Categories
AGW catastrophism Omniclimate Policy Skepticism

What Have VP Dick Cheney and Activist AGWers Got in Common?

What have VP Dick Cheney and activist AGWers got in common?

They all subscribe to a version of the One per Cent Doctrine, a kind of Precautionary Principle.

As reported by Jeremy Waldron on the London Review of Books commenting “Worst-Case Scenarios” by Cass Sunstein, according to Ron Suskind’s “The One Per Cent Doctrine” (2006) this is what the US Vice-president has to say on how to deal with potential nuclear threats:

If there’s a one per cent chance that Pakistani scientists are helping al-Qaida build or develop a nuclear weapon, we have to treat it as a certainty in terms of our response . . . It’s not about our analysis, or finding a preponderance of evidence. It’s about our response.

It’s way too easy to read in there one of the favorite AGW lines:

If there’s a one per cent chance that anthropogenic CO2 emissions are tipping the planet towards an environmental catastrophe, we have to treat it as a certainty in terms of our response . . . It’s not about our analysis, or finding a preponderance of evidence. It’s about our response.

Readers of this blog may already know that I find all Precautionary Principles as literally abominable, a refusal of what makes us human. All proponents of Precaution as a Principle should just curl up on the floor and happily wait for life eventually to end, without fear of any danger of course.

=========

Still, as acknowledged by Waldron, there exists the issue of how to deal with unlikely-but-catastrophic problems. On this, I do not think anybody’s got a clear answer yet. The only sure thing is, Precautionary Principles won’t help, as explained by Waldron:

The trouble with the One Per Cent Doctrine, for example, is that it does not say enough about the costs that may be involved in our response […] we rely on regulatory regimes to investigate the consequences of the introduction of the new product. But the regulatory process takes time, and time may produce its own catastrophes. Many people believe, Sunstein says, that prohibitions on genetic modification or its over-regulation ‘might well result in many deaths’, presumably from hunger in developing countries which the stronger crops might have helped alleviate. […] The point is to alert us to ‘substitute risks’: ‘hazards that materialise, or are increased, as a result of regulation’. If governments take responsibility for avoiding catastrophic outcomes, they must also take responsibility for the catastrophes that attend their efforts at avoiding these outcomes, including other catastrophes that are not addressed because of the expense of addressing this one. […]

Interestingly, Waldron ends his review lamenting Sunstein’s “failure to devote more sustained attention to issues of rich and poor, advantaged and disadvantaged. […] Worst-Case Scenarios […] would have been a better book had it spent more time on the issues of distributive and corrective justice that attend the prevention of catastrophic harm“.

Because as things stand at the moment, AGW policies mostly hit the poor

 

Categories
English EU Europe International Herald Tribune Kosovo Letters Politics

Kosovo: Good Guys vs. Bad Guys?

Letter to the International Herald Tribune

Dear Editors, dear Ms. Dempsey

Can anybody seriously describe the ongoing Kosovo crisis as a good-guys vs. bad-guys conflict, as attempted in Ms. Dempsey’s “Letter from Europe“, June 11, 2008, published on the IHT as “Deadlock in Kosovo risks Balkan instability“?

The articles is a relentless attack on everything Russia and Serbia have to say about Kosovo, with the EU depicted as the poor victim of a machination intending to deprive Kosovo of true independence, by keeping the UN around.

We are even treated to the classic “It is not for lack of trying by the Europeans or the United States to reach an agreement with Russia over Kosovo“, about the aborted Ahtisaari Plan.

Well, Ms Dempsey is well aware and even describes in the article the situation in Northern Mitrovica: could she please then try to explain on what basis would the Ahtisaari Plan free Albanian Kosovars from Belgrade’s rule, while effectively imprisoning the Mitrovican Serbs under Pristina’s?

Neither the EU nor the USA have shown much interest in upholding the rights of the minority Serbs in Kosovo, all too focused in promoting the rights of the minority Albanians in Serbia. This is no recipe for a lasting and peaceful settlement, with or without Russia: and in fact to this day there is no lasting peaceful settlement in sight.

It is also too easy for Ms Dempsey to push aside the legality question. It is not just a matter of Vladimir Putin “claiming that Kosovo’s independence had no international legal basis“. In fact, like Ms Dempsey, also the EU, the USA and legions of international legal experts still have not found any legal basis for Kosovo’s independence.

The best they could come up with, it’s a “sui generis” clause, hoping that all problems will evaporate if everybody agrees that Kosovo’s is a case unique in history, never to be repeated again.

That’s no legal explanation for bypassing the United Nations in order to create a new State in Europe.

Does anybody believe the situation is better today than before “independence” came to Kosovo, with the EU’s “undermined security ambitions” also thanks to its deep divisions on the topic, as correctly pointed out by Ms. Dempsey?

Are we any better down the path of Balkan stability, a “region where the slightest misunderstanding or provocation can lead to violence“? I for one am not sure about that. But if we want to be serious at dealing with this problem, that’s not just a question for Russia to answer.

regards
maurizio morabito

Categories
Elezioni2008 Italia Italiano PdL Politica

Interessanti Dettagli Riguardo Di Girolamo

Avevo raccolto questi appunti qualche settimana fa…adesso che siamo alla vigilia della riunione della Giunta per le Autorizzazioni a Procedere del Senato riguardo la richiesta di arresti domiciliari per il senatore/nonsenatore Nicola Di Girolamo, non penso sia necessario altro indugio.

(a) Sul giornale online “L’Italiano” Di Girolamo compare come “socio della cooperativa editoriale“. Orbene, non c’e’ traccia di Di Girolamo stesso su quel periodico, prima del 5 marzo 2008.

Sembra quindi che il neo-Onorevole abbia avuto un marzo particolarmente intenso, incluso il provvidenziale acquisto di una quota de L’Italiano” che ha proceduto a segnalarlo come scelta elettorale per il Senato. Non ci sarebbe molto da ridire se non fosse che alla Camera invece, L’Italiano ha detto di voler votare non un candidato PDL (Camerati ed Erio sono menzionati solo en-passant), ma Carbone della “Destra” (una scelta piu’ consona alla tradizionale linea editoriale…il lupo perde il pelo, come si dice, ma non il vizio).

Uno potrebbe anche pensare che senza i soldi del nuovo socio Di Girolamo, L’Italiano (fra l’altro, molto focalizzato sull’Argentina, e non sull’Europa) non avrebbe espresso nessun entusiasmo nei confronti del PDL. Parole poco gentili sono infatti riservate all’On. Guglielmo Picchi e agli altri due onorevoli uscenti per Forza Italia in Europa, a pochi giorni dalle elezioni:

la senatrice e i due deputati di Forza Italia uscenti non hanno certamente brillato in questi due anni. Ci vuole gente più preparata, con maggiore esperienza, più combattiva

(b) Chi e’, Di Girolamo? Per motivi misteriosi, ha fatto sparire la descrizione di se stesso, dal proprio sito. Per fortuna c’e’ Google. Ecco quanto appare OGGI su www.nicoladigirolamo.it, alla voce “Chi
Sono
“:

Ringrazio i 24.500 elettori che mi hanno accordato fiducia. Non vi deluderò: al Senato lavorerò per voi. Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato in questa faticosa, ma entusiasmante, campagna elettorale. Il vostro Senatore Nicola Di Girolamo

Questo il TESTO AL 12 APRILE, stessa pagina (notare come contenga affermazioni molto chiare riguardo attivita’ in tutta Europa…):

Avvocato, Revisore Ufficiale dei Conti, Curatore fallimentare, Patrocinante in Cassazione. 48 anni, coniugato con due figli. Ha studi professionali in Italia, Belgio e Svizzera che, con oltre cento fra avvocati e dottori commercialisti, assistono più di duemila aziende. Inoltre negli anni si è specializzato nella difesa dei diritti dei pensionati Inps e dei cittadini che hanno patito danni di guerra all’estero. Membro di diversi Consigli di Amministrazione, fra i quali Eco-Bank Lugano, Biorygen e IMCO. VicePresidente dell’Associazione Promozione Tecnologie e Sviluppo. Fortemente impegnato nel sociale con la Porfiri Onlus (riconosciuta con Decreto del Presidente della Repubblica) di cui è Presidente e la Nicola’s Foundation, che realizzano progetti di assistenza umanitaria e sanitaria in molti Paesi europei. Socio della cooperativa editoriale L’Italiano.

(c) Non ho ancora trovato traccia su Internet di attivita’ avvocatizia di Di Girolamo a Lugano o in Svizzera. Idem riguardo Charleroi e il Belgio. Forse cerco male.

Certo uno si aspetterebbe di piu’ visto che ci sono di mezzo “oltre cento fra avvocati e dottori commercialisti“…

===========

Dubito siano giorni spensierati e felici, in casa Di Girolamo. Mi unisco quindi all’invito di Ricky Filosa su Italia Chiama Italia:

Caro senatore, si dimetta e dimostri, una volta uscito dal Senato, di essere innocente fino in fondo, e che tutto ciò di cui si sta parlando in questi giorni e settimane, è solo un grande malinteso. Noi ce lo auguriamo

Categories
Italiano Tecnologia

L’Imbroglio delle TV Panoramiche

E’ un vero peccato che tutta l’industria degli apparecchi televisivi abbia deciso di puntare tutto sulla dimensione diagonale delle televisioni stesse, in pratica imbrogliando in un modo o nell’altro gli acquirenti.

Fatto (1): Le TV panoramiche (“widescreen”) hanno un rapporto larghezza/altezza di 16/9. Per quelle classiche invece tale rapporto e’ 4:3. Quindi a parita’ di altezza, una “widescreen” e’ molto piu’ larga

Fatto (2): A parte film vietati e documentari naturalistici, la maggior parte delle inquadrature televisive riguarda oggetti verticali, come attori o presentatori in piedi. Quindi, l’altezza dell’immagine e’ molto importante.

Chi abbia un televisore classico da 28″ e lo sostituisse con una TV panoramica da 28″, si troverebbe quindi con immagini decisamente piu’ “basse”, quindi piu’ piccole…forse e’ per questo che si meraviglia a quanti “pollici” vengano assegnati nei negozi di televisori, ad apparecchi decisamente minuscoli.

=============

Un po’ di geometria dice: per avere la stessa altezza, una TV panoramica deve avere una diagonale 1.22 volte piu’ grande di una TV “classica”.

Quindi, per sostituire il 28″ classico, mai comprare meno di un 35″ widescreen. Per vedere almeno quanto un 14″, occorre un 18″ panoramico o piu’. E un televisore da 40″ widescreen, equivale “solo” a un 32″ “classico”…

Categories
Elezioni2008 Italia Italiano PdL Politica

Di Girolamo Vicino Agli Arresti Domiciliari

Il Senatore-Nonsenatore Nicola Di Girolamo e’ vicino agli arresti domiciliari riguardo il pasticcio della sua dichiarazione di residenza all’estero.

Una richiesta in tal senso e’ stata inoltrata dal Gip Luisanna Figliolia alla Giunta per le Autorizzazioni a Procedere del Senato.

Pupia: Residenti all’estero: chiesti i domiciliari per senatore Di Girolamo

Agenzia AISE: LA PROCURA DI ROMA CHIEDE L’ARRESTO DEL SEN. DI GIROLAMO (PDL): ALLA GIUNTA PER LE ELEZIONI LA DECISIONE SULL’AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE

Sole24Ore: Falso, chiesti i domiciliari per il senatore Di Girolamo (dal blog polisblog)

ItaliaChiamaItalia: Chiesti gli arresti domiciliari per Nicola Di Girolamo. Ora tocca al Senato decidere

La Voce d’Italia: Elezioni: chiesto l’arresto per Di Girolamo, senatore del Pdl

Il Messaggero: Disposti i domiciliari per il senatore Di Girolamo

Apcom: Gip chiede arresto per il senatore del Pdl Di Girolamo

Reuters: Voto estero, procura chiede arresto senatore Di Girolamo

Dal blog dell’On. Guglielmo Picchi: Senatore Di Girolamo: chiesto l´arresto

=========

Confidiamo nel buon lavoro della Giunta, speditamente convocata per il 17 Giugno…ma io sto con Carmine Gonnella di “politicamentecorretto”: se i reati imputati sono stati commessi in campagna elettorale, che c’entra allora, la Giunta per le Autorizzazioni a Procedere?

Da leggere infine anche la pressante richiesta di Franco Bomprezzi su Affari Italiani: “Elezioni/ senatore Di Girolamo, rinunci al privilegi della Casta e…

Ma chi glie l’ha fatto fare, a Di Girolamo, di infilarsi in tutti questi pasticci?