Categories
Filosofia Italiano

Per Riconoscere Un Errore…

…non ci sono “se” e non ci sono “ma”. Non ci sono scuse, e non ci sono difese.

Se si vuole davvero riconoscere un errore, e magari anche imparare qualcosa, e’ molto meglio stare zitti, ascoltare attentamente, evitare di mettersi sulla difensiva e smetterla di giustificarsi.

Perche’ no, anche se uno magari non ci crede davvero, conviene fare finta che quelli che stanno indicando l’errore abbiano davvero ragione. E conviene anche mettersi dalla loro parte.

Altrimenti e’ uno sforzo assolutamente inutile. Peggio: rischia di rivelare che in fondo in fondo uno non vuole riconoscere proprio un bel niente. Ciao ciao reputazione!!

Categories
English Philosophy Sociology

Acknowledging a mistake…

…there is no “if”, there is no “but”. There is no excuse, there is no defense.

If one really wants to acknowledge a mistake, maybe even learn from it, it’s much better to shut up, listen wholeheartedly, avoid being defensive, stop rationalizing.

Say, even if one doesn’t really believe it, pretend that the people pointing out the mistake are right. Get on their side.

Otherwise it’s going to be as useful as running in circles. Worse: it may reveal one as not actually having acknowledged a thing. Bye bye reputation!!