Categories
Astronomy & Space English Science Space

What Trouble with Pluto?

There is one thing I can’t understand in the ongoing “what’s a planet” saga (now set to demote Pluto, Ceres and anything else apart from the 8 pre-1930 classical planets)

Say, if the previous proposal had been accepted and we were presented with 12 planets: what was wrong with that?

The New York Times went as far as to define it an “abomination

Let me rephrase that: in-between bombings, volcanic eruptions and Dick Cheney’s declarations about anti-Iraq-war campaigners being al-Qaeda complicits, the NYT editors have found the space&time to say that to expand the definition of “planet” is an “abomination culturally

Edwin Hubble discovered in 1923-24 that unfathomable numbers of Galaxies populate the Universe. Did he ever have to think that having more than a handful of Galaxies would have been any kind of “abomination“?

————–

On the other hand there is something we are going to miss if there are only 8 planets in our System. Simply, there will be fewer targets to reach.

————–

As for the current proposal, it is way too elaborate and so it defeats itself.

For example if a planet is “by far the largest body in its local population“, and “the local population is the collection of the objects that cross or close approach the orbit of the body in consideration“, I can imagine plenty of objects beyond Neptune whose orbit does not cross or close approach much of anything else (what is in fact the meaning of “close“?)

Also, what is wrong with Ceres, that is way larger than any other asteroid, and moves in an orbit with little inclination and eccentricity?

————–

Finally, that proposal depends on the current theories on the formation of the Solar System. Do we really have to change the definition of “planet” every time we improve our science?

Categories
Innovazione Italiano

Cars – rigorosamente per patiti delle quattro ruote

Anche se alcuni critici con problemi alla combustione la pensano diversamente, il nuovo cartone animato della Pixar, Cars” non e’ una delusione

E’ un film avvincente, pieno di un umorismo anche sottile e nascosto, con una storia e una serie di significati complessi molto piu’ adulti dei divertissement chiamati Toy Story e Monsters & Co..

John Lasseter, un vero mago del cartoon, e la sua allegra combriccola hanno fatto un film dal titolo piu’ che ovvio: tutto in esso riguarda le quattro ruote, e anche le ronzanti mosche non sono che camion in miniatura

L’unica biologia consentita sembra essere sotto forma di piante, particolarmente saguari

Puo’ quindi essere un’esperienza terribile da vedere se… odiate camion e automobili!!!

Forse non “uno per le signore”?

E quanti bambini capiranno la meta’ delle battute, o persino riconosceranno una Fiat Cinquecento vecchio stile?

Cars e’ un film che va rivisto parecchie volte. Certamente sara’ dichiarato un capolavoro nelle decadi a venire, forse l’araldo di una nuova era di film d’animazione principalmente pensati per un piu’ vecchio segmento del pubblico che i soliti bambini

Categories
English Innovation

Pixar’s Cars – a movie for automotive buffs (no spoiler)

Whatever certain engine-challenged critics have decided to report, the latest Pixar feature, Cars is no “dud”.

It is an engaging cartoon full of hidden jokes and with a storyline and complex meanings way beyond any Toy Story or Monsters Inc. divertissement

Cartoonist extraordinaire John Lasseter and friends have made a movie that does exactly what it says on the tin: everything in it is about cars, down to the buzzing flies (miniature trucks). The only biology appears to be in the form of plants, especially saguaros

It may therefore become a little boring if you happen…to hate cars and trucks.

Perhaps not “one for the missus”?

And how many children will understand half of the jokes, or even recognize an old-style Fiat Cinquecento?

Cars is a movie that deserves to be seen several times. It will surely be declared a masterpiece in the decades to come, perhaps the herald of a new era of feature-long cartoons mostly aimed at an older segment of the audience than usual

Categories
Ambiente Cambiamento Climatico Italiano Politica Scienza

Propaganda sul Cambiamento Climatico? No grazie

TCS Daily (Edizione Europea) ha appena pubblicato un mio articolo (in Inglese) sul Lato Oscuro della propaganda sul riscaldamento globale, scritto a commento del nuovo rapporto “Calde Parole: Come stiamo raccontando la storia del cambiamento climatico e come raccontarla meglio?

Tradurro’ presto il testo in Italiano. Eccone alcuni assaggi:

I pessimisti sul riscaldamento globale [… ] vengono ora incoraggiati a costruirsi una loro propria realtà, quasi certamente destinando tutti noi ad un triste futuro. Armati di propaganda invece che razionalita’, stanno sostenendo un’ortodossia che rievoca certi Stati comunisti. […]

[Gli autori del rapporto] arrivano quasi a riconoscere implicitamente che forse il catastrofismo sul cambiamento climatico e’ “un’altra costruzione apocalittica [… ] forse un sottoprodotto delle nostre immaginazioni culturali”. […]

Qualcuno sta forse preparando il terreno perche’ zeloti eco-rivoluzionari rimuovano la maggior parte delle nostre liberta’ e una vasta gamma dei nostri successi tecnologici, imponendoci una vita “ecologica” di dolore, malattia, lavoro manuale, pensando che l’ingegnosita’ umana e’ una malvagita’ che distruggera’ il pianeta invece che migliorare le nostre vite? [… ]

Sto ancora aspettando che un singolo fenomeno metereologico (ad esempio il percorso degli uragani; o i venti prevalenti in una zona) cambi a causa del riscaldamento globale. Se ne venite a conoscenza, fatemelo sapere!

Categories
Climate Change Democracy English Policy Skepticism

Climate Change Propaganda? No thank you

Today’s TCS Daily (Europe) sported my article on the sinister side of Climate Change propaganda, a commentary on the recently-published report ““Warm Words: How are we telling the climate story and can we tell it better?”

global-warming pessimists […] are now being encouraged to make-believe their own reality, building for all of us an almost certainly gloomy future. Armed with propaganda rather than rational persuasion, they are advocating an orthodoxy reminiscent of some past Communist States. […]

[The authors of the report] go as far as to implicitly recognize that possibly climate change catastrophism is “another apocalyptic construction […] perhaps a figment of our cultural imaginations”. […]

Is the terrain being prepared for zealot eco-revolutionaries soon to remove most freedoms and a wide range of technological achievements, imposing us a future “eco-friendly” life of pain, illness, manual labour and struggle, with the belief that human ingenuity is an evil that will destroy the planet instead than improve our lives? […]

I am still waiting for a single weather pattern to change due to Global Warming. Feel free to point that out when (and if) it happens

Categories
Italiano Uncategorized

Il Terrore Viene Dalla Supposta

Notizia appena ricevuta dal futuro

Londra, 14 agosto 2011 (MNN) – La Polizia Britannica ha sventato oggi un grosso piano terrorista basato su un inusuale impiego degli orifizi corporei. Un gruppo di uomini, donne, bambini e cani sono stati arrestati in varie zone del Regno Unito dopo che una fonte interna ha ventilato i loro programmi di salire su una serie di aerei, treni e automobili dopo essersi inseriti delle supposte esplosive nel loro, insomma, lo sapete tutti sapessero dove si infilano le supposte

Mentre le forze di sicurezza stanno rimuovendo i potenziali sistemi di innesco (fagioli) da cucine e frigoriferi, migliaia di medici precedentemente trascurati ricevono le luci della ribalta (e di piccole torce) in tutti i piu’ importanti aeroporti internazionali

Sono incaricati di procedere ad esami proctologici di tutti i passeggeri. La gente sta reagendo in maniera sorprendentemente tranquilla alle nuove, approfondite procedure di sicurezza. Forse sono usi all’esperienza, uno si domanda?

In altre notizie, fonti ufficiali indicano che le nuove proposte di sicurezza dei viaggi aerei contro il terrorismo includeranno la proibizione di trasportare esseri umani a bordo. Secondo un portavoce, “E’ un fatto ben noto che tutti i terroristi sono esseri umani, e quindi e’ nell’interesse dei viaggiatori che ci assicuriamo che nessun rappresentante di quella specie viaggi su voli di linea”

Categories
Antiterrorism English Humor Politics UK

The Nightmare of the Terror Suppository

Just received from the future

London, 14 Aug 2011 (MNN) – British Police has today foiled a major terrorist plot involving a novel usage of bodily orifices. A group of men, women, children and dogs were arrested in various parts of the UK after an inside source aired their plans to board a series of planes, trains and automobiles after inserting exploding suppositories in their, well, you all know where suppositories are meant to be inserted

Whilst security forces have been removing potentially triggering beans from kitchens and refrigerators, thousands of previously neglected doctors are being given the limelight (and some searchlights) in all major international airports

They are instructed to proceed with proctological examinations of all passengers. People are reacting surprisingly calmly to the new in-depth safety procedures. Are they used to the feeling already, one wonders

In other news, reports indicate that new proposals for air travel safety against terrorism will involve the prohibition to carry humans on board. According to a spokesperson, “It is a well-known fact that all terrorists are humans, so it is in the interest of travelers that we make sure none of that species travel on passengers planes”

Categories
Antiterrorismo Italiano Politica UK

Antiterrorismo piu’ cinematografico che serio

Le analisi che ho letto riguardo la spettacolare azione antiterrorismo del 10 agosto 2006 sono omnicomprensive a parte un
punto che mi e’ molto a cuore come abitante di Londra dalle fattezze vagamente mediorientali

La polizia inglese dice di aver sventato una dozzina di attentati in tutti questi anni. Prove non se sono viste molte. Anche il 10 agosto 2006, zilch, niente, nisba, nada

L’unica cosa seria dall’11 settembre ad oggi e’ stato lo shoebomber, che infatti e’ stato catturato (all’ultimo momento), processato, e condannato. La foto della scarpa e’ stata subito disponibile

Di tutti gli altri possibili attentatori e attentati, nessuna traccia se non nelle dichiarazioni della polizia

In compenso, un Brasiliano innocente e’ stato ucciso dalla stessa polizia, e un inglese con la barba lunga e l’origine asiatica e’ stato colpito da un proiettile in casa sua dopo una irruzione gigantesca, assolutamente inutile e basata su chiacchiere

Con quale fiducia dobbiamo quindi prendere questa ultima azione altamente cinematografica?

E’ altamente probabile che fra due, tre, quattro settimane la maggior parte degli “attentatori” di ieri siano liberati con tante scuse, e magari due di loro condannati per infrazioni minori e senza relazione alcuna con il terrorismo

Un radioascoltatore ha insinuato venerdi’ in un messaggio a Radio 24 che c’e’ un complotto per nascondere la guerra in Libano. Io non sono d’accordo: c’e’ che (in UK, ma ahime’ temo anche altrove) siamo in mano a un gruppo di incompetenti esagitati che farebbe bene a lavorare seriamente e con meno cagnara

Basti pensare al cappellano islamico di Guantanamo (arrestato come spia, condannato per le foto di quattro ragazze nude sul suo PC); o all’avvocato di tanti falsamente accusati di terrorismo negli USA anche lui incarcerato con tanta fanfara, e poi liberato poco dopo senza mezza accusa); ai tredici “terroristi pachistani” arrestati in Italia anni fa (solo dei poveracci)

Dall’altra parte, gli attentati di Madrid e Londra compiuti senza problemi

Uno certo non pretende che la polizia le azzecchi tutte, ma insomma speriamo che ne azzecchi una volta, almeno una

Categories
Antiterrorismo Italiano Politica

Il Terrorismo Suicida, Idiota e Condannato ad Autodistruggersi

Le notizie vanno e vengono. Che diremo se Scotland Yard fra un mese chiedera’ tante scuse a tutti quelli coinvolti nell’organizzazione di un attacco terrorista fasullo?

Molto piu’ importante, per la maggior parte di noi e’ chiedersi quale sia la prospettiva a lungo termine del terrorismo suicida.

E la risposta e’ che non c’e’ molto da temere, perche’ il terrorismo suicida dei nostri giorni e’ idiota e condanna se stesso all’autodistruzione (a meno che non facessimo qualche errore spaventoso):

  • Per la legge dei rendimenti decrescenti, o gli attacchi diventano sempre piu’ eclatanti, o la popolazione vittima scegliera’ l’assuefazione piuttosto che timore in aumento. E’ come aprire con una posta troppo alta, e dover poi vendere la casa solo per continuare a giocare d’azzardo
  • Ci sono milioni di vittime potenziali ed un giorno una di loro certamente fornira’ soluzioni per impedire le uccisioni di massa, rendendo ulteriori attacchi difficili da organizzare: si pensi al Muro israeliano, si pensi alle nuove tattiche della Marina degli Stati Uniti dopo la prima ondata di piloti giapponesi suicidi
  • Oggi come allora, “i migliori e piu’ dotati” nell’organizzazione del terrore sono quelli che si fanno esplodere. Per sostituirli occorrono almeno due decadi. Nel frattempo, i ranghi dei terroristi saranno sempre piu’ pieni di furbetti codardi che non hanno il coraggio di commettere quel suicidio che chiedono continuamente agli altri
  • C’e’ chi desidera morire, mentre il resto del mondo desidera vivere. Chi rimarra’ in giro piu’ a lungo? In media, entrambe le aspirazioni saranno soddisfatte
  • Per vincere nella lotta contro società relativamente bene organizzate, i terroristi devono ottenere le armi di distruzione di massa. Ma anche in quanto caso, l’unica cosa che riusciranno a fare, e’ eliminare se stessi

Invece di rendere la vita dei molti sempre piu’ difficile, la cosa migliore che possiamo fare e’ in primo luogo continuare le nostre vite in maniera normalissima (a meno che naturalmente uno non sia coinvolto professionalmente nella prevenzione di attacchi terroristici e di altra criminalita’)

Categories
Antiterrorism English International Policy Politics

Idiotic, Suicidal Terrorism Is Bound To Destroy Itself

News come and go. What if Scotland Yard comes back in a few weeks’ time apologizing to everybody and anybody ever accused of masterminding a bogus terror plot

Much more important for most of us, what is the long-term perspective of present-day suicidal terrorism?

It’s that there isn’t much to fear about, because suicide-based terrorism is peculiarly idiotic, bound to destroy itself (unless we do anything egregiously wrong)

  • For the law of diminishing returns, either attacks get bigger and bigger, or the targeted population will feel habituation rather than increased fear. It’s like opening (the proverbial bonfire) with the stakes too high, and having to destroy one’s forest simply to keep up
  • There’s millions of potential victims, and one day they will surely come up with novel solutions to prevent the killings, making further attacks quite hard to organize: think the Israeli wall, think the changed tactics of the US Navy after the first round of Japanese Kamikaze pilots
  • Just like then, “the best and the brightest” in the terror organization are bound to blow themselves up. They can be substituted, but it does take around two decades to make another terrorist. In the meanwhile, ranks will be increasingly fuller of coward weasels that couldn’t stomach the suicide they themselves require of the others
  • Those people want to die whilst the rest of the world wants to live. Guess who’ll be sticking around the longest? On average, both aspirations are bound to be fulfilled
  • In the fight against relatively well-organized societies, for the terrorists the only way to victory is to get hold of weapons of mass destruction.  But even in that case, the only thing a suicidal terror organization will succeed in doing, is to eliminate itself

Instead of making the life of the many increasingly more difficult, the best thing we can do is first and foremost to get on with our lives (unless of course one is professionally involved in the prevention of terror attacks and other criminality)

Categories
English Radio Technology

The Future of Radio Broadcasting

Three non-mutually-exclusive directions for the future of radio broadcasting:

(1) So-called High Definition Radio (HD Radio), using existing frequencies for high-quality sound, simultaneous multi-programme broadcasting, digital services, etc

(2) Continent-wide Satellite Radio, like Italy’s WorldSpace, widening the number of potential listeners to anyone that understands the language, and allowing transmissions in zones where the signal is weak or intermittent

(3) Obviously, a widespread use of podcasts, and their transformation in commercial vehicles with the introduction of very short advertising (and therefore not easy to fast-forward on an iPod or equivalent)

In theory one would also be speaking about DAB, the “digital radio” fanfared in the UK, but despite years going by and an unremitting passion as radio listener, I do not see any future in an expensive technology that basically promises only a cleaner sound (and is still battling with its own million different “standards”)

Categories
Italiano Radio Tecnologia

Il Futuro della Radio

Tre direzioni non mutualmente esclusive per il futuro della Radio 

(1) La cosiddetta Radio ad Alta Definizione (HD Radio) che consente di usare le frequenze esistenti per suono ad alta qualita’, trasmissione simultanea di piu’ programmi, servizi digitali, etc

(2) la Radio Satellitare a distribuzione Europea tipo WorldSpace Italia, allargando il bacino di utenza a chiunque padroneggi la lingua, e consentendo l’ascolto anche in zone dove il segnale attuale e’ debole o intermittente

(3) naturalmente, il sempre piu’ diffuso uso dei podcast, e la loro trasformazione in veicoli commerciali con l’introduzione di spot pubblicitari cortissimi (e quindi non evitabili a pie’ pari come accade oggi quando basta andare in avanti di qualche minuto con l’iPod)

In teoria ci sarebbe da parlare anche della DAB, la “radio digitale” mercanteggiata in Gran Bretagna, ma nonostante gli anni passino e la mia passione per il mezzo non diminuisca, non vedo alcun futuro in una tecnologia costosa e che promette solo un sonoro piu’ pulito

Categories
Economia Italiano Peak Oil Petrolio Politica Storia

Il Prezzo del Petrolio Pronto a Diminuire

AGGIORNAMENTO: Ebbene si’, da quando ho scritto il blog qui sotto, il Petrolio non ha fatto che aumentare. La mia solita fortuna…rallegriamocene comunque: fare click qui per capire perche’

Il prezzo del petrolio diminuira’ presto, e per ragioni che sembreranno ovvie con il senno di poi…perche’ allora non parlarne per una volta con il senno di prima?:

  • Dietro i recenti aumenti c’e’ una combinazione di cause transitorie come il fiasco iracheno e la “mentalita’ del gregge” che ha spinto molti alla compravendita di materie prime, e li ha convinti a comprare petrolio visto che lo facevano e fanno tutti. Quando quelle cause diminuiranno, cosi’ fara’ il prezzo del petrolio
  • Prezzi piu’ elevati stimolano ricerca su come estrarre piu’ petrolio. Quando il mercato ritrovera’ la salute mentale, l’aumento dell’offerta significhera’ prezzi piu’ bassi
  • Prezzi piu’ elevati stimolano anche la costruzione di raffinerie supplementari, che pero’ sono pronte solo dopo alcuni anni. Il prezzo del petrolio crollera’ quando cominceranno a funzionare tutte nello stesso moment: cosi’ come quelle miglia e le miglia di fibre ottiche posate indicato durante il boom di Internet degli anni ’90 sono dietro l’odierno cybersurfing poco costoso e le telefonate gratuite in tutto il mondo
  • La possibilità che il petrolio sia piu’ costoso perche’ abbiamo raggiunto proprio ora un picco nelle possibilita’ di produzione è remota. Perche’ ora? Perchè non 10 anni fa, o 20 anni nel futuro? Perche’ dovrebbe capitare in maniera cosi’ sospetta vicino a “9/11” e alle crisi che si sono susseguite?

La vera differenza questa volta e’ che tutte quelle previsioni di disastri futuri saranno per sempre disponibili su Internet, forse per farsi una buona risata quando “gli esperti” proveranno a riciclarsi in avvenire fra coloro che dicono che “il petrolio e’ praticamente inesauribile”

Categories
English History International Politics

Oil Prices are bound to fall soon

Oil Prices are bound to fall soon…and for reasons that will appear obvious in hindsight (so why not spell them out now?):

  • Behind the recent price hikes for crude oil there is a combination of transient causes such as the Iraq fiasco, and the herd mentality that has brought many people into the Commodities markets and convinced them to buy oil alongside everybody else. When those causes will deflate, so will the oil price
  • Higher prices stimulate more research into how to extract more oil. When the market will find again its sanity, higher supply will mean lower prices.
  • Higher prices stimulate also the construction of additional refineries. These take several years to come online, and will crash the price of oil when they’ll all do at the same time: just as those miles and miles of communications cable laid down during the Internet boom of the 1990’s are behind today’s cheap cybersurfing and free worldwide calls,
  • The possibility that oil is costlier because we have just reached a peak in production capabilities is remote. Why now? Why not 10 years ago, or 20 years in the future? Why would it happen so suspiciously close to 9/11 and the crises that have followed?

The real difference this time around is that all those predictions of future doom-and-gloom will be forever available on the Internet, perhaps for a good laugh when “experts” will try to recycle themselves in the future into the “oil is a practically inexhaustible resource” camp

Categories
Italiano Uncategorized

Mancano solo 898 giorni

Il 20 Gennaio 2009 il 44mo Presidente degli Stati Uniti d’America finalmente giurera’ e sostituira’ il 43mo

 Anche se non e’ impossibile immaginare il prossimo inquilino (o inquilina) alla Casa Bianca fare peggio del Presidente George W Bush (e dei suoi amici), non e’ certo una cosa scontata

Categories
English USA

898 days to go

On January 20, 2009, the 44th President of the United States will finally be sworn and take office

Although it is not impossible to imagine the new guy (or gal) faring worse than President George W Bush (and friends), it is definitely not a given either

Categories
Antiterrorismo Diritti Umani Diritto Internazionale Guerra Italiano Pace Politica

Pensare l’Impensabile: I Bombardamenti come Crimini di Guerra

Le vite dei civili nemici hanno già poca importanza, a parte che in ipocrite dichiarazioni per la stampa

L’aumento progressivo nel rapporto fra le vittime civili e quelle militari è stato una tendenza molto triste durante la storia bellica della nostra specie. Insieme al generale aumento di efficienza omicida delle nostre armi, cio’ significhera’ che fra pochi decenni se non anni, le guerre saranno combattute con zero morti fra i guerrieri e milioni, nel resto dell’umanità

Addirittura, il fatto che le guerre principalmente uccidano e feriscano gente senza armi, senza nessuna intenzione di usare armi e che non pone assolutamente nessun pericolo per il nemico, è considerato cosa logica e ragionevole. Ed e’ accettato.

Mentre in realta’, non ha senso

——–

Mi sono sorpreso questa settimana al sollievo di ascoltare che infine soldati Israeliani hanno marciato in Libano, anziché i soliti giri di aeroplani militari che provano a distruggere “chirurgicamente” e nel frattempo uccidono centinaia di innocenti (senza accennare alle vite storte e rovinate degli innumerevoli bambini che vivono nel terrore del suono dei bombardieri)

Finalmente, ho pensato, ci sara’ la’ un combattimento reale fra persone, senza l’intermediazione di bombe lontane

E così ci sarà la speranza che un soldato non ucciderà un gruppo di bambini, al contrario di un pilota di aeroplano: forse, per il solo fatto che il soldato dovra’ guardare chi sta uccidendo, mentre il pilota da’ via la sua anima via ad un assassino robotizzato chiamato “bomba intelligente”

——–

Può un bombardamento essere qualche cosa d’altro che un crimine di guerra?

Poniamo che sei un combattente di Hizbullah che spara razzi verso Israele. Li stai mirando a qualche cosa in particolare? Altrimenti, tutto e ciascuno sono i tuoi “obiettivi”. Ma allora che vantaggi militari sono guadagnati nell’uccidere madri e bambini, cosa che certamente capitera’? E se ci non sono vantaggi, cosa fai sparando quei razzi se non un’uccisione indiscriminata, un crimine allora contro le regole della guerra?

Pensa invece di essere un pilota israeliano che libera una “bomba astuta” per distruggere una costruzione da dove ti e’ stato detto che razzi vengono sparati da Hizbullah. Ora immagina che la bomba colpisca realmente tale edificio, non uno vicino. E pensa se dieci bambini sono uccisi. Anche se qualcuno potesse dimostrare i vantaggi militari guadagnati nel fare quello che si e’ fatto, chi lo fara’ mai? Che tribunale indipendente controllera’ il tuo comportamento? Ed ancora, se ti dispiacesse per quei bambini, che cosa ti renderà meno responsabile di una persona altrettanto dispiaciuta, colpevole di omicidio colposo?

Una brutta storia che non è limitata a Israele e nel Libano. Gli Stati Uniti ed altre nazioni hanno periodicamente giustificato bombardamenti di villaggi in Irak e  Afghanistan, come un modo giustificato per eliminare terroristi di Al-Qaeda.

Cosi’ come in Vietnam, uccidiamo delle vite per “liberarle”

——–

Non ho nemmeno accennato all’uso delle bombe “a cluster”, allegramente galleggianti verso terra mentre attraggono bambini piccoli perche’ le tocchino – e muoiano

Che cosa facciamo con gli assassini ed i colpevoli di omicidio colposo nella vita “normale”? E perchè dovrebbe tutto cio’ essere differente in guerra, a parte che quando tutti i partecipanti siano combattenti (e quindi abbiano deciso di “sottomettersi” alle “regole del gioco”)?

——–

Che genere di civilizzazione e’ la nostra: una che imparato dalla distruzione dei Nazisti di Guernica in Spagna durante la guerra civile locale?

Stiamo identificandoci forse ai tanto disprezzati Nazisti? Quale altra politica o strategia Nazista e’ sopravvissuta fino ad oggi, a parte la “guerra totale”?

Ma per qualche motivo tutti la vogliono, la “guerra totale”, dove ogni passeggino ed ogni letto di ospedale nelle mani del nemico deve essere bombardato come una portaerei o una fabbrica di bombe sporche

Per salvaguardare le nostre vite, diamo a Governi che abbiamo scelto liberamente la licenza di colpire altre persone, comunque innocenti, per quanto giovani o vecchi.

Quanto e’ piacevole dormire bene con la nostra insanguinata coscienza a posto.

Davvero i Cancelli del Cielo si aprono solo per pochissimi

——–

Che cosa dovrebbe fare uno Stato allora, per combattere un altro Stato o milizia? Che usi un metodo “nuovo e rivoluzionario”: invii la fanteria allo scopo preciso di trovare, disperdere, distruggere i soldati nemici!

Perderai abbondanza di soldati (se non puoi digerire l’idea, arrenditi immediatamente): ma concentrerai la sua potenza fuoco nell’eliminazione delle capacità del nemico di nuocere il tuo Paese.

——–

Come puo’ qualcos’altro essere considerato come “ragionevole”?

Che cosa penseremmo di un corridore automobilista che sprechi il combustibile per investire tutti i meccanici delle altre squadre e le loro famiglie, invece di focalizzare sulla vincita della corsa con lo sforzo minimo possibile?

Un’analogia più completa sarebbe: che cosa penseremmo di un corridore automobilista che (1) eliminasse tutti i meccanicii delle altre squadre e le loro famiglie, (2) rendesse la corsa degli altri guidatori più facile e (3) allineasse i suoi propri meccanici affinche’ vengano buttati giu’ dagli altri piloti?

Infatti i bombardamenti hanno sempre rinvigorito il patriottismo di chi li subisce.

E ogni civile che muore come “danni collaterali” è un argomento in favore del fare esplodere bombe terroriste in mezzo a folle ignare: in entrambi i casi, i civili sono considerati obiettibi legittimi

——–

Dunque, le convenzioni di Ginevra dovrebbero essere espanse per proibire tutti i generi di guerra a distanza, cominciando dai bombardamenti, a parte circostanze eccezionali (come il bombardamento di installazioni militari)

——–

Dobbiamo proteggere i civili nel nostro proprio interesse, poiché l’idea che i bambini e gli anziani possono essere considerati per un momento come obiettivi legittimi o persino danni collaterali accettabili, e’ certamente ripugnante per tutti tranne che per assassini sanguinari

Ed è le nostre vite che stanno diventando più e più a buon mercato, quasi un materiale di consumo. Dobbiamo tornare ai confronti militari fra forze militari? Chiunque tocchi in combattimento una persona che non sta combattendo, dovrebbe essere considerato un criminale di guerra e trattato come tale

——–

E’ fattibile, tutto cio’? Sappiamo che potremmo vincere le guerre annichilendo ogni persona fra la popolazione nemica. Lo abbiamo fatto per migliaia di anni, ma adesso siamo riuscito a proscrivere un tal crimine contro umanità.

Molte nazioni possono avere accesso ad armi chimiche dagli orrori incomprensibili e un enorme potenziale omicida. Molti le hanno usate, fino alla seconda guerra mondiale. Ma siamo riusciti a rendere fuorilegge anche quel crimine contro umanità

Analogamente per le bombe atomiche

——–

L’unica cosa ci che impedisce di vedere i bombardamenti e tutti i altri generi “di guerra a distanza” per i crimini che sono, e’ la stessa cosa che ha impedito ai nostri antenati di capire che ci sono regole anche in guerra: i quali antenati quindi non si sono mossi finche’ non e’ stata fondata la Croce Rossa, con il suo trattamento sanitario per tutti i soldati nemici ferriti, le baionette aggiustate su un modello privo di inutili danni

——–

Pensa l’impensabile: Considera ogni Bombardamento un Crimine di Guerra

Categories
Democracy English Humanity Israeli / Palestinian Politics Sociology

Think the Unthinkable: Make Bombing a War Crime

Lives of enemy civilians have already little importance but in hypocritical declarations for the media.  

The progressive increase in the ratio between civilian and military casualties has been a sad trend during the history of war. Together with the overall rise in our weapons’ killing efficiency, it will only mean that in a few decades if not years, wars will be fought with zero dead among the warriors, and millions among the rest of humanity

Actually, the fact that wars mainly kill and maim people with no weapon, no intention to use weapons and posing absolutely no danger whatsoever to the enemy, is considered sound and sensible. It is accepted. 

But it really makes no sense

———-

I was surprised actually this week at my relief when finally Israel soldiers marched into Lebanon, instead of just the usual rounds of military airplanes trying to “surgically” act and killing hundreds of bystanders in the process (not to mention the distorted lives of countless children living in terror of the sound of bombers flying nearby)

Finally, I thought, there will be real people fighting each other directly, not through bombs far away

And so there will be the hope that a soldier won’t kill groups of children, like an airplane pilot does: perhaps, by the mere fact that the soldier will have to look at whom he’s killing, whilst the pilot gives his soul away to a robotic murderer.

————

Can bombardment be anything but a war crime?

In fact, say you are a Hizbullah fighter shooting rockets towards Israel. Are you aiming them at anything in particular? If not, anything and everything is your “target”. But then what are military advantages gained in killing mothers and children, something that is bound to happen? And if there aren’t what are you doing shooting those rockets but an indiscriminate killing, a crime then against the rules of war?

Say you are instead an Israeli pilot releasing a smart bomb to destroy a building where you’ve been told Hizbullah wdfd shooting rockets from. Imagine now the bomb actually hits that building, and not one nearby. Say, tens of children are killed. Even if somebody would be able to demonstrate the military advantages gained in doing that, who is going to do that? What independent tribunal will check your behavior? And still, if you were sorry about those children, what will make you less liable than a just-as-sorry person guilty of manslaughter?

This is not limited to Israel and Lebanon. The US and other forces have periodically justified the bombings of villages in Iraq and Afghanistan, as a justified way of targeting al-Qaeda terrorists.

Just as in Vietnam, we terminate lives in order to free them

————

The above does not even cover the use of cluster bombs, merrily floating towards the ground while luring little children to get near them toy-like killers

What do we do with killers and people committing manslaughter in “normal” life? Why would that have to be any different in war, apart than when all the people involved in the war are consciously doing so?

————

What kind of civilization are we talking about: one that has learn its ways out of the Nazi’s destruction of
Guernica in Spain during the local Civil War?

Are we willingly equating ourselves to the supposedly despised Nazis? Has any other Nazi policy or strategy been accepted in any other part of life?

And yet for some reason we all espouse the idea of “total war”, where every pram and every hospital bed in the enemy’s hands is to be bombed like an aircraft carrier or a dirty-bomb production facility

Instead, for the sake of safeguarding our lives, we give the Governments we have freely elected the power of taking out somebody else’s, however innocent, however young or old. How nice to sleep soundly with our consciences bloodily clean

Truly the Pearly Gates will open only for a few elected people!

————

What should a State do then, to fight another State or militia? Use a “novel” approach: send infantry with the precise aim of finding, routing, destroying the enemy soldiers.

You’re going to lose plenty of soldiers (if you can’t stomach that, surrender at once): but you will concentrate your fire power onto getting rid of the enemy’s ability to harm you and your country.

————

How can anything else be taken as reasonable?

What would you think of a racing driver wasting fuel in knocking down the mechanics of the other teams and their families, instead of focusing on winning the race with the minimal effort?

A more complete analogy would be: what would you think of a racing driver intent at (1) knocking out down the mechanics of the other teams and their families, (2) making the other drivers’ racing easier, and (3) lining up his own mechanics for the others to eliminate?

Because bombings have always elicited a stronger fighting mood in the enemy. And any civilian that dies as “collateral damage” is an argument in favor of exploding terrorist bombs among innocent bystanders

————

And so the Geneva Conventions must be expanded to prohibit all kinds of remote warfare, starting with bombing, but in the most exceptional circumstances (such as the targeting of military compounds)

We must protect civilians for our own sake. Because the idea that children and the elderly can be considered legitimate targets or even acceptable collateral damage surely is repugnant to anybody but mass murderers. Because it’s our lives that are becoming more and more cheap and expendable.

We must go back to the old ways of military confrontation between military forces. Anybody touching any person not actually fighting should be considered a war criminal and treated as such

————

Is this feasible? We know we could win wars by slaughtering each and every one in our enemy’s population. That’s what happened for thousands of years, and yet, we have managed to outlaw such a crime against humanity.

Many nations could have access to chemical arms of untold horror and killing potential. Many have used them, in World War I and up to the Second World War. And yet, we have managed to outlaw such a crime against humanity too

Ditto for nuclear weapons

————

The only thing preventing us from seeing bombings and all other kinds of “remote warfare” for the crimes they are, is the same thing that prevented our forebears to understand that wars need have rules too: and so until the Red Cross was founded, wounded enemy soldiers were left to die, and bayonets were badly-shaped for un-necessary harm

————

Think the Unthinkable: Make bombing a war crime