Bush, l’Orologio e la Vergogna

(messaggio spedito a Vittorio Zucconi de La Repubblica)

Caro Direttore

Mi dispiace che lei prenda cosi’ alla leggera il vergognoso comportamento de La Repubblica sulla storia dell’orologio che (non) e’ stato rubato a Bush dalla folla a Tirana.

Vergognoso perche’ la redazione, almeno sul web, non ha avuto remore a distribuire le titillanti immagini che “dimostravano” due sicuri pregiudizi dei lettori: la dabbenaggine del Presidente USA e peggio, molto peggio, la predisposizione al furto da parte degli albanesi.

Sul fatto che tali immagini, come si e’ poi venuto a sapere, non avessero dimostrato ne’ l’una e soprattutto neanche l’altra cosa, neanche una parola da parte de La Repubblica (l’unica citazione sembra essere una pagina quasi invisibile con due righe copiate dal Corriere)

Naturalmente le do atto di aver ospitato la lettera del signor Zefi nella rubrica del 19 giugno. Spero che quel messaggio abbia chiarito come stanno le cose a me e a tanti altri.

Pero’ non puo’ non dirmi che in questi tempi dove le paure vengono rinvigorite quasi da ogni parte, c’e’ niente da essere fieri quando si dedica parte del proprio sito web a quella che in ultima analisi e’ una propaganda di odio che puo’ solo aggiungere un altro mattone ai muri che ci stiamo/stanno costruendo.

saluti
maurizio morabito