Categories
AGW catastrophism Climate Change Culture Dissent Freedom Global Warming Omniclimate Policy Politics Science Skepticism

Dear Scientific American… (An Open Letter)

Dear Scientific American

(editors@sciam.com, subscriptions@sciam.com)

Subject: Subscription renewal: please stay away from this climate contrarian (or worse)

Thank you for asking me to fork another $43.75 to get 12 more issues starting from July or August 2010.

I am afraid I am not the kind of subscriber you may want to consort with.

You see, I am one of those despicable people “standing up and exposing the science, the costs and the hysteria behind global warming alarmism“. In your definition, I am one of the “contrarians, naysayers and denialists.

And it gets worse. Some time ago I published a paid article on an online magazine that received (I think, or maybe suspect) some money from Exxon. The shock, the horror, etc etc doo bee doo bee doo.

Please spare yourself from having your articles read by these deceitful, amateurish, intellectually dishonest eyes of mine and just leave me alone.

many thanks
regards
maurizio morabito

Categories
AGW Climate Change Culture Data Global Warming greenhouse effect Omniclimate Science Skepticism

Raypierre Still Doesn't Get It

The guys at RealClimate have absolutely zero debating skills. That much has been known for a long time and has just been confirmed once again with a relatively weak blog containing incredible statements such as

Do the above issues suggest “politicized science”, deliberate deceptions or a tendency towards alarmism on the part of IPCC? We do not think there is any factual basis for such allegations

(stand-up comedy shouldn’t be far)

(yes, that blog is weak because it pivots on a mere handful of arguments, all of them at risk of being shown fallacious. The first one that goes, will carry the rest of the blog down with itself)

Those minimalistic skills are now spreading elsewhere, with the most simplistic of logical reasoning apparently beyond the grasp of “raypierre”, aka Raymond T Pierrehumbert. Next to Andy Revkin’s “Does an Old Climate Critique Still Hold up?” I had originally posted the following comment of Feb 10, 9:09EST (also available in my “Lacis, The IPCC, Simple Physics And Post-normal “Science”“)

34. Maurizio Morabito – February 10th, 2010 – 9:09 am
[…] (c) I’d suggest people drop the “Greenhouse effect is simply physics” argument. Simple physics shows that warm air moves upwards, and a room’s floor is generally colder than its ceiling. However, mountaintops are generally colder than sea-level locations. Why? Because the free atmosphere is a complex system where you can’t just apply simple physics (for a different example: think of anti-oxydants’ wonders in Petri dishes and the failure to translate that into effective anti-aging treatments in the real world) […]

I do think that the Petri dish analogy made my point extremely clear. Alas, not to all…

80. raypierre – February 10th, 2010- 9:20 pm
34. Maurizio Morabito —

No, Maurizio, we should not drop the argument that “the Greenhouse Effect” is simply physics. It IS simply physics. What needs to happen instead is that you and people like you either (a) take the time to learn a little physics yourself, or (b) lacking time, at least defer to people who do know the physics. “a” is by far the preferable option.

For example, mountaintops are colder than the lower altitudes because of the simple physical principle that gases cool when they expand rapidly enough. Convection moves the air upwards fast enough that the air cools. This kind of thermodynamics is taught in most good high school physics classes, and its atmospheric relevance has been understood since shortly after Horace de Saussure’s landmark studies of mountain meteorology in the early 1800’s.

The fact that your comment was recommended by 6 readers so far speaks volumes about the scientific ignorance of many of the readers who support your position.

Why oh why would the Louis Block Professor in Geophysical Sciences at the University of Chicago feel it necessary to demean himself with the last paragraph above, totally undeserving any reply, I will never understand. Obviously though, a career in Geophysical and Atmospheric Sciences may prevent people like raypierre from taking the time to learn a little cellular physiology.

Somebody did try to re-iterate my point:

88. Harry Eagar – February 11th, 2010 – 7:45 am
raypierre, a big time, scientifically qualified alarmist, sez: ‘For example, mountaintops are colder than the lower altitudes because of the simple physical principle that gases cool when they expand rapidly enough.’

I live on a mountain, 10,000 feet high. I’m at 1,500 feet. True, it’s colder at the top, but it’s warmer at 7,000 than at 1,500 feet (most of the time).

Climate and weather are possibly more complex that people like Raypierre would like hoi polloi to know.

No way…help for Prof Pierrehumbert was at hand next day:

109. Ivan Carter – February 12th, 2010 – 7:40 am

[responding to Harry Eagar] Raypierre says that mountaintops are cooler than at the bottom based upon known (and incontrovertible) principle of physics, and this commenter calls him out because ‘mountaintops are colder than the bottom’ because sometimes in between (thru short term warmth rising, I think, some of the time), the air is warmer than at the bottom.

Pierre didn’t give a full analysis of mountain climate, nor was doing so relevant. He simply gave an example of one specific point, correctly stated and which the commenter himself backed up, that was then manipulated into yet another irrelevant but apparently appealing attack upon RayPierre and scientists!

It is what is done on here, often more subtly, however, over and over and over again […]

By the way, Ivan: to state the truism that climate and weather are more complex than the individual effects at play, does not mean “to attack the scientists” any more than to point to the Ediacaran fossils didn’t mean “to attack the scientists”…just those scientists that prevented our understanding of Precambrian fauna for 80 years

And now for my latest reply. I have no hope raypierre, Ivan Carter or anybody thinking they’re characters in a Fort Apache remake will understand any of it. You see, even if they have lacked the time so far, surely they have never even thought of deferring to anybody that knows anything about movies, or Precambrian fauna…

115. Maurizio Morabito – February 14th, 2010 – 3:07 pm
raypierre (86) and Ivan Carter (109): my original point was that you cannot simply take one effect observed in the lab (for example, the greenhouse effect) and state that it will work as-is in the real world. In the real world, other effects will “sum up” to it, and the end result will be whatever it will be.

The existence of a GH effect is the _starting_ point in the investigation of what happens to climate due to GHG emissions, so it _cannot_ be used to _terminate_ discussions about global warming.

Hence my request to drop it as an argument, just like the existence of gravity doesn’t mean that flying is impossible.

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Clima Cultura Economia Energia Etica Filosofia Italiano Morale Natura Peak Oil Petrolio Politica Riscaldamento Globale Umanita' Uncategorized

La Sindrome di Scassandra

no, il titolo non e’ un refuso…un’altra versione: “Accusiamo i catastrofisti di complicita’ in genocidio?

Proviamo un “se voi foste il giudice”…siamo al processo contro una babysitter perche’ il bambino cui stava badando e’ finito in ospedale cadendo da un tavolo. La babysitter dichiara di non aver fatto personalmente del male al bambino, e tutti sono d’accordo sull’argomento. Pur tuttavia si sa anche che la babysitter, pur consapevole del fatto che il bambino stesse giocando al gioco dei contrari, gli ha intimato di non salire sul tavolo perche’ preoccupata, appunto, che cadesse da quell’altezza.

Se voi foste il giudice…pensereste che la babysitter fosse innocente?

Io no.

Come commentare allora coloro i quali, pur nutrendo ragionevolissime preoccupazioni riguardo argomenti come l’evoluzione del clima, o il picco del petrolio, continuano a ripetere argomentazioni ed azioni gia’ dimostratesi fallimentari, nonostante la consapevolezza (di tutti) che tutto cio’ non abbia mai portato, e quindi mai potra’ portare da nessuna parte? Sono “colpevoli”, evidentemente anche loro…e colpevoli poi di “complicita’ in genocidio”, perche’ a loro dire qualora non si facesse niente ci aspetta un futuro di morte a livello, appunto, di genocidio.

L’unica loro possibilita’ di salvezza dall’accusa di “complicita’ in genocidio” sara’ dimostrare allora che non abbiano comunque troppo sale in zucca (e non dico che cio’ sarebbe difficile…).

Esiste evidentemente un problema di comunicazione fra chi nutre certe preoccupazioni ed il mondo esterno. E’ chiaro anche a tutti che il mondo esterno non accetta il primo profeta che capita. Piu’ straordinarie siano poi le affermazioni, piu’ straordinarie dovranno essere le prove a supporto. Maggiore la richiesta di cambiamento sociale e/o addirittura psicologico, maggiore sara’ il fronte di coloro che si dimostreranno recalcitranti al cambiamento (e meno male, altrimenti saremmo tutti gia’ morti dietro questo o quel profeta di morte).

Si tratta di nozioni gia’ stra-note e al limite del banale. Eppure continuiamo a vedere questo stesso cozzare di teste contro gli stessi muri per le stesse ragioni.

Peggio: alcuni fra quella serie di teste prossime all’auto-danneggiamento, invece di acquisire consapevolezza della situazione e provare un registro piu’ efficace, hanno elaborato una loro psicosociofantasia fra lo strambo e il patetico, rifugiandosi fra le confortevoli braccia della “Sindrome di Cassandra“.

L’idea e’ molto semplice…piu’ di uno e’ convinto di conoscere il futuro (=sapere esattamente come andra’) ma di essere condannato a rimanere inascoltato come, appunto, Cassandra. Ci sono vari aspetti a livello psicologico, in proposito, fra i quali:

  • Le preoccupazioni per il futuro diventano una certezza che capitera’ il peggio
  • Il problema dell’essere inascoltati in passato diventa la convinzione che nessuno ascoltera’ mai

Al catastrofismo piu’ orripilante si accoppia quindi il rigetto del mondo esterno, un rigetto tanto piu’ illogico quanto piu’ la soluzione del problema (cambiamenti climatici, o picco del petrolio) comporta il lavorare assieme al mondo esterno.

E se dietro tutto questo ci fosse una specie di “desiderio di morte” (di nuovo, rendendo appropriata l’accusa di complicita’ in genocidio)? Il Prof. Giampiero Tre Re, “docente di filosofia, psicologia e scienze sociali, […] dottore di ricerca in Diritti dell’Uomo presso l’Università di Palermo e […] specialista di bioetica” descrive la situazione cosi’ nel suo blog “Terra di Nessuno” (“Ecologia e psicologia. Profezie che si autoavverano: la sindrome di Cassandra“, 8 Marzo 2007):

[…] Il dibattito pubblico sulla crisi dell’ecosistema, muovendosi tra rimozioni e catastrofismi, assume l’andamento oscillatorio di una sindrome psicosociale, che ricorda il personaggio omerico di Cassandra […] una sindrome da fine del mondo (o, almeno, di certi mondi) tipica dei passaggi di crisi culturali. […] è la rivelazione stessa che, mentre annuncia la catastrofe, la rende ineluttabile per cause connesse, in definitiva, non al problema in sé ma ai modi della comunicazione e delle dinamiche dell’organizzazione sociale. […] Il complesso esita in una profonda frustrazione per l’incapacità di agire tempestivamente ed efficacemente, mentre Cassandra finisce per distruggere se stessa: mentre trova conferma della propria ideologia di salvezza, provoca, proprio per questo, la catastrofe collettiva annunciata.

Da notare che il Prof. Tre Re non e’ certo da annoverare fra coloro che non ritengano essere in corso una crisi ecologica. Ma i suoi suggerimenti per il futuro sono ben diversi dalle solite stupidaggini catastrofiste riguardo masse ignoranti o complotti malvagi:

Se non si troverà il modo di cogliere scientificamente il nesso tra la globalità della crisi dell’ecosistema e il carattere globale dell’interazione culturale uomo-natura il grido di Cassandra non basterà a scongiurare la catastrofe ed anzi, suo malgrado, si presterà a strumentalizzazioni e manipolazioni politiche. […] Occorre una visione ecofilosofica profonda e al tempo stesso profondamente umanistica, senza inutili e dannosi catastrofismi. Una riflessione epistemologica che si ponga l’obiettivo d’individuare l’eventuale punto di contatto tra una nuova gestalt ecologica ed un antropocentrismo non dispotico nei confronti della natura

Sottolineo: “il grido di Cassandra non basterà a scongiurare la catastrofe ed anzi, suo malgrado, si presterà a strumentalizzazioni e manipolazioni politiche“. Appunto.

E dire che invece qualcosa si potrebbe davvero fare. Pochi giorni fa ne hanno parlato gli esperti convenuti per parlare di “Evidence-based decision making” (“Decidere sulla base delle prove scientifiche“) all’University College of London. A una precisa domanda in argomento, cosa possono fare i cambioclimatisti invece di rifugiarsi nella Sindrome di Cassandra?, hanno dato i seguenti suggerimenti:

  • Impegnarsi nello studiare tecniche implementative, fare tesoro di esperienze passate (come la campagna per la lotta all’AIDS)
  • Parlare con tutti, essere aperti e coinvolgere quante piu’ persone possibile, costruire networks di persone che abbiano lo stesso obiettivo, indipendentemente dalle motivazioni di ognuno
  • Non partire dal presupposto che nessuno ci ascolti, aiutare anzi chi lo fa ad acquisire visibilita’
  • Iniziare con un progetto dimostrativo che accetti invece di negare le obiezioni raccolte

Il guaio e’ che tutto questo “dura fatica”…molto piu’ facile crogiolarsi in un’interpretazione semplicistica del mito di Cassandra. Un po’ come rimprovera Garrison Keillor dalle pagine del New York Times ai Democratici USA:

Credo ancora nel lavorare faticosamente. È più divertente ed è un modo di vita migliore. Non ho molta pazienza per i Democratici che afferrano la sconfitta e trovano in essa la loro ragion d’essere. Sognano di essere una eroica voce che urla nel deserto contro l’egoismo e la crudeltà e affronta nobilmente la sconfitta, e necrologi che dicano che erano visionari e in anticipo sui tempi. Preferirei che si trovino nel loro tempo invece che in anticipo, e che si mettano al lavoro.

Lavoro? Figuriamoci…il cassandrista medio cerca nemici, in modo da non dover far niente di concreto, rendendo assolutamente inutili gli sforzi sui cambiamenti climatici, e sul picco del petrolio.

In un clima perennemente da Fortezza Bastiani, costituzionalmente incapaci di rapportarsi con il mondo esterno, i cassandristi sono pronti a offendere e denigrare, trincerarsi dietro l’autorita’ altrui, impermeabili a una qualunque discussione che non sia fra iniziati, bravi solo a cercare il pelo nell’uovo altrui.

In Italia ovviamente la citazione finale puo’ essere una sola…”continuiamo cosi’, facciamoci del male“.

Categories
AGW Climate Change Global Warming Humor Omniclimate

President Obama Bows To Exxon's Evil Power

Having travelled to Camp David for Valentine’s day, sadly the Obamas have decided to get back to the White House because of the weather, I beg your pardon, because of global warming.

(Climate) Change you can believe in!