Category Archives: Autostrade

Come Scegliere fra Risparmiare Tempo o Carburante

Guidare a velocita’ medio-basse, specie su lunghi percorsi, significa far sorridere il portafogli, per il semplice fatto che in linea teorica i consumi di carburante dovrebbero crescere piu’ o meno esponenzialmente con la velocita’.

D’altronde, proprio su quei lunghi percorsi i compagni di viaggio specie piu’ piccoli possono facilmente spazientirsi quando i tempi di percorrenza si allungano a dismisura…a causa di velocita’ medio-basse. Come scegliere, dunque?

Ho elaborato un semplice strumento in proposito a partire dai rilevamenti pubblicati da Mauro Traversi sulla mailing list “Petrolio“. Il risultato e’ una tabella, disponibile come file Excel su richiesta (basta aggiungere un commento a questo blog), con il quale e’ possibile determinare la velocita’ ottimale, a seconda delle esigenze di tempo e di risparmio sui consumi.

IN DUE PAROLE: se tempo di percorrenza e carburante consumato hanno lo stesso valore, viaggiare fra 90 e 130km/h non fa molta differenza

Avendo sperimentato prima manu come sia difficile ottenere un soddisfacente risparmio sul carburante su viaggi di 1450km, devo dire che risultati ottenuti mi convincono molto.

================

Mauro Traversi (che tiene a precisare di essere “per abbassare la velocita’a 100Km/h non ritenendo il risparmio di quel poco di tempo sufficiente a compensare i consumi aggiuntivi“) ha scritto fra l’altro su Petrolio sabato 16 febbraio 2008:

Forse a qualcuno puo’ interessare la tabella dei consumi reali a velocita’ costante della mia auto (un turbodiesel v6 da 120kW con cambio automatico), essendo stati verificati con una certa precisione.

I consumi (in L/100Km e Km/L) sono presi dal computer di bordo. Per la discussione in corso credo che la precisione sia sufficiente avendo in passato controllato l’esattezza della velocita’ indicata dal comp con un gps da barca (aleph puo’ magari precisare meglio) e anche con cronometro su un tratto rettilineo di 3Km che sapevo essre stati verificati col ruotino da geometri. Tra parentesi i tachimetri sbagliano praticamente tutti per eccesso e se vi fidate di loro calcolate con errore. Il gasolio consumato l’ho controllato con un contalitri quando avevo a disposizione la cisterna personale a casa.

Il test di consumo l’ho fatto sull’autobrennero tra XXX e YYY nei due sensi (i numeri sono la media dei due passaggi ma la differenza e’ minima). Ho usato il controllo di velocita’, quel pulsante che una volta premuto puoi toglere il piede dall’acceleratore e fa tutto lei, lasciando che l’auto si stabilizzasse per 40-50 sec ad ogni livello di velocita’. Fari accesi e climatizzatore in funzione. 170.000kM alle spalle.

Sono partito dai dati allegati a quel messaggio, riferentesi a varie velocita’ fra 65 e 160 km/h (colonna B nella mia tabella) . Ne ho “normalizzato a 1″ (mi si perdoni l’imprecisione del termine) tutti i valori, nel senso che ho posto il consumo minore = 1 e divisi tutti gli altri dati di conseguenza (colonna D nella mia tabella).

Ho calcolato i tempi di percorrenza su 1000km per le stesse velocita’ e normalizzato i risultati come sopra (colonne C ed E rispettivamente, nella mia tabella). Ho poi sommato le colonne D ed E, moltiplicando ciascuna secondo due “pesi” o “Coefficienti di Importanza”, uno per i consumi e l’altro per il tempo (celle F20 e F21 rispettivamente nella mia tabella).

I risultati (colonna F) sono poi “normalizzati” di nuovo (colonna G) e infine viene calcolato quanto, in percentuale, il valore associato a ciascuna velocita’ si discosti dal minimo (colonna H).

In pratica se per esempio con Coefficienti di Importanza entrambi a uno, la colonna H mostra 10.56% associato a 140km/h, cio’ vuol dire che se tempo e risparmio di carburante hanno lo stesso peso, allora procedere a 140km/h vorra’ dire spendere il 10.56% in piu’ rispetto all’ottimale (95km/h).

================

Naturalmente sono i Coefficienti di Importanza a determinare la velocita’ migliore. Per esempio sui brevi percorsi “in gita” possiamo dire che il risparmio del carburante sia 5 volte piu’ importante del risparmio di tempo consistente nell’andare piu’ veloci. Il risultato e’ che con Coefficiente di Importanza di Consumo = 5 e di Tempo = 1, la velocita’ migliore e’ 75km/h.

Se invece c’e’ da arrivare in fretta da qualche parte, tenendo pero’ presente di quanto costa il carburante, ultimamente, e si pongono Coefficiente di Importanza di Consumo = 1 e di Tempo = 5, la velocita’ migliore diviene 140km/h.

Qualche grafico adesso per visualizzare le differenze (i valori in ordinata sono sempre in percentuale):

(Coefficiente di Importanza Consumo =1; Tempo=1)

consumo1tempo1.gif

(Coefficiente di Importanza Consumo =5; Tempo=1)

consumo5tempo1.gif

(Coefficiente di Importanza Consumo =1; Tempo=5)

consumo1tempo5.gif

================

Naturalmente si tratta di un modello semplificato che non tiene conto del fatto che, come rileva Traversi, “sono […] valori a velocita’ costante. […] su tragitti lunghi tenere una media piu’ alta ti costa assai di piu’ perche’ devi rallentare piu’ spesso e quindi devi passare piu’ tempo sopra la velocita’ media. E anche accelerare piu’ spesso, e se hai il piedino pesante…

Ma si tratta anche di una conferma della mia impressione “sul campo” (i.e. su viaggi lunghissimi, vai a 130km/h).

Storia d’Autostrada

Quando guido fino in Italia, tutte le sante volte il benvenuto nel Belpaese mi viene dato da chi viaggia a ben piu’ di 130km/h. Ecco perche’ ho deciso di cominciare a denunciare l’imbecillita’.

Ricordo pero’ una volta di aver “risolto” il problema almeno momentaneamente. Fu quando¬†a me (che pur tuttavia le evoluzioni al volante di solito le evito, per istinto paterno) capito’ di superare una fila di autotreni sulla A12 verso Carrara, in direzione Sud, con codazzo di fissati della velocita’ che sfanalavano non proprio allegramente (uno ha cercato di superarmi due volte a destra, solo che sarebbe andato a sbattere contro un camion).

Certo puo’ sempre capitare che qualcuno sia in ritardo per il matrimonio o stia per partorire in automobile o abbia reciso la carotide proprio in quel momento e trenta secondi in piu’ sarebbero fatali: ma mi sembrava curioso che cosi’ tante persone con cosi’ tanti problemi cosi’ tanto urgentissimi, si fossero tutte raccolte proprio li’ dietro di me, proprio per una volta che arrivavo dall’Inghilterra.

“Sbadatamente” mi capito’ quindi di decelerare, piano piano naturalmente, cosi’ che a un certo punto ci fu una lampeggia-lampeggia generalizzato a 110km/h (e solo perche’ mi sentivo buono). Furono cosi’ contenti della mia iniziativa, che quando la bonta’ prese proprio il sopravvento e mi scostai, mi salutarono strombazzando.

Distanza di Sicurezza: 4 Colpevoli

I conducenti dei seguenti veicoli sono stati visti non rispettare la distanza di sicurezza su alcune autostrade italiane, fra il 26 dicembre e il 5 gennaio:

DD521PF
AX423FC
DJ179WC
CH396EE

Ricordiamo che la distanza di sicurezza causa intorno al 9.7% degli incidenti, in Italia. I 4 incoscienti di cui sopra fanno parte insomma di quell’esercito di folli al volante che causano forse 23mila incidenti stradali all’anno, 560 morti, e 33mila feriti. La probabilita’ che vengano comunque “beccati” e’ praticamente zero, quindi che puo’ mai importare loro?

Buonanotte!

Limitatore Psicologico di Velocita’

Come fare in modo che tutti vadano piano sulle strade d’Italia?

Vista la scarsa praticita’ dell’installazione di un limitatore di velocita’ sulla trazione, occorre un po’ di psicologia spicciola.

Montiamo quindi un ago avvelenato di circa 30 centimetri al centro del volante, in modo che alla minima frenata non dolcissima, il guidatore rischi di essere trapassato da parte a parte.

Dall’oggi al domani, ogni autovettura procederebbe a 10 km/h se non meno, con buona pace anche dei pedoni piu’ lenti…

Autostrade, Terra di Idioti

Non penso ci vorrebbe poi cosi’ tanto sforzo alla Polizia Stradale per beccare chi guida in maniera pericolosa in autostrada.

Ogni volta che guido per l’Europa, infatti, mi rendo conto di essere davvero arrivato in Italia non tanto per il paesaggio o per i cartelli, ma per l’arrivo di una teoria di idioti veloci e sfanalanti, appiccicati gli uni agli altri a centimetri, altro che metri di distanza di sicurezza.

Ogni anno la tristissima tradizione si rinnova, vuoi a Como, vuoi a Ventimiglia, vuoi alcuni chilometri oltre Aosta (i valdostani si vede che sono italiani, ma fortunatamente per loro solo fino a un certo punto).

Consiglio anche una gita su’ e giu’ per la A12 nel tratto da Pisa alla Versilia, dove piu’ di una volta ho avuto l’impressione di essermi ritrovato nel mezzo di una lotta all’ultimo sorpasso.

O forse sono tutti vittime di gravissimi casi di incontinenza, e devono correre follemente per prescrizione medica verso il primo distributore e gabinetto utili?

Magari una volta installo una semplice telecamera e registro l’infinita serie di sorpassi azzardati, frenate all’ultimo momento, accellerazioni per non far passare nessun altro, sorpassi per poi tagliare la strada ed uscire dall’autostrada, furbate di sorpassare a destra per infilarsi fra l’auto in corsia di sorpasso e il TIR davanti: atteggiamenti magicamente assenti in Francia e in Svizzera.

Chissa’ quanti di quelli poi si siedono al computer per esprimere la loro indignazione sulla incoscienza degli “altri” (come si legge sulla pagina delle lettere de “La Repubblica”).

Per intanto mi chiedo cosa impedisca alla Stradale di andare loro in giro con la telecamerina e il videoregistratore o il computer. Le targhe dei cretini sono ben visibili, e anche le facce, specie quando ti si piantano dietro per chilometri e chilometri.