Categories
English International Israeli / Palestinian Politics

The Middle-Easternalization of Israel

A multiethnic, multireligious State, where:

  • An “ethnic group” dominates all others
  • The sense of belonging to one’s group vastly exceeds “civic loyalty”
  • Some political parties are defined by ethnicity and / or lack any interest in the plight of “the others”
  • Entire villages have been practically abandoned for decades without any State help, because “inconvenient” to the Government
  • Most if not all the national boundaries are completely artificial
  • The military are a little too important and their work a little too secret
  • There is no shortage of fundamentalists
  • A “State religion” controls many parts of life and death of all citizens, including those of another religion

That is the Israel described by Adam LeBor in commenting in the International Herald Tribune the new book “The Hebrew Republic” by Bernard Avishai.

In summary, after 60 years of existence Israel has sort of middle-easternalized itself, like its neighbors a society undermined by its own history. The “only” characteristics distinguishing the Jewish state from the States immediately nearby remain its independent judiciary, free and vocal press, and a robust civil society.

Would those characteristics survive an internal war like those afflicting Lebanon, or even a conflict between the hard-core settlers and the (jewish) rest of the country?

Categories
Bagnasco Cattolicesimo Clericalismo Italia Italiano Papato Politica

Da Bolzano a Pantelleria, il Nuovo Stato della Chiesa

Con il Papa che bene dice (di) Berlusconi, e Famiglia Cristiana che lo attacca per due settimane di fila, bisogna prendere atto del fatto che il Vaticano occupa in questo momento circa 301’318 chilometri quadrati.

Chi volesse contare qualcosa in Italia adesso farebbe certamente meglio a farsi nominare Vescovo, invece che parlamentare…

Categories
Etica Italia Italiano

Spazzatura: Italia Terza al Mondo Anche Via E-mail

L’anno funesto della monnezza italiana non finisce di stupire…la BBC News ha appena rivelato i risultati di un esperimento fatto sul web, in base al quale l’Italia si e’ classificata addirittura terza al mondo per quanto riguarda la posta elettronica – spazzatura, altrimenti nota come “spam”.

Il primo posto e’ degli USA, dove chi non sta attento puo’ ricevere piu’ di 23mila messaggi fasulli al mese. Poi il Brasile, con 15.856, e l’Italia appunto sotto di un soffio a 15.610.

Il navigatore medio italiano si puo’ insomma aspettare 500 messaggi “spam” al giorno. E di quelli, l’8% (40 al giorno) sono i pericolosissimi “messaggi phishing”, che cercano di estorcere codici segreti ai malcapitanti utenti che cascheranno nelle varie, elaboratissime trappole (per esempio, credendo di effettuare il login al proprio conto in banca senza accorgersi di essere in un  sito-fotocopia messo su per rubare i codici segreti.

Da notare come i dati per la Francia e la Germania, ma anche per la Gran Bretagna, sono decisamente inferiori a quelli italiani: giusto per dimostrare vero il detto che nel Paese dove troppi sono furbi, troppi sono anche idioti.