Categories
BBC English Ethics Journalism

A Case of the UK Police Steadily Improving Their Methods?

Let’s celebrate the fact that the police in the UK are getting better at their job.

It’s either that, or time to cry.

Having killed Jean-Charles de Menezes, they “only” shot Mohammed Abdulkahar in the Forrest Gate fiasco.

This time around, at the end of media-staged dawn raids on homes in Slough, they “simply” “accompanied” 24 people to the nearest Police Station (too bad for those broken doors).

Phew!

There is one thing in common though: dead, shot or arrested, all of the above were and still are completely innocent of the accusations that spurred British police into action in the first place.

In the nine days since the raid all but one child has been returned to the Roma community in Slough, according to a Romanian diplomat, and none of the 24 adults arrested at the scene has been charged with child trafficking offences.

In other news: despite strong evidence from British courts, the BBC, Channel 4, This is London/Evening Standard etc etc have decided not to correct their reporting about the Slough story. Just in case anybody were still left with the fantasy about “truthful” journalism

Categories
Etica Italiano Politica Radicali Scienza

Congresso Associazione Coscioni – Salerno 15-17 febbraio

Congresso Associazione Coscioni – Salerno 15-17 febbraio

(Palazzo di Città – Sala dei Marmi, 15-17 febbraio 2008)
MOZIONE PRE-CONGRESSUALE

[…] Questo documento è una sintesi delle proposte dell’associazione degli ultimi mesi e anni. […]

LIBERTA’ DI RICERCA / FECONDAZIONE ASSISTITA
– calendarizzazione della riforma radicale della legge 40, per legalizzare la ricerca sugli embrioni, l’analisi pre-impianto, la fecondazione eterologa (leggi la “proposta di legge Coscioni”)
– aggiornamento delle linee-guida della legge 40 (leggi l’appello delle associazioni dei Pazienti della PMA) al fine di consentire:
*l’accesso alle tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita ai portatori di patologie genetiche;
* la diagnosi preimpianto;
* l’utilizzo per la ricerca degli embrioni non idonei per una gravidanza;
* la crioconservazione degli embrioni, nella tutela della salute della gestante e del nascituro
– finanziamento pubblico della ricerca sulle staminali embrionali (fino ad oggi illegalmente impedito) aiutando i laboratori italiani che effettuano tale ricerca a ricorrere in giustizia contro esclusioni realizzate in base a discriminazione ideologica
– aiuto al trasferimento a centri di ricerca non-italiani embrioni abbandonati non più impiantabili
– assistenza giuridica per ricorsi contro la legge 40

SCELTE DI FINE VITA
– legalizzazione dell’eutanasia (leggi la prorposta di legge depositata in Parlamento)
legge sul testamento biologico che garantisca il rispetto dell’art.32 della Costituzione anche per le persone non più capaci di intendere e di volere [audizione Associazione Coscioni]
assistenza medica e giudiziaria al rispetto dell’art. 32 nelle decisioni di interrompere terapie, anche vitali;
indagine sull’eutanasia clandestina, sia nazionale che regionale (Leggi la “petizione Welby” ); sollecitare; inchiesta “Come si muore in Italia”, preannunciata dal Ministro Turco;
-decreti attuativi Convenzione di Oviedo

ABORTO
revisione della legge, attraverso:
– il miglioramento nella diffusione di informazioni sulle misure di contraccezione;
– l’estensione della possibilità di praticare l’interruzione volontaria di gravidanza alle strutture sanitarie private;
– il rispetto di tempi certi da parte delle strutture che debbono assicurare l’intervento;
– la legalizzazione delle tecniche meno invasive già operanti in molti altri paesi europei, come la pillola RU-486

RICERCA
meritocrazia e trasparenza nell’assegnazione dei fondi in ogni settore scientifico-disciplinare, a partire dalle proposte di 500 accademici sui fondi del Ministero della Salute ma a seguire in ogni ambito nel quale irrazionalismi di ogni tipo (religioso, ambientalista, politico) rendono inefficiente la ricerca orientandola con la distribuzione dei fondi.
In particolare:
* Non può far parte della Commissione chi partecipa al bando con proposte proprie o dei propri diretti collaboratori.
* La Commissione si avvale di revisori esterni per corrispondenza, anche stranieri. Non può essere revisore chi partecipa al bando con proposte proprie o dei propri diretti collaboratori.
* I ricercatori riceveranno notifica della decisione con copia integrale del giudizio dei singoli revisori esterni. Sono rese pubbliche la graduatoria e le motivazioni dei progetti finanziati. (Leggi l’appello sottoscritto da centinaia di professori)
diffusione a livello locale dell’insegnamento del metodo scientifico, secondo il modello del progetto “Scolar-mente”(leggi la relazione della prima edizione del Progetto) che prevede discussioni guidate tra scienziati e studenti di liceo;


DISABILITA’ E ASSISTENZA
– aggiornamento del Nomenclatore Tariffario degli ausili, su cui il ministro si era impegnato entro dicembre 2007; modifica delle procedure di aggiornamento in modo che possa avvenire contestualmente al progredire delle tecnologie.
– corretta gestione dei 10 milioni di euro stanziati dal ministero della Salute per la fornitura dei comunicatori simbolici per la libertà di parola dei disabili
– riforma della legge elettorale per l’esercizio del voto alle persone disabili.
– rispetto degli impegni del nuovo contratto di servizio Rai su sottotitolazione e potenziamento del servizio di segretariato sociale.
– emendamenti al disegno di legge Gentiloni di riordino del sistema radiotelevisivo volti a far si che anche le radio e televisioni private garantiscano l’accessibilità dei contenuti su tutte le piattaforme tecnologiche.
– accesso facilitato alla banda larga per persone affette da disabilità sensoriali, motorie e cognitive;
– accessibilità dei film (e delle sale cinematografiche) alle persone affette da disabilità sensoriale; richiesta al Ministero dei Beni Culturale di vincolare i finanziamenti al requisito dell’accessibilità per i disabili dei prodotti audiovisivi realizzati ;
– richiesta al Ministero dell’Innovazione della Pubblica Amministrazione di rendere accessibili ed usabili ai disabili tutti i siti della pubblica amministrazione, nell’ambito del progetto di messa in rete annunciato dal Ministro Nicolais.
– utilizzo agevolato degli Sms, MMS e della banda larga mobile umts a coloro che sono affetti da disabilità: Vigilare affinché la delibera dell’Agcom (leggi la delibera e le tappe della campagna condotta) in materia di sms, videochiamate e facilitazione per i ciechi sia applicata.

OBIETTIVI “INTERNI”
– campagna iscrizioni straordinaria: 1.000 iscritti accademici scienziati e medici italiani e internazionali e 20 cellule attive nelle università (costituzione di un comitato universitario nazionale permanente)
– gruppo permanente medici e giuristi su rispetto scelte di fine-vita e sulla legge 40:
– “liste coscioni-welby” alle elezioni studentesche nelle scuole superiori e le università;
il congresso su questo obiettivo decide di lanciare una campagna iscrizioni speciale e per questo delibera (come norma transitoria valida solo per l’anno 2008) una quota di iscrizione all’Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica di 10 euro per chi non abbia superato i 21 anni di età.
– “liste coscioni-welby” alle elezioni per gli ordini dei medici;
– campagna di iscrizione di parlamentari: obiettivo 100 parlamentari iscritti e 200 consiglieri regionali
– database di autenticatori (consiglieri comunali, provinciali e assessori) “amici dell’associazione”

INTERNAZIONALE
– convocazione del prossimo Congresso Mondiale per la libertà di ricerca in Turchia
– campagna di iscrizioni scienziati internazionali, anche attraverso la distribuzione degli atti del primo incontro.

Categories
Autostrade Cultura Etica Italia Italiano

Storia d’Autostrada

Quando guido fino in Italia, tutte le sante volte il benvenuto nel Belpaese mi viene dato da chi viaggia a ben piu’ di 130km/h. Ecco perche’ ho deciso di cominciare a denunciare l’imbecillita’.

Ricordo pero’ una volta di aver “risolto” il problema almeno momentaneamente. Fu quando a me (che pur tuttavia le evoluzioni al volante di solito le evito, per istinto paterno) capito’ di superare una fila di autotreni sulla A12 verso Carrara, in direzione Sud, con codazzo di fissati della velocita’ che sfanalavano non proprio allegramente (uno ha cercato di superarmi due volte a destra, solo che sarebbe andato a sbattere contro un camion).

Certo puo’ sempre capitare che qualcuno sia in ritardo per il matrimonio o stia per partorire in automobile o abbia reciso la carotide proprio in quel momento e trenta secondi in piu’ sarebbero fatali: ma mi sembrava curioso che cosi’ tante persone con cosi’ tanti problemi cosi’ tanto urgentissimi, si fossero tutte raccolte proprio li’ dietro di me, proprio per una volta che arrivavo dall’Inghilterra.

“Sbadatamente” mi capito’ quindi di decelerare, piano piano naturalmente, cosi’ che a un certo punto ci fu una lampeggia-lampeggia generalizzato a 110km/h (e solo perche’ mi sentivo buono). Furono cosi’ contenti della mia iniziativa, che quando la bonta’ prese proprio il sopravvento e mi scostai, mi salutarono strombazzando.

Categories
AGW catastrophism Humor Omniclimate Skepticism

Me "Denier"? You "Goebbelite"!

From a comment by “Aaron” on Accuweather Global Warming’s blog:

[…] the AGW proponents have resorted to name calling and personal smears. They subscribe to the Bushism “if you’re not with us, you’re against us“. This is somewhat ironic as nearly all of them hate the president with every fiber of their beings.

They have also taken to using the term “denier” to describe anyone in disagreement with their beliefs in a not so subtle attempt to compare those who don’t agree with those who deny the fact that Nazi Germany was responsible for the extermination of six million Jews, ethnic minorities, intellectuals, and political adversaries.

It’s an ugly term, and personally I find it’s use to be quite offensive. In response, about the best the skeptics and AGW opponents can respond with is “Global Warming Alarmist” which isn’t a comparison to anything, but entirely accurate.

So, in the spirit of fairness, I’m proposing that a new term be adopted to describe AGW proponents: Goebbelites. I’ve seen the term goebbelsian used in another context, but I prefer Goebbelites. It will be used to describe anyone who can be described as adhering to the following quotation from Joseph Goebbels:

If you tell a lie big enough and keep repeating it, people will eventually come to believe it. The lie can be maintained only for such time as the State can shield the people from the political, economic and/or military consequences of the lie. It thus becomes vitally important for the State to use all of its powers to repress dissent, for the truth is the mortal enemy of the lie, and thus by extension, the truth is the greatest enemy of the State.

[…] Civil discourse is essential to the solution of any problem, and the use of derogatory and offensive terms to describe those who disagree with you isn’t civil.

Categories
AGW CO2 Emissions Data Omniclimate Science

Ocean Circulation May or May Not Weaken with Global Warming

Ocean circulation in a warming climate – J. R. Toggweiler & Joellen Russell
Nature 451, 286-288 (17 January 2008) | doi:10.1038/nature06590; Published online 16 January 2008
Abstract: Climate models predict that the ocean’s circulation will weaken in response to global warming, but the warming at the end of the last ice age suggests a different outcome.

And so AGW studies start resembling dieting advice. Whatever you like to eat, just wait long enough and some paper will say it’s good for you.

ps a more serious note: how much more exciting would climatology be, were it not poisoned by all the save-the-planet agitation!!

Categories
democrazia Diritti Umani Italia Italiano Liberta' Politica Radicali

23/02/08 Firenze: Inaugurazione Lapida Ernesto Rossi

(durante la campagna elettorale interrompo momentaneamente il limite autoimposto di un blog al giorno)

(ricevo e ri-pubblico volentieri)

Comune                                                  fRS FONDAZIONE
di Firenze                                              ERNESTO ROSSI
                                                                GAETANO SALVEMINI

Sabato 23 febbraio 2008

ore 10.30 – Centro Anziani – Viale Ugo Bassi, 29
Lettere di Elide e Ernesto con Antonella Braga, Elena Croce e Daniele Lamuraglia

ore 12 – Via delle Cento Stelle 48
Cerimonia d’inaugurazione della lapide

ERNESTO ROSSI
ECONOMISTA, POLITICO, GIORNALISTA
ESPONENTE DI GIUSTIZIA E LIBERTA’
SOSTENUTO DALLA MADRE ELIDE VERARDI
FECE DI QUESTA CASA LUOGO DI LOTTA ANTIFASCISTA
AL PREZZO DI CARCERE, CONFINO ED ESILIO

Interverranno:

Cristina Bevilacqua, Assessore Comune di Firenze
Alessandro Figà Talamanca, Fondazione Rossi-Salvemini
Gianluca Paolucci, Presidente Quartiere 2
Piero Piccardi, via delle Cento Stelle 48
Valdo Spini, Fondazione Circolo Rosselli

La famiglia Rossi si trasferì della casa di via delle Cento Stelle 48 nella primavera del 1929. Elide Verardi (Bologna 1870 – Firenze 1957) vi abitò fino al 1938. Fu la destinataria di circa 500 lettere dal figlio in carcere, parzialmente raccolte in Elogio della Galera (1968, 1997) e Nove anni sono molti (2001). Una scelta di pagine dalle lettere della madre fu pubblicata nei Quaderni del Ponte (Lettere a Ernesto, 1958).

Nell’ultima lettera al figlio, 29 marzo 1945:
Non è davvero il caso di rallegrarci della presente situazione, perché ancora troppi fascisti ammorbano l’aria: a furia di raccomandazioni o dopo aver voltato la giubba nell’ultimo anno, moltissimi sono riusciti a infiltrarsi anche nei partiti che si avrebbe diritto di pretendere fossero composti di persone per bene e conscie di adempiere al più sacro dei doveri: quello di non tradire le speranze che sono state riposte in noi. Per mia disgrazia, sono un’intransigente, e vorrei che ognuno dei nostri comprendesse di quali responsabilità ci siamo dovuti caricare le spalle. Ora più che mai il nostro motto dev’essere: non mollare.

Ernesto Rossi (Caserta 1897 – Roma 1967) fu antifascista nell’Italia fascista, laico ed anticlericale nell’Italia democristiana, critico implacabile dei “padroni del vapore”, l’oligarchia della grande industria e dell’alta finanza che nel nostro Paese ha prosperato con la “politica della privatizzazione dei profitti e della socializzazione delle perdite“.

Fu, coerentemente, anticomunista, quando il PCI era inserito in un sistema che faceva capo all’Unione Sovietica. Cresciuto e formatosi a Firenze, si considerò sempre fiorentino; nel 1915 prese la licenza liceale al “Galileo”. Volontario nel 1916, “non interventista intervenuto”, mutilato, nel 1919 conobbe Salvemini al Circolo di Cultura e, per suo mezzo, i Rosselli, Calamandrei e molti altri amici.

Nel 1920 si laureò in giurisprudenza all’Università di Siena. Negli anni 1920 e 1921 lavorò nell’Italia meridionale con Zanotti Bianco, all’Associazione per gli Interessi del Mezzogiorno. Segretario dell’Associazione agraria di Firenze, diresse fino al 1925 anche Il giornale degli agricoltori toscani, nel quale pubblicò scritti di economia agraria e finanziaria, ispirati ai maestri Pareto e Einaudi.

Negli anni 1924 e 1925 fu incaricato dell’insegnamento di materie economiche nell’Istituto Tecnico di Firenze. Dopo l’assassinio di Matteotti, fu con Bocci, Rochat, Rosselli, Traquandi e Vannucci tra i dirigenti di Italia Libera, associazione segreta fra ex combattenti antifascisti, ed aderì all’Alleanza Nazionale diretta da Giovanni Amendola.

Insieme a Salvemini, ai Rosselli, a Traquandi, Pilati e agli altri amici fiorentini, pubblicò e diffuse il primo giornale clandestino d’Italia, il Non mollare. Denunciato dal tipografo Pinzi, nel giugno 1925 si rifugiò in Francia. Quattro mesi dopo, nascosto dal comunissimo cognome, concorse ad una cattedra di materie economiche, riuscendo primo. Scelse di insegnare a Bergamo, per continuare l’attività cospirativa.

Nel 1929, con Parri, Rosselli, Salvemini, Lussu, Bauer, Tarchiani, fu tra i fondatori del movimento repubblicano antifascista Giustizia e Libertà e rimase nel comitato direttivo di tale organizzazione segreta fino al suo arresto. Dal 1925 al 1930 collaborò a Riforma Sociale, diretta da Einaudi, ed alla stampa clandestina di GL.

Il 30 ottobre 1930, venduto da Del Re, fu arrestato con tutti i capi in Italia di GL. Trascorse 9 anni nei reclusori di Pallanza (dove il 24 ottobre 1931 sposò civilmente Ada Rossi, sua collega nell’Istituto tecnico di Bergamo), di Piacenza e di Roma (dove fu trasferito nel 1933 dopo un terzo tentativo di fuga). Alla fine del 1939 fu assegnato al confino per un periodo di cinque anni.

Autore con Spinelli e Colorni del “Manifesto per un’Europa libera ed unita”, scritto nel 1941 a Ventotene, promosse le battaglie del Movimento federalista europeo durante gli anni dell’esilio svizzero (1943-1945) e fino al 1954, con la sconfitta del progetto di costituente legato alla Comunità europea di difesa.

Dal 1945 al 1958 è presidente dell’Azienda Rilievo Alienazione Residuati, incarico ricevuto da Parri e confermato da De Gasperi. Nell’Italia dei furbi, Rossi chiede che la sua indennità non sia superiore allo stipendio di docente; l’ARAR è protagonista della ricostruzione e della ripresa economica ed è rimasta esempio di buon governo. Dal 1949 al 1962 è l’editorialista e il giornalista d’inchiesta de Il Mondo.

Nel dicembre del 1955 è tra i fondatori del Partito Radicale, insieme a Leo Valiani. Dal 1957 al 1962 dirige la collana “Stato e Chiesa”, per l’editore Parenti. Dopo la morte di Salvemini, nel settembre del 1957, ne promuove e segue l’edizione completa delle Opere, presso l’editore Feltrinelli. Nel 1962 è tra i fondatori del “Movimento Gaetano Salvemini” e del settimanale L’Astrolabio, al quale collabora attivamente.

Nel 1966 è insignito dall’Accademia dei Lincei del premio “Francesco Saverio Nitti” per i suoi studi di politica economica e di scienza delle finanze. Muore a Roma, in seguito ad un intervento chirurgico, il 9 febbraio 1967.

Categories
AGW Omniclimate Policy Science Skepticism Sun

Climate Debate (3): The Church of AGW

(third entry in my series of exchanges “On Climate Debate and Debate Climate” with a person genuinely convinced AGW is a settled argument. Part 2 is here):

(about the IPCC conclusions, and the supposed scientific consensus on AGW)

Clearly you haven’t spent any time reading the IPCC reports rather than just their conclusions. You’ll be surprised at your findings (like the thousands of data the IPCC themselves report as “not compatible” with warming).

And you have not said a word about scientific papers like those on Geophys Res Lett, and the fact that scientists of all sorts hold all kinds of opinions about AGW, even up high in the IPCC.

They are not all convinced a catastrophe is upon us.

LET ME REPEAT THIS CLEARLY: There are peer-reviewed articles by esteemed scientists holding important academic posts, published in renowned scientific journals, advancing doubts about the mechanisms, effects, and urgency of AGW and CO2 emissions, and they are often published ALONGSIDE pro-AGW papers, by esteemed scientists etc etc “on your side” that evidently consider those journals serious enough to warrant their appearance in their Resumes.

Also, if you bother to actually read the original articles, you will see that some foretell the end of the world, others talk of major disruptions, others still say AGW is a nuisance that can be dealt with. And that, among the people convinced AGW may force us the way of the Dodo.

Please decide: either you follow the scientists, or you don’t. AGW is not a “settled issue” in scientific terms, otherwise what is Geophys Res Lett publishing, and what is John Christy doing at the top echelons of the IPCC?

You may argue that AGW is a “settled issue” in public health terms: perhaps, but then it’s a policy matter. It’s not science. CO2 reduction vs. harm-reduction, it’s a policy discussion. The opinions of scientific bodies are only a part of the whole issue (we’re blessed not to live in technocratic societies).

Even economists get called in to talk about this: and that is perhaps the biggest trouble 😎

In any case do consider that argumenting “ad authoritatem” has been discounted since the times of Galileo. When we followed the 99.999% of scientists about stomach ulcers, we were in trouble.

(about the way solar wind may interact with the weather)

As for the solar wind, there are people that have made hypotheses about the way it may interact (Svensmark and others). I do not “believe” in their findings and am just waiting to know more. I have just remarked that if it’s not the solar wind, surely there must be something else in the Sun that affects the weather: and if there isn’t, that’ll be a major discovery on its own.

(about belief in AGW)

It’s you “believing” in things and treating them religiously (hence your vehemency: as a matter of fact, I am not trying to disprove your assertions when based on standard physics. I am not “vehement” at all, in this discussion).

You even keep repeating the word “believe” like if there were an AGW Church. If people were asked to believe in science, SciAm would close down and become a news agency.

I do not “believe” in the IPCC, in the AGU, in the Hadley Centre, in 2,500 scientists and experts, in Svensmark, in Lindzen, in Crichton, in yourself, in SciAm, in American Scientist, in any skeptic or AGW believer. I take everybody’s remarks as a step forward in the discussion and in the understanding of this or any other issue.

From that, I extract, polish, and sometimes destroy my own opinion.

I am not arguing that “lay people” can “challenge scientific opinion”. It is a given. A scientist that cannot defend his argument (for example, on the pages of SciAm) is clearly in trouble.

Categories
democrazia Diritti Umani Droga Economia Etica Italia Italiano Radicali

Associazione Radicale Antiproibizionista

(durante la campagna elettorale interrompo momentaneamente il limite autoimposto di un blog al giorno)

Giuliano Zincone ha scritto su un recente supplemento domenicale de IlSole24Ore, in un articolo intitolato: “Il divieto non ferma le stragi

“il proibizionismo non ha mai prodotto risult decenti. anzi: e’ una fontana perenne di contrabbandi, di delinquenze, di trasgressioni demenziali, di commerci inquinati e velenosi. Proibire e’ facilissimo, ma (spesso) e’ inutile

Ricevo dunque e giro volentieri il seguente messaggio:

=====================================================

In previsione di una prossima assemblea costituente dell’ Associazione Radicale Antiproibizionista, ti inviamo una sintesi delle intenzioni che la motivano, invitandoti:

  1. a farci pervenire le tue osservazioni

  2. a dichiarare la tua eventuale disponibilità ad iscriverti e a partecipare

  3. ad esprimere la tua posizione rispetto all’iniziativa.

       Attendiamo le tue risposte per inviarti una bozza di Statuto e di lettera di convocazione e ti chiediamo di inoltrare questa comunicazione a tutti coloro che pensi possano essere interessati.
      
       Grazie per l’attenzione
,

Rispondere a antiproibizionistiradicali@gmail.com

       *******************

       Premesso che:
      
       la storica battaglia antiproibizionista radicale da molti anni sostiene la strategia antiproibizionista e nonviolenta applicata al governo dei fenomeni sociali; dal dibattito sulla legalizzazione delle droghe leggere sollevato nel 1975 dall’arresto di Marco Pannella a seguito di uno spinello fumato in pubblico, alle decine di processi per disobbedienza civile che vedono coinvolti, con Marco Pannella e Rita Bernardini, decine di dirigenti e militanti radicali, passando per l’esperienza del Coordinamento Radicale Antiproibizionista e dei referendum, costituisce un patrimonio di iniziative e di esperienze che non devono essere disperse, bensì rilanciate;

       da troppi anni il dibattito pubblico e l’iniziativa legislativa sono impantanati in una riduttiva ripetizione di luoghi comuni e errati, come l’obbligatorietà di una escalation da droghe leggere a pesanti, l’importanza delle “cattive compagnie”, ecc.;

       la legge Iervolino Vassalli prima, la Giovanardi Fini poi, non solo non sono servite ad arginare la diffusione di fenomeni drammatici come le gravi tossicodipendenze, la microcriminalità correlata, la gestione da parte della malavita organizzata di un enorme e redditizio mercato, ma ne hanno permesso l’aggravamento; sono in costante aumento la diffusione di droghe clandestine e incontrollabili, i processi e la carcerazione di cittadini coinvolti a vario titolo; le comunità di recupero godono di ingenti finanziamenti assegnati senza controllo sufficiente sul loro operato;

       è’ urgente la ripresa della battaglia antiproibizionista radicale, l’unica in grado di sollevare un serio dibattito e di produrre iniziative popolari e legislative tendenti a un radicale cambiamento di rotta.   
      
       Si intende:

       recuperare e studiare la storia dei processi per disobbedienza civile in Italia, con particolare attenzione alla perdita dei diritti elettorali passivi, alla schizofrenia delle sentenze applicate, alla giurisprudenza maturata;

       porre l’attenzione sulla convergenza “droghe come farmaci”, una duplicità che si è mantenuta nella parola inglese drug, allo stesso tempo farmaco e droga, e che ritorna chiara nelle definizioni dei manuali farmacologici e della Organizzazione Mondiale della Sanità, seconda la quale si dicono farmaci e droghe “ tutti i composti che introdotti in un organismo vivente possono modificarne una o più funzioni” e sviluppare, in sede di studio, di dibattito e di iniziativa politica, i temi: cannabis terapeutica, psicofarmaci, doping, somministrazione di eroina controllata;

       analizzare le nuove diffusioni di sostanze stupefacenti: cocaina, pasticche, ecc., e delle droghe legali come alcool, tabacco e caffeina, consolidando un discorso e un dibattito organico e strutturato sull’uso e l’abuso di sostanze psicoattive;

       allargare il punto di vista in senso transnazionale sui problemi inerenti la coltivazione, il commercio e le legislazioni internazionali, in accordo e in collaborazione con la Lega Internazionale Antiproibizionista, anche attraverso la stesura di un rapporto annuale sul rapporto costi/benefici di politiche e strategie;  

       sostenere l’antiproibizionismo anche su altri temi, come politica di sviluppo sociale e come argine ai fenomeni clandestini incontrollati: prostituzione, aborto, ricerca scientifica, immigrazione ecc.

Categories
catastrophism Data Omniclimate Policy

UK Department of Health Sees the Light About Warming

Finally!! Somebody is realizing that a warmer world can have a positive side…and that the negatives are there to be managed, not panicked upon.

there is at present a 25% chance that by 2017 south-east England will see a severe heatwave which could cause 3,000 immediate deaths and the same number of heat-related deaths throughout the summer…owever, even 6,000 deaths pales in comparison with the number of cold-related deaths, which in the UK currently average about 20,000 per year.