picchi” (Camera dei Deputati).

Comunque, neanche su Il Giornale ci sono granche’ dettagli. Su La Stampa, neanche a parlarne. E manco su La Padania.

Per trovare un elenco completo bisogna cercarselo apposta. A parte il sito PDL nel mondo (ma quanti elettori andranno li’, soprattutto fra gli indecisi?), ecco finalmente l’elenco completo su News Italia Press.

Famiglia Cristiana vs. Silvio Berlusconi

Avendo mangiato e digerito il Partito Democratico (chi l’avrebbe mai detto?), secondo partito cattolico dopo l’UDC, ecco il mondo clericale italiano andare all’attacco del PDL e di Silvio Berlusconi reo di comandare un partito che “non ha una posizione ufficiale su molti temi di rilevanza etica e lascia tutto alla libertà di coscienza dei singoli” (esagerato!).

In base a quanto riporta La Repubblica:

La libertà di coscienza, per il settimanale dei Paolini, “deve essere considerata extrema ratio, non una limitazione della responsabilità e un depotenziamento della politica“. Invocare la libertà di coscienza mettendo a tacere il dibattito “mortifica” i candidati cattolici del Pdl. Si corre il rischio che “per una sorta di panteismo onnipotente del leader” nel Pdl si evitino i temi che hanno a che fare “con il bene comune e la dottrina sociale della Chiesa“. Per esempio, chiede Famiglia cristiana, cosa dicono i cattolici del Pdl “sulla presenza nelle liste elettorali di inquisiti e condannati?

E che diranno, i cattolici del PDL? Diranno quello che pare loro, mi sembra chiaro. Sono liberi di farlo, che lo facciano pure Come fanno a essere “mortificati” dal fatto che altre persone la pensino diversamente da loro?

E che pretendono, a Famiglia Cristiana, il Pensiero Unico??? Anzi, fossero tutti come il PDL, i partiti politici!!!

La liberta’ di coscienza, cari Paolini, e’ tutto, non l’extrema ratio. D’altronde: senza liberta’, non c’e’ peccato. Non penso di essere il primo a dirlo.

Ferrara Mette Su Un Partito

Secondo la mia opinione non molto umile: si tratta di distrazioni per fare rumore, fare casino, apparire sui giornali, avere pubblicita’ gratis, creare scompiglio, occupare spazio. E togliere a Veltroni tre degli ultimi cinque elettori rimasti.Una strategia molto semplice: ma nella mente del giornalista medio, l’idea che il riportare una notizia non sia un’azione neutrale, e che anzi favorisca chi la notizia l’ha creata, proprio proprio non entra.

Si vadano a vedere tutti i titoli di Repubblica nel 2006, quando Berlusconi ne sparava ogni giorno piu’ grossa e loro ligi al dovere mettevano la sua foto in grande sul web.

Tanto, come gia’ detto, che importa: e’ la scena, a fare la pubblicita’.

Radicali: La Scelta Innominabile

Adesso che ci sono di nuovo le elezioni del Parlamento, uno deve decidere: o fuori, o dentro il sistema politico.

Se uno sta fuori, o rinuncia a tutto e torna al quieto vivere, oppure trova un modo per cambiare le cose “da fuori” (eg, tramite una o mille “rivoluzioni nonviolente“) .

Se preferisce invece stare dentro, e vuole almeno tentare di cambiare le cose, o va con Berlusconi o va con Veltroni; oppure, si costruisce una “Cosa” per se’; oppure, rischia con il primo che passa.

Avendo gia’ vissuto le conseguenze della quarta esperienza (una colossale perdita di tempo), noto che prima ancora che fare lo schizzinoso sui diritti civili o le scelte economiche resta da vedere se uno e’ accettato da Silvio o Walter.

Dubito che Capezzone o Dini fossero nei disegni del secondo. Cinismo o ironia quindi (e le lamentazioni di tante vergini offese dell’ultima ora) non reggono: anzi, il loro ingresso nel PdL e’ una scelta perfettamente logica e (mettendosi dal loro punto di vista) assolutamente condivisibile.

Da rilevare inoltre che i Radicali e Pannella, che adesso (giustamente, se me lo chiedete) mettono i puntini sulle i dei “forcaioli di sinistra” di Di Pietro, sono un fastidio palesemente da dimenticare per il Sindaco di Roma.

A meno di un miracolo, ci sara’ da festeggiare se ad Aprile ci sara’ un deputato di Radicali Italiani, chiamato Emma naturalmente.

E quindi mi chiedo quale alternativa ci sia a quella attualmente “innominabile” .

A meno che non si stia davvero lavorando a una “Cosa Radicale” con la Bonino come candidato Presidente del Consiglio: ma se cosi’ fosse, che stiamo aspettando? E’ gia’ molto tardi per annunciare un’iniziativa del genere.

Oppure, come gia’ detto, si dica: “noi restiamo fuori“. Nella speranza naturalmente, di non dire anche “rinunciamo a tutto, torniamo al quieto vivere“.

Di Cosa Si Puo’ Parlare nel Partito Democratico?

Dell’eredita’ comunista? No. Dell’eredita’ democristiana? No. Dei dettami della CEI? Neppure. Dell’importanza della laicita’? Manco per niente.

Ecco spiegato perche’ Walter e’ il leader insipido di un partito ancora crudo.

Non disperiamo: esiste una cosa di cui si puo’ parlare, nel Partito Democratico (a parte lo spartirsi delle poltrone). Si chiama Berlusconi e ha il gran merito di unire la politica italiana: o con lui, o contro di lui.

E quindi quei poveretti del PD non possono che pregare che Silvio sia politicamente attivo per lustri a venire.

Travaglio-Gomez-Corrias: Turbinio A Sinistra

Marco Travaglio, insieme agli evidentemente meno querelati Pino Corrias e Peter Gomez, tiene un blog di politica italiana “Voglio Scendere” sul Il Cannocchiale.

La prima cosa che viene in mente e’ che se qualcuno volesse davvero “scendere” dal carrozzone Italia, ci sono decine di Paesi europei dove emigrare senza aver bisogno di un permesso di lavoro…chissa’!

Quello che si nota comunque nella pagina che mostra oggi i blog dal 3 al 27 dicembre 2007, e’ che i Nostri non hanno ancora stabilito se il sottotitolo del loro sito debba essere “Tutta Colpa di Berlusconi“, oppure “Tutta Colpa di Tutti i Politici” oppure “Aspettiamo Con Fiducia il Partito Democratico (e nel frattempo, buttiamo un po’ di fango su tutti gli altri)” (un atteggiamento, quest’ultimo, perfettamente speculare a quello di chi nel 1993-94 si avvicino’ al Cavaliere “a scatola chiusa”).

Il risultato e’ un turbinio di commenti in principio interessanti quanto assolutamente di parte e quindi. in ultima analisi, pleonastici.

Invece che una denuncia del malcostume italiano, “Voglio Scendere” si avvicina pericolosamente ad esserne uno dei tanti sintomi.

Lo Scandalo Fasullo Berlusconi-Sacca’

Quanto rumore su La Repubblica riguardo l’intercettazione pubblicata di una telefonata fra Silvio Berlusconi e Agostino Sacca’ della Rai…

Avendone letta la trascrizione pero’, a me sembrano i soliti discorsi all’italiana che hanno fatto la fortuna di tanti film di Alberto Sordi svariati decenni fa (altro che fantasie di Curzio Maltese su “la politica al tempo di Berlusconi“).

Quali parti della conversazione sono da gran scandalo? Boh? (per favore se qualcuno puo’, citi)

La Repubblica ultimamente non si tira indietro quando c’e’ da sollevare un polverone, anche in maniera assolutamente speciosa, come il finto scoop sul finto plagio di un comico americano da parte di Daniele Luttazzi. E uno allora comincia a dubitare se quanto riferito riguardo Treviso sia vero, o un altro concentrato di propaganda.

Berlustroni

Rallegriamoci tutti per il nuovo passo in avanti della politica italiana.

Ancora un altro passettino e finalmente sara’ superato il Bipolarismo.

No, niente “Grossa Coalizioneanche perche’ ci vorrebbe troppo poco a trasformarla in “Rossa Coalizione“.

Molto meglio il Monopolarismo, detto anche Partito Unico (Segretario: Waltersilvio Berlustroni)