Categories
Climate Change CO2 Emissions Omniclimate Policy

From Chicken and Egg, to CO2 and Fuel

Which one came first…the push to consume less fuel, or the worry that CO2 could be near dangerous, climate-tipping levels?

Who knows? For certain, some statements by EU officials do make one wonder…

We do see reports of a significant change in the types of cars people are buying, but I’ve been mostly surprised at the lack of a reaction,” [towards meeting emissions control targets] said Peder Jensen, a transportation expert at the European Environment Agency, an arm of the European Union in Copenhagen. “One had hoped that these prices would deter driving, but people have coped better than we hoped they would.”

Categories
English Politics Russia

Litvinenko: Case Closed?

In these days of heavy anti-Russia statements from most of the EU, and from the USA, how strange to read that the case of poisoned ex-KGB officer Alexander Litvinenko, who died in London on 23 Nov 2006, is still pretty much a mystery…

[…] Today, despite the popular misconception that the case has been solved, little, if any, forensic evidence has emerged that explains how, or even when, Litvinenko was exposed to Polonium 210. […]

In the Litvinenko case, the coroner’s report has never been completed. The crucial autopsy data has been denied not only to journalists and Litvinenko’s family on the grounds that it is part of an ongoing investigation, but also to Britain’s erstwhile partner in the investigation, Russia. While there may be good reason to keep an autopsy report secret from the public, keeping it secret from its investigative partner is mystifying. […]

This medical stone-walling left unanswered why British doctors repeatedly misdiagnosed Litvinenko, and, despite his symptoms of radiation exposure, did not test his urine specimens for alpha as well as gamma radiation, and never gave him the antidote Dimercaprol, which might have saved his life. When I examined the British police report sent to Moscow in June 2006 in support of its extradition request, I was stunned to see that without the medical reports, there was an almost total evidentiary vacuum, at least in terms of conventional evidence. The report cited no eye-witnesses, surveillance videotapes, fingerprints, Polonium container, or smoking teapot. Instead, the police report made it clear that the case was based on radiation traces. What made this kind of unconventional evidence vulnerable to misinterpretation, if it could be introduced in court at all, is that almost all the crime scenes at which the radiation was found were compromised. […]

I won’t be surprised if the Litvinenko case will be turned on its head in a few years’ time…

ps Is this blog turning into a pro-Russia platform, I wonder…

Categories
Clima Italiano Metereologia Politica USA

Il Lato Buffo di Gustav

C’e’ anche un lato un po’ buffo di Gustav, l’uragano adesso su Cuba. Alcune settimane fa un predicatore americano aveva pregato in un video su youtube perche’ piovessero piogge torrenziali su Obama e sulla Convention democratica. E invece niente.

Anzi, Gustav adesso sta mettendo in difficolta’ la Convention Repubblicana, sia perche’ quattro Governatori hanno detto che devono stare a casa loro, sia perche’ forse non e’ il caso di festeggiare mentre arriva il Mostro, sia perche’ alcuni delegati potranno avere cose piu’ urgenti in mente, sia perche’ non e’ detto che le rimanenze di Gustav non arrivino proprio a St Paul, Minnesota.

Come dire…stai attento quando preghi, perche’ potresti essere “quasi” soddisfatto. O per chi vuole: Dio ha un grande senso dell’umorismo.

Categories
Italia Italiano Repubblica

Attenzione a La Repubblica!

Nuovo allarme per articolo probabilmente infondato su La Repubblica: quello di oggi si intitola “Il dramma degli orsi naufraghi“. Quasi sicuramente una specie di incrocio fra una bufala e una mongolfiera, visto che:

  1. Sul sito WWF sono ancora fermi all’avvistamento originale del 21 agosto
  2. La notizia originale e’ uscita sul Daily Mail, cioe’ un giornale di bassa qualita’. Viene ora ripresa dal Telegraph (dove la qualita’ e’ scarsa, anche se meglio che al Daily Mail) e da qualche altra fonte, che pero’ ricopia pari pari l’articolo dal Daily Mail.
  3. In Italia, la notizia e’ uscita su La Repubblica
  4. Gli orsi polari in questione sono stati avvistati per caso. Se un giro di esplorazione ne tira fuori 9, chissa’ quante centinaia e centinaia ce ne sono.
  5. Fino a pochi anni fa, non si sapeva neanche che gli orsi fossero capaci di nuotare piu’ di 100 miglia
    L’orso polare e’ una specie onnivora senza predatore alcuno, che vive sulla terraferma e nuota per decine e decine di chilometri nell’acqua ghiacciata. Il numero di tale specie e’ in aumento negli ultimi 40 anni.
  6. La famosa “foto degli orsi bianchi in difficolta'” di qualche tempo fa si e’ poi scoperto essere due orsi che prendevano il sole su una lastra di ghiaccio. e stavano benissimo.

Analizziamo in particolare il punto 3. Ci sono altri esempi di “perle” uscite sul quotidiano La Repubblica?

  1. Una volta hanno tradotto “il treno della metropolitana diretto a ovest” con “la stazione della metropolitana ‘Verso Ovest’
  2. Un’altra volta non hanno capito niente dei risultati di una ricerca francese sugli inceneritori, travisandone completamente i risultati
  3. Nelle loro pagine scientifiche, lo Sri Lanka si sposta magicamente dall’Equatore al Polo Nord
  4. Si sono fatti anche beccare con una intera serie di interviste-scoop da parte di tal Jordi Valle, tutte pubblicate sul Venerdi’ e tutte fasulle

Insomma, una panzana tira l’altra. Niente di strano se ne appare un’altra.

Categories
America Italiano MNN Politica Umorismo USA

Incredibile Risposta di Obama a McCain

NOTA AGGIUNTA L’8 SETTEMBRE: La copertina di Vogue con il Gov. Palin qui sotto, e’ un falso

Denver, 31 Agosto (MNN) – Il mondo della politica americana e’ stato nuovamente scosso da una incredibile sorpresa, dopo l’annuncio che la 44enne Sarah Palin, Governatore dell’Alaska, sara’ il candidato alla Vice Presidenza per il Partito Repubblicano e John McCain.

Il candidato Democratico, Barack Obama, ha infatti deciso di introdurre due nuovi incarichi, quelli di Vice Vice Presidenti, per i quali ha scelto due noti personaggi: Betty Boop e Pisellino.

Sarah Palin Betty Boop

Purtroppo non c’e’ che da aspettarsi nuove polemiche, soprattutto dopo che Obama ha dichiarato che “Betty Boop starebbe sicuramente MEGLIO sulla copertina di Vogue” e “Pisellino ha molta MENO esperienza, su qualunque argomento“.

Fonti male informate suggeriscono che in settimana McCain pensa di rilanciare ulteriormente la posta in gioco, rivelando di aver partecipato al secondo episodio di Jurassic Park interpretando il personaggio di “Kelly Curtis Malcolm“…

Categories
America English Humor MNN Politics USA USA 2008

Obama’s Swift Riposte to McCain’s Challenge

NOTE ADDED SEP 8: Gov. Palin’s Vogue cover below is a fake

Denver, Aug 31 (MNN) – Sen. Barack Obama, Democratic Nominee for the 2008 US Presidential Election, has recruited today two well-known characters to fight back the unexpected challenge from the youth/women side by Sen. John McCain and his VP choice, Gov. Sarah Palin.

Sen. Obama said he was very glad to introduce, in the newly-created positions of Vice-Vice-Presidents, Betty Boop and Swee’Pea.

Sarah Palin Betty Boop

His remarks may cause controversy though (“Betty would look better on Vogue!” and “Swee’Pea’s got much less experience in foreign or any other matters“) .

According to uninformed sources, Sen. McCain is planning to up the ante by revealing that he himself years ago was in a Hollywood blockbuster (the second episode of Jurassic Park), playing a character named “Kelly Curtis Malcolm” …

Categories
English Journalism Politics Russia

Will Putin’s CNN Interview Herald a New Era of Media-Savvy International Leaders?

Matthew Chance of CNN writes about his interview with Vladimir Putin, some 7 years after the last one for the American news channel:

Putin […] was constantly watching CNN to see how the conflict was being reported. And he didn’t like it. He hated it […] there was no one on TV putting across the Russian version of events.

Why was there no one? Because there is no access in Russia, we were not allowed to go to the Russian side of the conflict zone. No Russian officials were available to talk to us, as usual. Georgia played the media game, Russia did not.

A decision was taken then to change tack, to engage with the Western media, to aggressively argue Russia’s side. The Kremlin, which constantly complains of a bad press, could have learned this lesson years ago. But hopefully they see the value of us now. Doesn’t mean we agree with them, or that appearing on CNN will convert the West to Russia’s line.

Putin has made a few allegations, some of them ringing more true than others. But their truthness is not as important as the fact that they have been heard by many people that until yesterday could only get their own Government’s propaganda. Now they can see an actual “foreign” and “enemy” leader speak his mind in front of the cameras, a person and not just a communique’.

Anyway, the simple fact that the American and Russian versions of events cannot be both right at the same time, could and should encourage a little more critical thinkings…and that cannot be bad.

Interestingly, the lesson of how to avoid a bad press has been recently learned by Prime Minister Wen Jiabao of China too.

Next in line should be Hugo Chavez of Venezuela, and Mohammed Ahmadinejad of Iran. For some reason neither of them has realized his potential in terms of worldwide media coverage. Perhaps Putin’s experience will change that: they do look like great TV material and if only they’d abandon the more hard-to-digest bits of their ideologies, many more people would watch (and listen) to them.

Categories
AGW catastrophism Climate Change Global Warming Omniclimate Science Skepticism

Enough With the Prostitution of Science

Dr Michael Fitzpatrick takes advantage of the publication of two new books on the lies behind much of the anti-AIDS campaigns to make a strong point about the dangerous coupling of political interests with experts’ high-minded society-changing goals:

in a 1996 commentary on the British AIDS campaign […] journalist Mark Lawson accepted that the public had been misled over the threat of AIDS, but argued that the end of promoting sexual restraint (especially among the young) justified the means (exaggerating the risk of HIV infection): as he put it, ‘the government has lied and I am glad’.

This sort of opportunism is not confined to AIDS: in other areas where experts are broadly in sympathy with government policy – such as passive smoking, obesity and climate change – they have been similarly complicit in the prostitution of science to propaganda.

A few details that may or may not sound quite close to contemporary AGW campaigning:

  • the AIDS bureaucracy [is] a ‘byzantine’ world…in which ‘money eclipses truth’.
  • the British AIDS story is an example of a ‘glorious myth’ – a tale that is ‘gloriously or nobly false’, but told ‘for a good cause’.
  • ‘estimates and projections are “cooked” or made up’.
  • [they were] manipulating statistics to maximise their scare value
  • exaggerated claims for the scale of the HIV epidemic (and the risks of wider spread) […] enable authorities to claim the credit for subsequently lower figures, as they ‘ride to glory’ on curves showing declining incidence
  • the main problem of the mendacity […] is that it leads to misdirected, ineffective and wasteful campaigns […] while the real problems […] are neglected
  • over the past decade, mainstream AIDS scientists, including most infectious disease epidemiologists, have virtually all uncritically accepted the many “glorious” myths and misconceptions UNAIDS and AIDS activists continue to perpetuate’
Categories
Italiano Olimpiadi

Scoperta Un’Altra Falsita’ Olimpica

Di questo passo, fra recitazioni nascoste e antidoping fasullo, la credibilita’ delle Olimpiadi scendera’ a livelli inferiori persino di quella dei Reality Show…

Un’altra finzione di livello olimpico e’ stata rivelata in Australia. L’orchestra che suono’ all’inaugurazione delle Olimpiadi di Sydney nel 2000 fece solo finta di suonare. I “pezzi” erano stati tutti pre-registrati, onde evitare imbarazzanti “stecche”…

Categories
America Italiano Politica USA

Bastera’ a Obama la Presidenza USA?

Il pericolo costante con la campagna presidenziale di Barack Obama si manifesta nella relazione fra il pericolo di esagerare, e la necessita’ di esagerare. Per “dimostrare” di essere pronto a fare il Presidente, le aspettative sono state gonfiate e gonfiate a dismisura.

Ormai, un discorso di Obama non vale niente se non implica una rivoluzione nel pensiero politico e filosofico occidentale. Non viene considerato avanti nei sondaggi a meno che non dimostri piu’ di 10 punti percentuali di vantaggio. E non lo va a sentire nessuno se non viene riempito uno stadio di 80mila posti.

Il problema e’, il gran risultato di oggi e’ la normalita’ di domani. In altre parole, se sei in vetta puoi solo andare giu’ (o da nessuna parte).

A meno che Obama non abbia altro in mente, dopo la Presidenza: diventare un attore, un cantante rock…oppure il Papa!

Categories
America English Politics USA USA 2008

Is Obama Too Big for the Presidency?

The constant danger with Barack Obama’s campaign lies in the struggle between the danger of overextending Obama and his image, and the need to overextend Obama and his image. In order to “demonstrate” he’s up for it, expectations have been put up and up to pretty much impossible heights.

Nowadays, an Obama speech is nothing if it doesn’t involve a revolution in contemporary Western philosophy. Attendance is poor if an 80,000-seat stadium is not filled to capacity. A lead in the polls is zero if it’s less than double-digit.

The trouble is, today’s big achievement is tomorrow’s normalcy. That is, if you’re at the top the only way is down (or nowhere).

Unless, of course, Obama plans for a second career as an actor, a rockstar…or as the Pope!

Categories
democrazia Italia Italiano Politica USA

Russia e Georgia: Dick Cheney…in Italia?

E che ci viene a fare il Vice-Presidente USA Dick Cheney, gia’ Segretario (Ministro) della Difesa all’epoca della fine dell’URSS, in visita ufficiale in Italia la settimana prossima, dopo Georgia, Ucraina e Azerbaijan?

President Bush has asked Cheney to travel to Azerbaijan, Georgia, Ukraine and Italy next week for discussions with these key U.S. partners on issues of mutual interest, according to a White House news release.

Per “discutere argomenti di mutuo interesse”. E quali sono gli argomenti di mutuo interesse fra l’Italia, gli USA e le altre tre nazioni nella lista, se non qualcosa che ha a che fare con i contratti ENI per la estrazione e distribuzione di gas e petrolio?

Insomma il Vice-Presidente Cheney, gia’ alla testa di una Task Force sull’Energia nel 2001, sembra voler dire chiaramente che dal punto di vista dell’Amministrazione Bush, tutta la confusione intorno alla difesa della democrazia georgiana contro i bulli di Mosca, e’ quasi unicamente una faccenda di gas e petrolio…

Categories
Cattolicesimo Clericalismo Italia Italiano Papato Politica

Porta Pia: Il Testo della Lettera di Vittorio Emanuele II al Papa

Questa lettera, di fondamentale importanza per comprendere alcuni retroscena della “Breccia di Porta Pia“, scritta l’8 settembre 1870 a Firenze da Vittorio Emanuele II, Re d’Italia, a Papa PIo IX, non sembra esistere in alcuna forma su internet, in italiano, (anche se ne fanno cenno alcuni siti) e l’ho trovata solo negli archivi in inglese del New York Times. Alcuni spunti interessanti:

  1. VE-2 si presenta come difensore della monarchia, del papato, e del quieto e ordinato vivere CONTRO le “forze cosmopolite”, quelle che noi probabilmente chiameremmo “laiche e democratiche”
  2. Viene anche agitato lo spauracchio dell’agitazione popolare contro la presenza di truppe straniere, cioe’ francesi soprattutto
  3. L’idea dello Stato della Citta’ del Vaticano e’ esplicitata chiaramente

Santissimo Padre: Con l’affetto di un figlio, con la fede di un Cattolico, con la lealta’ di un Re, con il sentimento di un Italiano scrivo di nuovo, come ho gia’ fatto in passato, al cuore di sua Santita’.

Una tempesta piena di pericoli minaccia l’Europa. Favorito dalla guerra che devasta il centro del Continente, il partito della rivoluzione cosmopolita aumenta in coraggio e in audacia, e si sta preparando a sferrare, specialmente in Italia e nelle province governate da sua Santita’, gli ultimi colpi alla monarchia e al Papato.

Lo so, Santissimo Padre, che la grandezza della vostra anima non sara’ mai inferiore alla vastita’ degli eventi, ma io, un Re Cattolico e un Re Italiano, e in quanto tale guardiano e sicurezza per bonta’ della Divina Provvidenza e per volonta’ della nazione dei destini di tutti gli Italiani, sento il dovere di prendere la responsabilita’, di fronte all’Europa e al Cattolicesimo, di mantenere l’ordine nella penisola, e la sicurezza della Santa Sede.

Adesso, Santissimo Padre, lo stato d’animo delle popolazioni governate da Sua Santita’, e la presenza fra di loro di truppe straniere provenienti da posti diversi e con intenzioni diverse fra loro, sono una fonte di agitazione e di pericoli evidenti a tutti. La sorte o l’effervescenza delle passioni puo’ portare alla violenza e a uno spargimento di sangue, che e’ mio dovere e vostro, Santissimo Padre, evitare e prevenire.

Vedo come irrevocabile necessita’ per la sicurezza dell’Italia e della Santa Sede che le mie truppe che gia’ sono di guardia alle frontiere, avanzino e occupino le posizioni che saranno indispensabili per la sicurezza di sua Santita’ e per il mantenimento dell’ordine.

Sua Santita’ non vorra’ vedere un atto ostile in questa misura di precauzione. Il mio Governo e le mie forze si limiteranno assolutamente ad un’azione che conservi e tuteli i diritti, facilmente riconciliabili, della popolazioni romane con l’inviolabilita’ del Sovrano Pontefice e della sua autorita’ spirituale, e con l’indipendenza della Santa Sede.

Se sua Santita’, come non dubito, e come il suo carattere sacro e bonta’ dell’animo mi fa sperare, e’ ispirato con una volonta’ uguale alla mia ad evitare ogni conflitto e a rifuggire il pericolo della violenza, sara’ capace di intraprendere, con il Conte Ponza di San Martino che vi presenta questa lettera, e che ha ottenuto le istruzioni necessarie dal mio Governo, quelle misure migliori che condurranno al fine desiderato.

Vorra’ sua Santita’ permettermi di sperare ancora che questo momento, cosi’ solenne per l’Italia come per la Chiesa e per il Papato, sara’ occasione per l’esercizio di quello spirito di benevolenza che non e’ mai stato estinto dal suo cuore, verso questa terra, che e’ anche la sua nazione, e di quei sentimenti di conciliazione che ho sempre cercato con infaticabile perseveranza di tradurre in azioni, in modo che mentre vengono soddisfatte le aspirazioni nazionali, il Capo della Cattolicita’, circondato dalla devozione della popolazioni italiane, possa conservare sulle rive del Tevere una sede gloriosa indipendente da ogni sovranita’ umana?

Sua Santita’, nel rimuovere da Roma le truppe straniere, nel liberarla dal continuo pericolo di diventare il campo di battaglia per i partiti sovversivi, avra’ compiuto un lavoro meraviglioso, dato pace alla Chiesa, e mostrato all’Europa, scioccata dagli orrori della guerra, come grandi battaglie possano essere vinte e immortali vittorie ottenute con un atto di giustiza e con una singola parola di affetto.

Prego sua Santita’ di concedermi la sua benedizione Apostolica, e rinnovo a sua Santita’ l’espressione del mio profondo rispetto.

A sua Santita’ dal piu’ umile, piu’ obbediente, e piu’ devoto figlio

Vittorio Emanuele
Firenze, 8 Settembre, 1870

Categories
Cultura Italia Italiano Politica

5a Festa del Libro di Montereggio, 29-31 Agosto

Appuntamento a Montereggio, Paese dei Librai, da venerdì 29 a domenica 31 agosto per la 5° Festa del Libro con: Oliviero Beha, Marina Catena, Alfredo Chiappori, Margherita Hack, Amos Luzzatto, Marco Travaglio…

Per consultare il programma cliccare qui

Categories
AGW Climate Change Global Warming greenhouse effect Omniclimate Science Skepticism

Alpine Melt Reveals…There's Nothing Special About Today's Climate

An interesting piece of news from the BBC that screams out very loud “there is nothing special about today’s climate“.

Yet, it’s all to be read between the lines, as the “greenhouse gases” are taken as the current warming’s culprit as a matter of course (i.e. without thinking).

Basically, alpine archeologists are having a field day (ha! ha!) with retreating glaciers exposing very, very ancient human artifacts. It should go without saying that if humans were up there at a time when gore-tex had not been invented and mountaineering superstores were not around, it must have been considerably warm. Also, everything buried under a glacier must have been there before the glacier trundled by.

So it must have been warm around 3,300BC and 4,500BC. How about the rest of the time? I have found this graph online. Once again, it’s in Italian, but should not be difficult to decypher. It shows how temperatures have changed in the Western Alps during the last 11,000 years (Western Swiss Alps, I understand, as the graph is supposed to be from the University in Berne):

Western Alps temperatures during the last 11,000 years
Western Alps temperatures during the last 11,000 years
Quick analysis:
  • Present temperatures are relatively high compared to the past
  • The 16C threshold has been touched, for the 5th time in 10,000 years
  • It’s the 7th time that temperatures are on the way up, even without considering the increase immediately following the last Ice Age

Furthermore: whoever put that arrow shooting skywards, must be a comedian (or an involuntary comedian). Climatechangeology is a naked science indeed.

Categories
Italia Italiano Olimpiadi Scienza

Perche’ I Neri Corrono Piu’ Veloci Dei Bianchi?

Perche’ i neri corrono piu’ veloci dei bianchi? Si chiede qualcuno. Una domanda che si puo’ mostrare sia priva di fondamento.

Prima di tutto occorre rendersi conto che esiste un “passato” su questo tema. In generale, isogna sempre cercare di vedere cosa c’e’ dietro questa o quella teoria scientifica, soprattutto quando parla di persone, e non di ammassi globulari o le abitudini predatorie dei ragni della Patagonia.

E purtroppo, dietro gli “studi” su base razziale c’e’ una storia molto brutta, e ripetuta, di abusi della “scienza” da parte di chi ha voluto e vuole portare avanti le sue teorie razziali. Si finisce sempre con il cercare di classificare quale razza sia meglio dell’altra, e da questo alle discriminazioni il passo e’ troppo breve per non mettere dei paletti molto alti, che tutte le teorie in argomento devono essere capaci di superare prima di poter essere accettate.

Il libro di Stephen Jay Gould “The Mismeasure of Man” e’ pieno zeppo di esempi di teorie che oggi troviamo razziste o sessiste, ma alla loro epoca erano accettate quasi come verita’ rivelate. Prima la capacita’ cranica, poi la forma della faccia, poi il quoziente intellettivo. Al giorno d’oggi, quando lo sport e’ di moda, si parla di prestazioni sportive.

Non va trascurato neanche il fatto che studi “razziali” o “sessisti” saranno fatti soprattutto da coloro che hanno gia’ idee “razziali” o “sessiste”, che’ altrimenti probabilmente non si porrebbero neanche il problema. Voglio dire: se mi viene detto di mettere nello stesso gruppo un senegalese e un mozambicano perche’ “neri” io mi metto a ridere. Se viene detto lo stesso a un razzista convinto, accettera’ senza fiatare. Chi dei due intraprendera’ e pubblichera’ studi che comparino quei due “neri” con i “bianchi”? Non certo io.

Il fatto e’ che gli afro-americani sono originari di una larga fetta dell’Africa occidentale. Ora, e’ proprio in Africa che esiste di gran lunga la piu’ grande variabilita’ genetica, per cui c’e’ da aspettarsi che ci sia una grandissima variabilita’ anche fra gli afro-americani.

E’ vero che dal tempo della schiavitu’ ad ora c’e’ stato del “rimescolamento” visto che la maggior parte di loro faceva figli con altri afro-americani, ma il numero di generazioni e’ cosi’ piccolo da non far ritenere che tale rimescolamento abbia inciso sulla variabilita’ genetica (e non parlo neanche del gran numero di “misti”, con antenati europei, indiani d’america, etc etc).

E’ vero anche che hanno in genere la pelle di colore piu’ scuro, gli afro-americani, ma questo, in Africa, e’ dovuto a una convergenza evolutiva fra popolazioni geneticamente diverse ma che vivono sotto lo stesso Sole. In pratica, il colore della pelle non e’ una indicazione di vicinanza o somiglianza genetica, cosi’ come nessuno dira’ che Etiopi e Cingalesi sono da considerare “una razza” solo perche’ il colore della pelle e’ straordinariamente simile.

Quindi parlare di “neri” come distinti dai “bianchi” come se ci fossero dei tratti genetici tipici dei “neri” e non dei “bianchi” appunto, distinguendo quindi due “razze”, e’ assolutamente improprio, fino a prova contraria.

Come fare poi su queste basi cosi’ traballanti a tirar fuori le “cause” della presunta capacita’ di correre, proprio non riesco a capirlo. Ma non e’ la prima volta che succede: fino a pochissimi anni fa era proibito alle donne correre la Maratona, e c’era anche chi diceva che “scientificamente” il calcio e il ciclismo non erano adatti alle femmine della nostra specie, per questa o quella caratteristica del bacino.

Tutte panzane, naturalmente, ma che hanno ritardato quegli sport per decenni.

Come mai allora tanti sprinters sono neri? E’ questa una domanda a cui non si puo’ dare risposta. Come ho detto sopra, non esiste “il nero”, e quindi non ci si puo’ chiedere perche’ “i neri” facciano questo o quello. Quanti campioni della boxe (pesi massimi) sono stati “neri”? C’e’ forse anche li’ qualcuno che suggerisce che il colore della pelle aiuti nello sviluppare i pugni, e (addirittura!) nel sopportarli?

========

Fra l’altro, giusto per rifarci alle zone dell’Africa e delle Americhe dove “geneticamente” dovrebbero essere piu’ simili agli afro-americani…dove sono tutti i corridori (sprinters, stiamo parlando di corse brevi) brasiliani, nigeriani, ghanesi, toghesi, beniniani, senegalesi, gambiani, cubani etc etc etc?

E che, forse quelli non sono “neri” abbastanza?

La Giamaica e’ solo un’isola fra tante…ma da Trinidad esce un tizio ogni tanto, cosi’ come dalle Barbados, mentre da un gran numero di altre isole lo zero assoluto. I cubani poi per esempio non sono secondi a nessuno in termini di infrastrutture sportive. Correre soprattutto lo sprint breve e’ anche uno sport che non ha bisogno di infrastrutture, ma solo di un rettilineo di 100 metri o poco piu’. Infine, nel mondo globalizzato non e’ difficile trovare esempi di atleti che gareggiano per una nazione ma hanno borse di studio in un’altra, come gli USA ma anche l’Italia.

Per cui anche un ghanese o un cameruniano o un tizio di St.Lucia veloci non avrebbero troppe difficolta’ a farsi vedere sulla scena internazionale.

=========

Il problema di fondo e’ ovviamente che in Ghana come in Camerun, come a Cuba, lo sprint non e’ lo sport nazionale. I potenziali talenti nella corsa non vengono scoperti semplicemente perche’ non corrono.

Se nessuno gioca a pallamano, e’ ovvio che non verra’ fuori nessun super giocatore di pallamano. In India tutti adorano il cricket, e tutti gli eroi sportivi giocano a cricket. Chi vuole diventare un eroe e pergiunta ricco pratica il cricket. In Italia, fa il calciatore, non certo la pallamano o il baseball. In Armenia e Georgia, gli eroi sono lottatori e sollevatori di pesi. etc etc.

Questo discorso su base sociale e culturale basta e avanza per spiegare perche’ i Giamaicani corrono in fretta, e i Finlandesi no (quelli, fanno l’hockey su ghiaccio e il giavellotto). Perche’ infilarci su delle ipotesi razziali che come detto sopra non hanno base genetica, non lo so.

Ma qualcuno dira’: e i Kenyani che vincono le corse di fondo e mezzofondo? I kenyani, appunto. Non i “neri”. I kenyani che vincono sono poi quelli degli altipiani, ed e’ relativamente semplice verificare che hanno piu’ globuli rossi/emoglobina degli altri, abituati a vivere dove c’e’ meno ossigeno.

Al che uno si dovrebbe chiedere, dove sono i Peruviani maratoneti? Ma di nuovo, in Peru’ non si pratica la corsa campestre, e quindi non si possono scoprire “campioni di corsa campestre”. I peruviani giocano a calcio.

===========

Un ottimo esempio dell’effetto delle convenzioni sociali riguarda il nuoto. A parole, e’ da piu’ di quaranta anni che i neri d’America possono fare il bagno in piscina con i bianchei. Nella pratica e’ un’altra faccenda. Prima devono avere l’idea di andare in piscina; poi devono trovare una piscina che li accetti senza tante storie o boicottaggi; poi devono avere l’idea che si puo’ gareggiare; poi devono trovare un allenatore che li accetti senza tante storie o boicottaggi o pregiudizi; poi devono praticare lo sport in maniera massiccia, al punto da poter individuare i campioni. Etc etc.

Ci vuole molto tempo perche’ qualcosa del genere accada in pratica. E’ quanto si dice “costruire un movimento” in cui poi eccellono i campioni. E infatti Cullen Jones, nero del Bronx, ha vinto l’oro quest’anno, nella 4×100 stile libero, secondo afro-americano USA ad esserci riuscito (il primo era stato nel 2000). Un periodo insomma di circa 40 anni dal 1964, poco piu’ di una generazione, che e’ quanto ci si potrebbe aspettare.

Pensiamo anche al superuomo Usain Bolt: se non avesse trovato un allenatore coraggioso che lo ha accettato come corridore quando tutti dicevano che era troppo alto per lo sport. Adesso va piu’ veloce degli altri perche’ ha le gambe piu’ lunghe, ma chi glielo dice a tutti i giamaicani rigettati dalle associazioni sportive perche’ oltre un limite arbitrario e, sappiamo oggi, assurdo?

E quanti “bianchi” veloci vengono rifiutati dalle scuole di sprint perche’ “lo sanno tutti che i neri sono piu’ veloci”, cosi’ come prima di Bolt lo sapevano tutti che “quelli bassi corrono piu’ in fretta”?

===========

Insomma: se uno non impara, non impara. E quindi non ci sono campioni del cricket francesi o spagnoli o italiani. Magari io o tu saremmo potuti essere dei recordmen assoluti in quello sport, ma non lo sapremo mai, perche’ non ci sono ne’ le infrastrutture, ne’ le esperienze, ne’ la voglia di giocare a cricket.

Questo ultimo esempio mi sembra che _dimostri_ che con la prestazione sportiva, la genetica c’entra proprio poco, a parte casi particolari come i kenyani corridori.

Categories
Data Omniclimate Science

How Is Solar Cycle 24 Doing?

Spotless Periods
Spotless Periods

This page about solar cycle 24 is in Italian but should be easy to understand. Here the rankings of cycle 24 so far, since 1849:

(a) current number of spotless days: 37 (17th longest ever, and counting)

(b) number of spotless periods longer than 20 days: 5 (5th)

(c) number of spotless days: 415 (9th)

Actually, the “spots” that have been claimed for around July 19, didn’t look like sunspots to me at all. Without them, the number of spotless days is 64, that is the third ever.

Categories
Cattolicesimo Clericalismo Italia Italiano Papato Politica

Curiosi Avvenimenti Intorno A Porta Pia

Manca poco meno di un mese all’ennesimo anniversario riguardo Porta Pia (20 settembre 1870, per chi non se lo ricordasse). Un paio di curiosita’ in proposito:

  • In base a un resoconto dell’epoca (dal New York Times), il 14 settembre Pio IX avrebbe annunciato un Plebiscito sullo status delle aree ancora controllate dal Papa (in pratica, solo il Lazio) . Questo cambierebbe un po’ la storia “lineare” della vittoria del Regno d’Italia cui sarebbe poi seguito il classico “plebiscito” per l’annessione al Regno.
  • In una lettera a Pio IX (lettera il cui testo in italiano non ho ancora trovato), Vittorio Emanuele II dice di dover agire per difendere Roma e l’Italia “dalle forze cosmopolite” e “sovversive”. E quindi non esplicitamente per ripulire il Papato dal Potere Temporale. Non si tratta di una questione trascurabile, perche’ proprio quella lettera consenti’ per esempio al Primo MInistro britannico Gladstone di non dover intervenire militarmente in difesa di Pio IX, nonostante le pressioni ricevute dall’Irlanda (all’epoca, parte dell’Impero della Regina Vittoria)
  • Per “caso” cioe’ no, in quegli stessi mesi c’erano altri grandi cambiamenti: la Prussia vinceva la guerra contro la Francia di Napoleone III, il quale abdicava; la Germania veniva riunificata lasciando la Cattolicissima Austria fuori; e il Papa era appena riuscito a farsi dichiarare “infallibile” dal Concilio Vaticano I. Diventando quindi l’ultimo Papa Re, e il primo Papa moderno.
Categories
English Politics USA

Russia Bashing And The Game of Historical Equivalence

(Letter sent to the International Herald Tribune)

It is the international political game for August 2008 to find an equivalent for the situation between Russia and Georgia after the recent conflict. For example, William Kristol has referred to the 1924 Georgian uprising against the USSR (“Will Russia get away with it?“, IHT, Aug 11).

President Mikhail Saakashvili has not been the only one comparing Georgia with Czechoslovakia in 1938 (James Traub’s “Between Georgia and Russia, tinder is lit“, IHT, Aug 10) although he has gone as far as mentioning Hitler’s invasion of Poland in 1939, the Soviet crackdown in Prague in 1968 and the Soviet invasion of Afghanistan in 1979 (AP’s “Georgian President’s Russia claims raise eyebrows“, IHT, Aug 14).

Today, Gunnar Hökmark, European Parliamentarian, and Johnny Munkhammar, both of the European Enterprise Institute, suggest “the paralles with Hungary in 1956 and Czechoslovakia in 1968” may be “not that far-fetched” (Letters, IHT, Aug 25), whilst Simon Sebag Montefiore makes some eery references to that greatest Russian of Georgian origin, Iosif Dzhugashvili (also known as Stalin) (“In the Shadow of the Red Czar“, Aug 25),

========

I am afraid most of these commentaries suffer from the tunnel vision that afflicts the victims of their own propaganda.

The root crisis in Georgia has been lasting since 1991, and it is about defining the borders of a newly-minted independent State irrespectfully of the ethnic composition of its regions.

The real parallel should therefore be with the Versailles conference of 1919, that literally re-drew the map of the world after World War I, nominally in the name of peoples’ self-determination but practically in light of narrow-minded goals mostly by France and the United Kingdom.

Far from being given the freedom and the new world order promised by US President Woodrow Wilson, many peoples found themselves the losers in the great game of the Powers, including the Chinese, what are now VietNam and Laos, the Kurds, the Palestinians, the vast majority of Africans. Others (such as the Albanians) were luckier, and got to get or keep their independence, again due to mere geopolitical calculations and not out of the liberal values purportedly championed by the West.

Once again, in 2008 in the democratic minds of US and European Union politicians some populations are “in” (eg the Kosovars, the Georgians) and others are “out” (the Ossetians, the Abkhazians).

If anybody can find any logic behind that, apart from political machinations between Powers, it would be nice to hear.

And by the way…Mr Sebag Montefiore sees Putin as the heir of Stalin, with the latter’s ghost almost trying “to get out” of his tomb. Why no mention of the real culprit then, the man that has done most to inspire Russia to become a World Power?

And not, I do not mean Czar Peter the Great, rather his enemy of 1709, that King Charles XII of Sweden that managed to lose his own Empire, against Peter, at the Battle of Poltava, thereby kick-starting almost overnight the dream of an Imperial Russia.

Categories
AGW Climate Change CO2 Emissions Data GHG Global Warming greenhouse effect Omniclimate Science

Climate Models Are Correct (And Useless)

Climate models are correct indeed. Because, as Bill Clinton would love to say, it depends on what the definition of “correct” is.

In the real world, climate models cannot be falsified by a single observation (modelists say it’s “only weather”), or by a set of short-term observations (they call it “just a specific trajectory”).

In theory, one could wait a sufficient number of years in order to statistically check if the world has actually got warmer, but in practice models don’t include volcanoes, clouds, solar activity, etc: therefore, even if observations diverge from the models, all the modelists will do is find a “culprit” that can justify the discrepancy.

For the 1940-1970 cooling climate, they say “it was the aerosols”. Never mind that it could be a made-up story.

RealClimate’s own Gavin has said in the recent past, there is no interest in verifying if models are correct or not. Instead, the “right question” appears to be: “are there analyses that will be made over the next few years that will improve the evaluation of climate models?”

It should go without saying that in such a situations, models have no predictive capability beyond chance and they are for all intents and purposes useless.

Imagine modelling a human being as a heart pump with tubes coming in and out, and then when the patient dies of tuberculosis, having the superciliousness to state “the model is correct” instead of understanding that humans have a pulmonary system too (and a lot of other systems).

Categories
Europa Genetica Italia Italiano Scienza

Gli Italiani Sono Europei Geneticamente Atipici

E’ ufficiale: gli Italiani sono geneticamente atipici, fra gli Europei. Queste le interessanti rivelazioni dalla Mappa Genetica Europea, prodotta dall’Erasmus University Medical Center di Rotterdam, e pubblicata sulla rivista scientifica Current Biology (7 Agosto). Ne parla anche il New York Times in un articolo

Mappa Genetica Europea
Mappa Genetica Europea

Gli Italiani risultano vicini ai Portoghesi e in misura minore ai Catalani a ai Serbi. Con buona pace della Lega Nord, le altre popolazioni europee appaiono molto lontane.

E’ curioso che solo i Finnici sono piu’ lontani degli Italiani dal resto dell’Europa. Chissa’ come mai, questa peculiarita’ italica? Le spiegazioni che ho letto finora (come un eventuale barriera dovuta alle Alpi) non mi soddisfano.

Categories
Berlusconi Italia Italiano Partito Democratico Politica

D’Alema, il Migliore Berlusconiano

Come altrimenti interpretare queste incredibili dichiarazioni di Massimo D’Alema il 17 luglio scorso, se non come un modo per garantire che a comandare l’Italia sia Berlusconi?

Bene o male il Partito Democratico si e’ affermato come il maggior partito nelle grandi aree urbane del Paese – quindi non e’ vero che e’ una forza di una parte residua della societa’. E’ senza dubbio il maggior partito nella parte piu’ acculturata del paese – e insomma sono due dati che fanno del Partito Democratico una forza non residuale. Perche’ insomma tutto sommato le grandi aree urbane e quella parte degli italiani che piu’ partecipa ai processi cognitivi, che leggono i giornali, che leggono i libri, insomma, sono una parte attiva del paese, sono una parte essenziale

Come scritto altrove, poco da meravigliarsi se D’Alema e’ noto come antipatico. Ma non deve pensare di essere il solo. Come scrive Michael Walzer, riportato in italiano su un recento numero del Sole24Ore (“E la sinistra perse il popolo”):

E’ […] necessario fare cio’ che [noi della sinistra] non abbiamo fatto negli anni Sessanta: dobbiamo difendere le nostre posizioni mantenendo il rispetto per le motivazioni intellettuali ed emotive dei nostri concittadini

Categories
AGW Climate Change Global Warming Omniclimate Science Skepticism

AGW Disaster at the IGC Meeting?

A whole scientific conference with a session on climate has gone by, but for some reason there’s been no mention of it in any major media sources. Actually, RealClimate talks about it in non-concealed disconcerted terms.

The International Geological Congress must have been some kind of disaster for the AGW crowd.

Will it be enough to demonstrate that there is a sizable community of “climate contrarians”, that is scientists that don’t buy in the AGW disaster “consensus”? Is this list enough to stop people from saying that climate skeptics’ numbers are “dwindling”?

I guess not.

Categories
Italiano Politica

E’ Il Momento di Invitare la Russia Nella NATO

Corre voce che Putin e la Russia di oggi siano come Hitler e la Germania del 1938, al tempo dell’annessione dei Sudeti preludio alla Seconda Guerra Mondiale. Si sottintende quindi che l’unico modo per procedere sia un muro-contro-muro per “fermare la Russia”.

Confesso che anche se capisco quel punto di vista, pur tuttavia ne sono alquanto spaventato. Su due fronti.

Prima di tutto mi sembra di rivedere per l’ennesima volta quanto e’ capitato e capita con l’Iran, con la Cina, e appunto con la Russia: fior di commentatori che cadono vittime della propaganda, ma di quella che esiste anche in una democrazia (figuriamoci in Italia) e da cui e’ molto difficile sganciarsi. Propaganda che trasforma un po’ tutti in delle macchiette: Ahmadinejad il fanatico, i Cinesi gialli da far paura, il Dalai Lama un angelo del Paradiso, e Putin appunto un ambizioso spione e paranoico.

Il richiamo alla Germania nazista e’ un motivo ricorrente di tale propaganda. Finanche il Primo Ministro Eden nel 1956 tentava di dipingere Nasser come un novello Adolf, per giustificare l’occupazione del canale di Suez.

Il paragone con Putin e’ forse piu’ solido. Ma si potrebbero anche elencare tutte le differenze fra il 1938 e il 2008.

In Russia non c’e’ un apparato di partito dai connotati terroristici contro la propria stessa popolazione; non c’e’ un’ideologia da “odio di stato” contro un particolare gruppo etnico o religioso; non c’e’ la glorificazione della guerra, non ci sono migliaia di prigionieri politici, e i cittadini non sono vessati con sanzioni punitive se non seguono pedissequamente quanto a loro richiesto

(c’e’ una descrizione di tutto cio’ riguardo il Nazismo in questo saggio di Richard J. Evans “How Willing Were They?” dalla New York Review of Books, Volume 55, Number 11 · June 26, 2008 – chi fosse interessato al testo completo me lo chieda pure)

Il revanchismo post-sovietico non si e’ manifestato finora in maniera violenta, fuori dai confini, tant’e’ che finche’ Saakashvili non ha tirato i missili contro i peacekeepers russi a Tskhinvali, le truppe russe appunto non erano state impegnate in azioni militari.

E’ probabile che la Russia fosse ben pronta a rispondere come ha fatto, e non impossibile che qualche agente russo a Tbilisi abbia fatto in modo che Saakashvili agisse in maniera cosi’ improvvida.

Ricordiamo pero’ che rispetto al passato, il casus belli del 7 agosto 2008 e’ praticamente chiaro come il sole e limpido come l’acqua. Niente a che vedere con l’ingigantito incidente del Golfo del Tonkin nel 1964, o l’oscura discussione fra Cattolici e Ortodossi riguardo la Chiesa della Nativita’, che precipito’ la Guerra di Crimea nel 1854.

C’e’ poi un’altra interpretazione alle azioni russe, e si rifa’ alla geopolitica (che davvero non cambia mai). Cosi’ come Kennedy non poteva tollerare missili nucleari a Cuba, Putin/Medvedev non potevano tollerare di perdere contro un idiota come il Presidente georgiano.

Da una parte avevano la scelta di intervenire, e vincere alla grande su tutti i fronti, non solo quelli militari, diventando anche popolarissimi. Dall’altra avevano la scelta di non fare niente, e precipitare se stessi e il Paese in una vergogna totale e completa.

Perche’ fare paragoni con Hitler se la scelta e’ cosi’ ovvia?

========

Il secondo fronte che mi spaventa e’ questa “voglia di menare le mani” che forse dopo 9/11 ha invaso un po’ tutti. Siamo alla sfiducia totale nella diplomazia?

====

In effetti, esiste un’alternativa.

Dopo una vittoria russa cosi’ completa e’ bambinesco e pericoloso fare i dispettosi come gli USA e gran parte dell’Europa/ NATO hanno deciso di fare. Anche perche’ la politica di accerchiamento della Russia, pensata da Clinton e continuata da Bush, non e’ sostenibile visti i risultati che ha portato.

Occorre invece aprire un nuovo capitolo, se non altro per riprendere le redini della situazione.

Invece di peggiorare la situazione, dobbiamo avere il coraggio di proporre l’ingresso della Russia nella NATO.

Categories
Italia Italiano Politica

Merizzo 23 Agosto – III Festa Partigiana

Segnalo che sabato 23 Agosto dalle 17.30 in poi si terra’ la III Festa Partigiana a Merizzo di Villafranca Lunigiana (MS). Questo il programma:

  • 17.30: Incontro-dibattito “Scarpe rotte eppur bisogna andare” con Ivan Della Mea e Gianfranco Azzali “Micio”
  • 20.00: Cena partigiana offerta dal paese e dall’ANPI
  • 21.00: Canti di lotta di ieri e di oggi

Per l’occasione sarà allestita una mostra fotografica e inaugurato l’archivio video sulla storia della Brigata Garibaldi “Leone Borrini”.

Categories
English Science

Gene’s Aren’t What They Used To Be

In a recent Op-Ed, Olivia Judson sounds puzzled by the fact that far from revealing what actually defines each of us, many genetic differences “appear to be more or less irrelevant” (“Testing genes, solving little“, IHT, Aug 18, 2008).

In practice, leaving aside the gender and a hint of the genetic ancestry of the person, a genetic analysis cannot be used to understand almost anything. And yet, all our traits are written in our genes, are they not?

Ms Judson hypothesizes two solutions to this riddle. Either “huge numbers of genes affect most traits” or “variants of a few genes do have a substantial effect but they are too rare to have been discovered yet“. But there is another much more plausible solution, via the science of Epigenetics.

Very simply, Epigenetics is the study of genes’ expression, i.e. of the actual activity of each gene and of its changes over time.

Much as functional Magnetic Resonance Imaging (fMRI) has enabled scientists to probe the actual workings of the brain, instead of being limited to its physical aspect as visible through static MRI, so Epigenetics is opening up the possibility of understandings the genes as they truly act, and not simply as bits of DNA that happen to reside in our cells.

After all, the very definition of life implies a continuous change.

It would be pretty hard to understand the world if all we could see were static images, losing out on everything that happens dynamically.

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Catastrofismo Clima Italiano Riscaldamento Globale Scienza

Paginone Domenicale Sole24Ore sul Clima

Un po’ di correzioni e commenti riguardo il paginone sul Clima dal supplemento Domenicale del Sole24Ore del 29 Giugno 2008:

(a) Nella “cornice” superiore viene detto che nel 2006 lo studioso Harry Bryden rivelo’ che la Corrente del Golfo stava rallentando, fermandosi addirittura per 10 giorni nel 2004. Le dichiarazioni originali di Bryden sono in realta’ del dicembre 2005, ed e’ di circa un anno dopo la smentita da parte di Bryden stesso (cfr. p 11-12 del libro “Six Degrees” di Mark Lynas).

A parte l’errore quasi trascurabile sull’anno, non sarebbe stato il caso di informare i lettori delle ultime ricerche di Bryden?

(b) Nell’articolo a pagina 42 “Imprese, state attente al Bau“, Francesco Daveri dice che le stime dei costi del “business as usual” cosi’ come calcolate da Nicholas Stern per il Governo britannico sarebbero approssimate “per difetto” in quanto non si valutano i costi sociali.

Sara’ anche vero, ma e’ altrettanto vero dire che quelle stime sono approssimate “per eccesso” in quanto Stern ha usato un tasso di sconto straordinariamente basso, primo economista ad aver espresso idee del genere. Daveri inoltre non mostra consapevolezza del fatto che il “disinquinamento climatico” ha dei costi di opportunita’ (opportunity costs, spero di aver tradotto bene) non indifferenti.

(c) E’ (anche) a quei costi che si rifa’ Bjorn Lomborg del cui ultimo libro si occupa Sylvie Coyaud nell’articolo “Il grande freddo sulle priorita’” a pagina 43, su cui non ho niente da eccepire, a parte esprimere un caloroso appello perche’ ci si renda conto che i “dissidenti climatici” non sono tutti pagati dall’industria carbonifera e petrolifera.

(d) Abbisogna di alcune correzioni anche l’articolo “Paure come meteore” di Patrizia Caraveo, sempre a pagina 43. Non e’ vero che l’evento di Tunguska del giugno 1908 passo’ inosservato. Per esempio, come si puo’ leggere nell’archivio del New York Times, una “strana aurora” fu osservata in Europa il 30 giugno e l’1 luglio 1908 (l’articolo e’ “STRANGE NORTHERN LIGHTS; Seen on Tuesday and Wednesday Nights in North Europe“, del 3 luglio 1908).

E’ certamente un refuso l’attribuire la scomparsa dei dinosauri a 60 milioni invece che 65 milioni di anni fa, mentre qualche specificazione in piu’ occorrerebbe riguardo “la probabilita’ di morire per l’impatto di un asteroide” che dovrebbe essere “simile a quella di soccombere all’attacco di un pescecane”. Quand’anche fosse cio’ fosse matematicamente vero (e non dico che non lo sia) bisogna distinguere fra i due eventi, perche’ il primo e’ rarissimo ma uccide milioni di persone.

(e) Infine esprimo un doppio disappunto riguardo l”articolo “Il cataclisma e’ anche sociale” di Alessandro Melazzini (in basso a pagina 43).

Prima di tutto il recente saggio della Rosenzweig su Nature non riguardatempeste, inondazioni, siccita’, incendi e maremoti” e non c’entra niente con “l’inondazione di New Orleans”. Trovo particolarmente oltraggiosa per l’intelligenza dei lettori l’idea che “il cambiamento climatico subito dalla Terra per effetto dell’azione umana” sia causa di maremoti.

Melazzini passa poi ad illustrare le ipotesi di Harald Welzer su futuri conflitti sulle risorse, che vengono accettate senza un particolare senso critico. E invece semplicemente, non ci sono esempi in epoca storica di “guerre per le risorse” dopo le invasioni barbariche. In innumerevoli occasioni nel corso dei secoli, le popolazioni che si sono ritrovate con scarsita’ di cibo e acqua sono state troppo occupate a sopravvivere, e non hanno certo organizzato invasioni dei territori altrui. E’ difficile combattere a stomaco vuoto. Le uniche “guerre per le risorse” che ci sono state, sono state dovute all’ingordigia e all’ambizione, come nel caso della idea della Lebensraum nazista.

Insomma i professori di psicologia sociale scrivano quello che vogliono, ed e’ giusto che il Domenicale riporti i libri piu’ interessanti, ma senza senso critico non si arriva davvero da nessuna parte.

Categories
America English Iran Politics USA War

With Five Months To Go, Let’s Pray About Iran

For the next five months President George W Bush will remain Commander in Chief of the armed forces of the United States.

In other words, there are still slightly more than 150 possibilities for Iran to be attacked.

And the strange thing is, nobody can really do much to prevent President Bush from taking advantage of any of those opportunities. It’s a danger highlighted by the words of Thomas Powers in the New York Review of Books’ “Iran: The Threat” (July 17, 2008; Powers’ words are in italic ):

  • According to the President, “all options” must remain “on the table.”
  • Last April, information about an Israeli air strike in Siria has been released explicitly with the aim of “sending a message to Iran”
  • According to Administration officials, Tehran wants a bomb in order to dominate the Persian Gulf region and to threaten its neighbors, especially Israel
  • The seriousness of American threats is confirmed by the fact that […] the whole country listens to the administration’s threats with breath held […] in effect leaving the decision entirely to [Bush and Cheney]
  • President Bush has accompanied periodic threats against Iran, supporting them with practical steps—the presence of large American armies just across Iran’s borders in Iraq and Afghanistan, and the dispatch of the world’s largest fleet of warships to cruise along Iran’s Persian Gulf coastline. The Bush administration further accuses Iran of “meddling” in the affairs of its neighbors, of supplying weapons and training to Iraqis who kill Americans, and of being the world’s principal state sponsor of terrorism
  • [Bush and Cheney’s] frequent warnings that the United States does not trust Iran with the knowledge to enrich bomb-grade uranium and will not tolerate an Iranian bomb. Many of these warnings have been issued in the last month or two and we may expect a continuing barrage until their final days in office.
  • The President’s frustration is plainly evident: Saddam Hussein may be gone, but Iran remains defiant, and more powerful than ever. The President’s male pride seems to have been aroused; he said he was going to solve the Iranian problem and he doesn’t want to back down.

Whatever the US Constitution has to say about war, the President of the United States can do pretty much anything he wants, under the guise of “executive power”. For an example, think of the botched rescue attempt of the American hostages in Iran, in 1980. Likewise, the successful invasion of Grenada in 1983.

And so we can literally wake up any day with the “news” of a US attack against Iran. Because as Powers concludes:

if attack is impossible, why does Bush talk himself into an ever-tighter corner by continuing to issue threats? Does he believe Iran will cave? Are these the only words he thinks people will still listen to? Is he hoping to tie the hands of the next president? Or is he preparing to summon the power of his office to carry out the last option on the table? One hardly knows whether to take the question seriously. It seems alarmist and overexcited even to pose it when the realities are so clear. But it is impossible to be sure—Bush has a history

Categories
Italiano Scienza

La Genetica, Non E’ Piu’ Quella Di Una Volta

In un recente articolo d’opinione, Olivia Judson sembra perplessa dal fatto che, lungi dal rivelare che cosa effettivamente definisca ciascuno di noi, molte differenze genetiche “sembrano essere più o meno irrilevanti” (“Testing genes, solving little “, IHT, 18 Agosto 2008).

In pratica, lasciando da parte l’altezza e qualche informazione riguardo gli antenati, una analisi genetica non può essere utilizzata per capire quasi niente. Ma i nostri tratti sono scritti nei nostri geni, o no?

La Judson ha due ipotesi come soluzioni a questo enigma. O “un enorme numero di geni influenzano la maggior parte dei tratti” oppure “varianti di alcuni geni che hanno un effetto sostanziale ma sono troppo rare non sono state ancora scoperte“.

Ma c’è un altra, molto più plausibile soluzione, attraverso la scienza della Epigenetica.

Molto semplicemente, l’Epigenetica è lo studio della ‘espressione’ dei geni, vale a dire l’effettiva attività di ogni gene e le sue modifiche nel corso del tempo.

Cosi’ come la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI) ha consentito ai ricercatori di sondare l’effettivo funzionamento del cervello, invece di essere limitati al suo aspetto fisico, come visibile attraverso la MRI statica, allo stesso modo l’Epigenetica apre la possibilità di comprendere come i geni agiscano veramente, invece che semplicemente vederli come frammenti di DNA che quasi per caso risiedono nelle nostre cellule.

Dopo tutto, la definizione stessa della vita implica un continuo dinamismo.

Sarebbe abbastanza difficile comprendere il mondo se non avessimo altro che immagini statiche, incapaci di vedere tutto ciò che accada dinamicamente.

Categories
AGW Climate Change Global Warming Omniclimate Policy Science Skepticism

Introducing John P. Holdren, Harvard Authoritarian

In supreme case of Irony with capital “I”, and as a fitting tribute to Alexander Solzhenitsyn’s courage as a free thinker, the following articles have appeared almost at the same time:

First, selected quotes from Holdren’s raging philippic on the dangers of “unfounded skepticism about the disruption of global climate” (Holdren is “professor at the Kennedy School of Government and the Department of Earth and Planetary Sciences at Harvard and the director of the Woods Hole Research Center in Massachusetts”):

The few climate-change “skeptics” with any sort of scientific credentials […] muddying of the waters of public discourse […] parroting of these arguments by […] amateur skeptics […] climate-change skeptics […] infest talk shows, Internet blogs, letters to the editor, op-ed pieces, and cocktail-party conversations […] the denier fringe […]

The extent of unfounded skepticism about the disruption of global climate by human-produced greenhouse gases is not just regrettable, it is dangerous. It has delayed – and continues to delay – the development of the political consensus that will be needed if society is to embrace remedies commensurate with the challenge. The science of climate change is telling us that we need to get going. Those who still think this is all a mistake or a hoax need to think again.

Presumably, Holdren means climate change skeptics need a good bit of re-education until they change their minds. After all, the danger they cause is because for Holdren, the only way to tackle “the challenge” is by developing an all-encompassing, literally unanimous “political consensus”.

People should just defer to the experts, and just shut up if any one of those “dangerous ideas” pop up in their heads.

======

Compare the above with what The Economist has to say about Democracy, and the one aspect about which Solzhenitsyn “was wrong”:

Democracies produce a cacophony, in which each voice complains that its own urgent message is being drowned in a sea of pap. […] The cacophony is the lesser evil. Ideas should not be suppressed, but nor should they be worshipped. […] There is no sure defence against bad ideas, but one place to start is with a well-educated and sceptical citizenry that is free to listen to the notions of the intellectuals but is not in thrall to them—and, yes, may prefer the sports channel instead. The patrician in Solzhenitsyn hated this lack of deference in the West. That is one respect in which the great man was wrong

======

Holdren’s “unanimous political consensus” is not a solution for climate change. It is an evil, a much larger evil than Democracy, and skepticism, will ever be: because it would mean having no defence against what could potentially be very bad ideas indeed (such as giving climate control precedence over development or fighting disease).