Categories
Culture English Family Humanity Policy

The Future of Marriage

The future of the religious form of marriage is in the hands of the respective clerics and faithful people.

The future of civil marriage is to be placed away from the hands of the State, until it lasts. And for civil wedding to be eliminated.

What is the State for, in fact, but to manage conflict situations also within its own society?

If I establish a friendship with a neighbour, do I have to make that public in the Town Hall? Of course not. But if I start an argument with them, it may go as bad as to warrant the intervention of the Law (the Police, or even “just” a lawsuit).

And so it should and surely will be that there will be no hand at all of the State when two people want to live together: whilst the weakest component of the couple, if the love and friendship disappear, will only have to demonstrate the two were living “as husband and wife” (in Ancient Rome, more uxorio), for the Law to act in their defense.

Even if policies dictate incentives for couples, again all they should have to show is that they are a couple (perhaps, a stable couple in the second year of cohabitation)…how it all started, and if there was a ceremony with a mayoral representative mimicking the religious ritual, all that must surely be immaterial from the point of view of the individual’s rights.

The above will finally re-align legality and societal mores, now so completely at odds with each other. With the added bonus of further separating God and Mammon, as Somebody recommended to do a few years ago…

Categories
Cattolicesimo Cristianesimo Cultura Italia Italiano

Il Futuro del Matrimonio

Il futuro del matrimonio religioso e’ in mano alle autorita’ religiose, e ai fedeli.

Il futuro del matrimonio civile e’ invece il ritorno a quanto gia’ succedeva nell’Antica Roma: dove le coppie non si rivolgevano alle autorita’ civili per benedire l’unione, ma per gestire l’eventuale distacco.

A cosa serve infatti lo Stato se non a fare in modo che tutti abbiano gli stessi diritti in situazione di conflitto?

Se faccio amicizia con il mio vicino di casa, non vado certo ad informarne il Comune o il Tribunale. Ma se invece litigo con chi abita alla porta accanto, o nell’appartamento al piano di sopra, c’e’ l’opzione di far intervenire la Legge: la Polizia, nei casi piu’ gravi, altrimenti si va dall’avvocato e si comincia una causa civile. In questo modo il diritto, in caso di litigio, non e’ del piu’ forte, ma (almeno in teoria) uguale per tutti.

Analogamente se due persone vogliono convivere. All’inizio, quando vanno d’amore e d’accordo, perche’ dovrebbe interessarsene il Sindaco? Facciano un po’ come preferiscono. E’ alla fine, se arriva una fine del rapporto di fiducia e di affetto, che lo Stato deve intervenire. E alla parte piu’ debole fra le due, ad esempio alla persona che ha rinunciato a una carriera e a un lavoro piu’ remunerato per stare a casa, bastera’ dimostrare il rapporto di convivenza more uxorio “come moglie e marito”, per ottenere l’aiuto della Legge.

E quand’anche si volesse favorire la vita di coppia (come se fosse facile essere single…), di nuovo invece di costringere le due persone a quella specie di scimmiottamento del matrimonio religioso che e’ il rito civile, basterebbe chiedere loro le prove che sono una coppia stabile, ad esempio da due o tre anni.

E cosi’ terremmo anche separati Dio e Mammone, come ha gia’ detto Qualcuno prima di me…

Categories
English Tourism Travel Yellowstone

Yellowstone Report – 2 – Towns

Yellowstone Report (a collection of brief notes about Yellowstone Park and neighborhoods)

(first entry, about the roads I have driven during my Yellowstone trip, available here)

2 – Towns and Cities

Bozeman, MT – upscale and relatively chic, perhaps due to the large University campus

Cody, WY – as artificial as West Yellowstone, but one does not really feel it. The “Nite Rodeo” is no fake wrestling competition

Cooke City, MT – this is the prototype Montana town one would expect, with a celebrated century-old general store still intact and a local cafe’ barbequeing hot dogs for you on the spot

Gardiner, MT – curiously tiny and spread over a long, winding road; somehow it looks like it should have some character, but it’s hard to find. Don’t go there for the the food, period.

Idaho Falls, ID – a curious place where the “downtown” area is also run-down, even worse than central Philadelphia. Then you cross a bridge and it’s a clean, quiet and fun place for the whole family, with impeccable riverside grass, views on the falls, plenty of restaurants.

Salt Lake City, UT – clean and easy to drive, too many strange characters walking about (and I don’t mean the Mormons)

West Yellowstone, MT – the most artificial of the lot, could be missed without missing anything

Visit again: Cooke City, Cody, Idaho Falls

Not by a long shot: West Yellowstone

Categories
Italiano Politica USA

La Fissazione Sui Vestiti Di Hillary Clinton

Come riporta oggi Repubblica, in America c’e’ un grande, assurdo dibattito sui vestiti di Hillary Clinton.

Perche’? Perche’ ogni altro candidato (maschio) a diventare Presidente nel Gennaio 2009 e’ forzato dalla societa’ a vestirsi piu’ o meno come ogni altro candidato.

Scommettiamo che (i maschietti) hanno indossato pantaloni per uscire di casa, ogni santo giorno della loro vita dalla tenera eta’ di uno o due anni?

Quando l’unica novita’ puo’ essere in quanto scuro e’ il grigio indossato, ed essere rivoluzionari vuol dire mettersi un maglioncino scolorito, c’e’ poco da meravigliarsi se la liberta’ di vestito data alla candidata donna fa notizia.

Tutto cio’ e’ particolarmente ironico dopo tutta l’aria sprecata a discutere se il velo “islamico” e’ imposto da padri e mariti per tenere le loro donne come schiave.

Categories
English Hillary Clinton Politics USA

Why Is Everybody Fixated on Hillary’s Fashion Sense?

Because every other competitor to become US President in January 2009 is forced by society to wear more or less the same style of clothes as everybody else.

Oh well….they have used trousers every single day of their lives for the past four, five, six decades at least, and there is no sign for that to change any time soon.

When the only variation is in the suit’s grayness, and the most revolutionary attire is a dull jumper, no wonder the freedom guaranteed to the female candidate becomes news.

This is quite funny considered all the discussions about Muslim women being veiled by fathers and husbands as a way of keeping them enslaved. 

Categories
Italia Italiano Partito Democratico Politica

Marcio A Sinistra

C’e’ un problema ben evidente nella “Sinistra” italiana, intendendo con quel termine piu’ o meno dai DS in poi. Ed e’ che a quasi venti anni dalla fine del Comunismo europeo, la Sinistra italiana continua a puzzare.

Puzza di veterocomunismo nei suoi modi sgarbati di trattare chi la pensi diversamente (si veda la confusione sulla candidatura Pannella alla segreteria del PD). Puzza di migliorismo quando cerca di trattare l’intero resto dell’umanita’ dall’alto in basso, come il candidato a peggiore Ministro degli Esteri della Repubblica continua a fare dalle Alpi alle Piramidi, volevo dire dalla Palestina all’Afghanistan (e come dimostrato dall’invenzione completamente dirigenziale del risibilmente nominato Partito Democratico).

Puzza anche di bolscevismo, nel disinvolto entrare ed uscire da una certa etica politica a seconda della convenienza del momento, cosa che impedisce loro di prendere in mano quelle lotte per i diritti civili che non hanno ancora deciso se supportare o no (e meno male che le ultime intercettazioni verranno rese pubbliche).

E’ un vero peccato perche’ la tradizione filo-operaia italiana, arrivata tramite Gramsci e perche’ no anche tramite quel Togliatti che partecipo’ all’Assemblea Costituenete ed evito’ accuratamente la guerra civile (cosa che invece non successe in Grecia), contiene in se’ gran parte delle idee socialdemocratiche che altrove hanno avuto modo di vedere la luce senza preconcetti su lotta di classe o capitalismo (non dimentichiamoci che “dall’altra parte” c’e’ una tradizione statalista a ogni livello dei ceti dirigenti, inclusi quelli industriali e bancari troppo spesso volenterosi nel cercare i morbidi cuscini del corporativismo).

Percio’ quando Berlusconi si lamenta dei “comunisti” evitiamo di cadere nelle solite inutili questioni su chi ha sulla carta rinunciato a riformare la societa’ abolendo la proprieta’ privata. Non e’ quello, il comunismo che continua a perseguitare la politica e la societa’ italiana. Il “comunismo” cui fa riferimento il Cavaliere e’ uno stato mentale, sterilmente cospiratorio e protestatario, piu’ che un pensiero politico serio.

Il risultato comunque e’ che la “Sinistra” e’ fondamentalmente incapace di governare, e intrinsecamente prona alle lotte intestine (in tutti i sensi) a colpi di pugnalate (virtuali) alle spalle. La sofferenza con cui vive il governo Prodi ogni giorno che passa non fa prevedere che la sconfitta, alle prossime elezioni: sconfitta sicuramente ben accolta da parte della “Sinistra” che potra’ tornare a protestare in pace 😎 invece di dover fare e quindi scegliere.

Poveretti, i DS, e quelli di Rifondazione e Come-Caspita-Si-Chiamano-Tutti-Quei-Partitini-A-Sinistra-dei-DS: perche’ in fondo non e’ colpa loro, ma di chi li ha educati, chi ha fatto crescere la presente classe dirigente nella quasi totale interezza nel mondo leninista-stalinista di Botteghe Oscure, dove il Partito ha giustificato tutti i mezzi, evidentemente per fin troppo tempo.

Categories
English Humor UK

Time To Go For This Poor Guy

This is a real adieu/resignation letter, written by a guy for whom investment banking may not have been the best career choice…

It is quite entertaining, although I find the final, desperate call to Upper Management a touch too naive to be serious and/or credible

Dear Co-Workers and Managers,

As many of you probably know, today is my last day. But before I leave, I wanted to take this opportunity to let you know what a great and distinct pleasure it has been to type “Today is my last day.”

For nearly as long as I’ve worked here, I’ve hoped that I might one day leave this company. And now that this dream has become a reality, please know that I could not have reached this goal without your unending lack of support. Words cannot express my gratitude for the words of gratitude you did not express.

I would especially like to thank all of my managers both past and present but with the exception of the wonderful XXX: in an age where miscommunication is all too common, you consistently impressed and inspired me with the sheer magnitude of your misinformation, ignorance and intolerance for true talent. It takes a strong man to admit his mistake – it takes a stronger man to attribute his mistake to me.

Over the past seven years, you have taught me more than I could ever ask for and, in most cases, ever did ask for. I have been fortunate enough to work with some absolutely interchangeable supervisors on a wide variety of seemingly identical projects – an invaluable lesson in overcoming daily tedium in overcoming daily tedium in overcoming daily tedium.

Your demands were high and your patience short, but I take great solace knowing that my work was, as stated on my annual review, “meets expectation.” That is the type of praise that sends a man home happy after a 10 hour day, smiling his way through half a bottle of meets expectation scotch with a meets expectation cigar. Thanks YYY!

And to most of my peers: even though we barely acknowledged each other within these office walls, I hope that in the future, should we pass on the street, you will regard me the same way as I regard you: sans eye contact.

But to those few souls with whom I’ve actually interacted, here are my personalized notes of farewell:

To ZZZ, I will not miss hearing you cry over absolutely nothing while laying blame on me and my coworkers. Your racial comments about XXY were truly offensive and I hope that one day you might gain the strength to apologize to him.

To XXZ whom is long gone, I hope you find a manager that treats you as poorly as you have treated us. I worked harder for you then any manager in my career and I regret every ounce of it. Watching you take credit for my work was truly demoralizing.

To XYX, you should learn how to keep your mouth shut sweet heart. Bad mouthing the innocent is a negative thing, especially when your talking about someone who knows your disgusting secrets. 😉

To XYY (Mr. Cronyism Jr), well, I wish you had more of a back bone. You threw me to the wolves with that witch XXZ and I learned all too much from it. I still can’t believe that after following your instructions, I ended up getting written up, wow. Thanks for the experience buddy, lesson learned.

YYY (Mr. Cronyism Sr), I’m happy that you were let go in the same manner that you have handed down to my dedicated coworkers. Hearing you on the phone last year brag about how great bonuses were going to be for you fellas in upper management because all of the lay offs made me nearly vomit. I never expected to see management benefit financially from the suffering of scores of people but then again, with this company’s rooted history in the slave trade it only makes sense.

To all of the executives of this company, ZZZ and such. Despite working through countless managers that practiced unethical behaviour, racism, sexism, jealousy and cronyism, I have benefited tremendously by working here and I truly thank you for that. There was once a time where hard work was rewarded and acknowledged, it’s a pity that all of our positive output now falls on deaf ears and passes blind eyes. My advice for you is to place yourself closer to the pulse of this company and enjoy the effort and dedication of us “faceless little people” more. There are many great people that are being over worked and mistreated but yet are still loyal not to those who abuse them but to the greater mission of providing excellent customer support. Find them and embrace them as they will help battle the cancerous plague that is ravishing the moral of this company.

So, in parting, if I could pass on any word of advice to the lower salary recipient (“because it’s good for the company”) in India or Tampa who will soon be filling my position, it would be to cherish this experience because a job opportunity like this comes along only once in a lifetime.

Meaning: if I had to work here again in this lifetime, I would sooner kill myself.

To those who I have held a great relationship with, I will miss being your co-worker and will cherish our history together. Please don’t bother responding as at this very moment I am most likely in my car doing 85 with the windows down listening to Biggie.

One!

Categories
democrazia Italia Italiano Partito Democratico Politica

L’Idolo del Partito Democratico: Clinton, o Honecker?

A cosa penseranno mai i nuovi membri del nascente Partito Democratico in Italia: a Bill Clinton e ai Democratici americani, o a Erich Honecker, il dittatore comunista della Repubblica Democratica Tedesca?

Il leader radicale Marco Pannella non potrà partecipare come candidato alle primarie per la segreteria del Partito democratico. Lo ha stabilito l’ufficio di presidenza del nascituro soggetto politico unitario, riunitosi questa mattina nella sede di piazza Santi Apostoli a Roma. I sei membri che compongono l’organismo (Maurizio Migliavacca, Antonello Soro, Mario Barbi, Vittoria Franco, Patrizia Toia e Lella Massari) avrebbero maturato la valutazione secondo la quale la candidatura di Marco Pannella risulta nettamente in contrasto con il regolamento e lo spirito della Costituente del Partito democratico.

Categories
English Tourism USA Yellowstone

Yellowstone Report – 1- The Roads

Yellowstone Report (a collection of brief notes about Yellowstone Park and neighborhoods)

(Second entry, about the towns and cities I have visited during my Yellowstone trip, is available here)

1- The Roads

West Yellowstone-Madison – gentle forested intro to the park

Madison-Old Faithful – spectacturlarly vaporous in the extreme

Old Faithful to West Thumb – short climbs through a variety of panoramas

West Thumb to Grand Tetons – heavily forested, good access to lakes

West Thumb to Fishing Bridge – perhaps the most boring; it veers on the left and on the right for no obvious reason, and forever

Fishing Bridge to Canyon – Hayden Valley, lots of animals (bisons) especially around sunrise. Plus mud volcanoes and sulphur cauldrons

Canyon to Norris – not much to see by the roadside, but it is short

Norris to Madison – more hot springs

Norris to Mammoth – quite a few spectacular vistas

Mammoth to Gardiner – dramatic descent out of the park

Mammoth to Tower – not much to see by the roadside

Tower to Canyon – this takes much longer than it looks on paper. Road keeps winding up and down mountains, in and out of forests. Very nice if you have the time, avoid if you don’t

Tower to Cooke City – Lamar Valley, large areas of open space, impressive mountainous panoramas

East entrance to Lake – not as exciting as expected, apart from the lookouts on the Yellowstone lake

Beartooth Pass – very winding road, incredible scenery. Should be done both ways, with plenty of resting time at the top

Salt Lake City to West Yellowstone via Idaho Falls – just keep driving (but stop at Antelope Island to appreciate the Great Salt Lake, and Dinosaur Park for impressive amusement)

Grand Tetons (Jenny Lake) to Idaho Falls – better than expected with Teton Pass

Drive again: Beartooth Pass (after anesthesizing the family); Canyon to Fishing Bridge (every day at 6am); Tower to Cooke City (same); Canyon to Tower (just give it a whole day); Norris to Mammoth (most beautiful)

Not by a long shot: West Thumb to Fishing Bridge (walking it may be a more fun option)

Categories
Italia Italiano Politica

Ai Comunisti Non Piace il Referendum…

Il Manifesto e Liberazione, bonta’ loro, si perdono in chiacchiere per stabilire che il nuovo Referendum elettorale e’ un tentativo di instaurare in Italia una oligarchia (come se adesso, a comandare fosse la classe operaia…).

Ma se la presente legge elettorale e’ una porcata e il Parlamento e’ bloccato nel cambiarla perche’ nessuno votera’ il proprio oblio, e l’unico modo per cambiare le cose sui tempi brevi e’ il referendum, a che pro buttare spazzatura su quella iniziativa, anche se imperfetta?

Ci sono altri modi per cambiare quella legge, e non il referendum abrogativo?

Oppure c’e’ la possibilita’ di cassare altre parti di quella legge, invece di quelle proposte?

Insomma, visto che il problema esiste, c’e’ una proposta alternativa seria, da parte del Manifesto, di Liberazione o di chiunque altri?

Categories
Antiterrorism English Ethics Humanity International Politics

Suicide Bombers Few and Far Between

There is something rather odd in the field of terrorism via suicide bombing.

Possibilities are aplenty, but few opportunities are being taken, strangely everywhere but in Iraq and possibly Palestine. Why would that be so?

If there really is a lot of people trained to explode themselves in the middle of innocent civilians, where are they? Anywhere in the world, what is preventing them to walk into a crowded market (as in Iraq), or a hotel’s lobby (as in Jordan), or an airport (as in Rome), and pop themselves (into Hell) and some luckless bystanders (into Heaven)?

After all, to create terror one doesn’t have to kill 2,000 or even 200 people. Just a couple of deaths twice a week or more in wholly unrelated, preferably urban environments, such as train stations (as in Madrid) would be more than enough to establish one’s terror group strength and political importance.

The USA and the world economy suffered because of 9/11, but I am sure the collapse would have been far greater if instead of 4 planes in a day, there would have been 4 al-Qaeda attacks in the space of a month.

Such a tactic would also obviate at the second-most immediate downside of terrorism via suicide bombing, namely the need to hide, from police and other security forces, the procurement and management of explosive material and the bomb manufacturing.

And yet, all of that is not happening. Iraq aside, and Israel and 9/11 included the number of deaths by suicide bombing may add up worldwide to less than 5,000 in the past decade. In the meanwhile, tens of thousands have died in car accidents, by AIDS and other curable or incurable diseases, etc..

The best possible explanation for such a situation, is that in reality, very, very few people are willing to kill themselves.

After all, the topmost immediate downside of that kind of terrorism, is that it takes at least 20 years to replace any suicide bomber. Whatever the propaganda or the inspiration, numbers can only dwindle down to zero in the medium term (a fact explaining, alongside the Wall, the recent sudden mellowing of Palestinian terror groups, after the large rate of suicide bombings in Israel a few years ago).

That of course raises the question of how much propaganda we are getting about Iraq?

How many terrorist attacks over there have actually been committed by suicide bombers, rather than far-easier-to-manage remotely-controlled explosive devices?

It may take hours, not months and definitely not years to find and prepare a new car bomb.

Is anybody playing to us the dangerous game of showing suicide bombing as easy and common in Iraq, thereby increasing our fears and willingness to give up civil rights, but also inspiring a whole bunch of untrained idiots to cobble up the crudest of bombs, as in the Glasgow airport accident?

One day, even the idiots will manage to kill somebody, by chance or mistake.

Categories
Cambiamento Climatico Clima Italiano Politica Riscaldamento Globale

Niente di Nuovo alla Camera in Tema di Cambiamenti Climatici

E’ stata presentata il 2 luglio 2007 la “relazione della VIII commissione (Ambiente, territorio e lavori pubblici)” della Camera dei Deputati “sulle tematiche relative ai cambiamenti climatici”.

Il fatto che menzionino Katrina fa pensare a un percorso istruttorio a senso unico, cosi’ come l’auspicio che la “difesa del clima” diventi un motivo di ispirazione per l’Europa e la richiesta che tutti si impegnino a livello personale (quasi un ritorno al vetusto “la Patria si difende anche facendo la guardia a un bidone di benzina“).

Buona l’analisi dei problemi riguardo l’ETS, anche se potevano essere piu’ espliciti sullo scandalo dei miliardi regalati ai “padroni del vapore”. Manca invece una critica seria al perche’ l’Italia, e non solo
l’Italia, ha fallito sugli obiettivi di Kyoto.

Non sono molto sicuro sui numeri che vengono distribuiti qua’ e la’…la solita primitivita’ delle valutazioni economico-ambientali-strategiche, se non ci va bene riguardo la TAV, non dovrebbe andarci bene neanche riguardo l’immenso sforzo richiesto per “difendere il clima”.

Categories
Climate Change Darfur English Environment UN

Darfur Conflict Heralds Era Of UN Stupidity Triggered by Climate Change

The behavior of the UN regarding Darfur and the whole of the Sudan is nothing short of scandalous:

(1) The UN were unable to broker a peace between North and South Sudan, and had to rely on non-UN negotiators

(2) The UN could then do nothing at all apart from chatting, to prevent the Darfur civil war and genocide, started not by chance almost exactly when the North-South Sudanese civil war ended

(3) And now, the UN is trying to blame (global) climate change when it has nothing to do with Darfur, where the conflict is about the local vast, untapped underground resources, something that has bloodied Sudan for more than 24 years now (one wonders if this would be news for the “diplomatic editor” of a major British newspaper?)

There is absolutely no need to shove in “climate change”: look no further than the Sahel area in Niger, where rains have come back after the local government has finally decided to take care of its trees.

The downside of the absurdity of the UN intervention, its stupidity, is that time and money will be spent to tackle a non-problem, whilst the real culprits will get an easier ride simply by pointing out “climate change” is somebody else’s fault.

And so, as the actual issues are not taken care of, we can only expect failure about Darfur.

Categories
Catastrofismo Filosofia Italiano Le Scienze Scienza

Evviva Le Scienze

Probabilmente non e’ mai stato di moda celebrare quanto di positivo accada in Italia, almeno non dopo lo scempio del Ventennio.

E quindi non ci sara’ certo nessun Beppe Grillo a sottolineare il deciso miglioramento negli ultimi due o tre anni della qualita’ de Le Scienze, in prima approssimazione l’edizione italiana di Scientific American.

“In prima approssimazione” perche’ Le Scienze ospita ultimamente anche articoli di American Scientist, una rivista molto meno nota ma non per questo meno attendibile e prestigiosa di Scientific American e che per qualche motivo e’ molto meno timorosa di pubblicare articoli decisamente controcorrente.

Per esempio il pezzo dove si presentano prove contro l’idea prevalente che l’ambiente dell’Isola di Pasqua sia stato distrutto dall’ingordigia umana; e quello dove si mostra come tante belle ipotesi sulla catastrofe naturalistica a Chernobyl sono, appunto, ipotesi senza fondamento: anzi, un esempio di come il mondo “scientifico” si dimentichi di fare Scienza quando c’e’ di mezzo la politica. 

===

E’ un po’ triste sentirsi in dovere di applaudire a chi come Le Scienze non ha paura di cantare fuori dal coro…ma in un’epoca dal conformismo sfrenato, bisognera’ accontentarsi. 

Categories
English Outsourcing

The Joy of Outsourcing

Clients tells existing service provider’s call-centre he is moving his customs elsewhere, and he is refusing to pay any penalty for that, finally fed up with their proven incompetence at service provision after 3 months of attempts.

Call-centre employee duly notes down all necessary details. End of call.

No arguing, no attempt at winning the customer back, no hassle at all.

Ah, the joy of outsourcing!

Categories
Diritto Internazionale Guerra Italiano NATO New York Times Politica Storia USA

NATO: La Storia Perduta

Sara Chayes avra’ anche ragione nel difendere il contributo della NATO alla guerra in Afghanistan sulle pagine del New York Times, e nel sottolineare come gli USA abbiano preso sottogamba le offerte di aiuto da parte dei loro alleati dopo l’11 Settembre.Ma uno non puo’ incolpare della situazione un’Amministrazione americana dura e pistolera.

All’epoca del conflitto in Kosovo, infatti, la NATO non fu certo messa da parte, anzi gli USA fecero piu’ del possibile per condurre la campagna sotto l’effettiva egida dell’Alleanza Atlantica.

Sfortunatamente pero’, quasi nessuno fra gli altri membri della NATO sembro’ capirci niente di strategia militare, e tutti preferirono giocare per le sole loro politiche interne. Il risultato fu un incubo per i comandanti americani, evidentemente piu’ avvezzi a combattere il nemico che ad accomodare tutte le richieste piu’ strampalate e i veti dei loro alleati.

Avendo quindi la NATO dimostrato di essere un gruppo troppo chiacchierone e quasi completamente disutile, c’e’ poco da meravigliarsi se fu messa da parte quando ci fu da invadere l’Afghanistan.

Categories
Climate Change Earth Economist English Environment Physics Science The Economist

Grey-sky Hubris on The Economist

If the effect of clouds on climate is “obscure” and “little is currently known about where [aerosols] end up in the atmosphere” (as recognised on The Economist’s “Grey-sky thinking”, July 5, 2007), what kind of hubris is necessary to state, as at the beginning of the article, that “the general trends [of climate] are clear”?

Late-XIX-century physics looked pretty much complete too, apart from the obscure problem of black-body radiation, solved by Planck in 1900 by discovering the hitherto completely unknown world of quantum physics.

Categories
democrazia Italia Italiano Partito Democratico Politica Veltroni

Veltroni Si Da’ Alle Barzellette

Referendum, Veltroni al comitato: “Non firmo ma vi sostengo”

Non sottoscrivo perché candidato al Pd che fa parte di una maggioranza nella quale ci sono opinioni diverse

Insomma: primo non scegliere. E guai a chi alza la testa.

Come scritto in un commento precedente a un mio blog…cosa possiamo aspettarci da un Paese che ha la forma di una scarpa?

Categories
English International International Herald Tribune Kosovo Letters NATO Politics USA

NATO’s Historical Blunders

Sarah Chayes may be right in defending NATO’s contribution to the war in Afghanistan, and in pointing out the USA “snubbing” of its allies immediately after 9/11.

But one cannot blame the situation on a callous/gung-ho American administration.

NATO was in fact not snubbed at all during the Kosovo conflict. The USA did their utmost to present and conduct that campaign as part of the larger NATO umbrella.

Unfortunately, few if any of the other members of the alliance seemed to understand much about military strategy, and they all preferred to play their own form of national politics.

The result was a nightmare for the American commanders, evidently more at ease with fighting an enemy than having to accommodate all the quirky requests and vetos of their own allies.

Having then shown itself excessively argumentative to the point of being almost ineffectual, little wonder NATO was mistrusted by the USA at the beginning of the latest Afghan conflict.

Categories
Italiano Parallelo38 UK

La Quinta Regina

Fu il Re Farouk d’Egitto a dichiarare, appena deposto negli anni ’60, che si aspettava solo cinque regine arrivare al nuovo secolo: quelle di cuori, quadri, fiori e picche, ed Elisabetta d’Inghilterra.

In realta’ e’ il 2007 e di casate regnanti ce ne sono ancora un po’: nell’Arabia dei diecimila principi e principesse, nel Giappone dove il Tenno e’ a capo di una famiglia che comanda da quasi duemila anni, in Brunei dove il sultano paga cinque concerti di Michael Jackson per festeggiare il compleanno (del sultano, non di Michael Jackson). E in Europa, naturalmente, con le casate di Danimarca, Svezia, Norvegia e Olanda.

Ma una parte manca una lunga tradizione, da un’altra la regina va in bicicletta forse in eccesso di modernita’. Insomma, Elisabetta Alessandra Maria Windsor, Regina del Regno Unito, Canada, Australia, etc etc, rimane a livello globale forse l’ultimo epitome di cosa dovrebbe dire ritrovarsi a comandare una Nazione per (s)fortuna di nascita.

E cosa dovrebbe dire? A quanto sembra, dovrebbe dire che la Regina debba volente o nolente vivere in un mondo a parte, a meta’ fra il Tutti Vissero Felici e Contenti e la ridicola pantomima, e in ogni caso su un pianeta lontano da quello dove vive la maggior parte di noi.

Suscito’ infatti scalpore anni fa la notizia che la Regina andasse pazza per il Tupperware, quei contenitori di plastica per conservare il cibo che si sigillano premendo al centro del tappo: che ci faceva la Regina di fronte al frigorifero, ci si chiedeva? E invece e’ considerata normalissima l’innumerevole quantita’ di paggi che circondano la Sovrana e tutta la famiglia, addestrati e pagati per star dietro alle mansioni piu’ strane. Per esempio c’e’ un tizio il cui unico impiego sembra essere mettere il dentifricio sullo spazzolino del Principe Carlo, la mattina. Per il resto della giornata, cosa fara’ costui (il paggio, non Carlo)? Provera’ esperimenti su come distribuire il Colgate in maniera piu’ efficiente? Scrivera’ un libro di “Memorie dello Spazzolino”?

Il rapporto fra i regnanti d’Inghilterra e la servitu’ e’ rimasto al XVII secolo, altro che XXI (a parte il fatto che la toeletta regale non e’ piu’ spettacolo per la Corte, o almeno, speriamo sia cosi’!). Il Galateo regale, per chi invidiasse i padroni di casa a Buckingham Palace, e’ infestato da un numero immenso di regole che non devono rendere la vita poi cosi’ facile. Pensiamo ancora ai paggi, tapini, che devono rendersi il piu’ possibile invisibili, con risultati comici. Per non rovinare i tappeti e i pavimenti con le loro scarpe plebee, allora, eccoli dunque a camminare rasenti al muro e ai mobili, circumnavigando le stanze per andare da una porta all’altra invece di seguire il percorso piu’ breve, in linea retta, come le persone comuni.

L’attaccamento a queste cose e’ tenero, assurdo, drammatico e stucchevole allo stesso tempo. Tenero perche’ davvero per milioni di persone, vedere la Regina passare in auto o carrozza e’ una cosa speciale, paragonabile forse a riuscire a stringere la mano del Papa. E l’intervento in diretta TV, il 25 dicembre, e’ un momento importantissimo delle celebrazioni natalizie, vissuto piu’ intensamene che da noi, il discorso di Capodanno del
Presidente della Repubblica.

Ma allo stesso tempo tutto cio’ e’ palesemente assurdo. Se un domani l’intera Casa Reale si trasferisse sulla Luna, non ci sarebbe alcun cambiamento pratico nella vita della Nazione. Il potere politico e amministrativo reale e’ quasi zero, e tutte le varie cerimonie come il cambio della guardia fra tizi che indossano improbabili cappelloni non hanno ragion d’essere in un’epoca di attentati suicidi. Anche se si dice attirino i turisti non e’ certo quello un buon motivo per continuarle. Il tempo perso per prepararle e’ enorme, rispetto a una pantomima lenta il cui significato sfugge a tutti. Quand’anche servisse ad attirare turisti da tutto il mondo, chi proporrebbe che i Granatieri del Quirinale facessero le piroette? Quantomeno, le piume dei Bersaglieri non pesano il chilogrammo dei gia’ menzionati cappelloni.

C’e’ comunque un dramma di fondo, una specie di teatro collettivo che non puo’ mai essere dimenticato quando si parla di Regno Unito e specialmente di Inghilterra. La Nazione e lo Stato sono stati fondati su secoli di dominazione del Mondo. Alla vigilia della Prima Guerra Mondiale un terzo degli abitanti del pianeta erano sudditi britannici. Sarebbero stati ancora di piu’ se Londra non avesse perduto per incompetenza le colonie americane (il nucleo degli USA), e preso la decisione conscia di rinunciare a sottomettere l’immenso Impero Cinese.

Il periodo di Britannia Caput Mundi e’ finito intorno al 1917, quando gli USA stessi hanno dovuto dar manforte contro l’esercito tedesco; si e’ concluso intorno al 1960 con la fine quasi ovunque della dominazione coloniale britannica; ed e’ scomparso dalla faccia della Terra nel 1997 con la consegna di Hong Kong alla Cina.

Sopravvivere a tali sconvolgimenti non e’ cosa facile: un po’ come il Capofamiglia che un giorno scopra di non poterlo essere piu’ a causa della vecchiaia, il Regno Unito continua a struggersi nel vano tentativo di rimanere fedele al proprio passato di gloria e comando letteralmente sui sette mari. Forse la Corona e’ l’ultima traccia rimasta di quel periodo d’oro, e quindi rinunciarvi sarebbe un po’ come immaginarsi i Francesi abbandonare Parigi: con la non-sottile differenza che la Casa Reale britannica non e’ britannica per niente.

I Windsor, fino al 17 luglio 1917, portavano infatti il cognome tedesco “Saxe-Coburgo e Gotha”, e per parte della regina Vittoria sono discendenti dei principi Hanover, protestanti tedeschi chiamati al trono (dal Parlamento) dopo che si estinse la dinastia degli Orange (i quali erano olandesi…insomma, e’ una storia complessa, ma comunque dal 1066 ad oggi nessun inglese e’ piu’ diventato Re d’Inghilterra)..

Il Principe Consorte, e’ tedesco pure lui. Anzi, visti gli incredibilmente inopportuni matrimoni delle sorelle di Filippo negli anni ’30, Elisabetta II si ritrova bonta’ sua cognata di alcuni alti gerarchi nazisti.

L’identificazione Corona-Nazioni Britanniche e’ quindi quantomeno ironica dal punto di vista storico (e la Regina e’ tale solo per invito del Parlamento). Ma e’ l’impressione, quella che conta: anzi, probabilmente, finche’ Buckingham Palace servira’ a ricordare l’Impero ed i suoi Fasti, i sudditi resteranno recalcitranti sull’Europa, per evitare di dover ammettere che quell’altra epoca e’ davvero finita.

Alla fine tutto cio’ e’ pittoresco per non dire stucchevole. Con tutte le energie che hanno e tutto quello che dovrebbero fare (come per esempio, rendere il tenore di vita minimo un po’ piu’ decente di quello che e’, cominciando con l’abbattere i lager dell’edilizia popolare), e con tutto quello che potrebbero contribuire all’Europa unita invece di fare i soliti giochettini come un bambino che si lagna continuamente: ma perche’ non si svegliano invece di trastullarsi nel passato, e peche’ non guidano l’Europa nella direzione preferita?

Tutto sommato non sarebbe cosi’ male se nel Continente ci fossero condizioni di occupazione come sull’Isola (4-5% di disoccupati) o addirittura a Londra (ZERO percento)

Una speranza c’e’. Elisabetta non ha vent’anni, e anche se glie ne auguriamo altri quaranta sul trono, prima o poi la campana suonera’ anche per lei. Carlo e’ fondamentalmente inadatto a guidare un carrettino del golf (e a dirigere il dentifricio sullo spazzolino…) per cui ci andra’ bene se il suo Regno (se e quando arrivera’) non lascera’ granche’ traccia.

Ma il giovane Guglielmo (William) forse ha ereditato dalla madre Diana Spencer un po’ di consapevolezza del mondo reale in cui vivono persone normali, e i paggi non fanno le circonvoluzioni delle stanze. Non e’ forse nato e cresciuto sotto gli occhi dei fotografi, abituandosi per forza di cose al feroce scrutinio dei Reali che e’ diventato passione di centinaia di giornali e giornalisti da quando Carlo e Diana hanno divorziato?

E quindi, magari intorno al 2027, per necessita’ o per virtu’, la Monarchia inglese potra’ forse permettersi di togliersi fronzoli e paggi, ed entrare nell’era moderna: un po’ come quando Paolo VI libero’ il Papato dalla vetusta nobilta’ vaticana dei Corpi Armati Pontifici della Guardia Palatina d’Onore e della Guardia Nobile (e dai baldacchini).

Il che non vuol dire che Benedetto XVI debba adesso sentirsi in dovere di andare in giro in bicicletta, per dimostrare di essere “una persona normale”.

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Catastrofismo Clima Deimocrazia Italiano La Stampa Lettere Riscaldamento Globale Umorismo

Stampa Surriscaldata e il Povero Gio_c_acchino

To: lettere@lastampa.it

Cara Redazione del quotidiano La Stampa

Antonio Scurati, bonta’ del suo nome, tratteggia il clima a tinte fosche su La Stampa di oggi (“Apocalypse Gore”), per poi dirci che bisogna passare dalle ansie ai fatti, prima che compaia l’atmoterrorismo.

Scurati sembra particolarmente entusiasta dell’idea che tutto cio’ inspiri una “missione generazionale” in coloro abituati alla “pappa pronta”.

Ma io che ho quaranta anni, ce l’ho gia’, le mie missioni generazionali.

Una e’ quella di mandare a quel paese chi passa il suo tempo nella paura e nell’impaurire. Che si prenda un Prozac, il sig. Scurati.

L’altra missione e’ diminuire gli incidenti di battitura sui giornali. E quindi se vi perdono per aver scritto “Giocchino Murat” (ultimo paragrafo, seconda frase) proprio non posso fare a meno di brontolare per quel “Giocacchino Murat” scritto a quattro righe dalla fine dell’articolo di Scurati.

saluti
maurizio morabito

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Catastrofismo Gaia Italiano Radio24 Riscaldamento Globale Scienza

Mario Tozzi, Quando il Clima Fa Perdere La Testa

Guardavo stasera il programma Gaia di Rai3, e notavo sia con favore l’interesse suscitato in Junior (di anni 5), sia con stupore la professionalita’ e preparazione del conduttore, il celeberrimo Mario Tozzi.

In realta’, Gaia e’ forse l’unico programma televisivo che attualmente mi dispiace perdere, quando per un motivo o per l’altro non lo guardo in diretta (anche perche’, misteriosamente in replica non lo mandano proprio mai se non di nuovo in prima serata su Rai3).

Quando parla di terremoti, vulcani, tsunami, naturalmente il geologo Tozzi non puo’ che dimostrare un’ammirevole padronanza di linguaggio. Ma e’ lo stile a tu-per-tu con il telespettatore ad essere accattivante, e a differenziare Gaia dalle lezioncine troppo da scuola elementare della Famiglia Angela.

Cio’ che mi ha piu’ attirato in tutti questi anni e’ stato comunque il trovare una trasmissione italiana di qualita’ e livello simili a quelle naturalistiche della BBC, dove pero’ si possono scoprire particolarita’ del Bel Paese appunto e non dei soliti Albione e USA.

E poi Gaia e’ insuperabile quando come oggi mostra gli effetti “spiccioli” degli sconvolgimenti geologici, come la strada in Hokkaido trasformata da un vulcano in una serie di scaloni.

==========

Di fronte a tutto questo, lo stupore cui ho accennato viene naturale quando uno si rende conto che il Dott. Tozzi, appena si parla di clima, sembra invece trasformarsi in Mr. Hyde, anzi il Sig. Ade, con trasmissioni e proclami da tregenda, e dalle basi scientifiche molto piu’ opinabili.

Per esempio, in un passaggio in radio il 23 gennaio scorso ha intimato con tono adirato che chi non crede al riscaldamento globale, potra’ esserne ritenuto responsabile.

E in un altro passaggio radiofonico, pochi giorni fa, ha collezionato vari svarioni, fra il confondere “uragano” con “tornado” (piu’ di una volta); l’incolpare le migrazioni degli ultimi anni alla desertificazione (neanche Jeffrey Sachs arriva a tanto); il fare spallucce sulle ricerche che dimostrano che le nevi del Kilimanjaro non stanno diminuendo a causa di aumenti di temperatura (nonostante ne parli finanche American Scientist); il ripetere la fantasia secondo la quale l’IPCC e’ fatto di 2500 climatologi concordi sul riscaldamento globale (non e’ vero; per un esempio contrario molto rilevante, si legga qui); e il suggerire che la potenza degli uragani e’ semplicemente legata all’energia disponibile (una posizione estremista anche rispetto al blog cambioclimatista RealClimate gestito da scienziati della NASA; Chris Mooney ha appena pubblicato un libro, sulle discussioni scientifiche in corso).

==========

Insomma di rocce, il signore si’ che se ne intende, ma riguardo le nuvole, pioggia e compagnia bella improvvisamente quasi quasi ne sbaglia piu’ che l’astrologo.

==========

Nel romanzo di Stevenson, il Dr. Jekyll non poteva esimersi dal bere la pozione che lo trasmutava in un mostro. Nel mondo reale, l’impressione e’ che la pozione del Dr. Tozzi si chiami catastrofismo: anzi, catastrofilia, una specie di nichilismo radical-chic troppo in voga al momento in quasi tutto il mondo “Occidentale”, e troppo affascinante perche’ anche uno come il Tozzi possa evitare di perdervici la testa.

Speriamo che prima o poi, trovi l’antidoto. Nel frattempo, quando parla di clima, faro’ finta che il volume sia troppo basso.

Magari le prossime puntate di Gaia sul riscaldamento globale saranno utili per insegnare a Junior come guardare sempre in maniera critica la televisione.

Categories
catastrophism Climate Change English Humanity Humor

Recover from Live Earth – Join Apocaholics Anonymous

Apocaholics Anonymous

(April 20, 2007) Hi, I’m Gary and I’m a recovering Apocaholic. I am currently Apocalypse free for nearly 18 years. I left the church of the Religious Apocalypse in 1976, over 30 years ago, and I resigned from the secular church of the Financial Apocalypse in 1989. Yes, I still feel the urge to proclaim the end of all things, from time to time, but I white-knuckle my way to a history book for a little perspective, and then I breathe easier. If you wish to join AA, the only requirement is that you give up the adrenaline rush of media-fed fantasies.

Since I spoke to you last on this subject, in 1994, we have survived “Bankruptcy 1995” (the original epidemic of Hockey Stock charts), the Big Bang in Hong Kong, years of Y2K scare stories, a SARS epidemic, Mad Cow disease, Bird Flu, a real threat on 9/11, Triple Deficits (Budget, Trade and Balance of Payments), wars in Serbia/Kosovo, Iraq and Afghanistan, Deflation in 2003, Inflation since then, The Perfect Storms of 2005 (Katrina, Rita and Wilma, the 3 Witches of the Bermuda Triangle), and today’s reigning fears of Global Warming, $200 Oil and the Sub-prime Housing Loan Crisis Implosion […]

Categories
Italia Italiano

La Stazione Londinese di Westbound- “Verso Ovest”

Almeno un grande giornale italiano ha riportato nell’edizione cartacea del 6 luglio 2007 (a pag. 15) dell’incidente nella metropolitana londinese nella misteriosa stazione di Westbound con tanto di cartina.

Peccato pero’ che la stazione di Westbound non esista proprio, a Londra: il termine significa infatti “Verso Ovest” e nella notizia originale in inglese sicuramente indicava che il treno che e’ deragliato procedeva, appunto, verso Ovest.

Insomma e’ successo come in quella vecchia barzelletta, dello straniero a cui viene chiesto da dove telefona, e risponde: “Sono in via…Senso Unico“.

Mi e’ stato detto che l’errore e’ nato in una famosa agenzia di stampa. Non posso verificare, anche perche’ ormai anche i tromboni piu’ suonati di quella agenzia avranno capito che e’ il caso di far sparire ogni traccia di questa incresciosa debacle.

Comunque, senza dubbio grazie all’enorme conoscenza della lingua inglese in Italia, nessuno sembra essersi accorto dell’errore.

La cosa piu’ triste e’ che invece qualcuno, da qualche parte, si e’ sentito in dovere di manomettere la cartina della metropolitana londinese, per inserire la stazione fantasma di Westbound.

Se questa e’ la qualita’ delle notizie dalle grandi agenzie di stampa italiane, stiamo proprio freschi…

Categories
English Italy Leaning Tower Pisa Travel

The Three Leaning Towers Of Pisa

While the Leaning Tower of Pisa’s Piazza dei Miracoli is world-famous, its just-as-leaning Pisan siblings are virtually unknown.

One is the Bell Tower of the Chiesa di San Nicola:

Leaning tower of the Chiesa di San Nicola in Pisa

It is half a mile south from the Leaning Tower. It is actually an almost identical twin, albeit attached to its church and with the columnade on the inside.

The other church tower that failed to remain vertical is a few miles to the east, by the Chiesa di San Michele degli Scalzi.

Leaning Tower of the Chiesa di San Michele degli Scalzi in Pisa

In this case, the whole church is leaning to one side too. Apparently, the builders noticed there was something odd about their work, and completed the bell tower with light bricks instead of the heavy stones they had started with.

Categories
Economia Fiat Fiat 500 Italia Italiano Politica

Costretti a Tifare per la Nuova Fiat 500

C’ha poco da rimembrare la Cinquecento della sorellina, il Presidente del Consiglio corso in elicottero a vedersi la Nuova Fiat 500 al Lingotto.

“Auguro alla Fiat di vendere tante, tantissime 500. Il mio non è uno spot ma un senso di contentezza”, dice Romano Prodi.  

E te credo, direbbe Alberto Sordi. La Fiat da sola e’ stata responsabile di un terzo della crescita del PIL italiano nel 2006.

Se la nuova vettura non vende a tutto spiano, buonanotte Tesoretto, e ritornano le vacche magre.

Categories
democrazia Diritto Internazionale Europa Italiano Pace Politica UE

90 Anni Dopo Il Proprio Suicidio, l’Europa Deve Scegliere

(pubblicato su Notizie Radicali del 4 Luglio 2007)

Fra un summit UE e l’altro, e’ facile perdere di vista quanto i problemi da affrontare siano ben piu’ importanti che in passato.

Essendosi espansa a includere i Paesi precedentemente dietro la cortina di ferro, la UE deve infatti trovare un modo per funzionare malgrado i suoi Stati membri vivano in periodi storici differenti.

Chiamatela quindi “Costituzione”, chiamatelo “Trattato”, chiamatelo “Paperino” ma un nuovo insieme di regole e’ necessario per una prospettiva futura invece che un’implosione. E definirlo compiutamente non sara’ semplice.

Il vecchio nucleo occidentale e’ parecchio in avanti rispetto ai nuovi membri orientali, riguardo alla convivenza di interessi nazionali in una Unione di molti Stati. Non che i Polacchi o i Cechi siano lenti di comprendonio: il fatto e’ che dopo aver messo sotto ghiaccio il loro sviluppo nazionale sotto la dominazione sovietica, e’ per essi fin troppo naturale rimettere sul tappeto questioni storiche e di difesa strategica che potrebbero apparire a noi reliquie da seconda guerra mondiale.

E infatti e purtroppo, quelle sono esattamente le domande che non possono interessare alle loro controparti occidentali. Poiche’ per questi ultimi, per noi, la Storia e’ nel migliore dei casi un fastidio.

L’Europa e la cultura europea si sono suicidate quasi esattamente 90 anni fa, piu’ o meno nei giorni della grande, inutile strage della battaglia della Somme.

Tutti gli imperi che iniziarono baldanzosi la Prima Guerra Mondiale furono danneggiati irreparabilmente entro tre anni ed in tutti i Paesi partecipanti soltanto i nazionalisti piu’ biechi non provarono orrore di fronte alla carneficina superflua. A complicare la situazione, milioni erano andati a combattere ispirati da un patriottismo entusiastico, aromatizzato spesso da riferimenti religiosi. E questo in Gran Bretagna, in Francia, in Germania, in Russia, in Italia, dappertutto seguendo modelli molto simili: hanno marciato contenti di uccidersi l’un l’altro, apparentemente ignari delle loro straordinarie somiglianze.

Gli Europei hanno continuato a pugnalare se stessi per altri 30 anni: forse una conseguenza ovvia, con il senno di poi, perche’ la loro guerra non poteva concludersi, vista la sostanziale equivalenza sociale, culturale, economica e storica dei combattenti, che in un suicidio totale, dei corpi e della cultura.

Gli USA entrarono ufficialmente in guerra il 2 aprile 1917. Quel giorno per l’Europa, direbbe Hemingway, suono’ a lutto la campana .

Saltiamo velocemente al 1947. Decisi a distruggersi, gli Europei erano riusciti a completare la Grande Guerra con una Seconda e ancora piu’ grande. Un enorme pezzo di continente fu allora consegnato dalla Storia a quell’esperimento guasto chiamato Comunismo Sovietico.

Un altro grande pezzo, a Ovest, decise invece di rinunciare alla memoria, e far finalmente riposare i suoi fantasmi. Basta nazionalismo violento, basta con il desiderio di schiacciare il vicino, basta con le discussioni su come riparare questo o quel torto storico e quindi, avanti a a tutto vapore con un’Unione di Stati sovrani, abbandonando per strada la religione e altre vecchie abitudini (dal “padre padrone” a “il posto della donna e’ in cucina”).

Alcuni la chiamano “modernita'”. Sessanta anni piu’ tardi, il processo e’ quasi completo.

Non esiste aspetto della vita europea (occidentale) contemporanea che non sia stato influenzato dalla modernita’. Il rinnovamento artistico degli anni ’20 ha generato una varietà incredibile di movimenti. La religione e’ in declino, particolarmente la religione organizzata. E’ diventato perfettamente normale praticare l’omosessualità e allevare bambini senza madre o padre, cose considerate devianti non piu ‘ di 30 anni fa.

E’ irragionevole immaginare i pronipoti di chi fu mandato a morire sulla Marna o a Caporetto, accettare le iniziative dei loro governi senza molto scetticismo.

Ma quella non e’ l’esperienza altrove sul continente . Per esempio la “liberazione” delle donne occidentali e’ riconducibile direttamente alla necessita’ di far funzionare l’economia anche se gli uomini erano al fronte. In paesi comunisti invece, il desiderio di “liberare” uomini e donne e’ stato storpiato sinonimo di trasformare i cittadini in Servi dello Stato.

L’esperienza in Medio Oriente e’ ancora piu’ diversa. Chissa’, forse senza Prima Guerra Mondiale ci sarebbe ancora adesso da lottare per il suffragio universale e femminile… nelle democrazie liberali! (Gli USA, naturalmente, sono un soggetto a parte).

—-

E così il nuovo gruppo di Paesi orientali non può semplicemente entrare nell’Unione Europea senza urla, calci e pugni: particolarmente, la Polonia, un antico impero dal Baltico al Mar Nero, smembrato e spostato con forza verso ovest dai potenti vicini.

I negoziati sempre in corso saranno fruttuosi? Speriamo ci si ricordi, che i fallimenti scompaiono dalla memoria. Speriamo invece che venga lasciato un segno nella storia. Immaginiamo la Germania riconoscere il diverso percorso storico della Polonia, per esempio, riuscire poi a convincere Varsavia a transformarsi in traino dell’Unione: chiudendo finalmente 13 secoli di inimicizia.

Se la UE riuscira’ davvero ad accomodare in maniera razionale tanti Paesi con una tal varieta’ di esperienze, desideri e preoccupazioni, sara’ pronta per un’espansione ulteriore: Turchia, Ucraina, Israele, Marocco, Tunisia… e perche’ no? Trasformandosi in una specie di nuove, spontanee Nazioni Unite , l’Unione diventera’ allora il primo regalo all’Umanità da parte di un’Europa risorta piu’ pacifica.

Categories
Antiterrorismo Deimocrazia democrazia Italiano Lettere Politica Repubblica Terrorismo

Terrorismo da parte de La Repubblica

Lettera inviata a La Repubblica

To: “Lettere al Direttore Repubblica” , “Redazione La Repubblica”

Caro Direttore, cara Redazione

Negli ultimi giorni, a seguito dei presunti attentati di Londra, “La Repubblica” non ha fatto altro che parlare di paura, paura e paura.

Paura a Londra, paura per il concerto di Diana, paura a Glasgow.

Ora, non sono sicuro chi sia il vostro corrispondente da Londra ma fatelo rientrare in Italia perche’ se ha tanta paura e’ meglio che se ne vada.

Io ero a Londra il 7 luglio 2005, ero a Londra giovedi’ scorso e continuo a vivere a Londra. NON vivo in alcuna paura di attentati, e anche se sono consapevole che possono capitare, piu’ che non trascurare pacchi e valigie sospette non posso.

E quindi vado a lavorare in treno, in autobus, in taxi, in metropolitana, a piedi, come sempre.

Professionisti o dilettanti che siano, ci sono dei tizi che vogliono spaventare. Aver paura significa quindi aver perso. E quindi io non ho paura. Amen.

E questo non perche’ io sia piu’ speciale degli altri. Sono in compagnia di centinaia di migliaia di persone. Venite pure a vederli, tutti a fare il loro mestiere come al solito, altro che “paura e paura”. Amen di nuovo.

Trovatemi un Londinese che abbia paura. A parte quelli che scrivono per La Repubblica, naturalmente.

Il vostro comportamento non e’ un problema trascurabile. Grazie a voi e a tanta stampa e TV italiana, devo passare ore interminabili a tranquillizzare i miei genitori.

Possibile che non abbiate meglio da fare che terrorizzare due pensionati? E non avete miglior modo di scrivere che titillare i sentimenti piu’ primitivi dei lettori?

Fatevene una ragione di vita. In questo periodo della storia possono esserci attentati. Possono anche esserci incidenti stradali, fughe di gas, rapine a mano armata, infarti, tumori, e non e’ mai trascurabile il numero di persone che muore scivolando in bagno.

Chi e’ terrorizzato dalla toilette, smetta di lavarsi.

saluti
maurizio morabito