Categories
Christianity Climate Change English Environment Global Warming

There Is More Than One Pope

Listening to the Pope has become like looking at a piece of art. Everybody stares at the same thing, but few will agree on what they are actually seeing…

Who will ever believe that the news articles reported below are meant to be about the same person giving the same speech? 

(1) From Italian newspaper “La Repubblica”
The Pope on the environment, nuclear bombs and the Family in defence of peace and the poorest Countries” (Dec 11)

The Pope asks the international community to assume its responsibilities and to not postpone its decisions in matter of environmental protection of the atmosphere. That must be done, he reminds, “with precaution”, a collective engagement and “without ideological accelerations towards hastened conclusions”. It must be done – he adds – within a “dialogue” and not with “unilateral decisions”.

(2) From UK newspaper “Daily Mail”
The Pope condemns the climate change prophets” (Dec 11)

[The Pope said] “it is important for assessments in this regard to be carried out prudently, in dialogue with experts and people of wisdom, uninhibited by ideological pressure to draw hasty conclusions, and above all with the aim of reaching agreement on a model of sustainable development capable of ensuring the well-being of all while respecting environmental balances. […]
“Prudence does not mean failing to accept responsibilities and postponing decisions; it means being committed to making joint decisions after pondering responsibly the road to be taken.”

(3) From Reuters South Africa
Pope urges prudence in environmental decisions” (Dec 11)

(4) From AFP
Environmental policies must respect needs of the poor: pope” (Dec 12)

(5) From UK newspaper “The Guardian
(nothing at all. Must be busy trying to figure out their own spin)

(6) From UK newspaper “The Independent
(nothing at all. Must be busy trying to figure out their own spin) 

(7) From “Pink News” (yes you guessed it…)
Pope’s message – gay weddings threaten peace” (Dec 11)

Categories
Cambiamento Climatico Catastrofismo Clima Italiano Riscaldamento Globale Scienza

Riscaldamento Globale…o Solo Europeo???

A chi si prenda la briga di leggere l’AR4-WG2, il resconto del Gruppo di Lavoro 2 nel Quarto Rapporto di Valutazione dell’IPCC (l’organizzazione ONU che si occupa di cambiamento climatico) potra’ sicuramente essere perdonato il pensiero che dietro alle tante paure legate al riscaldamento globale ci sia un colossale malinteso su quali siano i dati davvero disponibili

Quel documento contiene infatti una mappa di “cambiamenti significativi” (CS) osservati nel mondo, ripetuta dappertutto e che si puo’ ad esempio vedere nel Sommario per i Legislatori (a pagina 10, figura SPM.1).

Viene indicato un totale di 29.459 “cambiamenti significativi” (CS). Un numero impressionante, alla prima occhiata.

Peccato pero’ che ben il 96% di quei cambiamenti siano tutti in Europa. Insomma neanche l’IPCC e’ riuscita a scovare piu’ di 1.225 CS fuori dall’Europa.

Questa enorme disparita’ geografica enorme non migliora quando contiamo quanti di quei CS siano realmente “concordanti con il riscaldamento globale”.

Di quelli l’IPCC ne trova, su tutto il pianeta, 26.285. Di nuovo, il 96% sono in Europa. Anzi, 25.022 sono CS europei e relativo “a sistemi biologici”. Cioe’, il 95% del totale.

Quello significa fuori dall’Europa, il IPCC non ha trovato che 1.150 CS “concordanti con il riscaldamento globale”. Si confronti quel numero con quanti CS europeo non sono “concordanti con il riscaldamento globale”: 3.100

Quindi, abbiamo due volte piu’ cambiamenti in Europa che CONTRADDICONO il riscaldamento globale, che cambiamenti nel resto del mondo CONCORDANTI con esso.

Notevole anche la distribuzione dei “cambiamenti osservati” non-Europei. Soltanto 7 di numero per tutta l’Africa, 114 per l’Asia e 144 per le regioni polari.

Ma ancora piu’ rimarchevole e’ che nell’America del Nord (dove ci si aspetterebbe molti ricercatori risiedano, e molte osservazioni vengano condotte), solo 810 “cambiamenti significativi” sono stati segnalati.

Di quelli, 752 sono consistenti con il riscaldamento globale, cioe’ il 3% del totale.

E quindi per tirare le somme: 96% dall’Europa. 3% dal Nord America. Quasi niente, altrove.

Qualcuno mi spieghi quanto globale possa cio’ essere…