Categories
English Uncategorized

The Best Science Blog 2007 Saga (2 of 3)

Phil Plait’s Bad Astronomy (BA) and Steve McIntyre’s Climate Audit (CA) have been awarded the 2007 Weblogs Award for Best Science blog. Remarkably, they are both prisoners of their own devices: BA cannot criticize mainstream science, CA can only criticize mainstream science. They are both great blogs and their shared Award is a honest snapshot of their relative merits. PZ Myers’ Pharyngula, on the other hand…

The Best Science Blog 2007 Saga (1 of 3) – Introduction and The Bad Astronomy Blog
The Best Science Blog 2007 Saga (2 of 3) – The Climate Audit Blog and The Weblogs Award for Best Science Blog committee
The Best Science Blog 2007 Saga (3 of 3) – Pharyngula and Conclusions (and a Prayer)

Climate Audit
CA is a great blog too, especially if you have a fixation with climate.

It is very much different from BA. Its remit is almost exclusively climate-related stuff, and there is an apparent generational gap (so we don’t read of McIntyre’s favourite actresses, TV shows or cartoon characters).

As it says on the tin, CA is a long-running audit of the various claims done in the name of Climate Change and in particular of Anthropogenic Global Warming (AGW). It is a great way to learn the details of all that has to happen before things get published, as we are lead through various investigations on where and how bark samples are collected for example, and what needs to be thought and done (a lot) to translate an ice core into a record of past temperatures. At every step of the way, the list of assumptions grows while unavoidable errors pile up.

Having seen a few egregious examples, one would be tempted to say the AGW motto is, never let actual data get in the way of with a good interpretation.

Curiously for an audit, CA ends up doing much original research: the way the AGW community is presented by McIntyre, a great deal of samples and raw data are hidden away from the view of almost everybody but the original authors (a rather awful, unscientific way to conduct scientific research).

With these obstacles nastily thrown in his path, all the activity and attention for the detail that make Steve McIntyre an indefatigable auditor may also make him sound at times verging on the insane. Yet one can only admire him for a remarkable Climate Audit career that includes the effective destruction in 2003 with Ross McKitrick of Michael Mann’s Hockey Stick of temperature, once the Great “Smoking Gun” Hope for the AGW community and now hidden away in obscure temperature graphs (yes, not even the IPCC believes in it any longer, even if they can’t help inserting it here and there) (just look at it now, it’s a golf club at best).

More recently in August 2007, McIntyre got interviewed by major media outlets after discovering a 1-degree C “y2k” jump in NASA’s published temperature readings for the USA (note that the consensus on global warming so far is only 0.6C so the “jump” was 40% bigger) (by the way: James Hansen, head of the NASA Goddard Institute for Space Studies, recognized the error but couldn’t help kicking and screaming, demonstrating once and for all that “AGW science” is not “Science” but a political party if not a religion, or even a personal quest for glory).

Notably, both of those errors were towards warming. Perhaps that means the AGW community if left to its own devices only corrects upwards. Or perhaps, as pointed out by Phil Plait of BA, the CA blogger only tries to find the warming-ward flaws in the climate science mainstream, not in the sometimes absurd counter-proposals circulating in the AGW-skeptic community. Time will tell which is which. Perhaps one day McIntyre will find a NASA flaw pointing in the other direction.

The criticism about not auditing the claims of anti-AGWers is valid up to a point. What is the CA “audience”? It is not the general public. CA “competes” with other climate-science blogs, such as for example RealClimate, created and managed at NASA by “real scientists” who unfortunately don’t think twice about being partisan, censoring adverse commentaries and even preventing the release of their methodologies and raw data.

McIntyre’s personal fight is not with the whole world, but with the most unscientific bits of the AGW science community.

The Weblogs Award for Best Science Blog committee
One wonders how often it happens. A poll is set up online for some good-natured fun competition among a disparate set of people. Everything goes fine until a few days before the poll closure, when for some reason a group of voters hijacks the poll, making a storm in the proverbial teacup.

I remember ten years ago an internet poll to vote for the most beautiful (British?) girl, with several of my colleagues happily clicking away for somebody called Laudie the Toadie or something of the sort (yes, an amphibian).

What happened with the BSB 2007 was obviously much less good-natured. My impression is that the toxins came out of the nasty atmosphere surrounding climate change discussions. At one point somebody decided either that CA had to be prevented from winning, or that CA had to be helped get the top spot.

It doesn’t matter, as “the opposite party” quickly decided to fight with the same arms, and so the mad voting started. Whatever the original BSB poll was for, we can be sure that it lost any validity as soon as fellow competitor JunkScience encouraged people to vote CA, and fellow competitor Pharyngula suggested their readed to vote BA.

Voting rates reached then amazing levels. Worse, even if the count at closing time indicated CA in front of BA, mysteriously the subsequent “checks” put BA in the lead. Talk about a hot potato. At one point I wondered if the competition would be decided by the Supreme Court after a hurricane of lawsuits perhaps even brought up independently of Plait and McIntyre.

At the end, some “fancy footwork” meant BA and CA got recognized at Best Science Blogs, with 20,000 votes each. Surely, this will leave some lingering issue with the awards…who gets on top is not “Best of” but “Most capable of getting clicks”. Perhaps in 2008 they should rename it as “Most popular”?

Congratulations though, to the committee.

(continues…)

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Catastrofismo Italiano Riscaldamento Globale Scienza

Vergogna a Bali

Comincia domenica la conferenza per il dopo-Kyoto, e dura 12 giorni. Che sia fatta a Bali a Dicembre (temperatura:fra 23 e 33C. Nuvoloso, qualche probabilita’ di pioggia), la dice lunga sulle priorita’ dei conferenzieri.

E’ una vera vergogna: per chi non crede al Cambiamento Climatico, perche’ sara’ uno sperpero immane di denaro “per niente”.

E per chi ci crede, perche’ a parte non dare alcun esempio su come caspita dovremmo affrontare questa emergenza, generera’ colossali e inutili quantita’ di CO2 visto che per ogni delegato ci saranno almeno tre giornalisti e altri “addetti”.

I problemi della scarsezza delle risorse saranno forse discussi ma certo non esperiti dagli astanti. Basta vedere cosa hanno combinato l’anno scorso, a Nairobi, questi “turisti climatici”.

Ban Ki-Moon, naturalmente, ci sara’. Si vede che Skype e le webcam all’ONU ancora non funzionano.

Categories
English Humor Technology

Temptation for Kinky Dentists

in case anyone thinks the robot is too real, it also has a sensor on the breast area that keeps track if it has been touched inappropriately, an engineer said.

Categories
Benigni Italia Italiano Politica

Benigni: Un Alieno su Rai Uno

Questa sera ho visto un comico che faceva ridere, che poi e’ diventato un attore che recitava. Ma come, non lo sa il povero Benigni che in Italia i comici e i registi si danno alla politica, i cantanti amano pontificare, e i politici si impegnano a sembrare ridicoli?

Categories
Economia Emigrazione Italia Italiano Politica Sociologia UE

Svizzera, Europa e Inutili Spot Pubblicitari Anti-Immigrati

Massimo Gramellini si congratula con la Svizzera per aver “diffuso uno spot sulle tv africane per scoraggiare gli abitanti di quei Paesi dal trasferirsi nella Confederazione elvetica” (spot, a quanto ne so, pagato anche dall’Unione Europea)

Avendo visto il video per il Cameroon “sento” invece grosse contraddizioni di fondo.

Per esempio, siamo sicuri che lo spot sia stato costruito per fare effetto sugli africani, e non piuttosto sugli elettori in Svizzera (e in Europa)?

Non e’ infatti strano che il linguaggio pubblicitario sia tale da rendere quello spot efficace agli occhi di un Europeo che di emigrare non ha nessuna voglia? Penso che nessun professionista della pubblicita’ farebbe mai un errore del genere, se non intenzionalmente.

Dal punto di vista del potenziale Africano immigrante, l’impressione puo’ essere molto diversa da quello che a parole e’ il messaggio dello spot. Insomma, se qualcuno chiude un cassetto a chiave, lo sanno tutti che dentro c’e’ qualcosa di prezioso.

Quindi gli Svizzeroti disperati al punto di pagare pur di tener lontani i Nigeriani, in un certo qual modo stanno dicendo che in Svizzera si sta davvero molto bene (altrimenti, nessuno ci vorrebbe andare, e soprattutto, non ci sarebbe bisogno di buttare i soldi in pubblicita’ per dimostrare che li’ si sta male) .

Anzi: “se” davvero gli immigrati stanno peggio in Svizzera che a casa loro, andrebbero favoriti i loro metodi per comunicarlo in patria. Telefonate gratuite per descrivere le pessime condizioni di vita, invece che spot pubblicitari.

Se“, appunto…

Quanto e’ vicina alla realta’ poi l’immagine del ragazzo che e’ scappato in Europa da una bella casa ordinata con i quadri alle pareti, il padre comodamente in poltrona a leggere e i fratellini pronti per andare a scuola?

Evidentemente per evitare accuse di razzismo e stereotipaggine, i produttori dello spot hanno dovuto dipingere la vita “in Africa” letteralmente a rose e fiori. L’effetto che cio’ avra’ sul supposto “target” quale potra’ essere allora?

Il messaggio apparente e’ allora “se sei ricco a casa tua, non ti muovere”. Amen. Chi sta bene a casa sua pero’, gia’ ora non parte certo per fare l’immigrato clandestino…

E se invece sei povero?

====

Invece naturalmente gli elettori in svizzera, visto lo spot, saranno tutti soddisfatti del loro governo, il quale di fronte alle rinnovate immigrazioni potra’ dire “che ci possiamo fare? abbiamo anche detto loro di non venire, e vengono lo stesso“. Bravi polli.

====

Proviamo a fare un discorso piu’ serio invece. Perche’ mai un Africano dovrebbe pensare di rischiare la vita per emigrare in Europa? Naturalmente, perche’ in Europa puo’ stare meglio che a casa sua. Ma non sara’ certo mostrando le vite d’inferno di chi non ce la fa a vivere dignitosamente che convinceremo i potenziali immigrati a non trasferirisi.

Il punto infatti e’ in quel piccolo dettaglio, quel “puo’” (o meglio, “potrebbe, se gli va bene“) che sottolinea la Speranza, il grande attrattore di tutta l’Umanita’.

E’ la Speranza a far emigrare, legalmente o illegalmente, e l’unico modo per fermare l’immigrazione e’ uccidere quella Speranza. Solo che se davvero la uccidiamo per loro, la uccidiamo anche per noi: perche’, molto lapalissianamente, gli immigrati non vanno dove si sta male.

E quindi  se non vogliamo immigrati, non ci resta che rovinare la nostra economia.

Categories
Astronomy Climate Change English Science

The Best Science Blog 2007 Saga (1 of 3)

Phil Plait’s Bad Astronomy (BA) and Steve McIntyre’s Climate Audit (CA) have been awarded the 2007 Weblogs Award for Best Science blog. Remarkably, they are both prisoners of their own devices: BA cannot criticize mainstream science, CA can only criticize mainstream science. They are both great blogs and their shared Award is a honest snapshot of their relative merits. PZ Myers’ Pharyngula, on the other hand…

The Best Science Blog 2007 Saga (1 of 3) – Introduction and The Bad Astronomy Blog
The Best Science Blog 2007 Saga (2 of 3) – The Climate Audit Blog and The Weblogs Award for Best Science Blog committee
The Best Science Blog 2007 Saga (3 of 3) – Pharyngula and Conclusions (and a Prayer)

Introduction
The 2007 Weblogs Award for Best Science blog has been jointly awarded to Phil Plait’s Bad Astronomy (BA) and Steve McIntyre’s Climate Audit (CA) after a nail-biting finale that has seen the lead swing back and forth (amazingly, even after the poll had closed, demonstrating that the Internet is a province of Florida).

I cannot but be very pleased with the result, as I have been a regular subscriber to both BA and CA for years and months respectively (yes I am an astronomy and climate basket case).

Are Bad Astronomy and Climate Audit the best science blogs on the web? Surely not. This is the best blog about everything in the whole Universe, I am sure you’ll all agree.

The circumstances have made both Plait and McIntyre rise in this reader’s consideration, alongside of course the extremely smooth operators of the Weblogs Award. The only protagonist that has lost several hundreds points is PZ Myers, the author of the close-minded gratuitously-offensive flame-throwing Brighter-Than-Thou fundamentalist Pharyngula blog.

The Bad Astronomy Blog
BA is a great blog, especially if you like astronomy. It comes out of a great website (“Bad Astronomy” of course) that has been pointing out for years the scientific fallacies of public astronomical depictions, including in the media, and especially in the movies (silly sounds in the vacuum of space and all that). Of course there is also much to learn, mostly in the form of ever-more-spectacular astronomical pictures, but there are also extraordinarily good posts on the absurd attempts by certain astrologers, fear-mongerers and deluded “religious” people to scientifically demonstrate their craft or beliefs. (Plait gets all my envy when he talks about his friendship with James Randi and Penn Jillette).

The series on pareidolias is particularly humorous. In fact, pretty much everything on BA is great fun (including the sometimes harrowing love confessions for all sorts of pop-culture heroes).

Phil Plait (bless!) has even dedicated a blog entry to my discovery that National Geographic Magazine has “sexed up” at least one recent article. And of course he has written a “Bad Astronomy” book and is going to publish a new one “Death from the Skies!” soon.

The bit where the BA blog falls short is when Plait “the Bad Astronomer” talks climate change and/or launches in long tirades against the current White House inhabitant. The two things are obviously related. Plait sees himself fighting for “Science” against the Bush Administration’s admittedly rather clumsy attempts at getting only the “right” messages across, even in matters of science. When there is climate involved then, Plaits sides with the “scientists” (i.e. the mainstream) in opposition to the White House’s reluctance e.g. to follow the recommendations of the IPCC.

Alas, in the process Phil Plait forgets to apply to climatology the same healthily skeptical methodology he is so good at using with the various nutters usually so skilfully dealt with.

(continues…)

Categories
English International Herald Tribune Letters Science

Ever Heard of Cretinism?

Graham Robb’s dreams about French villagers sleeping their ways through winter in extraordinarily unhealthy bovine and swine company could perhaps be disregarded as idle fantasies. (“Why work when you can hibernate?“, IHT, Nov 26)

Actually, it’s worse than that.

Has Mr Robb ever heard of “Alpine cretinism“, a condition that made people lose muscle tone and co-ordination, restricted their height and greatly impeded their cognitive development?

“Alpine cretinism”, as the name implies, was endemic in much of the Alps until very recently, when diets finally became rich in iodine.

Rather than practicethe forgotten art of doing nothing at all for months on end“, those people may have been literally unable to do anything else.

Are there “lessons to be learned from those hibernating ancestors“? Well, there is one: get your recommended dose of iodine, daily.

Categories
Economia Emigrazione Italia Italiano Politica Sociologia

Usciamo dall’Euro per Risolvere il Problema Immigrazione

Non capisco perche’ agitarsi tanto contro l’immigrazione, quando c’e’ un modo semplice semplice per risolvere il problema: uscire dall’area dell’Euro, reintroducendo la Lira.

Dopo un breve periodo di iperinflazione, infatti, l’Italia si troverebbe con l’economia in ginocchio, e troppo povera per attrarre nuovi immigrati.

Anzi, anche gli immigrati gia’ esistenti se ne andrebbero alla prima occasione, e cosi’ di rumeni, di rom, di polacchi, di marocchini, di senegalesi etc etc non se ne parlerebbe piu’.

Chissa’ quanti italiani si ritroverebbero a fare la fila per comprare il pane, ma contenti e soddisfatti che’ di stranieri in giro ce ne sarebbero pochi se non nessuno?

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Catastrofismo Clima Conferenza Nazionale sui Cambiamenti Climatici Deimocrazia democrazia Diritti Umani Italiano Morabito Petrolio Riscaldamento Globale Scienza Sociologia

Maurizio e…i Cambiamenti Climatici

In una mailing list italiana un noto personaggio televisivo mi ha chiesto “perche’ hai una posizione aggressiva in materia di cambiamenti climatici (peraltro ben esplicitata da quanto scrivi nel tuo blog)?”. Di seguito la mia risposta:

In realta’ scrivo tanto sui Cambiamenti Climatici (CC) ma si tratta di un effetto collaterale del mio atteggiamento scettico un po’ per istinto, un po’ per apprendimento.

Ai miei tempi mi sono formato in campo scientifico anche dietro a Skeptic Magazine, e James Randi e’ lassu’ nel mio Pantheon, assieme a Penn&Teller, Michael Shermer e tanti altri. A suo tempo leggevo anche la mailing list del Cicap.

Di astrologi e veggenti mi sono un po’ rotto, pero’, anche se trovo divertenti le pareidolie periodicamente fatte a pezzi dal Bad Astronomer (BA e’ un blog che consiglio di leggere, anche se sul clima io e Phil Plait la pensiamo molto diversamente)

Comunque, mi piace molto tenermi aggiornato dal punto di vista scientifico, sia da Scientific American, sia da Le Scienze, sia da American Scientist (piu’ una caterva di siti web di riviste varie. Ma New Scientist non lo sopporto, come stile).

Quando c’e’ bisogno mi leggo gli originali, anche se l’accesso da quando ho lasciato l’ambiente accademico e’ molto piu’ ristretto.

Se uniamo le due cose, otteniamo un tizio (me) che legge articoli scientifici con un occhio scettico, in maniera critica cioe’, perche’ quello che pretendiamo dal primo cafone illusionista lo dobbiamo richiedere anche a Lancet e Nature.

——-

Il CC da questo punto di vista e’ la “Tempesta Perfetta” per vari motivi.

Prima di tutto, francamente tanti studi sono campati in aria, tante affermazioni sono senza base scientifica, e tante previsioni sono solo lugubre paure del futuro. Non dico che la climatologia moderna vada buttata al macero, pero’ trovo difficile pensare che siano cose serie piu’ di una minima parte delle 428 e piu’ previsioni di cambiamento dovuto al riscaldamento globale.

Per far luce sulla situazione “vera”, proprio in questi giorni sto spulciando l’AR4-WG2 dell’IPCC pagina per pagina, per cercare finalmente di capire quali conseguenze del CC siano gia’ successe o stiano succedendo proprio adesso.

La prima cosa che salta all’occhio pero’ e’ che dei 26’200 cambiamenti riportati “consistenti con il riscaldamento” , ben 25mila siano relativi a sistemi biologici in Europa. Si tratta del 95.5% tutti da un continentino piccolo piccolo. E chissa’ quanti di quei cambiamenti sono legati fra di loro.

Insomma ci sono quasi tre volte piu’ cambiamenti “INconsistenti con il riscaldamento” in Europa (3’100) che cambiamenti “consistenti con il riscaldamento” nel resto del mondo (1’177)

E poi mi si chiede perche’ resto scettico? Che ci posso fare, se chiedo di “vedere per credere”? E cosa sbaglio?

Dei modelli del clima, non parlo neanche.

——-

Non si tratta comunque di attenzioni che riservo solo al CC. Ecco qui il mio commento in inglese a una fesseria pubblicata su The Lancet, l’ennesima associata alla Food Standards Agency britannica.

Questo poi e’ un mio articolo sempre in inglese sulla diatriba riguardo le linee elettriche e il cancro.

E infine una collezione di errori madornali e non, trovati sulle pagine di Astronomy Magazine.

——-

Ma e’ facile notare che tanti dei miei pezzi parlano di Cambiamento Climatico. Un grosso problema che ho con l’allarmismo climatico e’ infatti dovuto al suo debordare nella politica. Al momento e’ il carrozzone su cui sale chiunque vuole mangiarsi un po’ della nostra liberta’, cercando di pilotarci grazie alle paure (vedi Ban Ki-Moon e le sue stupidaggini sul Darfur).

Queste pero’ naturalmente sono considerazioni politiche per cui ciascuno la pensi come vuole.

Categories
Christmas English HMRC Humor MNN UK

Masqued Finland Resident Arrested in HMRC Privacy Fiasco

London, 25 November (MNN) – The Metropolitan Police has announced today the arrest of a notorious character living in Finland for the recent disappearance of two discs containing the details of 25 million United Kingdom residents.

The elderly looking man, of whom only the first name is known (“Claus“), has been implicated by his interest in the personal behaviour and whereabouts of children all around the Kingdom.

The initial alibi (Mr Claus says he has “a big job to do in exactly a month’s time“) has been dismissed as “feeble and unproven to say the least“.

An assistant constable has further declared: “When I have been a naughty boy in my youth, this dodgy bearded guy gave me no presents at Christmas. It’s only just for me to take revenge upon him with all sorts of made-up accusations“.

ps In unrelated news, police have revealed Claus’s nickname among low-lifers such as helpers and elves to be “Santa“.

Categories
Calamizzi Italiano Reggio Calabria Repubblica

L’Inabissamento di Calamizzi

Sembra che finalmente qualcuno si sia deciso a scavare sott’acqua di fronte a Reggio Calabria, a Calamizzi, la’ dove sorgeva un intero promontorio poi inabissatosi.

L’articolo di oggi su Repubblica, riportando parte di quello che appare essere un comunicato stampa, dice a proposito: La vicenda del promontorio di Calamizzi ha una fine dovuta all’incapacità progettuale degli uomini del ‘500 [quando] si pensò di deviare il corso del fiume Calopinace verso sud, costruendo due enormi argini, che ancora oggi sussistono […] poco dopo, Punta Calamizzi sprofondò in mare. Di fatto, la deviazione del corso del torrente, molto probabilmente, ha minato le fragili basi del promontorio, che non resistette alla forza delle correnti dello Stretto.”

Questa storia non mi convince molto. Il promontorio di Calamizzi faceva parte delle parti di Reggio abitate piu’ anticamente (e per questo e’ archeologicamente interessantissimo).

Ma questo significa anche che ha resistito a terremoti, correnti marine e alluvioni dell’Apsias/Calopinace per almeno duemila anni. Poco piu’ corto di un chilometro, ospitava finanche un Monastero, denominato appunto “San Nicola di Calamizzi” .

Come poteva dunque avere “fragili basi“? E cosa e’ successo, quindi, al promontorio di Calamizzi?

Il CNR ne classifica la scomparsa fra le “frane“, riportando un libro del 1910 “Studi Geografici sulle Frane in Italia” di R. Almagia’, che indica come data il 20 Ottobre 1562. La Sezione di Sismologia e Tettonofisica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia dice “1562 – Reggio Calabria: una forte scossa sismica fece sprofondare Punta Calamizzi, l’antica foce del Calopinace, privando la città del suo porto naturale.

Il Circolo Culturale Agora’ entra in dettagli: “1562: 22.10 Alle ore 23,00 l’antico promontorio di Punta Calamizzi, contiguo al tratto di Nacareri, che si protendeva ad Ovest per oltre mezzo miglio sprofonda inghiottito dalle acque dello Stretto“.

Su Wikipedia si parla di un “movimento bradisismico” (abbassamento del livello del suolo) nella stessa data (le cartine in quella pagina, pero’, si contraddicono. E il bradisismo non dovrebbe essere un fenomeno lento per definizione?).

E’ interessante notare che quello di Calamizzi non fu l’unico inabissamento a Reggio Calabria nel XVI secolo, visto che ce ne fu uno a Pellaro, e un altro a Catona.  Per qualche motivo pero’, un altro sito di Itinerari Turistici pone invece il fenomeno al 16 Dicembre 1562 (due mesi dopo).

=====

Quindi per tirare le prime somme: il 20 Ottobre 1562, a seguito di un terremoto, quasi tutto il promontorio di Calamizzi si ritrovo’ improvvisamente anche se di pochissimo sotto il livello del mare, probabilmente a causa di un movimento naturale del fondo marino. La concomitanza dei lavori al Calopinace fu altrettanto probabilmente casuale.

Perche’ “quasi tutto“? Perche’ a quanto pare, la Chiesa del Monastero di San Cipriano di Calamizzi rimase in piedi fino al terremoto del 1783. Evidentemente, una parte di Calamizzi era rimasta all’asciutto.

Adesso “Calamizzi” e’ una spiaggia. Ma quando c’e’ il mare in tempesta, si dice che si sentano ancora suonare delle campane ormai sommerse e sepolte.

Categories
English Fabio Capello Football UK

Football: Support Maurizio for the Top England Job

(1) Won’t do worse (can’t)

(2) Won’t stand underneath an umbrella when the players are out in the rain

(3) At only £300k/year, I’ll be a bargain

(4) Achingly boring private life will ensure newspapers concentrate on the football instead of girlfriends and meet-ups with dodgy, super-rich people

(5) Highlights of press conferences will be geeky, controversial remarks on global warming

(6) I promise to move footballing strategy beyond age-old “kick the ball forward and run

(7) I can speakka Inglisch (other candidates cannot)

(8) As an additional bonus, after retirement from competitive football, aging players will be able to work as Murex IT Consultants

Categories
Italiano Umorismo

Sarkozy di Id

E’ vero che il Presidente Francese Nicholas Sarkozy e’ imparentato al (leggermente piu’ alto…) Re della striscia Il Mago Wiz / Il Mago di Id ?

Il Re con bandiera                Sarkozy con frate

E’ una domanda riguardo la quale si attende ansiosamente una risposta!

Categories
English Humor Science

Men Like It Bigger + Sarkozy of Id

Newly-published research on Science magazine is said to show that men prefer to have a bigger bulge in the pocket than anybody else

====

Are French President Nicholas Sarkozy and the slightly taller King from The Wizard of Id comic strip related?

King with flag        Sarkozy with friar

I think we should be told

Categories
Economia Energia Italiano Peak Oil Petrolio Politica Umorismo

Dieci Motivi per Essere Contenti del Petrolio in Salita Rapida

Ebbene si’, un anno fa scrivevo “Il Prezzo del Petrolio Pronto a Diminuire“.

Naturalmente, da allora non ha fatto che salire.

Rallegriamocene! Ecco perche’:

10- Aria piu’ pulita, meno traffico

9- Niente piu’ plastica nei boschi (trafugata nottetempo come il rame)

8- Fine della tortura dello shopping settimanale

7- Diventa economicamente conveniente far abbaiare il pestifero cane della vicina dentro la stufa. Accesa.

6- Il vicino invece, ex-tronfio con il SUV fermo, si fa prendere a pernacchie

5- Soddisfazione nel contattare decine di persone a cui dire “te l’avevo detto!” (magari dopo aver cambiato il testo dei vecchi blog…)

4- L’acqua minerale e il classico barile costano finalmente meno del petrolio che hanno dentro

3- Meno intasamenti idrici visto che diventa un crimine buttare olio giu’ per il lavandino

2- Fine degli attentati incendiari perche’ la bombe Molotov costano troppo

1- Opportunita’ di convincere la consorte a usare suo fratello come combustibile alternativo (finalmente!)

Categories
English Euro2008 Football Humor

Top 10 Positive Things About England and Euro 2008

From the most likely to the least likely…

1- Hosts Switzerland and Austria have no chance of winning

2- HM Revenue & Customs won’t be able to lose the details of the 25 England players selected for the tournament

3- Relief for the New York soccer fans as top star will be available

4- Fewer chances for the Government to bury bad news

5- A good English goalie will finally be discovered, perhaps in Third Division

6- Free-to-air matches as no broadcaster will compete to buy them

7- Opportunity for an England-Scotland friendly in early June

8- Beckham’s haircut won’t be considered relevant to a football tournament

9- Due to lack of WAG pictures, plenty of newspaper surface available for serious discussions

10- European friendship ties strengthened with English supporters cheering for France, Germany or Italy

======

ADDENDUM: Support Line for Beleaguered English Fans

Call 688 63 3876 08 for help in these difficult times.

You will be presented with a selection of teams to cheer for in June 2008:

Press (1) for France
Press (2) for Germany
Press (3) for Italy
Press (4) for Croatia
Press (5) for Russia
Press (6) for Turkey
Press (7) for Argentina if you’re really that desperate
Press (0) for Scotland. Or Ireland. Or Wales. Or Belgium

Categories
English India IT

Indianification – Part 2

Namaskaara

Ennu Munde, IT punters india inda bartare..!

Hogi Barthene!

Godhicharmahuduga Durgajana

Categories
Diritti Umani Italia Italiano Politica Repubblica Sociologia

E Adesso…Espelliamo gli Italiani!

In Italia “la violenza è la prima causa di morte o invalidità permanente delle donne tra i 14 e i 50 anni. Più del cancro”

Categories
Berlusconi Italia Italiano Politica PPL Veltroni

Berlustroni

Rallegriamoci tutti per il nuovo passo in avanti della politica italiana.

Ancora un altro passettino e finalmente sara’ superato il Bipolarismo.

No, niente “Grossa Coalizioneanche perche’ ci vorrebbe troppo poco a trasformarla in “Rossa Coalizione“.

Molto meglio il Monopolarismo, detto anche Partito Unico (Segretario: Waltersilvio Berlustroni)

Categories
catastrophism Climate Change English Politics

Ban Ki-Moon’s Remarks on Chilean Children

In “Alarming UN report on climate change too rosy, many say” (IHT, Nov 18) Elisabeth Rosenthal and James Kanter report that UN Secretary General Ban Ki-Moon has “described […] children in Chile having to wear protective clothing because an ozone hole was letting in so much ultraviolet radiation.

Is that actually happening in Chile?

I have not been able to find any evidence supporting such a strong statement.

(1) Pubmed through keywords “chile”, “ultraviolet” and “children” shows an article by Aranibar et al [Association between sunburn in children and ultraviolet radiation and ozone layer, during six summers (1996-2001) in Santiago, Chile (33,5 degrees S)] Rev Med Chil. 2003 Sep;131(9):1011-22.

I cannot find the original article, but the abstract seems to report that the behaviour of children 6-10 is at risk of sunburn (hardly world-shattering).

(2) From that article I was able to find more relevant stuff. There is one by Abarca JF, Casiccia CC., “Skin cancer and ultraviolet-B radiation under the Antarctic ozone hole: southern Chile, 1987-2000. Photodermatol Photoimmunol Photomed. 2002 Dec;18(6):294-302.

It reports that people of whiter skin may suffer in Punta Arenas due to repeated exposure, and increased rates of skin cancer may be occurring, and recommends further research.

(3) Another related article is by Abarca JF, Casiccia CC, Zamorano FD., “Increase in sunburns and photosensitivity disorders at the edge of the Antarctic ozone hole, southern Chile, 1986-2000”, J Am Acad Dermatol. 2002 Feb;46(2):193-9.

It indicates the worries but lists no actual skin cancer data.

(4) Then of course there is Molgó M et al, [Sun exposure behaviors and knowledge among Chileans] Rev Med Chil. 2005 Jun;133(6):662-6. Epub 2005 Jul 22. In Spanish.

It’s a survey and reports risky behaviours. Once again, no data on Skin Cancer.

(5) I then visited the website for CONAC, the Chilean ONG about Cancers. The pages of the National Network of Ultraviolet Medicine mention a prevalence of 10/100,000 among Chileans for skin cancer

(6) As a comparison, in England the prevalence among Europeans is 13/100,000

(7) “Environmental Journalist” Stephen Lehay writes a year ago that “Ailments Surge as Ozone Hole Widens” indicating that “Diagnoses of malignant melanoma, a deadly form of skin cancer, have doubled in recent years, leading Chilean health authorities to recommend avoiding direct exposure to the sun between 11:00am and 5:00pm, and especially to protect children”.

No sources and no absolute values are reported for this information.

(8) The same Lehay writes a couple of months ago “Skin Cancer Rising Despite New Ozone Deal to Cut CO2 Emissions” making a controversial connection betweeen skin cancer rates in the USA and a “crippled” ozone layer.

Being an environmental article (here in full) it can’t help predicting soaring numbers of cancer victims by 2060

====

In conclusion:

(a) Peer-reviewed work has not find much interest in Chilean children, or better yet in any Chilean skin cancer.

(b) At best, CONAC (the Chilean ONG on Cancer) is recommending protection in the middle of the day, but that is good advice the world over especially in summer, and nothing special about Chile.

Either children in South America are risking their lives as we speak among a global indifference, or the UN Secretary General has “sexed up” the truth.

One wonders.

Categories
catastrophism Energy English Science

Solution to Fossil Fuel Worries

With crude oil likely going to pass $100 any time now, some people have started arguing that we may be near peak production with a gloomy future awaiting us.

But there is a solution and it has been waiting for us for almost 5 billion years…

It consists of around 36 thousand billion metric tons of methane, good for another couple of thousand years.

Since the known natural gas reserves are 52 million billion cubic feet (corresponding to 1.2 million billion kilograms), it all comes down to an untapped reserve 31 times as much as what is currently available. With around 80 years between now and exhaustion of Earth’s natural gas deposits, we can burn our way through perhaps another 2,400 years of cooking

The upshot is that by the time we’ll be able to source such a giant methane deposit, the technological advances needed for the endeavour will likely have made all fossil fuels a thing of the past.

The downside is that this newly-found source is a bit far.

Categories
Astronomia Italiano Umorismo Universo

La Vendetta di Tolomeo

2154 anni dopo essere stato descritto, e 464 anni dopo essere stato gettato nel dimenticatoio grazie a Copernico, il Sistema Tolemaico sta tornando in auge, mascherato da Teoria del Tutto di Garrett Lisi

Categories
Astronomy English Humor Physics Universe

Ptolemy’s Revenge

2154 years after being written, and 464 years after being rendered obsolete by Copernicus, the Ptolemaic System is coming back with a vengeance, masquerading as Garrett Lisi’s Theory of Everything

Categories
catastrophism Climate Change English Humanity

How to Be Right About the Climate: Always!

Vincenzo Ferrara, the scientist advising the Italian Environment Minister on Climate Changes, explains how to become a famous Climatologist in a 1982 article (“(”Rivista di Meteorologia Aeronautica”, Vol XLII n. 1, Jan-Mar 1982).

The following is an abridged translation:

If you are a climatologist and you want to survive as a climatologist, perhaps even increasing your reputation, all you have to do is provide the exact diagnosis and prognosis that people expect.

To the question “Is the climate changing?“, by all means, never, ever reply “No, everything’s normal“, or “It’s just fakery pumped up by newspapers and on television“: because people would unanimously conclude that you understand nothing about metereology, and nothing about climate.

It would be the end of your career.

The only sensible answer is: “Of course it is changing! It’s a well-known fact, scientifically confirmed and one that none cannot argue against“. You can then launch yourself in forecasting for the next hundred years a climate identical to the current one, amplifying the latest phenomena to extreme consequences.

If it is cold you’ll therefore predict “ice ages“, if it’s warm a “torrid period“, and if there are signs of strong variability “short-term climatic extremes” and more-or-less the same climate in the long term.

You may be wondering, how can a serious climatologist provide impossible, mutually-excluding forecasts without looking silly? Fear not: science will provide all the support needed.

Because climatology has already thought of everything and will supply the right solution in every circumstance, even in the most hopeless cases.

So if it is cold, here’s what you will have to say: “The climate is changing and we are approaching an Ice Age.

This fact has already been scientifically assessed because since 1940, the average temperature of the northern hemisphere has diminished by approximately 0,4°C, probably because of a decrease in atmospheric transparency due to air pollution.

The cooling of the air causes an increase in the extension of glaciers and of snow fields, furthering lowering temperatures with their highly reflecting (high albedo) surfaces. Glaciers therefore increase even more, in a positive feedback that will bring us to a new Ice Age in a hundred years or even less“.

What if it is warm? Then the discourse becomes: “The climate is changing and we are approaching a Torrid Age.

This fact has already been scientifically assessed because since 1850 the carbon dioxide content in the atmosphere has progressively increased and just in the last twenty years has gone from 315 to 334 parts for million. That means that in 2020 the accumulation of carbon dioxide will have more than doubled, taking into account the continuously increasing energy demands and consumption of fossil fuels.

The increase of carbon dioxide reduces the Earth’s long-wave emissions to space (greenhouse effect) so within half a century the average air temperature will increase by approximately 2 or 3°C; the polar ice will dissolve and a sizeable sea level increase will submerge several coastal cities“.

This can inspire a new version of an old joke:

An atmospheric physicist, a metereologist and a famous climatologist are interviewed for a position as climatologist. The atmospheric physicist is asked: “What do you predict for the climate next year?” and proceeds to answer: “I am not sure, but give me a supercomputer and I will set up the calculations for a rough forecast“. It’s now the metereologist’s turn, and the answer is: “I am not sure, but provide me with the seasonal charts and the observations from previous years, I will set up the calculations in order for a rough forecast“.

The famous climatologist is finally asked “What do you predict for the climate next year?“. To that, the answer is “Whatever you want me to predict…“.

Categories
Cambiamento Climatico Italiano Nobel Politica Umorismo USA

L’Ascensione di Al Gore

1969 – Laurea Breve (Harvard)

1976 – Camera dei Rappresentanti USA

1984 – Senatore

1988 – Primo tentativo a diventare Presidente

1992 – Vice-Presidente

2000 – Candidato Presidente che ottiene piu’ voti

2007 – Oscar

2007 – Emmy (“Oscar” della Televisione USA)

2007 – Premio Nobel per la Pace

2009 – Secretario Generale ONU, a Vita

2010 – Presidente del Comitato del Nobel per la Pace, a Vita

2012 – Papa, a Vita (insomma, fa parte del mestiere)

2013 – Grand Ayatollah Leader Supremo (idem)

2014 – Allo stesso tempo Rabbino Capo, Guru dei Sikh, Reincarnazione di Buddha, etc etc

2015 – Sostituisce Carlo III come Re del Regno Unito

2015 – Sceglie il titolo di “Difensore delle Fedi e degli Ateismi” (per essere politicamente corretto)

2020 – Diventa Alus Gorus “Cesare” Augusto, Imperatore del Pianeta

2021 – Acclamato Divus in plebiscito mondiale

2021 – Ordina al Clima di non cambiare. Il Clima obbedisce (non sarebbe cambiato lo stesso, ma e’ un segreto…ssshhh!!)

2021 – Si cominciano a costruire Templi in suo nome

2022 – Convince la Corte Suprema USA a cambiare la decisione del 2000 che lo privo’ della Presidenza

2100 – Poco prima di morire^H^H^Hascendere in Cielo, dimentica di ordinare alla Terra di non far piu’ accadere terremoti (peccato!)

Categories
Italia Italiano Sociologia Statistiche

Cacofonie Statistiche dal Bel Paese (e un Appello)

Oppure…”Guardiamo e tremiamo. E speriamo“:

(a) Viva la vecchiaia (1) : i salari italiani dipendono solo dall’anzianita’

(fonte: noiseFromAmerika, riprendendo la recente relazione del Direttore della Banca d’Italia Mario Draghi “Consumo e crescita in Italia“)

(b) Viva la vecchiaia (2) : l’Universita’ in via di ammatusalemmimento

(fonte: Borborigmi grazie a hronir, riprendendo il blog stefanozapperi, dalla ricerca “Lo Tsunami dell’Universita’ Italiana” di Stefano Zapperi e Francesco Sylos Labini)

(c) Abbasso le Donne : lo stupro come fenomeno culturale-sociale a carattere casalingo

Una ricerca ISTAT pubblicata alla fine del 2004 attesta che ogni giorno in Italia sette donne in media subiscono una violenza sessuale“. Secondo alcuni studi, il valore reale sarebbe circa 88, ma il “92% delle vittime […] decide per motivi diversi (vergogna o “copertura” del molestatore, soprattutto se all’interno del contesto familiare) di non denunciare la violenza subita alla polizia o ai carabinieri.
[…] solo nell’8,6% dei casi la violenza sessuale viene praticata in un luogo pubblico. Più spesso gli stupri avvengono nella propria abitazione (31,2%), in automobile (25,4%) o nella casa dell’aggressore (10%).” Il 96.5% dei violentatori conosceva la vittima prima dello stupro.

(fonte: Benessere.com)

(d) Appello contro il Triangolo Nero: la’ dove la Famiglia (nucleare) uccide piu’ della Famiglia(mafiosa)

Il triangolo nero
Violenza, propaganda e deportazione. Un manifesto di scrittori, artisti e intellettuali contro la violenza su rom, rumeni e donne

La storia recente di questo paese e’ un susseguirsi di campagne d’allarme, sempre piu’ ravvicinate e avvolte di frastuono. Le campane suonano a martello, le parole dei demagoghi appiccano incendi, una nazione coi nervi a fior di pelle risponde a ogni stimolo creando “emergenze” e additando capri espiatori.

[…] Succede che e’ piu’ facile agitare uno spauracchio collettivo (oggi i rumeni, ieri i musulmani, prima ancora gli albanesi) piuttosto che impegnarsi nelle vere cause del panico e dell’insicurezza sociali causati dai processi di globalizzazione.

[…] Manca solo che qualcuno rispolveri dalle soffitte dell’intolleranza il triangolo nero degli asociali, il marchio d’infamia che i nazisti applicavano agli abiti dei rom. E non sembra che l’ultima tappa, per ora, di una prolungata guerra contro i poveri. Di fronte a tutto questo non possiamo rimanere indifferenti. Non ci appartengono il silenzio, la rinuncia al diritto di critica, la dismissione dell’intelligenza e della ragione.
Delitti individuali non giustificano castighi collettivi.
Essere rumeni o rom non e’ una forma di “concorso morale”.
Non esistono razze, men che meno razze colpevoli o innocenti.
Nessun popolo e’ illegale.

(fonte: petizione “Il Triangolo Nero” grazie a Oca SapiensLe firme si raccolgono qui.)

Categories
English Humor Nobel Politics USA

The Ascent of Al Gore

1969 – Bachelor of Arts (Harvard)

1976 – House of Representatives

1984 – Senator

1988 – Joins the Presidential race

1992 – Vice-President

2000 – Most-voted Candidate

2007 – Oscar

2007 – Emmy

2007 – Nobel Peace Prize

2009 – Lifetime UN Secretary General

2010 – Lifetime Chairman of the Nobel Peace Prize Committee

2012 – Lifetime Pope (well, it comes with the job)

2013 – Grand Ayatollah Supreme Leader (idem)

2014 – Joint Chief Rabbi, Sikh Guru, Buddha’s Reincarnation, etc etc

2015 – Replaces Charles III as King of the United Kingdom

2015 – Chooses title of “Defenders of the Faiths and Unfaiths” (that’s Political Correctness for you)

2020 – Becomes Alus Gorus “Caesar” Augustus, Planet Emperor

2021 – Acclaimed Divus in world-wide plebiscite

2021 – Commands Climate not to change. Climate complies (it would not have changed anyway, but that’s a secret…ssshhh!!)

2021 – Temples in his name start to spruce around

2022 – Convenes US Supreme Court, gets reversal of 2000 decision

2100 – Shortly before his death^H^H^Hascent to Heaven, forgets to command Earth to stop earthquakes (alas!)

Categories
Italiano Parallelo38 UK

UK: Inventato, Abbandonato

La sindrome del “non inventato qui” affligge il mondo, ma non Albione.

E’ quel modo di pensare secondo il quale tutto cio’ che viene “da fuori” va considerato con sospetto, anche se palesemente migliore di quello che si ha. E cosi’ per esempio l’Airbus, il gigante europeo dell’aeronautica, si e’ scontrata con un muro di gomma quando ha cercato di far usare un sistema francese ai tecnici tedeschi (che scandalo!).

I quali tecnici hanno continuato a lavorare come prima, con il risultato che l’enorme aeroplano A380 ha avuto gravisimi ritardi di consegna, per problemi con i cavi elettrici.

In Gran Bretagna invece i conservatorissimi indigeni hanno paradossalmente un atteggiamento che forse li distingue davvero dal resto del pianeta: nonostante la loro passione per inventare cose nuove, dopo un po’ quasi se ne disinteressano o comunque se ne curano poco. Visitare Londra e dintorni puo’ quindi sembrare un viaggio nel tempo, con varie idee e tecnologie congelate nel tempo ognuna ad un’epoca diversa..

La possiamo chiamare la “maledizione dell’inventato qui”. Di esempi ce ne sono davvero tanti: a cominciare dagli sport moderni, per passare ai computer, al radar, e naturalmente al trasporto ferroviario. Persino, un parco di dinosauri.

Partiamo dal calcio: uno sport con una storia lunga e complessa che include le risse alla fiorentina, e le partite in cui i Maya calciavano un capelluto “pallone”, la testa mozzata di un principe nemico. Per fortuna la tradizione calcistica non ci e’ arrivata dal Messico pre-colombiano, ma dai colleges di Eton e Westminster. E da li’, tramite l’Impero Britannico ma non solo, lo sport si e’ propagato in tutto il mondo, e anche in Italia dove il primo club e’ del 1887 a Torino.

Ma se prima della XX guerra mondiale le squadre inglese, scozzese, gallese e irlandese si crogiolavano nel rifiuto di partecipare ai Campionati del Mondo adducendo una palese superiorita’, tale sogno compiacente si frantumo’ nel 1950 quando gli USA addirittura sconfissero gli Inglese per 1 a 0. Tuttora, i britannici inventori del gioco hanno solo una Coppa del Mondo, vinta in Inghilterra con un quasi-goal e piu’ di quaranta anni fa.

Una situazione analoga riguarda il tennis moderno, nato e cresciuto a Wimbledon, sobborgo di Londra dove misteriosamente, un inglese non vince da ormai settanta anni. Nel golf ogni tanto c’e’ qualche inglese o scozzese ma se ne vedono pochi, e nel cricket, insomma, e’ una grande notizia quando l’Inghilterra vince, proprio perche’ capita poco (Coppe del Mondo, zero).

E non e’ solo una faccenda di sport. Intorno ai computers durante la guerra ci fu molto lavoro in Inghilterra, per decifrare i messaggi tedeschi. Solo che poi a guerra finita il tutto fu secretato (come anche il radar), neanche ci fosse stato il pericolo che Hitler e soci ricomparissero da un momento all’altro. Il primo computer programmabile e’ quindi americano (ENIAC, 1948). E nessuno penso’ a stabilire una IBM anglosassone.

Anche la storia ferroviaria inglese e’ davvero strana. Una volta “inventato” il treno (Stevenson, 1814), i britannici decisero di distribuirlo su tutta l’isola con i grandi progetti di Isambard K. Brunel. Arrivarono pure ad escogitare il mezzo di trasporto di massa che chiamiamo metropolitana, e il treno ad alta velocita’. Ma una trentina di anni fa, i soldi per proseguire nel migliorare le ferrovie finirono, e le idee furono abbandonate. Gli standard di viaggio sono oggi molto peggio che in Francia, Italia e Germania.

Un altro bell’esempio di questa abitudine all’abbandono sono i dinosauri a Crystal Palace. Nel 1851 la passione e le scoperte per i dinosauri erano appena cominciati. Questi mostri colossali affascinavano allora come oggi: e per permettere a un vasto pubblico di apprezzarne le fattezze e dimensioni, fu deciso di costruire dei modelli in scala 1:1 da esporre negli ampi spazi del nuovo parco di Crystal Palace, a sud di Londra. Come riportato dai giornali uno dei lucertoloni era cosi’ grande che un banchetto fu servito all’interno del suo stampo a un gruppo di egregi commensali la notte di Capodanno del 1853.

I dinosauri di Crystal Palace sono ancora li’, e attraggono ancora qualche turista. Ma sono vecchi d’aspetto, dopo un secolo di intemperie e di scoperte scientifiche che hanno radicalmente alterato le nostre conoscenze, e i nostri modelli, in fatto di dinosauri. Ai bestioni un po’ troppo rotondi e bruttini di Crystal Palace si contrappongono al giorno d’oggi gli agili e cattivi Velociraptor di Jurassic Park.

Il problema e’ che nessuno ha pensato di aggiornare i modelli in mostra a Crystal Palace.

Ecco, forse questo voler rinunciare a migliorare quello che si ha, preferendogli l’eccitazione del nuovo, e’ un modo incoscio di fissare nel passato l’attimo sfuggente di gloria, indubbiamente da non ripetere anche per non contaminarne la memoria.
Una specie di circolo virtuoso e vizioso allo stesso momento, insomma, amplificato dalle opportunita’ sociali offerte agli inventori. I quali, in una societa’ profondamente classista come quella inglese, possono comprarsi la scalata sociale a colpi di genio, ma una volta arrivati li’ non hanno alcun interesse a migliorare le idee iniziali.

Anzi, faranno di tutto perche’ non lo possa fare nessun altro.

Categories
English MNN Olympics UK

The Truth Behind the London Olympics Fire

London, 15 Nov (MNN) – The truth behind the mysterious, spectacular Nov 12 fire in Waterden Road, London may have been revealed today.

Unreliable sources report a huge party thrown at the headquarters of the London 2012 Committee, for “the biggest Olympic Flame in the world“.

 

Those Chinese, we’ve beaten them by almost a year“, a reveler commented, before adding “their tiny flame in the Beijing stadium on 8/8/8 will look puny in comparison, a hundred times smaller to say the least“.

Now let’s make our own Stadium a hundred times bigger than Beijing’s“, he added, “or that much as expensive, to say the least!

The reveler would not confirm if an even bigger fire is planned a couple of months before the Opening Ceremony on 27/7/2012. “Well, it could be a good idea”, he commented, “if only to remind Londoners where the Games will take place, and how much of their money would have been burned by then“.

In unrelated news: according to badly informed sources, Police is investigating a group of elderly Tories seen celebrating the resurrection of the glorious party logo in the London sky.

 

A grassroot Lib-dem committee has immediately formed to counter with a propaganda coup of their own: change the old party birdie image into something nearer their aspirations…

…from to

Categories
Catastrofismo Italiano Politica Sociologia Terrorismo

Per Una Gestione Completa del Rischio

Quando si parla di rischio ci si lamenta sempre del fatto che la percezione e’ molto diversa dalla realta’ dei numeri. Si dice che la gente sottostima i piccoli incidenti come quelli automobilistici, e pensa che guidare sia meno rischioso che prendere l’aereoplano. La “magnitudine” dei disastri aerei in qualche maniera offusca il fatto che siano cosi’ sorprendentemente rari, specie in confronto a quelli stradali.

Se invece la scuola ci educasse tutti alla gestione dei rischi (“risk management”), l’errore di guidare veloci e spensierati lo farebbero molti meno, e molti piu’ potrebbero volare senza troppi patemi d’animo.

Tutto cio’ e’ matematicamente vero ma manca ancora di qualcosa. Questo qualcosa e’ il fatto che ciascuno di noi in quanto essere umano non e’ un individuo isolato, ma anzi membro di (svariate) comunita’.

Insomma, nei calcoli andrebbe aggiunto un qualche coefficiente che tenga conto del fatto che la “sezione d’urto” di ciascuno di noi in caso di incidente non e’ quasi mai rappresentata dai confini materiali del proprio corpo.

Per esempio la probabilita’ che un pendolare qualsiasi sia vittima di attentati terroristici in una grande citta’ del mondo e’ bassissima. Ma la probabilita’ che quello stesso pendolare sia “toccato” da un attentato e’ invece altissima: basta che mettano una bomba da qualche parte specificatamente affinche’ colpisca, appunto, i pendolari.

Ne parlo (in inglese) in un blog “Percezione del Rischio, Networks Sociali e Globalizzazione” dove cito Jeremy Waldron dalla The New York Review of Books (”Is This Torture Necessary?“, Vol 54, N. 16 • October 25, 2007), quando dice che la sicurezza “non e’ un bene individuale, di cui beneficiamo ciascuno di noi in termini di probabilita’ statistica [individuale]“.

La Sicurezza va quindi ripensata in termini di gruppo, non solo di persona.Anche se l’11 Settembre “il 99.999 percento degli abitanti degli USA […] non sono stati uccisi“, il fatto che 2,974 lo siano stati e’ stato anche un colpo al senso di sicurezza di tutti coloro che potevano immaginare se stessi nelle Torri Gemelle, al Pentagono or sul volo United 93.

Ecco perche’ la paura di un grosso attacco terroristico o di una altra grande catastrofe appare superficialmente assurda, visto che la probabilita’ che ciascuno di noi sia coinvolto e’ infinitesima. In realta’ la domanda non e’ “qual’e’ il rischio per me?” ma “qual’e il rischio per il mio gruppo?

Se insomma io sono esposto un rischio in termini di uno su un milione, e ho dieci amici o compari o compagni di tribu’ o familiari, la mia “esposizione effettiva” (se vogliamo, “affettiva”…) come “persona” e’ una su centomila. E se ho cento amici, una su diecimila.

In altri termini, se il nonno muore sotto il tram, uno non pensa mica “meno male a me non e’ successo“, anzi…

Il “coefficiente di gruppo” per cui moltiplicare il rischio individuale sarebbe naturalmente un valore medio diverso per ogni tipo di rischio, molto alto nel caso di attentati terroristici sul “pubblico qualunque” (dove quindi l’identificazione dell’individuo e’ molto alta) e molto basso (vicino a uno cioe’) nel caso di incidenti specifici come quelli automobilistici (dove l’identificazione dell’individuo e’ ovviamente bassa, altrimenti l’auto non la userebbe piu’ nessuno).

====

E’ importante stabilire che non e’ solo un discorso di “magnitudine”. Anche se siamo tutti umani, il rischio di milioni di bengalesi di morire nel prossimo monsone non tocca i non-bengalesi come quello delle centinaia di loro conoscenti di essere diagnosticati con un tumore entro un anno.

In realta’ non sto proponendo di sostituire una cosa con un’altra. Sto dicendo di aggiungere alle considerazioni del rischio una misura dell’impatto sull’individuo come parte di un gruppo, e non solo come individuo.

Per esempio, il rischio che cada un aereo con sopra qualcuno che conosco e’ molto piu’ elevato adesso che sono e sono stato in contatto con decine e decine di persone in giro per il mondo, piuttosto che quando avevo tre anni e ne conoscevo forse una ventina, tutte fra l’altro residenti nello stesso posto (se fossi amico intimo di ogni altro umano, ogni giorno sarei invitato a 150mila funerali, 350mila nascite, altrettanti matrimoni e peserei circa millecinquecento chili. Forse c’e’ un buon motivo perche’ siamo naturalmente familiari e tribali).

Questo discorso e’ importante perche’ le scelte tecniche e politiche vanno prese non in base a sensazioni ma in base a fatti. Ed e’ appunto un fatto che il risk management di un attentato a New York non puo’ essere limitato a “tanto di americani in percentuale ne moriranno pochissimi” perche’, se gli attentati sono “contro gli americani” allora tutti gli americani o quasi ne saranno comunque toccati.

Dopotutto, se l’obiettivo e’ educare il pubblico al risk management, bisogna fare un discorso plausibile, e non, appunto “spallucce“. Quando i risultati numerici contraddicono la percezione puo’ esserci un errore nella percezione, o puo’ mancare qualcosa nel calcolo.

Non sto certo dicendo di “accomodare la percezione comune“. Sto suggerendo di partire dalle osservazioni, invece di cercare di imporre un astratto ed incompleto modello matematico.

Nello specifico, la dicotomia fra chi dice “il pericolo di morire terrorismo negli USA e’ bassissimo” e la percezione generale che “il terrorismo e’ molto pericolo per chi vive negli USA” puo’ essere superata appunto se ci rendiamo conto che per l’individuo “residente negli USA” il fatto che una bomba possa colpire un altro “residente negli USA” e’ (quasi) equivalente a che colpisse lui stesso.