BBC: Tutti i Motivi per Coltivare Oppio in Afghanistan

Sicuramente da ascoltare (in inglese, ahime’) il programma “File on 4” trasmesso sul canale radio BBC4 il 24 giugno scorso, e disponibile in formato MP3 a questo link.

Anche se ce n’e’ poca traccia sia nel sito del programma, sia in un articoletto di accompagnamento scritto per il sito di BBC News, l’autrice giornalista Kate Clark spiega in dettaglio come e perche’ coltivare oppio in Afghanistan sia da alcuni anni una decisione perfettamente logica, se non addirittura l’unica possibilita’ in alcune zone.

Appena ne ho il tempo scrivo un riassunto di quanto scoperto dalla Clark, ma in sostanza: se l’oppio garantisce un reddito (denaro) sicuro, con gli acquirenti che si recano dai produttori invece che questi vedersi obbligati di recarsi al mercato; se recarsi al mercato e’ un’avventura sia per le condizioni delle strade, sia per la corruzione a tutti i livelli inclusa la polizia; se l’oppio e’ una merce praticamente indeperibile, cosa che non si puo’ dire di quasi tutti gli altri prodotti dell’agricoltura; se le campagne di eradicazione finiscono sempre per colpire solo il piccolo produttore senza connessioni politiche; ALLORA e’ ovvio il perche’ l’Afghanistan domini al momento la produzione mondiale di oppio.

L’ONU insomma puo’ fare tutte le campagne che vuole per cercare di estirpare fino all’ultima piantina; e la NATO puo’ cercare di associare l’oppio afghano ai talebani, a Osama bin Laden o anche a mangiatori di bambini e torturatori di vecchiette, per quello che importa; finche’ non si toccano i motivi di fondo, di piantagioni di Papaver Somniferum da quelle parti ce ne saranno a migliaia…e a ragion veduta!